Home > Libri > Ilaria Palomba presenta il romanzo psicologico “Brama”

Ilaria Palomba presenta il romanzo psicologico “Brama”

scritto da: DiffondiLibro | segnala un abuso

Ilaria Palomba presenta il romanzo psicologico “Brama”

Possedere l'altro, primeggiare, schivare le attenzioni di una madre morbosa, meritare il riconoscimento di un padre inarrivabile sono i desideri che animano Bianca, fragile trentenne, ricoverata più volte in psichiatria per i suoi vani tentativi di suicidio. L'incontro con il filosofo Carlo Brama, ambivalente oggetto di desiderio, rende maggiormente precario il suo stare al mondo.


Ilaria Palomba - “Brama”

 

Ilaria Palomba presenta un’opera complessa e introspettiva, narrata dalla protagonista Bianca in una prima persona tagliente, al limite della crudeltà verso sé stessa e anche verso il disarmato lettore. Si arriva alla fine del libro fortemente destabilizzati; traboccanti di citazioni poetiche, di suggestioni filosofiche e di domande esistenziali che, ci rendiamo conto, erano già

sepolte nella nostra anima, in attesa di essere portate alla luce.

 

Casa Editrice: Giulio Perrone Editore

Collana: Hinc

Genere: Romanzo psicologico

Pagine: 240

Prezzo: 16,00 €

 

«Amo molto Kierkegaard, Il diario del seduttore in particolare, ho sempre avuto l’impressione che avesse un’inconfessabile predilezione per la vita estetica, perché ciò che più si fugge, la paura più grande, è il desiderio, il desiderio reale, la natura della nostra anima, da quella fuggiamo».

 

“Brama” di Ilaria Palomba è un romanzo amaro, crudo e drammatico, impregnato di attaccamento alla vita e di pulsione di morte, che consapevolmente colpisce il lettore dove fa più male. Con una scrittura che si può definire chirurgica, l’autrice seziona i pensieri della sua protagonista senza anestesia, li scava, li eviscera, li rende materia inerte per poi riportarli in vita, trasfigurandoli. È un’opera che mette in scena il violento balletto tra amore e follia, tra costruzione e decostruzione, in cui i due ballerini, Bianca e Carlo, si muovono a scatti, a volte sgraziati, ipnotizzati da una musica dissonante che li distrae dai loro ruoli, che li confonde fatalmente trasformandoli da danzatori in combattenti su un ring. Bianca è l’istinto, è il simbolo della brama del piacere e del possesso che non riesce a saziarsi mai, anzi, che si esaurisce nella tragedia dell’impossibilità; Carlo è il sapere, l’arroganza del filosofo che pensa di aver compreso il gioco della vita. Il loro incontro è deflagrante, ed è consumato nel dolore: per Bianca lui è il mentore che non è mai stato il suo inarrivabile padre ma diventa presto altro, qualcosa che somiglia a una tortura deliziosa; lei è l’incognita, la scheggia impazzita, il fragile vaso già caduto in pezzi e incollato malamente. L’autrice narra una vicenda che toglie il fiato con la sua densa oscurità ma che apre anche improvvisi squarci di luce; è un viaggio caleidoscopico nella vita presente, nei ricordi dell’infanzia e dell’adolescenza e nelle visioni allucinate della protagonista, nel suo equilibrio precario sull’abisso. Bianca è una giovane donna spezzata, frammentata, smarrita, autolesionista, alienata e rabbiosa, che entra ed esce da crisi depressive che sfociano in tentativi di suicidio; è una creatura complicata nella cui mente il senso del vivere e quello del morire si confondono. L’autrice lancia al lettore una sfida mediante un flusso di coscienza crudo, lucido e a tratti spaventoso; un’autoanalisi spietata che si placa solo quando parla di ciò che acquieta la sua anima: la letteratura, la filosofia, la musica classica. Sono confortanti punti di vista da cui osservare il mondo, sempre più freddo e arido ai suoi occhi; sono materie plasmabili con cui cerca di riempire quel vuoto che ha dentro, e che l’indifferente Carlo Brama le ha scavato con pazienza, mentre lei lo lasciava fare, ossessionata da lui e dalla sua intellettualità. Questo romanzo rimane incastrato nell’anima e Bianca diventa un tormentato fantasma che ci fa compagnia; lei, vittima e insieme carnefice dalla fragilità fagocitante, che distrugge sé stessa mentre brama di essere integra, mentre tenta di costruire dighe intorno al suo io liquido.

 

SINOSSI DELL’OPERA. Possedere l'altro, primeggiare, schivare le attenzioni di una madre morbosa, meritare il riconoscimento di un padre inarrivabile sono i desideri che animano Bianca, fragile trentenne, ricoverata più volte in psichiatria per i suoi vani tentativi di suicidio. L'incontro con il filosofo Carlo Brama, ambivalente oggetto di desiderio, rende maggiormente precario il suo stare al mondo e apre un viaggio a ritroso nell'infanzia e nell'adolescenza pugliese, frugando tra i segreti di una famiglia borghese piena di scheletri nell'armadio. L'amore non è una fiaba a lieto fine ma una radiografia della psiche, un legame tanto carnale quanto spirituale che, come in un rito, nel suo compiersi conduce al trascendimento della ragione. Tra Carlo e Bianca c'è un gioco crudele che diventa una condanna, una tessitura di destini, sacra e terribile, cui cercano entrambi di sfuggire.

 

BIOGRAFIA DELL’AUTRICE. Classe ’87, Ilaria Palomba è laureata in Filosofia; ha tenuto laboratori di scrittura creativa nei centri diurni di psichiatria e presso alcune scuole. Tra le sue pubblicazioni: per Gaffi “Fatti male”, tradotto in tedesco per Aufbau-Verlag, e “Disturbi di luminosità” (da cui lo spettacolo teatrale Disturbi, con regia di Olivia Balzar); per Meridiano Zero “Homo homini virus” (Premio Carver, 2015) e “Una volta l’estate”. Ha inoltre pubblicato le sillogi “Mancanza”, “Deserto” (Premio Profumi di poesia 2018) e “Città metafisiche” (Ensemble) e il saggio: “Io Sono un'opera d'arte, viaggio nel mondo della performance art”. Dal 2010 conduce una ricerca sul tema del disagio (psichico, sociale, generazionale) e ha aperto un blog dove ha svolto un'indagine sul dolore dell'anima mediante interviste a persone che anonimamente hanno raccontato la loro esperienza di disagio: dissipatu.blogspot.com. Ha scritto per Minima et Moralia, Pangea, Nuovi Argomenti. Ha fondato il blog letterario Suite italiana.

 

Contatti

https://ilariapalombalibri.blogspot.com

https://suiteitalianalt.blogspot.com

https://www.instagram.com/i_palomba/

https://www.facebook.com/IlariaPalomb/

www.giulioperroneditore.com

 

Link di vendita online

https://www.giulioperroneditore.com/shop/brama/

 

 

 

Ufficio Stampa Diffondi Libro

https://www.diffondilibro.it/

Mail: info@diffondilibro.it

Cell. Lisa Di Giovanni 3497565981

 

Brama | Ilaria Palomba | romanzo psicologico | Giulio Perrone Editore | scrittrice | libri | dolore | masochismo | autolesionismo | amore e follia | letteratura | filosofia | brama | desiderio | relazioni | esistenzialismo | introspezione | passione | Diffondi Libro |



 

Potrebbe anche interessarti

Auro Palomba: Community indaga sull’informazione politica in Italia


La crisi non è ancora un ricordo: l’inchiesta di Community e del Presidente Auro Palomba


Auro Palomba, Presidente e Fondatore di Community, tra gli ospiti del FBF


Reputation Science, guidata da Auro Palomba e Andrea Barchiesi, cura l’osservatorio sulla reputazione dei ministri


Auro Palomba: l’iter professionale del Presidente di Community Group


Giuseppe Conte al primo posto della classifica di Reputation Science, guidata da Auro Palomba


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Demetrio Salvi presenta il romanzo urban fantasy “Misteri napoletani: La crepa”

Demetrio Salvi presenta il romanzo urban fantasy “Misteri napoletani: La crepa”
Napoli ha cavità oscure, capaci di generare paure profonde e Giona è mancato per troppo tempo da questa città per capire cosa si agita nel buio. Gli incubi che lo assalgono di notte si dissolvono col sole: sono anime sofferenti che non vogliono farsi vedere. Un mondo perverso lo attende e lo tira giù, lo illude che possa ritrovare quanto ha smarrito. Demetrio Salvi - “Misteri napoletani: La crepa” Demetrio Salvi presenta un’opera visionaria a metà strada tra la graphic novel e la favola dark, in cui si racconta di presenze inquietanti in una Napoli sfuggente e misteriosa. Antiche leggende prendono vita e trasportano il protagonista Giona nel doppio speculare della città partenopea, in una vera e propria discesa negli inferi. Illustra (continua)

Max Deste presenta il romanzo “Il desiderio di cadere”

Max Deste presenta il romanzo “Il desiderio di cadere”
Un viaggio verso una rinascita, quello del protagonista del romanzo “Il desiderio di cadere”, l’ultimo lavoro dello scrittore e cantante ticinese Max Deste. Max Deste - “Il desiderio di cadere” Max Deste presenta un romanzo emozionante, in cui si racconta del percorso di rinascita del protagonista Jack dopo un lungo periodo di smarrimento. Con questa terza opera lo scrittore e cantante ticinese continua la sua esplorazione della solitudine dell’uomo contemporaneo, prigioniero di una società sempre più disumanizzata. Casa Editrice: Grup (continua)

Matteo Gracis presenta “Manuale di sopravvivenza per esseri umani che si sentono alieni”

Matteo Gracis presenta “Manuale di sopravvivenza per esseri umani che si sentono alieni”
Sei disposto a mettere in discussione le tue convinzioni? A guardare il mondo da un'altra prospettiva ma soprattutto a metterti veramente in gioco? Se la risposta a tali domande è sì, questo libro fa per te, in caso contrario, lascia perdere perché rischi di metterti nei guai. Matteo Gracis - “Manuale di sopravvivenza per esseri umani che si sentono alieni” Lo scrittore, giornalista indipendente e libero pensatore Matteo Gracis presenta un’opera ribelle e completamente fuori dagli schemi, un vero e proprio elogio al beneficio del dubbio, al pensiero critico, libero e positivo. Un libro che invita alla riflessione profonda, dedicato a tutti coloro che credono f (continua)

Saverio Sam Barbaro presenta il romanzo storico “Le contesse igieniche”

Saverio Sam Barbaro presenta il romanzo storico “Le contesse igieniche”
Tra intrighi, menzogne e incursioni nell’eccentrica vita di corte degli Asburgo, si narra della particolare e poco conosciuta figura delle “contesse igieniche” mentre si seguono le indagini di Carolina, che la conducono alla scoperta di un diario in cui le saranno rivelate verità impensabili e sconvolgenti. Saverio Sam Barbaro - “Le contesse igieniche” Saverio Sam Barbaro presenta un intrigante romanzo storico, ambientato nel Regno di Napoli nel 1889. Incentrata sulla storia di due sorelle e su un intricato mistero che riguarda una di loro, l’opera offre un affascinante e poco conosciuto spaccato dell’aristocrazia europea della seconda metà dell’Ottocento. Casa Editrice: Castelvecchi (continua)

Gloria Vocaturo presenta il romanzo “Autobiografia di mio padre”

Gloria Vocaturo presenta il romanzo “Autobiografia di mio padre”
Un romanzo intimo, emozionale, emozionante. In “Autobiografia di mio padre” Gloria Vocaturo affronta i valori fondamentali della vita: la famiglia, la morte, la spiritualità. Gloria Vocaturo - “Autobiografia di mio padre” Gloria Vocaturo presenta un romanzo delicato e intimista, in cui presta la voce al padre defunto permettendogli di raccontare la sua storia e quella della sua famiglia sullo sfondo delle più rilevanti vicende italiane, dalla Seconda guerra mondiale ai giorni nostri. Un’opera che parla con serenità della vita, della morte e del loro stretto (continua)