Home > Economia e Finanza > Claudio Descalzi (Eni): “Transizione fenomeno complesso, pensare solo al futuro non è abbastanza”

Claudio Descalzi (Eni): “Transizione fenomeno complesso, pensare solo al futuro non è abbastanza”

scritto da: Pressreleasecd | segnala un abuso


Sognare un futuro sempre più sostenibile e pulito non basta. Crederci è il passo successivo, ma è il fare che cambia realmente le cose. A dirlo è Claudio Descalzi, AD di Eni, ospite della settima edizione dei Mediterranean Dialogues promossi dalla Farnesina.

Claudio descalzi

Claudio Descalzi: "Decarbonizzazione? Non basta solo sognare o credere, ma agire"

Nati nel 2015 da un'iniziativa congiunta tra Ministero Italiano degli Esteri e l'Istituto per gli studi di politica internazionale, i Mediterranean Dialogues rappresentano un'occasione unica per leader politici, imprenditori, accademici ed esponenti di Ong di discutere dei temi che riguardano l'area del Mediterraneo. Al centro dell'ultima edizione, tenutasi a Roma, argomenti quali i conflitti nello Yemen, la gestione dei migranti e l'ambiente. L'ultima giornata dell'evento è stata dedicata all'energia e in particolare alle sfide della transizione. Tra i protagonisti Claudio Descalzi, Amministratore Delegato di Eni, che si è soffermato sul processo di decarbonizzazione dei Paesi coinvolti. Il cambio di paradigma energetico è un fenomeno altamente complesso, ha spiegato il manager sul palco. "Bisogna essere sì 'believers', ma non solo dei 'dreamers' - ha dichiarato Claudio Descalzi - Bisogna credere nelle cose, ma non basta sognarle. Vuol dire che fra chi crede e chi sogna c'è anche la parte pratica: le cose devono essere fatte, non si può solo parlarne. E questo vale anche per il processo di decarbonizzazione".

Claudio Descalzi: "Continente africano produce solo 3% della CO2, Paesi ricchi devono confrontarsi"

Tra gli argomenti discussi durante l'evento organizzato da Farnesina e Ispi anche il ruolo dei Paesi africani nella decarbonizzazione dell'area mediterranea. "Sono state avanzate ipotesi riguardanti la possibilità e la necessità di cambiare l'energy mix. Si chiede all'Africa di decarbonizzarsi, ma i Paesi africani producono solo il 3% delle emissioni di CO2 a livello mondiale - ha commentato Claudio Descalzi, che ha aggiunto - Sono i Paesi più ricchi, che ne producono molte di più, a doversi interrogare". Ma ancora più importante, conclude il manager, è pensare al futuro senza però vivere nel futuro. Bisogna dunque convivere e trattare anche con il passato: "Si parla di duecento anni di sistemi energetici. Ecco cosa vuol dire non essere 'sognatori': se voglio parlare del futuro, sono numerosi i temi legati alla sicurezza, alla società e a fatti pratici del quotidiano che devono per forza essere considerati". L'aumento dei prezzi di gas e petrolio, causato dalla domanda ancora alta ma da pochi investimenti, è un esempio degli effetti della transizione. "È un problema che deve essere osservato e affrontato in maniera ampia - è il monito di Claudio Descalzi - e non solo dal settore privato ma anche dalle istituzioni e da tutti gli stakeholder coinvolti, in primis comunità e cittadini. Questo processo storico di cambiamento - conclude - ha bisogno della giusta informazione, di approfondimenti. Va bene semplificare, ma i temi sul tavolo sono troppo importanti per parlarne in maniera superficiale o tramite slogan. Il rischio è prendere delle strade che non sono quelle corrette".


Fonte notizia: https://www.ansa.it/sito/videogallery/economia/2021/12/04/med-2021-claudio-descalzi-su-decarbonizzazione-bisogna-essere-believers-non-solo-dreamers_26f21d7f-a425-4bb8-a664-68abb9120099.html


Claudio Descalzi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il futuro di Eni: il focus dell’AD Claudio Descalzi su piano 2020-2023 e Road Map al 2050


Claudio Descalzi dà inizio al suo terzo mandato alla guida di Eni


Eni, aggiudicato il 20% della Wind Farm più grande al mondo: il commento di Claudio Descalzi


Accelerare sulla decarbonizzazione: l’AD di Eni Claudio Descalzi a “Med Virtual Dialogue”


Eni: assemblea degli azionisti, l’AD Claudio Descalzi: “2018, record della produzione”


Claudio Descalzi al “Corriere della Sera”: il risveglio dell’economia, i primi segnali ci sono


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Claudio Descalzi premiato dall’Atlantic Council: focus sul riconoscimento

L'Amministratore Delegato Claudio Descalzi riceve il prestigioso Distinguished Business Leadership Award dell'Atlantic Council: "Voglio condividerlo con tutte le persone di Eni".Claudio Descalzi: il ruolo straordinario assunto nel settore energeticoL'Atlantic Council premia Claudio Descalzi: l'AD di Eni è il primo italiano ad essere insignito del prestigioso riconoscimento nell'ambito della catego (continua)

Claudio Descalzi: Eni in grado di rispondere alle sfide della contemporaneità, il Piano 2022-2025

Claudio Descalzi lancia il Piano Strategico 2022-2025: le nuove sfide e la risposta immediata di Eni alla crisi attuale innescata dalla guerra in Ucraina.Claudio Descalzi: garantire la sicurezza energetica senza abbandonare la transizione, Eni raccoglie la sfidaL'AD Claudio Descalzi lo ha spiegato chiaramente lo scorso 18 marzo presentando alla comunità finanziaria il nuovo Piano Strategico 2022-2 (continua)

Claudio Descalzi: nel Piano 2022-2025 l’impegno di Eni per vincere le sfide della contemporaneità

Eni presenta alla comunità finanziaria il nuovo Piano Strategico 2022-2025, l'AD Claudio Descalzi: "Il nostro impegno nello sviluppo di nuovi prodotti e servizi decarbonizzati che ci consentono di garantire la sicurezza energetica e la riduzione delle emissioni".Eni Capital Markets Day: l'intervento dell'AD Claudio DescalziPresentato alla comunità finanziaria lo scorso 18 marzo dall'AD Claudio Des (continua)

Claudio Descalzi: Eni ed ENEA, impegno congiunto per tracciare il futuro dell’energia

È possibile trasformare un'idea vincente in una start-up di successo? Quali i trend del futuro? Alessandro Benetton lo ha chiesto a Silvia Wang, Co-Founder di ProntoPro.Alessandro Benetton: start-up, i settori più promettenti secondo Silvia WangSempre più giovani oggi scelgono di fondare o lavorare per una start-up. Il fenomeno è destinato a consolidarsi ma, nonostante in dieci anni si sia assisti (continua)

Transizione tra passato e futuro: intervista all’AD di Eni Claudio Descalzi

Sì al processo di transizione ma attenzione ai costi economici e sociali. È il monito dell'AD di Eni Claudio Descalzi in un'intervista rilasciata a "Il Foglio".Claudio Descalzi: su transizione impulsi e passioni ma poco realismoUn futuro più sostenibile e pulito è possibile, ma per raggiungerlo occorre passare ai fatti. E la realtà, al di là degli slogan, ci dice che per realizzare una transizione (continua)