Home > Ambiente e salute > Legge sulla parità salariale: punto di partenza di Women for Oncology Italy per superare il Gender Gap

Legge sulla parità salariale: punto di partenza di Women for Oncology Italy per superare il Gender Gap

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

Rossana Berardi, Presidente di Women for Oncology Italy: “Un gap nel mondo del lavoro che pesa particolarmente nel nostro Paese. Per metterci alla pari, è necessario compiere passi da gigante”. Ecco i prossimi step per colmarlo, a partire dalla Survey appena lanciata per la quale tutti possono dare il proprio contributo.


Rossana Berardi, Presidente di Women for Oncology Italy: “Un gap nel mondo del lavoro che pesa particolarmente nel nostro Paese. Per metterci alla pari, è necessario compiere passi da gigante”. Ecco i prossimi step per colmarlo, a partire dalla Survey appena lanciata per la quale tutti possono dare il proprio contributo. 

 

21 gennaio 2022 - Il 3 dicembre 2021 è entrata in vigore la nuova legge sulla parità salariale. Un grande traguardo che le lavoratrici aspettavano da tempo, in favore del quale Women for Oncology Italy - network a sostegno delle professioniste dell’oncologia italiana istituito 5 anni fa come spin-off della Società Europea di Oncologia Medica (ESMO) - si è sempre battuta, per garantire un mondo del lavoro più equo e senza distinzioni di genere tra uomini e donne. 

“In Italia c’è ancora molto da fare sulla questione ‘Gender Gap’: è dunque necessario compiere passi da gigante per non rimanere indietro e garantire un accesso equo alla crescita professionale e senza differenze salariali”, ha commentato Rossana Berardi, Presidente di Women for Oncology Italy, nel corso del webinar “Parliamo di Gender Gap - La nuova legge sulla parità salariale”, realizzato da Women for Oncology Italy e Mondosanità. Come se non bastasse la pandemia da Covid ha poi penalizzato fortemente il mercato del lavoro femminile, per questo è importante agire subito per cambiare la situazione, mettendo in atto situazioni concrete che invertano la marcia - in caso contrario, se continueremo di questo passo, per chiudere il gap saranno necessari 135,6 anni, denuncia il Global Gender Gap report del World Economic Forum“La sotto rappresentanza delle donne nei ruoli dirigenziali è una problematica trasversale e comune che non riguarda solo l’oncologia e il mondo della medicina, ma anche il mondo accademico e quello imprenditoriale”, precisa Rossana Berardi. “Da qui la nostra mission che è quella di fornire, attraverso dei percorsi mirati anche di coaching, gli strumenti utili per affrontare e superare le questioni professionali legate al Gender Gap e, in prospettiva, formare una futura classe dirigente femminile sempre più preparata e numerosa”.

“Il Gender Gap nel nostro Paese può arrivare fino al 40%, soprattutto tra le professioniste. Paradossalmente più le donne studiano e si laureano prima degli uomini, più fanno fatica non solo a rimanere nel mercato del lavoro, ma a fare anche carriera e quindi vedere riconosciuta la loro qualità e la loro professionalità, sottolinea Chiara Gribaudo, Parlamentare, Relatrice della Legge Nazionale sulla Parità Salariale. Questo è inaccettabile, da qui la legge sulla parità salariale, che ci consente di avere una maggior base solida per riuscire ad abbattere in maniera precisa e puntuale le disparità, non solo di carattere economico. La stessa, infatti, introduce per le aziende una serie di novità come un report biennale - obbligatorio per quelle sopra i 50 dipendenti, facoltativo per le altre - per attestare le misure concrete adottate dai datori di lavoro per ridurre i divari su opportunità di crescita, parità salariale a parità di mansioni, gestione delle differenze di genere e tutela della maternità. Tale certificazione di parità sarà consultabile in maniera del tutto trasparente dai lavoratori, dai sindacati, dagli ispettori del lavoro e dalle consigliere di parità e le imprese che la avranno, otterranno uno sconto dell’1% (fino a 50mila euro all’anno) sui contributi da versare”

Un primo importante passo, che è insieme la spinta per altre significative iniziative di questo genere. Al fine infatti di rendere il lavoro più amico e di garantire un equo accesso alla crescita professionale, i primi di gennaio Women for Oncology Italy e Mondosanità hanno lanciato una Survey sul Gender Gap. Con preghiera di divulgazione, visto l’importanza dell’argomento, è possibile dare il proprio contributo, compilando il sondaggio al seguente link: https://it.surveymonkey.com/r/

JKKNB9F.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Women for Oncology Italy: Le donne dell’oncologia italiana ogni giorno si impegnano contro il gender gap


Le sfide del Gender Gap. Abbattere i muri anche nel mondo della Sanità e della Scienza - 19 maggio 2021, Ore 18:30


Parità salariale: Carlotta Ventura ospite dell’evento “Addio gender pay gap”


Gender Gap: l’appello di Women for Oncology Italy al Presidente Draghi


Women for Oncology Italy: finalmente la legge sulla parità retributiva è realtà Da anni, l’Associazione guidata dalla Presidente Rossana Berardi si batte contro le discriminazioni di genere


SCIENZA, CONOSCENZA E CUORE. PROFESSIONISTE IN RETE


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Conferenza stampa - Issiamo le vele! Vento in poppa per la ricerca #thinkrare - Livorno, 21 giugno 2022, Ore 9:30

martedì 21 giugno, dalle ore 9:30 alle 11, si terrà a Livorno la conferenza stampa sul progetto “Issiamo le vele! Vento in poppa per la Ricerca #thinkrare”.  martedì 21 giugno, dalle ore 9:30 alle 11, si terrà a Livorno la conferenza stampa sul progetto “Issiamo le vele! Vento in poppa per la Ricerca #thinkrare”. Il progetto è organizzato dalla Direzione Generale della Tutela della Salute e il Centro di Coordinamento Malattie Rare della Regione Campania, in accordo con i Coordinamenti Malattie Rare (continua)

Sempre più donne oncologhe che ricoprono un ruolo apicale

La bella storia di Federica Grosso, referente della regione Piemonte di Women for Oncology Italy, appassionata da sempre del suo lavoro. 15 giugno 2022 – Nell’ottica della lotta al gender gap, è sempre una soddisfazione quando una professionista meritevole raggiunge ruoli apicali anche se, intendiamoci, in una società ideale questo non dovrebbe fare notizia. Oggi però vi raccontiamo la storia di Federica Grosso, responsabile della SSD sarcoma, mesotelioma, melanoma nell’Ospedale di Alessandria - Azienda ospedaliera Santi Anton (continua)

Invito stampa - Il ruolo sociale del farmaco equivalente. Call to action - 16 giugno 2022, Ore 10:30

giovedì 16 giugno, dalle ore 10:30 alle 13, si terrà a Novara, presso l'ASL Novara-Aula Formazione, Viale Roma, 7, l'evento dal titolo ‘Il ruolo sociale del farmaco equivalente. giovedì 16 giugno, dalle ore 10:30 alle 13, si terrà a Novara, presso l'ASL Novara-Aula Formazione, Viale Roma, 7, l'evento dal titolo ‘Il ruolo sociale del farmaco equivalente. Call to action’, organizzato da Motore Sanità.L'ingresso dei farmaci equivalenti nel mercato farmaceutico mondiale è un fenomeno di notevole interesse in termini economico- (continua)

La BPCO è diagnosticata tardi quando i danni sono molto evidenti: serve migliorare la sotto-diagnosi e il sotto-trattamento

Il ricorso alla spirometria non è ottimale: la Bpco è correttamente diagnosticata solo nel 40% dei casi, secondo dati internazionali che riguardano tutta Europa Osservatorio sul consumo dei farmaci: l’aderenza alla terapia inalatoria è sempre inferiore al 50% determinando aumento delle riacutizzazioni e delle ospedalizzazioni. Roma, 14 giugno 2022 – In Italia i dati Istat stimano una prevalenza della Broncopneumopatia cronico-ostruttiva (BPCO) del 5,6% e indicano una mortalità che pesa per il 55% nel totale delle malattie respiratorie. La prevalenza è verosimilmente più elevata in quanto la BPCO viene spesso diagnosticata casualmente ed in fase di ricovero per riacutizzazione. L’aderenza alla terapia resta ass (continua)

Malattie rare: il progetto “Issiamo le vele” arriva in Senato, nel cuore delle istituzioni

Si parla di malattie rare con il linguaggio "universale" del mare grazie all’iniziativa condivisa da Regione Campania insieme alle Regioni Lazio, Toscana e Liguria, Università Vanvitelli e Lega Navale. Roma, 14 giugno 2022 – Su iniziativa della Senatrice Annamaria Parente, Presidente della 12^ Commissione Igiene e Sanità Senato della Repubblica, e con la partecipazione di Motore Sanità, questa mattina in Senato è stato presentato nel corso di una conferenza stampa il progetto “Issiamo le vele! Vento in poppa per la ricerca” #thinkrare, nato con l’obiettivo di promuovere la conosce (continua)