Home > Economia e Finanza > Crisi da pandemia, le aziende forti sono diventate ancora più forti

Crisi da pandemia, le aziende forti sono diventate ancora più forti

scritto da: Elleny | segnala un abuso


Grazie alle campagne vaccinali, le economie hanno potuto riparire e far intravedere una parvenza di normalità, dopo i lunghissimi mesi in cui l'economia è stata martoriata dalla crisi Covid. Tuttavia, i problemi non sono certo finiti.

Non siamo usciti dalla crisi

Ci sono ancora ondate di contagi per via delle varianti del Coronavirus, così come ci sono da fronteggiare diverse conseguenze economiche della pandemia. Prime fra tutte l'inflazione.
Per non parlare poi di alcuni settori, che la crisi innescata dalla pandemia ancora la stanno pagando carissima, come il turismo.

Inflazione e banche centrali

crisi e mercatiL'aumento dell’inflazione ha messo molta pressione sulle banche centrali. Dopo gli anni di politica monetaria accomodante, fatta di stimoli all'economia, è arrivato il tempo di fare un passo indietro. Bisogna capire però la portata e la velocità dell’aumento dei tassi d’interesse.
In questo senso la FED e la BCE si muovono a passo diverso. La Banca centrale americana è lanciata verso le strette monetarie, quella europea ha mantenuto i tassi invariati a dicembre e ha annunciato che procederà a una riduzione degli acquisti di titoli nei prossimi mesi, pur mantenendo la flessibilità in caso di peggioramento della pandemia.

Crisi e Borsa

Malgrado la persistenza del virus e la crisi economica, la crescita dell'inflazione e le incognite sulle mosse delle banche centrali, le Borse corrono. I mercati europei hanno chiuso il 2021 in bellezza, con l’indice MSCI Europe in rialzo del 25,1% in euro.
Durante il 2021 ci sono state diverse rotazioni cicliche, anche se alla fine i più performanti sono stati i titoli growth. A brillare sono stati soprattutto i settori sanità e informatica.
Basta citare Apple, che ha chiuso il 2021 in orbita 180 dollari (e non si vedono ancora candele di inversione), e a inizio anno è stata la prima società al mondo a superare i 3.000 miliardi di dollari di capitalizzazione. Nell'agosto del 2020, era stata la prima a superare la soglia dei 2.000.

Nota operative: se vi interessa il trading binario sulle azioni, eccovi il link per pocket option in Italia.

Titoli forti... sempre più forti

C'è un aspetto che merita di essere evidenziato. Dalla crisi pandemica i titoli che erano forti sono usciti con forza, staccando gli altri.
E' evidente ad esempio nel settore del lusso, dove Louis Vuitton e Hermès hanno avuto un aumento delle vendite di oltre il 35% rispetto ai livelli pre-crisi, mentre i loro maggiori concorrenti si sono fermati a malapena ai livelli del 2019.
Discorsi analoghi si possono fare nella cosmesi (vedasi L’Oréal) e nell'alimentare (vedasi Nestlé).

Le prospettive

Riguardo al futuro che possiamo dire?
Molte incertezze legate alle forniture, all’inflazione e ai tassi d’interesse persisteranno ancora. Ma questo non impedisce di guardare al 2022 con un moderato ottimismo.
L'accelerazione della crescita del mercato dovrebbe sostenere una solida crescita degli utili.

crisi | covid | pocket option link | candele di inversione |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Cause remote e recenti della crisi sanitaria, sociale ed economica della pandemia


Una videoconferenza per ripartire dopo la pandemia


Covid Digital Disruption


Un mondo ineguale favorisce la stigmatizzazione del disagio psichico


La Casa, sogni e lavoro di Leonardo Viviani


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Banca Centrale USA, Powell confermato alla guida della Federal Reserve

La Banca Centrale statunitense nel corso del meeting di marzo ha alzato il costo del denaro di un quarto di punto Come era ampiamente prevedibile, la Banca Centrale Americana avrà per un altro ho mandato al timone Jerome Powell. Il Senato federale ha infatti confermato il numero uno della Fed, con un forte slancio bipartisan. I voti infatti sono stati 80 favorevoli contro 19 contrari.Ancora alla guida della banca centraleScelto una prima volta da Donald Trump per guidare la Fed, il 69enne Powell ha lavorato c (continua)

Profitti raddoppiati malgrado la carenza di chip e la guerra in Ucraina volkswagen può brindare

La situazione del mercato dell'auto rimane molto incerta a causa principalmente della carenza di semiconduttori e delle conseguenze del conflitto in Ucraina. Nonostante questo Volkswagen è riuscito a raddoppiare i propri profitti nel primo trimestre.Volkswagen vendite e profittiIl colosso automobilistico tedesco quotato sull'indice DAX 40 è una delle società che ha alzato il velo sui conti del pri (continua)

Mercati finanziari timorosi ma intanto il dollaro vola

Gli investitori digeriscono il rischio di frenata dell'economia cinese e le mosse preannunciate dalla Federal Reserve Mercati finanziari timorosi ma intanto il dollaro vola L'umore degli investitori è decisamente cambiato negli ultimi giorni. Sui mercati finanziari già da qualche giorno si è abbattuto l'uragano Powell, che con le sue dichiarazioni ha preannunciato una svolta molto aggressiva da parte della Federal Reserve. Ma pesano enormemente anche i timori riguardo alla frenata cinese.Lo scenario sui mercati (continua)

Investitori nei prossimi giorni gli eventi clou saranno le elezioni in Francia e la BCE

La settimana che ci aspetta sarà molto interessante, soprattutto per due motivi. Gli investitori attendono novità dalla Francia, dove sono in corso le elezioni presidenziali. E aspettano notizie da Bruxelles, dove si riunisce in meeting la Banca Centrale Europea. Chiaramente sullo sfondo ci sono le notizie che giungono dal fronte della guerra, che resta il primo driver dei mercati.Gli eventi chia (continua)

Pagamento del gas in Rubli: Putin riceve lo stop anche dal fronte interno

La provocatoria mossa di Putin contro l'occidente, ha segnato il primo momento in cui qualcuno all'interno del Cremlino gli ha dovuto dire la verità. L'idea di pretendere il pagamento del gas in rubli non è praticabile. Gliel'hanno detto, ed è la prima volta che il dittatore russo si è trovato di fronte a un'opposizione interna. Che però ha avuto la meglio, tanto che Putin ha dovuto guadagnare te (continua)