Home > Cultura > LiNUTILE in movimento - Un Manifesto e una nuova Stagione per esplicitare la propria visione dell’attività teatrale,

LiNUTILE in movimento - Un Manifesto e una nuova Stagione per esplicitare la propria visione dell’attività teatrale,

scritto da: Giuseppe Bettiol | segnala un abuso

LiNUTILE in movimento - Un Manifesto e una nuova Stagione per esplicitare la propria visione dell’attività teatrale,

Il Teatro de LiNUTILE di Padova si rimette in movimento, lanciando un Manifesto per rendere esplicita la propria visione dell’attività culturale e formativa. Un rimettersi in movimento grazie alla forza motrice della propria comunità: persone, giovani e adulti, che vedono nel Teatro un presidio culturale e sociale per le nuove generazioni e per il territorio in cui esso si trova. A partire dall’11 febbraio 2022 al via l’attività performativa con in scena progetti interamente targati "Teatro de LiNUTILE”.


“L” come “Lavoro, “I” come “Interazione”, “N” come “necessario”, “U” come “umano”, “T” come “Teatro”, “I” come “Istruzione”, “E” come “esperienza”.

I due anni di rallentamento delle attività dovuti alla pandemia hanno rappresentato per il Teatro de LiNUTILE un’importante opportunità di riflessione che lo ha portato, nel 2022, non solo a rimettersi in movimento con rinnovato slancio, ma anche alla elaborazione e stesura di un proprioManifesto che, giocando con le lettere del nome, renda esplicita la propria visione dell’attività teatrale, formativa e culturale.

«Quello di stilare un Manifesto che rappresenti la nostra visione del Teatro, come attività performativa e formativa,  è un desiderio che ci portiamo dentro da lungo tempo – raccontano Marta Bettuolo e Stefano Eros Macchi,  fondatori e direttori del Teatro de LiNUTILE – Non nasce dal nulla, ma è frutto di azioni e obiettivi che abbiamo perseguito nel corso degli anni e che sentivamo la necessità di sistematizzare in modo da poterli trasmettere in maniera chiara e inequivocabile a coloro che, nel passato e nel futuro, sono venuti e verranno in contatto con noi. Riteniamo che chi, come noi, si occupa di cultura e educazione, deve palesare il modo in cui lo fa, cosicché chi frequenta il nostro Teatro e la nostra Accademia, abbracci consapevolmente la nostra attività teatrale e il nostro modo di  fare Cultura. Il Manifesto è esattamente questo: è l’esplicitazione del nostro pensiero e del nostro modo di agire, che deve essere sposato, nella consapevolezza di entrare a far parte di un organismo vivo, che porta avanti azioni strutturate e non casuali».

A quindici anni dalla fondazione del Teatro de Linutile e a dodici anni da quelli dell’Accademia, intorno e grazie ad essi, si è creata una comunità di allievi ed appassionati che vedono il Teatro come una propria casa, un luogo dove riunirsi per dare sfogo alla propria creatività, formarsi, promuovere e supportare progetti a favore della Cultura a 360 gradi.

Ed è proprio da qui che LiNUTILE vuole partire. Perché il Teatro nutre e si nutre dell’energia della propria comunità, coinvolgendola, anche in maniera ludica, facendola riflettere ed esortandola a muoversi.

Un concetto espresso anche dall’immagine che accompagna il testo scritto del Manifesto, realizzata da Pietro Frosi, illustratore e disegnatore e membro della Compagnia Giovani de LiNUTILE. La gorgiera, simbolo dell’Accademia del Teatro, diventa la principale componente di una serie di ingranaggi che si mettono in movimento. La principale forza motrice è rappresentata, tuttavia, dagli uomini e dalle donne che agiscono su questi strumenti meccanici: persone, giovani e adulti, che vedono l’esistenza del Teatro de LiNUTILE come un presidio culturale e sociale per le nuove generazioni e una fonte di rinnovamento per il territorio in cui esso si trova.

LiNUTILE ha sempre concepito il Teatro come “pratico”, come uno strumento che, lavorando sull’essenzialità del messaggio scenico, riesce a coinvolgere i propri attori, allievi, collaboratori per spingere al massimo le loro potenzialità. Un lavoro che mette in connessione ambiti diversi, professionalità differenti e saperi apparentemente lontani. Un dialogo continuo che si rispecchia anche nel rapporto con il proprio pubblico che il Teatro attiva con la sorpresa e la creatività.

È anche un metodo educativo che utilizza il teatro per avvicinarsi al bello ed offrire nuovi strumenti di giudizio. Lungi dall’essere una comunità autoreferenziale e chiusa, si proietta anche verso l’esterno, mettendo a disposizione le proprie competenze e le proprie disponibilità, anche economiche se necessario, per sostenere progetti altrui che abbiano come focus il contrasto alla povertà educativa e offrano opportunità di imparare e sviluppare le competenze cognitive, soprattutto tra i giovani. E’ infatti convinto che solo attraverso il reciproco sostegno tra coloro che si occupano di Cultura, questa possa realmente continuare ad esistere e ad esplicitare la sua funzione.

Il Teatro de LiNUTILE vuole, quindi, diventare soprattutto un’esperienza, un modo d'essere, di pensare, di agire, di giocare, di crescere, di formarsi, di sostenersi, di esserci, di aiutarsi. Dando a tutti la possibilità di entrare in contatto con la Cultura, non lasciando indietro nessuno. Guardare il mondo con occhi più critici, vivere e non lasciarsi vivere. È guardarsi negli occhi, e dire: “ce l’ho fatta”.

Perché non siano mere parole su carta, i concetti espressi nel Manifesto troveranno realizzazione nelle attività ad oggi calendarizzate per l’anno 2022, che, oltre agli spettacoli previsti in cartellone, vedrà il Teatro de Linutile attivo anche in luoghi non necessariamente deputati alla rappresentazione teatrale. Come, nel 2021 è stato fatto nei Chiostri della Basilica del Santo o al Duomo di Piazzola sul Brenta, così avverrà quest’anno alla Cappella degli Scrovegni a fine marzo con un progetto su Giotto dedicato agli adolescenti e realizzato dagli allievi dell’Accademia. E in Sala dei Giganti al Liviano, l’11 giugno, dove, in occasione delle celebrazioni per gli 800 anni dell’Università degli Studi di Padova, verrà rappresentato in lettura scenica il romanzo “Blu paonazzo: Furti, amori e crimini sotto le cupole del Santo al tempo di Donatello a Padova” della Professoressa Giovanna Baldissin Molli. 

La riapertura dell’attività spettacolistica in via Agordat vedrà in scena progetti interamente targati "Teatro de LiNUTILE”. Si comincia venerdì 11 febbraio con “Peggy”, evento dedicato ad una figura fondamentale per la conoscenza e la diffusione delle arti figurative del Novecento: Peggy Guggenheim. Lo spettacolo, con adattamento e regia di Stefano Eros Macchi, vedrà l’attrice Marta Bettuolo, accompagnata da video interattivi, accompagnare il pubblico nei primi cinquant’anni di storia sociale e culturale europea del ‘900, ripercorrendo la vita della grande collezionista d’arte contemporanea dall’infanzia fino al successo. Una passione trasformata in professionee promozione della Cultura che il Teatro de LiNUTILE intende fare propria.

Venerdì 18 febbraio la Compagnia Giovani de LiNUTILE porterà in scena “La Croce”, testo poetico dedicato alla Passione, in cui la vita e la morte di Cristo sono raccontate da una prospettiva in cui la sua presenza è resa più forte proprio dalla sua assenza. A raccontare la straordinaria vita e le opere di Gesù saranno le parole di coloro i quali a questo straordinario evento hanno assistito. Comprimari, testimoni che soltanto dopo, a cose fatte, acquisteranno una consapevolezza innocentemente o colposamente frammentaria degli eventi che li hanno sfiorati, dell'evidenza e del mistero di cui sono portatori.

Le giovani attrici della Compagnia Giovani insieme a Marta Bettuolo e Stefano Eros Macchi, venerdì 11 marzo, presenteranno "Le donne di Monica", progetto del Teatro de LiNUTILE impegnato nella trasposizione scenica di opere della scrittrice e filosofa Simone de Beauvoir, che incontreranno le opere pittoriche di Monica Piazzetta, dedicate alle donne del Novecento.

Per la chiusura di stagione, venerdì 8 aprile, il Teatro de LiNUTILE ospiterà la sua prima produzione interamente scritta, diretta e recitata dai componenti della Compagnia Giovani: "Prove generali” di Zaccaria Ghazal. Una tragicommedia che ci farà scoprire cosa avviene dietro le quinte di un allestimento teatrale. È il mondo dell’artista qui ad essere messo a nudo, la sua fragilità umana, dove l’arte si scontra con il mondo reale, le preoccupazioni pratiche della vita di tutti i giorni. Un mondo dal quale l’attore entra ed esce di continuo, in un mestiere che deve essere trattato con estrema delicatezza.


Fonte notizia: http://www.teatrodelinutile.com/


Teatro | Manifesto | Cultura |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

SOR/RIDO ERGO SUM - Il "PREMIO LiNUTILE DEL TEATRO" a Piazzola Sul Brenta (PD) dal 30 ottobre 2015 al 26 febbraio 2016


SOR/RIDO ERGO SUM - "PREMIO LiNUTILE DEL TEATRO" - «Fight Story» venerdì 20 novembre a Piazzola Sul Brenta (PD)


Alla scoperta del Teatro. Al via tre nuovi corsi all’Accademia de LiNUTILE


Il Pinocchio di Italo Pecoretti inaugura gli spettacoli per bambini del «Premio LiNUTILE del Teatro» a Piazzola sul Brenta


«A WALL PLAY»: Al via il laboratorio di narrazione dedicato alle mura di Padova


Marketing Etico: 10 anni di Manifesto del Marketing Etico


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Corti a Ponte. Al via le proiezioni del Concorso internazionale di Cortometraggi

Corti a Ponte. Al via le proiezioni del Concorso internazionale di Cortometraggi
Da mercoledì 18 a sabato 21 maggio maratona di cortometraggi con le proiezioni della sezione “Grande Festival” del Festival internazionale di cortometraggi “Corti a Ponte”: oltre 50 le opere in concorso. Gran finale sabato 21 maggio con la premiazione ufficiale della XV edizione e delle sezioni collaterali: il Concorso Colonne Sonore e il Concorso 48Ore. Dopo il “Piccolo Festival”, dedicato esclusivamente alle scuole, che ha visto in cartellone quarantasette cortometraggi realizzati da bambini e ragazzi dai 3 ai 18 anni, e un anticipo dedicato alle opere di giovani registi dai 18 ai 25 anni, prende ufficialmente il via da mercoledì 18 a sabato 21 maggio il “Grande Festival” di Corti a Ponte, evento cinematografico internazionale dedicato ai c (continua)

Il pianista Giuseppe Albanese, per la prima volta a Padova, eseguirà alcune celebri trascrizioni dei classici orchestrali del balletto

Il pianista Giuseppe Albanese, per la prima volta a Padova, eseguirà alcune celebri trascrizioni dei classici orchestrali del balletto
Musikè: lunedì 16 maggio alle ore 21.00 all’Auditorium Pollini il recital Invito alla danza del pianista Giuseppe Albanese. Musikè, la rassegna di musica, teatro, danza promossa e organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, prosegue all’insegna della musica classica lunedì 16 maggio alle ore 21.00 all’Auditorium Pollini di Padova, con il recital Invito alla danza del pianista Giuseppe Albanese, ospite per la prima volta a Padova. Il programma del recital riprende la selezione di trascrizion (continua)

Corti a Ponte 2022. Il Festival torna in presenza

Corti a Ponte 2022. Il Festival torna in presenza
Dal 9 al 21 maggio 2022 torna Corti a Ponte”, il Festival internazionale di Cortometraggi di Ponte San Nicolò Dopo due edizioni online, torna finalmente in presenza “Corti a Ponte”, il Festival internazionale di Cortometraggi di Ponte San Nicolò, in provincia di Padova, che da quindici anni permette di scoprire le eccellenze cinematografiche da tutto il mondo con un particolare riguardo al pubblico giovane e giovanissimo, a partire dai tre anni in su. Un’edizione particolarmente ricca quella di quest’ (continua)

FAI Un Giro in Villa VI Edizione

FAI Un Giro in Villa VI Edizione
Torna da maggio a giugno 2022 “FAI UN GIRO IN VILLA”, Festival Laboratorio del Vivere la Villa Veneta organizzato dalla Presidenza FAI Veneto in collaborazione con i Gruppi FAI Giovani del territorio. Torna da maggio a giugno 2022 “FAI UN GIRO IN VILLA”, Festival Laboratorio del Vivere la Villa Veneta organizzato dalla Presidenza FAI Veneto in collaborazione con i Gruppi FAI Giovani del territorio. In questa sesta edizione, i Gruppi FAI Giovani del Veneto invitano tutti a godere della bella stagione, ammirando insieme ville e giardini in tutta sicurezza e nel rispetto delle normative vigen (continua)

Una squadra al servizio della Basilica e della città di Padova

Una squadra al servizio della Basilica e della città di Padova
Presentate lunedì 11 aprile le linee programmatiche che ispireranno il mandato 2022-2027 del nuovo Collegio di Presidenza della Veneranda Arca di S. Antonio. Dialogo, collegialità, cooperazione, servizio e inclusività per rafforzare ulteriormente i legami della città di Padova con la Basilica del Santo e con i tesori di arte, cultura e spiritualità che essa custodisce in nome di Sant’Antonio. Saranno questi i princìpi che faranno da guida all’operato del nuovo Collegio di Presidenza della Veneranda Arca di S. Antonio, l’ente che dal 1396 amminist (continua)