Home > Lavoro e Formazione > Giuseppe Anguilla: "La nostra storia per pensare la futuro dell'informazione scientifica"

Giuseppe Anguilla: "La nostra storia per pensare la futuro dell'informazione scientifica"

scritto da: Lavrans1963 | segnala un abuso

Giuseppe Anguilla:

Giuseppe Anguilla, fondatore e ceo di Jakin Sa, società di Lugano specializzata in informazione scientifica del farmaco, riflette sul decennale dell'azienda, attiva anche in Italia, con oltre 300 professionisti in grado di offrire raccordo con medici di medicina generale e specialisti


 

“Il 2021 non è stato un anno qualsiasi ma un anno importante, , perché è il decimo dalla fondazione della nostra azienda”, ha dichiarato Giuseppe Anguilla, ceo della Jakin sa, di Bioggio (Lugano), società specializzata in gestioni di reti di informatori scientifici del farmaco-isf, anche in Italia.

Una cerniera col mondo medico

Si tratta di una realtà che mette al servizio di grandi realtà dell’industria farmaceutica una rete di oltre 300 professionisti in grado di fornire un raccordo importante con medici di medicina generale e specialisti, cui riporta costantemente gli aggiornamenti sui medicinali, le novità dal mondo della ricerca farmacologica e da quello della regolazione del farmaco. Interlocutori professionali altamente qualificati, in grado di dialogare costantemente col mondo medico. Una professionalità, aveva raccontato proprio a NellaNotizia.net, che sarà centrale anche nella sanità degli anni a venire.

“Siamo stati una start-up di fatto”, ha ricordato Giuseppe Anguilla, “non tecnologica come quelle attuali ma basata sulla competenza e sull’esperienza di tanti professionisti. Una realtà imprenditoriale con un percorso di costruzione tutt’altro che semplice e che ha richiesto studio ma anche molto capacità di visione. Un cammino che ho avuto modo di raccontare ad About Pharma . Un anno in cui abbiamo voluto tornare spesso a quell’inizio e alla passione, la volontà, l’impegno che lo hanno caratterizzato, creando momenti di ritrovo, anche virtuali: 10 eventi a partire dal 10 marzo, che hanno scandito i nostri 10 anni.

Una riflessione che ha accompagnato tutto il 2021″, ha continuato Giuseppe Anguilla, “anche con un’immagine, un logo: un logo per ricordare, un logo per guardare al futuro.Un marchio semplice ma elegante, dove la cifra, 10, è racchiusa in un cerchio, col suffisso di ‘decimo’ reso col ‘th’ inglese, a ricordare la vocazione internazionale della società, confermata dalla parola “anniversary” che sovrasta il nome della compagnia.

Un elemento grafico che ha accompagnato la nostra comunicazione ed è stato sarà declinato in tutti gli strumenti di dialogo con l’esterno, dai partner ai clienti, ai fornitori, oltre naturalmente nelle numerose occasioni di ripresa dell’anniversario stesso. Un marchio che ha fatto memoria del lavoro fatto e di quello da fare, che racconta l’azienda e i professionisti che le danno vita”.

I protagonisti, le loro voci

E non poteva mancare, naturalmente, proprio la testimonianza di questi professionisti.

“Idealmente ne abbiamo scelti tre”, ha confermato Giuseppe Anguilla, “una veterana, per così dire, come la nostra vice-presidente Paola Spagnolo, una giovanissima come Luidovica Fringuello, la più giovane della nostra squadra, voce della freschezza e dell’entusiasmo del gruppo, e un field manager di grande esperienza, come Loris Ferrari, testimone dell’importanza della fiducia per lavorare al meglio con il proprio gruppo. Uno spaccato della qualità e dei valori del nostro capitale umano.

Tutti interpreti, in diversa maniera, dei principi che fanno parte del metodo di lavoro di Jakin e che hanno contribuito, negli anni, a far crescere il Gruppo, affrontando le difficoltà, non ultima quella del Covid 19.

Un anno di memoria”, ha concluso Giuseppe Anguilla, “utile a capire chi siamo, da quali valori siamo nati, su quali competenze abbiamo fondato il nostro lavoro e quali passioni ci hanno guidato. E ci guideranno ancora”.

 

informatori scientifici del farmaco | sanità | medici di famiglia | farmaci | Giuseppe Anguilla | Jakin |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Giuseppe Anguilla:

Giuseppe Anguilla:
Il fondatore di un'azienda che gestisce in Italia oltre 300 ISF racconta come, durante la prima fase di Covid, sia stata studiata e messa a punto una modalità di relazione da remoto coi medici di medicina generale. Un metodo che ha incontrato la soddisfazione dei professionisti della sanità territoriale: uno su due ha accettato Quando il Covid-19 ha battuto i primi colpi e l’Italia è andata progressivamente in lock-down, gli imprenditori e i manager di aziende di molti settori produttivi, di quelli dispensati dal blocco, si sono interrogati sul “da farsi”.Se cioè arrendersi all’evidenza di una pandemia in atto e fermare tutto, attingendo agli ammortizzatori sociali per il proprio personale, oppure tentare comunque con le (continua)

Jakin, 10 anni di successi.

Jakin, 10 anni di successi.
Dieci anni di successi per un'azienda svizzera con testa e cuore italiani. La storia della ticinese Jakin che opera anche in Italia con una rete di 300 informatori scientifici del farmaco, raccontata dal fondatore, Giuseppe Anguilla Dieci anni sono un bel giro di boa per un’azienda. Di più se l’azienda opera in un settore molto delicato come i farmaci.La Jakin Sa, azienda basata a Lugano ma con testa e cuore italiani, specializzata nell’informazione medica, ha festeggiato da poco un decennale importante: nasce infatti nel 2011, negli anni successivi a un grande rimescolamento di carte nel settore, quando alcune grandi case, n (continua)

Professioni: il futuro degli informatori scientifici del farmaco

Professioni: il futuro degli informatori scientifici del farmaco
L'informatore scientifico del farmaco è il professionista che trasmette ai medici di base le novità e gli aggiornamenti in campo farmaceutico. Non un rappresentante ma una figura con preparazione scientifica di base, che si è formato in azienda e in corsia. Che ne sarà di lui nella sanità digitalizzata? Giuseppe Anguilla, imprenditore svizzero che opera in Italia con oltre 300 informatori, spiega perché questa professione continuerà ad avere futuro La Sanità è attesa a una svolta verso la digitalizzazione: che ne sarà allora di professioni che si basano sul rapporto interpersonale, come l’informatore scientifico del farmaco?La domanda si fa largo perché, anche la recente pandemia ha chiarito che la svolta verso la cosiddetta e-health è scritta, non solo nel destino dell'innovazione di questo settore, auspicata da anni, ma anche nei numeri de (continua)