Home > Cultura > PONTREMOLI E IL DOMINIO DEGLI SFORZA (1441-1500)

PONTREMOLI E IL DOMINIO DEGLI SFORZA (1441-1500)

scritto da: In arce | segnala un abuso

PONTREMOLI E IL DOMINIO DEGLI SFORZA (1441-1500)

Società, politica, personaggi, economia, curiosità, cultura e ambiente fra Toscana, Liguria e Emilia nel XV secolo. Mostra a cura di Davide.


Pontremoli e il dominio degli Sforza (1441-1500)
 
La mostra dal titolo Pontremoli e il dominio degli Sforza (1441-1500) si svolge dal 26 novembre 2021 al 27 marzo 2022.
L’esposizione è un evento online dedicato alla dominazione del casato sforzesco sul Pontremolese fra gli ’40 e ’90 del XV secolo.
L’iniziativa descrive questo sessantennio della storia di Pontremoli seguendo le vicende dei signori Sforza che si succedettero nel governo dell’alta Val di Magra quattrocentesca: Francesco Sforza Visconti con Bianca Maria Visconti, Galeazzo Maria Sforza, Gian Galeazzo Maria Sforza e Ludovico il Moro.
La mostra non si limita a fornire la cronistoria degli avvenimenti che interessarono l’alta Lunigiana fra il quinto e il decimo decennio del XV secolo.
Oltre alla politica e alle guerre, Pontremoli e il dominio degli Sforza (1441-1500) si occupa di economia, società, cultura, ambiente e curiosità, focalizzando l’attenzione sull’alta valle della Magra e sui territori limitrofi: media e bassa Lunigiana, Golfo dei Poeti, Riviera di Levante, valli del Vara, del Taro, della Baganza e della Parma.
L’interesse della tematica si estende a un’area ancor più ampia, racchiusa fra le attuali regioni Toscana, Liguria, Emilia Romagna e Lombardia, comprendente gli odierni territori di Massa e Carrara, La Spezia, Genova, Piacenza, Pavia, Lodi, Cremona, Parma, Reggio Emilia e Lucca.
Sono più di 230 le località citate nella mostra. Fra queste: Albareto, Ameglia, Aulla, Bagnone, Bardi, Berceto, Bobbio, Bolano, Borgo Val di Taro, Brescello, Brugnato, Calestano, Calice al Cornoviglio, Carrara, Caselle Landi, Casola in Lunigiana, Castell’Arquato, Castelleone, Castiglione d’Adda, Chiavari, Colorno, Compiano, Corniglio, Cremona, Fidenza, Filattiera, Fiorenzuola d’Arda, Fivizzano, Fornovo di Taro, Forte dei Marmi, Fosdinovo, Guardamiglio, La Spezia, Lerici, Levanto, Licciana Nardi, Lucca, Luni, Massa, Medesano, Mulazzo, Noceto, Parma, Piacenza, Pietrasanta, Podenzana, Porto Venere, Rocchetta di Vara, Sarzana, Sesta Godano, Sesto Cremonese, Solignano, Terenzo, Traversetolo, Tresana, Valmozzola, Varano de’ Melegari, Varese Ligure, Vezzano Ligure, Villafranca in Lunigiana e Zeri, oltre a Pontremoli.
Questi luoghi sono riferiti alle giurisdizioni di diversi stati dell’Italia quattrocentesca: il Ducato di Ferrara, Modena e Reggio, la Repubblica Fiorentina, quella di Genova, i feudi e le signorie Fieschi, Fregoso, Landi, Malaspina, Pallavicino e Rossi, la Repubblica di Lucca e il Ducato di Milano.
Più di 270 sono invece i personaggi menzionati nei testi dell’esposizione. Fra questi: Prospero Adorno, Alessandro VI (Rodrigo Borgia), Alfonso V d’Aragona, Isabella d’Aragona, Carlo V d’Asburgo, Federico III d’Asburgo, Massimiliano I d’Asburgo, Cesare Borgia, Andrea Doria, Beatrice d’Este, Borso d’Este, Ercole I d’Este, Leonello d’Este, Eugenio IV (Gabriele Condulmer), Pier Luigi Farnese, Gian Luigi Fieschi, Ibleto Fieschi, Giano Fregoso, Ludovico Fregoso, Pietro Fregoso, Manfredo II Landi, Sigismondo di Lussemburgo, Agnese Del Maino, Gabriele II Malaspina, Martino V (Oddone Colonna), Cosimo de’ Medici, Lorenzo il Magnifico, Ferdinando I di Napoli, Niccolò V (Tomaso Parentucelli), Caterina Ordelaffi, Rolando II Pallavicino, Paolo II (Pietro Barbo), Francesco Piccinino, Jacopo Piccinino, Niccolò Piccinino, Pier Maria II Rossi, Bona di Savoia, Ludovico di Savoia, Alessandro Sforza, Ascanio Maria Sforza, Caterina Sforza, Drusiana Sforza, Sisto IV (Francesco Della Rovere), Nicodemo Tranchedini, Filippo Maria Visconti.
Pontremoli e il dominio degli Sforza (1441-1500) è il appuntamento della serie di mostre virtuali «Percorsi nel tempo».
L’esposizione è organizzata in 57 schede, ognuna dedicata a uno degli 11 temi ricorrenti in cui cui si articola l’evento: Geografia, Vicende politiche, Pontremoli, Conflitti, Stati e signorie, Documenti, Castelli, Biografie, Economia, Attorno a Pontremoli e Curiosità.
La mostra è accessibile sul Web tramite il portale www.inarce.com.
Pontremoli e il dominio degli Sforza (1441-1500) è curata da Davide.
Per la preparazione dei contenuti l’autore ha impiegato gli esiti delle ricerche che conduce sulla storia medievale, rinascimentale e moderna nel Centro-Nord Italia. In particolare, ha consultato documenti di fondi d’archivio conservati a Cremona, Firenze, Genova, Lucca, Massa, Milano, Parma, Piacenza, Pontremoli e Venezia.
 
La mostra online Pontremoli e il dominio degli Sforza (1441-1500) si svolge dal 26 novembre 2021 al 27 marzo 2022. La curatela dell’iniziativa è affidata a Davide e la comunicazione a «In arce». La paternità creativa dell’esposizione spetta a Davide, che detiene ogni diritto sulla manifestazione e sui suoi contenuti. Per informazioni: Facebook wwwinarcecom; email e v e n t i @ i n a r c e . c o m; telefono 3 4 9  2 2 0 3 6 9 3.

Fonte notizia: https://www.tansini.it/it/pontremoli-e-il-dominio-degli-sforza-1441-1500.html


Toscana | Emilia-Romagna | Liguria | Massa e Carrara | La Spezia | Parma | Lunigiana | Pontremoli | storia | Medioevo | Rinascimento | Ducato di Milano | Repubblica di Genova | politica | cultura | economia | Fieschi | Malaspina | Medici | Sforza | Visconti | Davide Tansini | Davide | Tansini |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Pontremoli e il dominio degli Sforza (1441-1500) (scheda)


Le principali esperienze del manager Claudio Sforza


Claudio Sforza, manager italianoesperto in ambito gestionale, economico e finanziario


FRANCESCO SFORZA: L’IMPRESA DEL POTERE


Claudio Sforza Consulente strategico per Gamenet, Gaming Company attiva dal 2006


Francesco Sforza: l’impresa del potere (scheda)


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

INTRECCI

INTRECCI
Le opere di Erminio Tansini in mostra fra le mura della Fortezza Firmafede di Sarzana dal 10 al 26 giugno. Esposizione a cura di Davide. Intrecci   La mostra d’arte Intrecci si svolgerà nella Fortezza Firmafede di Sarzana da venerdì 10 a domenica 26 giugno 2022. L’esposizione focalizzerà l’attenzione sull’opera di Erminio Tansini nei campi della pittura, della scultura e della fotografia. L’evento presenterà alcune decine di lavori (dipinti a olio su tela o su tavola, scatti fotografici, sculture in bronzo o in legno) che (continua)

BRIGANTI, PIRATI E FRONTIERE

BRIGANTI, PIRATI E FRONTIERE
Uno spettacolo di narrazione storica ideato e condotto da Davide ha portato in scena dal 2017 al 2019 le vicende di predoni, contrabbandieri, spie e avventurieri che si aggiravano fra Valpadana, Appennino e Mar Ligure durante il basso Medioevo, il Rinascimento e l’Età Moderna. Briganti, pirati e frontiere Dal 2017 al 2019 si sono svolte in Emilia-Romagna, in Lombardia e in Liguria le tappe della narrazione storica intitolata Briganti, pirati e frontiere.La trama dello spettacolo è dedicata al territorio che va dal Mar Ligure alla Valpadana centrale passando per l’Appennino settentrionale: la sua storia e quella delle sue intricate e plurisecolari frontiere.Le aree (continua)

FORME SFUGGENTI #94 – ROCCA DI GUSALIGGIO

FORME SFUGGENTI #94 – ROCCA DI GUSALIGGIO
Ha fatto tappa nell’Appennino emiliano la serie di shooting fotografici «Forme sfuggenti», dedicata alle sculture di Erminio Tansini e diretta da Davide. Forme sfuggenti #94Rocca di Gusaliggio Alla metà dell’aprile 2022 la Valmozzola, nell’Appennino Ligure, ha accolto il 94º evento della rassegna itinerante «Forme sfuggenti», intitolato Rocca di Gusaliggio.La serie è dedicata alle sculture in legno che Erminio Tansini realizza con ceppi, rami, radici e tronchi recuperati dalle spiagge marine e dai greti dei torrenti montani.«Forme sfuggenti» a (continua)

CASTELLI DELLA VALTARO MEDIEVALE E RINASCIMENTALE

CASTELLI DELLA VALTARO MEDIEVALE E RINASCIMENTALE
Due conferenze hanno raccontato l’architettura fortificata del Medioevo e del Rinascimento nelle valli del Taro e del Ceno. A cura di Davide. Castelli della Valtaro medievale e rinascimentale La coppia di conferenze Castelli della Valtaro medievale e rinascimentale ha preso in esame le architetture fortificate poste nelle valli parmensi del Taro e del Ceno.Gli incontri si sono svolti nel 2012 e nel 2014 rispettivamente a Borgo Val di Taro e a Berceto. I due eventi sono stati condotti da Davide.Gli appuntamenti di Castelli della Val (continua)

FORME SFUGGENTI #93 – CASTELLO DI PADENGHE

FORME SFUGGENTI #93 – CASTELLO DI PADENGHE
L’antico castello di Padenghe sul Garda è stato lo scenario del 93º set fotografico della serie «Forme sfuggenti», diretta da Davide e dedicata alle sculture di Erminio Tansini. Forme sfuggenti #93Castello di Padenghe Nella seconda metà del marzo 2022 Padenghe sul Garda ha ospitato il 93º appuntamento della serie itinerante «Forme sfuggenti», dal titolo Castello di Padenghe.La rassegna è dedicata all’opera artistica di Erminio Tansini: in particolare, alle sculture in legno che l’autore realizza con ceppi, radici, rami e tronchi rinvenuti sui greti dei torrenti e sul (continua)