Home > Ambiente e salute > Il servizio ABA dell’Istituto di Agazzi entra nelle scuole

Il servizio ABA dell’Istituto di Agazzi entra nelle scuole

scritto da: Marcocavini | segnala un abuso

Il servizio ABA dell’Istituto di Agazzi entra nelle scuole


Un supporto alle scuole per la crescita e per l’apprendimento dei bambini con disturbo dello spettro autistico e con disabilità intellettive. Il progetto è condotto dal personale di “Futurabile”, il centro specializzato sull’età evolutiva dell’Istituto di Agazzi, che porrà le proprie competenze a disposizione degli insegnanti di istituti di diverso grado per una formazione e un affiancamento volti a favorire lo sviluppo di abilità comunicative, linguistiche, relazionali e scolastiche di alunni con diversi problemi e diverse difficoltà. La possibilità di operare nelle scuole rappresenta un’evoluzione del servizio ABA - Applied Behavioral Analysis che, attivato nel 2016 su richiesta di un gruppo di famiglie, si rivolge a minori tra zero e quattordici anni con autismo o con disabilità per applicare le tecniche scientifiche dell’Analisi del Comportamento con l’obiettivo di ridurne le disfunzioni comportamentali e per aumentarne le competenze nei vari ambiti della vita quotidiana.

Questo servizio, coordinato dalla dottoressa Roberta Ghignoni e con sede in via de Cappuccini, vivrà ora un importante passo in avanti con la possibilità di entrare nelle scuole per un intervento realmente completo e capace di coinvolgere ogni figura interessata alla crescita del piccolo paziente. Psicologi ed educatori dell’Istituto di Agazzi potranno dunque supportare il lavoro di insegnanti e di insegnanti di sostegno attraverso interventi nelle ore di lezione per osservare i comportamenti dei bambini, per consigliare soluzioni e programmi per favorire l’apprendimento, e per garantire una formazione sulle complesse tematiche collegate a autismo e disabilità. Questi incontri rappresenteranno anche un’occasione per condividere le finalità del metodo ABA che fa perno sulle strategie di rinforzo positivo per stimolare comportamenti corretti e costruttivi, attraverso principi scientifici che lo stesso Istituto Superiore di Sanità ha indicato come modelli di intervento efficaci e consigliati anche per sviluppare e consolidare nuovi apprendimenti. «L’Istituto di Agazzi - spiega la dottoressa Ghignoni, - è l’unico centro specializzato ABA della città di Arezzo e, nel corso degli anni, ha applicato e sviluppato tecniche scientifiche per migliorare le abilità di bambini con autismo o disabilità intellettive in diversi ambiti comunicativi, linguistici, viso-percettivi, motori, mnemonici e scolastici, andando a ridurre le disfunzioni comportamentali e rafforzando comportamenti positivi. Questo percorso è svolto attraverso una rete che, oltre a professionisti sanitari e famiglie, coinvolgerà da ora anche i docenti con interventi nelle scuole che sono stati resi possibili per fornire un ulteriore supporto agli alunni con difficoltà che sono state acuite dall’emergenza sanitaria. Tutto questo permetterà di condividere il percorso vissuto da ogni bambino per elaborare strategie e programmi utili per raggiungere gli obiettivi individuati per i singoli percorsi di crescita, di formazione e di sviluppo».



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L’Istituto di Agazzi ha attivato il centro Hospice della Asl Toscana Sud-Est


“Una casa per noi”, un nuovo progetto di residenzialità per l’Istituto di Agazzi


Nuove assunzioni e centoventi aperture nel mondo per l’aretina Aba


“Una casa per noi”, al via il percorso di vita autonoma per adulti con disabilità


Fratel Luciano Tomasi dell’Istituto di Agazzi è tornato alla casa del Padre


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Un centro per la malattia di Charcot-Marie-Tooth all’Istituto di Agazzi

Un centro per la malattia di Charcot-Marie-Tooth all’Istituto di Agazzi
Un punto di riferimento in terra d’Arezzo per la malattia di Charcot-Marie-Tooth. L’Istituto “Madre della Divina Provvidenza” dei Padri Passionisti di Agazzi ha rinnovato il proprio impegno nel trattamento di una sindrome neurologica a trasmissibilità ereditaria che, pur rientrando tra le patologie rare, è particolarmente diffusa perché interessa una persona su duemilacinquecento. La malatti (continua)

“Le stelle del ring” approda allo stadio Città di Arezzo

“Le stelle del ring” approda allo stadio Città di Arezzo
Un galà dedicato agli sport di combattimento allo stadio Città di Arezzo. L’appuntamento è in calendario sabato 25 giugno quando i riflettori della kickboxing tricolore saranno orientati sulla ventiduesima edizione de “Le stelle del ring” che, promossa dal Team Jakini con il sostegno del Comune di Arezzo, porterà in città oltre trecento atleti da tutta la penisola. L’evento si svilupperà attr (continua)

Tre settimane dedicate al benessere delle ossa alla farmacia “Ceciliano”

Tre settimane dedicate al benessere delle ossa alla farmacia “Ceciliano”
Tre settimane dedicate al benessere delle ossa. Da lunedì 23 maggio a sabato 11 giugno, i servizi proposti dalla Farmacia Comunale n.8 “Ceciliano” saranno eccezionalmente arricchiti dalla possibilità di sottoporsi alla Densitometria Ossea Computerizzata che permetterà di valutare la resistenza ossea e, soprattutto, di prevenire la comparsa di osteoporosi. Questo esame viene infatti effettuato (continua)

“Vivere e morire in trincea” doppia presentazione del libro di Marcello Caremani

“Vivere e morire in trincea” doppia presentazione del libro di Marcello Caremani
Malattie, medicina e pandemia durante la Prima Guerra Mondiale. Questi temi saranno trattati dal dottor Marcello Caremani in occasione di una duplice presentazione del suo ultimo libro “Vivere e morire in trincea” in programma sabato 21 maggio a Bibbiena e domenica 22 maggio a Monte San Savino, quando verranno proposti due dibattiti a partecipazione libera e gratuita dove la storicità del con (continua)

La Ginnastica Petrarca centra il terzo posto al Trofeo Coni

La Ginnastica Petrarca centra il terzo posto al Trofeo Coni
Tre squadre della Ginnastica Petrarca in pedana al Trofeo Coni di ginnastica ritmica. La manifestazione regionale si è svolta a Viareggio e ha permesso alle giovani atlete del settore giovanile petrarchino di maturare esperienza e di mettersi alla prova con coetanee di tutta la Toscana, registrando tante buone prestazioni che sono valse il terzo posto nella classifica generale. Questo piazzam (continua)