Home > Sport > LA VENOSTA “OPEN” SI FA IN QUATTRO. GERMANIA, FINLANDIA, ITALIA E SVEZIA

LA VENOSTA “OPEN” SI FA IN QUATTRO. GERMANIA, FINLANDIA, ITALIA E SVEZIA

scritto da: Newspower | segnala un abuso

LA VENOSTA “OPEN” SI FA IN QUATTRO. GERMANIA, FINLANDIA, ITALIA E SVEZIA

Colpaccio di Thomas Bing che recupera e vince la 33 km La finlandese Kati Roivas prenota il successo (33 km) fin dal via Il Team Internorm Trentino fa en-plein nella 23 km con Busin ed Eriksson Seconda gara nel weekend a Melago, successo in una splendida giornata di sole


“La fortuna aiuta gli audaci”, ma certamente anche la determinazione. Gerald Burger per questo 2022 aveva programmato la 2.a edizione de La Venosta al Lago di Resia. Un’ambientazione unica per la 100.a tappa di Visma Ski Classics andata in scena ieri, ed anche per la gara di oggi, una ‘open’ valida anche come prova Challenger dello stesso circuito.

Manca la neve? E allora tutti in Vallelunga, dove il manto bianco non manca mai. Ieri l’inedito format di 10 km a cronometro, oggi la ‘open’, con amatori mischiati con gli atleti dei Pro Team impegnati su 23 o 33 km, con solo quest’ultima distanza a dispensare punti per il circuito.

Il sole ha davvero stretto la mano agli organizzatori altoatesini, una giornata sfavillante, con due competizioni (in una) vivaci ed un panoramica a 360° da portarsi a casa e da ricordare fino al 2023, perché La Venosta riproporrà due giornate così anche l’anno prossimo.

Start alle 10 a Melago, al ritmo dei colpi degli schioccatori di frusta, quasi 20 nazioni rappresentate. Nella gara più lunga di 33 km, al primo dei quattro giri complessivi (uno di lancio di 3 km e tre impegnativi di 10 km) i francesi Tarantola, Poirrier e Joly si posizionano in testa al gruppo che tenta di allungare, così come al femminile con la finlandese Roivas che passa al comando al primo intermedio. A circa metà della gara, al 13° km, è sempre un francese al comando, ma questa volta è Combey seguito dai connazionali Joly e Du Pasquier, e poi il tedesco Bing che dopo una timida partenza riesce a guadagnare posizioni. Tra le donne continua la gara in solitaria di Roivas seguita dalla ceca Hujerová e dalla svizzera Donzallaz, le quali transitano poi all’arrivo nell’ordine. Il tedesco Thomas Bing, grazie ad un poderoso allungo nel finale, risale dalla coda del gruppo e chiude in 1h11'50” con la corona d’alloro al collo, subito dietro il norvegese Amund Riege allo sprint col francese Bastien Poirrier. Un bel podio con tre diverse nazioni. Miglior italiano Stefano Mich (11°) del Team Futura Alta Quota Trentino.

Nella 23 km, meno affollata della 33 km, trionfo in solitaria del veneto Lorenzo Busin del Team Internorm Trentino: dopo una partenza abbastanza tranquilla tenta la fuga all’ultimo giro staccando gli avversari al traguardo. Secondo a 3’ l’atleta di casa Florian Cappello del Team Robinson Trentino, terzo il compagno di squadra Matthias Schwingshackl. I ‘diavoli rossi’ del Team Internorm Trentino conquistano la vittoria anche al femminile con la svedese Maja Eriksson sulla russa Varvara Prokhorova e la tedesca Anna Happ. Ai due intertempi transita per prima sempre la svedese Eriksson che chiude la sua prova da vera leader in 1h6’19”, a 2’29 la russa Prokhorova soddisfatta del secondo posto. Sul terzo grandino del podio Happ, che nonostante la doppia fatica per l’altitudine conferma una buona condizione.

Nel pomeriggio, dopo le premiazioni ufficiali, cala il sipario su La Venosta 2022, Gerald Burger stringe la mano, uno ad uno, ai suoi preziosi ed instancabili volontari, ma il sipario non cala sulla Vallelunga e sulla Palla Bianca che domina la valle dove le piste sono un bijou. Mentre si spegne l’ultima luce Burger sottovoce ricorda che ci si vede in estate. Certo, con la Ortler Bike Marathon (4 giugno) in mtb, partenza ed arrivo davanti al campanile sommerso, proprio come per il Giro Lago di Resia (16 luglio) per i runners. Ma per i fondisti ci potrebbe essere, il condizionale è solo di cortesia…, anche un bell’evento di skiroll. Il delegato tecnico FIS Michel Rainer, anche coordinatore dello skiroll per l’Italia, si frega le mani…

Download immagini TV:

www.broadcaster.it

33 km TC – Visma Challenger - Men

1 Bing Thomas GER 1:11:50.1; 2 Riege Amund NOR 1:11:50.9; 3 Poirrier Bastien FRA 1:11:51.3; 4 Royer Jeremy FRA 1:11:55.7; 5 Combey Paul FRA 1:12:00.6; 6 Řezáč Stanislav CZE 1:12:15.2; 7 Du Pasquier Arnaud SUI 1:12:16.6; 8 Joly Thomas FRA 1:13:00.1; 9 Deswazière Théo FRA 1:13:29.8; 10 Pässler Marko GER 1:13:37.3

33 km TC – Visma Challenger - Women

1 Roivas Kati FIN 1:22:45.5; 2 Hujerovà Teresa CZE 1:25:57.0; 3 Donzallaz Nicole SUI 1:32:09.3; 4 Stichling Laura GER 1:33:13.8; 5 Patini Asia ITA 1:36:29.7; 6 Piller Caterina ITA 1:39:31.4; 7 Schöfferle Bianca GER 1:44:21.0; 8 Gentile Marta ITA 1:47:14.0; 9 Perenzoni Elisa ITA 1:55:12.3; 10 Lucovnik Miha SLO 2:06:54.5

23 km TC - Men

1 Busin Lorenzo ITA 00:49:58; 2 Cappello Florian ITA 00:53:32; 3 Schwingshackl Matthias ITA 00:54:28; 4 Giusti Mattia ITA 00:54:36; 5 Franzen Edwin SWE 00:54:43; 6 Joerger Gian SUI 00:55:37; 7 Lentsch Urban M 1994 AUT 00:57:38; 8 Becker Manuel GER 00:58:28; 9 Seebacher Hartwig AUT 00:58:32; 10 Fugger Matthias AUT 00:58:40

23 km TC - Women

1 Eriksson Maja SWE 01:06:19; 2 Prokhorova Varvara RUS 01:08:48; 3 Happ Anna GER 01:17:21; 4 Descovich Valentina ITA 01:45:30; 5 Paul Sandra AUS 01:57:56


Fonte notizia: http://www.newspower.it/Reschenseerennen.htm


newspower | la venosta | reschenseerennen | val venosta | lago di resia | curon | curon venosta | campanile | sport | sci di fondo | sci | inverno | sport invernali | ustjugov | campioni | elite |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Centric Software firma un contratto con il suo primo cliente australiano


Centric Software celebra una doppia vittoria con Lotto Sport e Stonefly


IMAX, azienda produttrice per Max Mara, sceglie Centric Software


Shoes For Crews sceglie Centric PLM


Inferriate di sicurezza: solidità e bellezza di grate per porte e finestre per sentirsi più sicuri.


Native advertising: un nuovo modo di fare webmarketing


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MARCIALONGA CRAFT AL TRAMPOLINO DI LANCIO. IN VAL DI FIEMME E FASSA UN WEEKEND DI SPORT

MARCIALONGA CRAFT AL TRAMPOLINO DI LANCIO. IN VAL DI FIEMME E FASSA UN WEEKEND DI SPORT
Domenica 29 maggio Marcialonga Cycling Craft decolla sui passi dolomitici Ad anticipare l’evento clou il passaggio del Giro d’Italia e la Minicycling L’ex fondista Cristian Zorzi sarà il capitano del “Team Zorro” Al via anche l’ex fondista tedesco argento olimpico Schlickenrieder La Marcialonga Cycling Craft è il secondo diamante del “trilogy” di Marcialonga, incastonato nel bel mezzo della ski-marathon invernale e la gara podistica di settembre. Ormai non si contano più i giorni ma le ore: domenica 29 maggio i ciclisti scalpiteranno ai blocchi di partenza di Predazzo per affrontare in sequenza gli straordinari passi di Pramadiccio, Lavazé, Pampeago, San Pellegrino e Valle (continua)

LA COPPA DEL MONDO BOULDER “IN VERTIKALE”. A BRESSANONE UN INCANDESCENTE WEEKEND DI SFIDE

LA COPPA DEL MONDO BOULDER “IN VERTIKALE”. A BRESSANONE UN INCANDESCENTE WEEKEND DI SFIDE
Coppa del Mondo Boulder dal 9 al 12 giugno a Bressanone Ad oggi 29 nazioni e circa 160 boulderisti presenti Camilla Moroni e Michael Piccolruaz si raccontano prima dell’evento di casa Biglietti disponibili per assistere al grande evento Il bello dell’arrampicata sportiva è la sintonia che si crea tra l’atleta e lo spettatore. Nei pochi minuti di tempo che i climbers hanno a disposizione per “studiare” la parete boulder e raggiungere il “top”, si possono avvertire e percepire da lontano gli enormi sforzi e l’intensa concentrazione necessari per la gloriosa scalata. 1600 persone sono attese alla palestra Vertikale di Bressanone, do (continua)

LA MTB SULL’ALPE CIMBRA “SCALDA I PEDALI”. 100 KM E NOSELLARI: IL CHALLENGE PERFETTO

LA MTB SULL’ALPE CIMBRA “SCALDA I PEDALI”. 100 KM E NOSELLARI: IL CHALLENGE PERFETTO
11-12 giugno weekend di fuoco per gli intrepidi bikers sull’Alpe Cimbra Nosellari Bike, 100 Km del Forti Marathon e Classic e 1000Grobbe Bike Challenge Al via Righettini, Dal Grande, Zampedri, Peretti e tanti altri Lavarone città di tappa del Giro d’Italia il 25 maggio L’11 e il 12 giugno sull’Alpe Cimbra si disputerà l’avvincente “100 Km dei Forti – 1000Grobbe Bike Challenge”, due giornate in mountain bike proposte dall’esperto Sci Club Millegrobbe che ha già definito e tracciato i percorsi. Il comitato organizzatore sta lavorando a pieno ritmo e a meno di un mese dalla gara sta completando gli ultimi dettagli per realizzare un evento con i fiocchi, che possa s (continua)

NUOVA SFIDA PER LA MARCIALONGA CYCLING CRAFT. IL REFERENDUM COSTRINGE A CAMBIARE PERCORSO

NUOVA SFIDA PER LA MARCIALONGA CYCLING CRAFT. IL REFERENDUM COSTRINGE A CAMBIARE PERCORSO
Causa referendum provinciale la Marcialonga Cycling Craft modifica i percorsi Partenza da Predazzo con direzione verso la bassa Val di Fiemme Il 29 maggio mediofondo di 55 km e 1681m/dsl, granfondo di 110 km e 3275m/dsl Novità il Passo di Pramadiccio (1443m) e il Passo Lavazé (1808m) La Marcialonga Cycling Craft tra le Valli di Fiemme e Fassa si fa, il 29 maggio è la data da segnare in rosso sul calendario. Grande lavoro per il comitato organizzatore per la sfida dell’ultimo minuto: a causa del referendum provinciale che si terrà lo stesso giorno in Alto Adige, la parte iniziale dei percorsi sarà modificata in modo da evitare il disagio nei centri abitati altoatesini, una vari (continua)

A BRESSANONE BANDIERE “MULTICOLOR”. IL BOULDERING PROMETTE MERAVIGLIE

A BRESSANONE BANDIERE “MULTICOLOR”. IL BOULDERING PROMETTE MERAVIGLIE
Già 20 nazioni alla World Cup Boulder di Bressanone dal 10 al 12 giugno Presenti l’oro e l’argento olimpico Alberto Ginés López e Nathaniel Coleman L’Italia può contare sulla genovese Camilla Moroni, il gardenese Michael Piccolruaz e non solo AVS e FASI propongono un weekend da favola per gli appassionati del climbing “Preparare i boulder è come scrivere un libro, di fronte a te hai solo una pagina bianca e aspetti l’ispirazione. Mi piace sorprendere l’atleta e compiacere il pubblico, si tratta infatti di un vero show!” Negli occhi di Jacky Godoffe, il celebre tracciatore francese e responsabile del centro boulder Fontainebleau, si intuisce tutta la sua passione e l’amore per l’arrampicata. “The show must go on (continua)