Home > Altro > Mate: i segreti dell'oro verde argentino

Mate: i segreti dell'oro verde argentino

scritto da: Notiziabile | segnala un abuso

 Mate: i segreti dell'oro verde argentino

Dalle Ande all'Atlantico e dalla Puna all'Antartide, tra boschi, foreste o spiagge, c'è sempre un mate che accompagna il momento. Simbolo di ospitalità e incontro, questa bevanda nazionale è un'altra cosa da non perdere se visiti l'Argentina. Visit Argentina ti invita a conoscere le sue origini e i suoi segreti.


Il Mate in Argentina è molto più di un infuso. È un modo per esprimere se stessi. Un rito di incontro e di gioia. È condividere il momento, la voglia di stare insieme e divertirsi. Il mate è un simbolo di generosità e legame, un'usanza che annida nel cuore degli argentini fin dai tempi antichi. Presente in 9 famiglie argentine su 10, il mate fa parte dell'identità nazionale, una tradizione che va ben oltre una semplice bevanda. Le sue origini risalgono ai popoli guaraní che utilizzavano le foglie dell'albero di Yerba Mate come bevanda, oggetto di culto e moneta di scambio con altri popoli. In guaraní, “caá” significa erba ma significa anche pianta e foresta. Per il popolo guaraní, l'albero di yerba mate è un dono degli Dei, una pianta sacra. I guaraní portavano una piccola borsa di pelle con foglie di Yerba Mate che masticavano o mettevano in una zucca e bevevano come infuso, usando i denti come filtro o una canna bucherellata, che oggi conosciamo come bombilla. La parola mate deriva dalla parola quechua "matí", che significa zucca. Furono i Gesuiti a introdurre la coltura nelle riduzioni e a sviluppare un metodo segreto per far germinare i semi di Yerba Mate, il che rese possibile rifornire le riduzioni e commercializzare la yerba in altre regioni. L'Argentina è il principale produttore ed esportatore mondiale di Yerba Mate, coltivata a Misiones e nel nord-est di Corrientes. Oltre ad essere un simbolo di comunione e identità, al mate vengono attribuite proprietà benefiche per la salute, poiché contiene vitamine del gruppo B ed è ricco di antiossidanti.

L’itinerario della Yerba Mate

È un tragitto che unisce la bellezza dei paesaggi con i processi di produzione di Yerba Mate e un'offerta gastronomica varia e prelibata per conoscere le origini di uno dei simboli dell'identità argentina. La Via della Yerba Mate è il principale itinerario gastronomico del Sud America. Attraversa la provincia di Misiones e il nord di Corrientes. Questo itinerario attraversa stabilimenti artigianali, ecologici e industriali per consentire ai viaggiatori di conoscere il processo di produzione, dalle piantagioni, all'essiccazione e alla macinazione fino al confezionamento del prodotto finale. Lungo il tragitto degusteranno diversi tipi di erbe, scoprendone le proprietà e condividendo la "cerimonia del mate". L'Argentina offre inoltre diverse proposte affinché il viaggiatore possa provare l'esperienza di una degustazione di mate e impararne i segreti.

I segreti del buon mate

Il mate si beve in diversi modi: quello classico è amaro e caldo, ma c'è chi lo preferisce dolce, aromatizzato con bucce d'arancia o erbe e nel Litoral si beve freddo. Questa versione è conosciuta come "tereré". Per preparare un mate classico, l'acqua viene riscaldata alla giusta temperatura, né tiepida né bollita. La temperatura consigliata è di 70-80ºC. La Yerba viene posta nel mate fino a coprirne i ¾. Si copre il mate, lo si capovolge e lo si agita con forza. Poi, lo si riporta nella posizione iniziale e si sistema la yerba a circa 45º, lasciando un piccolo foro. Si versa l'acqua in quel forellino e la si lascia riposare per qualche istante. Poi, si inserisce la bombilla nel foro umido e si può “ingrassare” il mate. Consiglio speciale: non spostare la bombilla e “ingrassare” sempre nello stesso punto per preservarne il sapore. Ti invitiamo a scoprire il mate, un rituale argentino con più di cinque secoli di storia.



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

L'approccio "low-code" di WebRatio che aiuta le imprese ad accelerare fino a 10 volte l'innovazione digitale

L'approccio
Una software factory italiana ha implementato un metodo che accelera fino a 10 volte lo sviluppo di applicazioni enterprise, con il quale aziende pubbliche e private possono avere un ritorno sull’investimento in 6/12 mesi. (26-05-2022)Lomazzo (Como) - WebRatio è una delle 150 aziende insediate nel Digital Innovation Hub - ComoNExT, una realtà in cui fioriscono startup tecnologiche e dove si concentra un tasso d’innovazione digitale eccezionale su tematiche come Blockchain, AI, Internet of Things e nanotecnologie e molto altro.WebRatioè una software factory nata nel 2001 come spin off del Politecnico di Mil (continua)

Al WMF la nuova edizione della Digital Job Fair, la fiera sulle professioni digitali che riunirà a Rimini aziende e professionisti in cerca di lavoro

Al WMF la nuova edizione della Digital Job Fair, la fiera sulle professioni digitali che riunirà a Rimini aziende e professionisti in cerca di lavoro
Business Matching, incontri B2B, formazione dedicata ed un servizio gratuito di Job recruiting. La Digital Job Fair del WMF - il più grande festival sull’innovazione digitale, propone attività ed iniziative interamente dedicate alle professioni digitali, offrendo un momento di scambio ed opportunità di networking per tutti gli attori del settore, unendo domanda e offerta di lavoro. (26-05-2022)Al WMF2022, presso la Fiera di Rimini dal 16 al 18 giugno, si terrà una nuova edizione della Digital Job Fair, l’insieme di eventi ed iniziative dedicate al mercato del lavoro e delle professioni digitali, ai suoi professionisti e alle competenze che esso richiede. La Digital Job Fair si pone come centro nevralgico del mercato del lavoro digitale, proponendo s (continua)

Giacobazzi Vini rende omaggio a Gilles Villeneuve- Museo Cantina Giacobazzi Nonantola (Mo)

Giacobazzi Vini rende omaggio a Gilles Villeneuve- Museo Cantina Giacobazzi Nonantola (Mo)
GILLES 40, SULLE ALI DEL VENTO”: Giacobazzi Vini, sponsor dal 1977 al 1982 del pilota canadese, ha il piacere di ospitare presso il museo della Cantina Giacobazzi, in via Provinciale Ovest 55 a Nonantola (Mo), una ricca ed unica al mondo esposizione di auto, cimeli di valore affettivo inestimabile, immagini sulla carriera e la vita del pilota canadese Gilles Villeneuve dal 14 maggio al 31 luglio. (20-05-2022) Sono passati 40 anni, ma il mito di Gilles Villenueve, l’aviatore, non muore mai e il ricordo della sua scomparsa, avvenuta l’8 maggio del 1982, riempie ancora tutti di emozione. Per rendere omaggio al grande pilota, i comuni di Maranello e Nonantola, grazie al contributo della Fondazione di Modena e al sostegno del Comune di Modena, promuovono un grande ciclo di eventi inti (continua)

Nasce Var4Retail: il nuovo centro di competenza nel Fashion & Specialty Retail di Var Group

Nasce Var4Retail: il nuovo centro di competenza nel Fashion & Specialty Retail di Var Group
Per affrontare le nuove sfide poste dall’evoluzione digitale, nel 2021 Var Group è entrato nella compagine societaria di Var4Retail, nuovo centro di competenza dedicato al settore Fashion & Specialty Retail. L’8 aprile 2022 a Treviso, presso la prestigiosa location di Palazzo Giacomelli, è stato presentato il nuovo centro di competenza in occasione dell’evento “Il retail: tradizione e innovazione”. Sono intervenuti i vertici di Var4Retail e Var Group presentando il primo prodotto importante nato dalla collaborazione: la nuova suite Dinamo Retail. Un software gestionale per il retail innovativo dotato di molteplici funzionalità, estremamente versatile e capace di adattarsi perfettamente alle nuove esigenze del mercato. (19-05-2022) L’evento “Tradizione ed Innovazione”Nel corso dell’evento dell’8 aprile, l’attenzione si è concentrata intorno al mercato del retail e alla sua evoluzione in seguito all’affermazione delle nuove modalità del digitale. Per questo il titolo non poteva che essere “Il retail: tradizione e innovazione”, perché, come ha affermato Riccardo Pauletti, presidente di Var4Retail, citando il (continua)

Lazzaro Coco è diventato Mister Milione

Lazzaro Coco è diventato Mister Milione
Coco, (mister milione) come ama farsi chiamare, vedi da capitolo *tetto al reddito del libro autobiografico “Non volevo una vita spericolata”, dichiara che: “Sono diventato ‘Mister Milione’ perché avendo avviato con la Koala Records il mio progetto globale, realizzando così un mio sogno ad occhi aperti, sono certo di poter raggiungere molto presto quella cifra e di poter così concretizzare il desiderio di essere il più povero tra i ricchi ed il più ricco tra i poveri ma soprattutto il più felice tra i ricchi ed i poveri di spirito”. Lazzaro Coco è l’uomo dei record con più di quarant’anni di gavetta, se si parte da ‘Che farai’ 45 giri arrangiato e diretto dal Maestro Paolo Ormi nel 1976, è divenuto l’uomo dei record anche perché è l’unico ad esordire in Italia ed in Europa come cantante e deejay internazionale alla sua età.Quale radio italiana terrà a battesimo il primo singolo di Mister milione "Diavolo" e il progetto più or (continua)