Home > Libri > “Scandalo in Val Gardena”, in libreria il nuovo romanzo di Clambagio

“Scandalo in Val Gardena”, in libreria il nuovo romanzo di Clambagio

scritto da: Inpress | segnala un abuso

“Scandalo in Val Gardena”, in libreria il nuovo romanzo di Clambagio

Il libro sarà presentato il 10 marzo alla Biblioteca Endidae a Egna (Bolzano) e il 24 marzo al Centro culturale Claudio Trevi di Bolzano.


Bolzano - Cosa prevale nel carattere di una persona, l'influenza genetica o quella ambientale-educativa? E ancora: esiste il libero arbitrio oppure è il destino a decidere per noi? Questi e altri interrogativi solleva, sullo sfondo di una vicenda di ingiustizie e rivalsa, il nuovo intrigante romanzo di Clambagio, "Scandalo in Val Gardena. Nessuno resterà impunito", appena pubblicato (anche in ebook) da Giovane Holden Edizioni di Viareggio.

Clambagio è lo pseudonimo con cui un imprenditore di Bolzano firma i suoi romanzi. Di lui si sa poco o nulla: che il nom de plume è l'acronimo dei quattro nomi di battesimo (Claudio Amedeo Battista Giovanni) e che finora ha dato alle stampe quattro romanzi - "Fuerth Italia. Il destino gioca a dadi" (2010), "La fotosintesi del dolore" (2012), "Mariposita... allungami la vita. Cronaca di un terremotato sepolto vivo" (2015), "Nel nome di Shamash. Uomo perbene/uomo permale" (2016) – e alcuni cataloghi di arte.

L'ultimo romanzo "Scandalo in Val Gardena. Nessuno resterà impunito" affronta in chiave sociologica la condizione femminile negli anni Cinquanta e, su un piano più generale, i temi dell'adozione, del rapporto tra natura e cultura, del caso e del destino, della vendetta e del perdono.

Il libro è ambientato nella piccola comunità di Santa Cristina in Val Gardena, nei primi anni Cinquanta. Nell'Italia bacchettona e moralista dell'epoca, la condizione della ragazza madre era malvista. A Sud come a Nord. Ma nelle Valli ladine, equivaleva a un vero e proprio bollo d'infamia. Ne fa le spese Katharina Perathoner, una giovane e bella gardenese, che si innamora dell'uomo sbagliato. Mette al mondo un figlio illegittimo e viene per questo ripudiata dalla famiglia, dal parroco e dalla comunità, per poi morire in un incidente dalla dinamica sospetta. 

Il piccolo Leo, all'anagrafe Leonardo Donatello, dopo un rimpallo di responsabilità tra la nonna e le zie, viene affidato alla bisnonna che, a causa degli acciacchi dell'età, non può accudirlo come dovrebbe. Per questo, su segnalazione del maresciallo dei carabinieri del paese, il bimbo le viene tolto dai servizi sociali e dato in adozione.  La vicenda si sposta a Firenze, dove, in un incrocio di destini, una famiglia ha appena perduto il suo unico figlio. I coniugi Fiaccobaldi Vieri, esponenti di uno dei casati più ricchi e potenti d'Italia, decidono di adottare un bambino che dovrà ereditare il lignaggio e continuare la stirpe. La scelta cade sull'orfano gardenese, la cui vita cambia all'improvviso. Trent'anni dopo, il padre sul letto di morte gli rivela la verità sulle sue origini. Dopo un iniziale disorientamento nell'apprendere la realtà delle sue radici genealogiche diverse, si innesca nel giovane un desiderio di rivalsa verso tutti coloro che avevano contribuito a emarginare e far soffrire la madre. Grazie al suo potere economico e alle conoscenze altolocate, ordisce una rabbiosa, feroce trama di vendette che dopo tre decenni si abbatte sui responsabili dell'epoca, dal sindaco al prete, dal padre ai familiari. Si innestano nella vicenda narrata vari spunti di riflessione sulle molle dell'agire umano, in un groviglio di contraddizioni irrisolte che dilaniano sia il giovane ereditiere/giustiziere, sia gli altri personaggi. Lo stile dinamico, l'intreccio sapiente con rapidi cambi di scena e dialoghi ritmati dalla resa filmica, fanno del romanzo di Clambagio una lettura avvincente e profonda che oltrepassa i confini del romanzo d'azione per approdare nei territori di un componimento narrativo psico/filosofico.

Fonte notizia: https://www.giovaneholden.it/index.php?option=com_hikashop&ctrl=product&task=show&cid=1138&name=scandalo-in-val-gardena&Itemid=131&category_pathway=24&jjj=1646134956253


libri | clambagio | narrativa | Alto Adige |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

NAPOLI CITTÀ DELLA CONVERSAZIONE


Ricaricarsi di energia e benessere all'Hotel Granbaita Dolomites di Selva di Val Gardena


Primavera, un periodo magico per ritrovare energia e benessere all’Hotel Granbaita Dolomites, raffinato 5 stelle di Selva di Val Gardena


Autunno di benessere e buona tavola all'Hotel Granbaita Dolomites di Selva di Val Gardena per godere lo straordinario spettacolo del Burning Dolomites


Arredamenti su misura Venezia- Falegnameria realizza di qualità


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Come averla vinta sui fornitori di trasporto delle merci, il libro di Paolo Brutti in una prestigiosa presentazione a Verona

Come averla vinta sui fornitori di trasporto delle merci, il libro di Paolo Brutti in una prestigiosa presentazione a Verona
Come averla vinta sui fornitori di trasporto delle merci, un libro che primo indaga i difficili rapporti tra i fornitori di trasporti di merci e le aziende clienti in Italia. Il suo autore, Paolo Brutti è consulente di negoziazione, formatore di manager e responsabili nel settore della logistica e dei trasporti e sagace ideatore del metodo di lavoro Farsi Strada. Verona (VR) - Un’assoluta novità nel panorama della letteratura imprenditoriale nazionale in un evento irrinunciabile. Come averla vinta sui fornitori di trasporto delle merci (Modena, TM Terra Marique, luglio 2022) di Paolo Brutti, che per primo indaga i difficili rapporti tra i fornitori di trasporti di merci e le aziende clienti in Italia, sarà presentato mercoledì 13 luglio alle ore 19 n (continua)

“Il destino decide per te”, nel memoir della Anzini il dramma della genitorialità negata

“Il destino decide per te”, nel memoir della Anzini il dramma della genitorialità negata
ROMA - Educare significa plasmare, modellare l'indole di un individuo secondo un disegno prestabilito, quasi "cera molle" tra le mani di un artigiano, oppure lasciarlo libero di svilupparsi secondo la propria natura, come una pianta frondosa? Può un incontro influenzare una persona a tal punto da renderla estranea alla famiglia in cui è cresciuta? E ancora: esiste il libero arbitrio oppure è il de (continua)

“Circe. Amore e guerra” di Marilena Vita incanta il pubblico della Biennale Light Art di Mantova

“Circe. Amore e guerra” di Marilena Vita incanta il pubblico della Biennale Light Art di Mantova
Domenica 29 maggio alle ore 21.30 la performance “Circe. Amore e guerra” di Marilena Vita ha incantato il pubblico della Biennale Light Art di Mantova. Mantova (MN) – Suggestione, passione e grandissima professionalità, gli ingredienti fondamentali della performance “Circe. Amore e guerra” di Marilena Vita alla Biennale Light Art di Mantova. L’evento, che ha riscosso un enorme successo di pubblico e di critica, è stato presentato domenica 29 maggio alle ore 21.30 all’interno di una cornice d’eccezione, il cortile quattrocentesco della Casa (continua)

People symbols: il nuovo piano di riqualificazione pittorica di Tommaso Chiappa

People symbols: il nuovo piano di riqualificazione pittorica di Tommaso Chiappa
Un progetto di riconversione urbana all’Istituto Comprensivo Renato Guttuso di Palermo Palermo (PA) - Il dialogo con la città ma soprattutto con i più giovani al centro di “People symbols”, l’ultimo progetto artistico di Tommaso Chiappa. L’Istituto Comprensivo Renato Guttuso, in via Galletti 78 a Palermo, diventa protagonista urbano grazie a un laboratorio che ha coinvolto alcuni studenti delle classi III A, III B, III D in uno straordinario piano di riqualificazione pittorica, (continua)

Circe alla Biennale Light Art di Mantova: l’amore e la guerra nell’inedita performance di Marilena Vita

Circe alla Biennale Light Art di Mantova: l’amore e la guerra nell’inedita performance di Marilena Vita
“Circe. Amore e guerra”, il site-specific dell’artista siracusana, sarà presentato sabato 28 maggio alle ore 21.30 nella Casa di Andrea Mantegna a Mantova. Mantova (MN). La luce è un’idea sociale alla Biennale Light Art di Mantova 2022. Nella splendida Casa di Andrea Mantegna, dal 27 maggio al 28 agosto, ventisei artisti di spessore internazionale si ispirano alla “ricerca contemporanea sulla Luce, tra Arte e Design”. Un confine sottile, questo, che permette di concepire fonti luminose e chiaroscuri come esperienze emotive e relazionali tra lu (continua)