Home > Libri > Eden, libro di Alessandro Cortese – recensione

Eden, libro di Alessandro Cortese – recensione

scritto da: Alessia Mocci | segnala un abuso

Eden, libro di Alessandro Cortese – recensione


 “ - Nostro fratello è finalmente giunto - fu mormorato. - Per sentire con che prontezza ci tradiremmo l’un l’altro- ribatté prontamente il nuovo entrato.  - Pur di salvare la congiura - aggiunse Ucobac, bevendo un sorso di vino. - La congiura… o noi stessi? - chiese Baldasar, avvicinandosi alla tavola. - Se venissimo scoperti, ognuno di noi venderebbe l’altro pur di guadagnare punizioni di favore. -Rimase qualche attimo in silenzio, guardandoli uno a uno, - Il Grande Padre sa - disse, rallegrandosi del terrore su ogni viso, […]

Una congiura contro il Grande Padre, l’ipotesi di tradimento da parte dei cospiratori per una sorta di salvezza che, in realtà, consiste in una pena minore. Ogni parola pronunciata genera una smisurata tensione causata dal timore di essere scoperti e, dunque, di ricevere la più atroce delle punizioni.

Eden”, edito nel Luglio del 2010 dalla casa editrice Arpanet, è la prima pubblicazione del promettente Alessandro Cortese (Messina, 1980). Diciotto capitoli di diversa estensione per un totale di 173 pagine, con una caratteristica tipografica di forte impatto visivo, in quanto l’opera è stata editata con lettere capitali; diciotto capitoli che trascinano il lettore in un fascinoso mondo al di fuori di parametri temporali e spaziali; diciotto capitoli nei quali si sviluppa una congiura da parte di tredici “entità” con il volto coperto da una maschera.

I tredici congiurati (Lucifero, Baldasar, Marchocias, Dagon, Forcas, Behemoth, Theutus, Ucobac, Utgin, Lievithan, Baphomet, Baar e Astaroth) sono animati dal bisogno d’essere liberi, dalla necessità di potersi mostrare come sono e non come il loro Creatore ha designato. Un sentimento di rivalsa e di auto affermazione concepibile per noi essere umani ma che per un angelo è un’imprudente innovazione di capacità di pensiero. Il Grande Padre è pericoloso, il Grande Padre non professa il perdono.

- Indifferenti! – Gridò uno. – Tutti indifferenti, voi… burattini inutili. Cosa ne sapete delle mani che vi muovono? Nulla, figli senza faccia, ed io mi chiedo … quali sono le domande che vi battono le menti? – Tradimento. La parola si fece strada nei pensieri di quelli che ascoltavano, con un’intensità sufficiente a richiamare lo scricchiolio d’un sussurrare sottilissimo.

Uno stile netto, ellittico, quasi teatrale. Le voci dei personaggi sono abilmente miscelate con la narratio che, sin dal primo capitolo, si presenta con toni altisonanti ed arcaici. Si intravedono facilmente tre segmenti strutturali portanti: il narratore, i dialoghi tra i vari personaggi ed una misteriosa voce extradiegetica che si frappone, come intermezzo di ragionamento sugli eventi accaduti, fra i diversi capitoli presenti nell’opera.

Attori siamo per il plauso roboante viviamo e recitiamo. Mascherati con noi stessi non abbiamo da mostrare che espressioni sempre uguali, siamo Amore oppure Amare. Attore sono, lo sono sempre stato, di sognare quello no, mai me l’ho vietato, e ora che vi osservo continuare a recitare rimpianti io non ho lasciandomi arrestare.

Eden”, primo episodio di una trilogia, il 21 dicembre del 2012 avrà il proprio seguito, “Ad Lucem” per la stessa casa editrice.

Vi lascio alcuni link utili per poter ordinare il libro in tutte le grandi librerie on line, e per esser aggiornati sulle novità di Alessandro Cortese:

http://www.arpabook.com/_SchedaLibri.asp?pagina=libri&categoria=narrativa&IDTitolo=985 

http://www.ibs.it/code/9788874260911/cortese-alessandro/eden.html

La Fanpage del romanzo su FaceBook è:

http://it-it.facebook.com/pages/Eden/10150148416165436

Booktrailer “Eden”:

http://www.youtube.com/watch?v=DCPm9cniOTs

Alessia Mocci

Responsabile dell’Ufficio Stampa di Alessandro Cortese

Fonte:

http://oubliettemagazine.com/2012/03/15/eden-libro-di-alessandro-cortese-recensione/

 


Fonte notizia: http://oubliettemagazine.com/2012/03/15/eden-libro-di-alessandro-cortese-recensione/


eden | alessandro cortese | eden recensione |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Alessia Mocci intervista Alessandro Cortese: ecco il romanzo La mafia nello zaino


Alla scoperta del Paradiso terrestre


In uscita il 21 dicembre Ad Lucem, sequel de Eden di Alessandro Cortese


Quarta edizione del Concorso Letterario Nazionale Oubliette 04


In scadenza la Quarta Edizione del Concorso nazionale Letterario Oubliette 04


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Silloge poetica “Pensieri”: la poesia di Teresa Stringa come rifugio sicuro

Silloge poetica “Pensieri”: la poesia di Teresa Stringa come rifugio sicuro
Teresa Stringa, poetessa, è figlia d’arte. La madre, infatti, è stata un’amante dell’arte poetica; mentre il padre, Ugo Stringa, è stato un valente pittore. Entrambi hanno trasferito alla figlia l’idea del contenuto valoriale proprio dell’arte, a completezza dell’esistenza; non solo perché rifugio sicuro e motivo di sollievo di fronte alle difficoltà della vita, ma quale mezzo espressivo della propria interiorità. “Tra le gambe della folla/ tanto orrore…/ E nella corale impotenza/ diventa vago il senso/ di appartenenza…”Pensieri, volume della poetessa Teresa Stringa, pubblicato da Tomarchio editore nel 2021, è custode di un mondo poetico di alto livello emozionale. Un mondo dove l’autrice, grazie alle sue liriche lievi, seppur intense, si mette a nudo sviscerando tematiche che sfiorano l’uomo e la sua (continua)

Alessia Mocci intervista Emanuele Martinuzzi: ecco la raccolta L’idioma del sale

Alessia Mocci intervista Emanuele Martinuzzi: ecco la raccolta L’idioma del sale
Emanuele Martinuzzi si interroga sul bisogno di poesia percependolo come un’urgenza. “L’idioma del sale”, edito dalla casa editrice Nulla Die, è un amalgama di parole, coesione di piccole poesie tracciate su qualsiasi supporto, cartaceo o digitale, in momenti diversi della giornata. Frasi dell’immediato, sentite riecheggiare nella mente e trascritte senza alcuno scopo letterario che, invece, a distanza di anni, sono diventate pagine di una silloge poetica. “Ogni piccola poesia che si scrive, anche poche parole distrattamente lasciate su un foglio, sono un’alleanza e una ricerca col senso nascosto delle cose. La storia di ognuno di noi diventa tangibile ogni volta che viene scritta, niente è veramente vissuto senza che il segno della scrittura porti l’esistenza ad una doppia esistenza.” – Emanuele Martinuzzi La poesia è alleanza e ricerca, il po (continua)

Alessia Mocci intervista Sergio Messere: ecco la raccolta Fibre di possibilità

Alessia Mocci intervista Sergio Messere: ecco la raccolta Fibre di possibilità
“Fibre di possibilità”, edito da LFA Publisher nel 2021, è suddiviso in sette capitoli che principiano con una tela od uno schizzo dell’artista Pietro Tavani. L’autore, Sergio Messere, diplomato in elettronica industriale lavora dal 1991 come tecnico di settore in un centro di coordinamento e supervisione di reti Mediaset ed altre emittenti private. Appassionato lettore di romanzi classici, paranormale e fantascienza, pratica running e si diletta in cucina. “Considero la poesia non propriamente una forma d’arte, quanto una “proto-arte”, in quanto è un qualcosa di profondamente viscerale che si origina nell’Uomo prima della nascita della scrittura e del linguaggio stesso. Cosa è scattato nel primo Uomo che ha sentito l’esigenza di commemorare i propri cari?” – Sergio MessereDomandarsi sull’origine, sia del pianeta Terra che ci ospita sia della na (continua)

Alessia Mocci intervista Alessandro Cortese: ecco il romanzo La mafia nello zaino

Alessia Mocci intervista Alessandro Cortese: ecco il romanzo La mafia nello zaino
“Ricordo che ero davanti la tivvù e che d’un tratto si interruppero le trasmissioni su tutti i canali. Ricordo la cronaca. Le scene dei film di guerra che erano però verità e non finzione. Io di quel pomeriggio mi ricordo tutto e lo conservo gelosamente… perché quell’evento ha contribuito a farmi diventare la persona che sono e io amo moltissimo la persona che sono. Se avessi mai scritto un r (continua)

Alessia Mocci intervista Teresa Stringa: ecco la silloge poetica Pensieri

Alessia Mocci intervista Teresa Stringa: ecco la silloge poetica Pensieri
L’autrice, Teresa Stringa, è nata nel 1960 e fin da piccola, sia per dote innata sia per influsso degli amati genitori (il padre pittore e la madre amante della poesia e delle lettere), ha manifestato attitudini di estrema sensibilità nella scrittura in ogni sua forma. Apprezzare la bellezza divenne uno stile di vita che ha portato avanti nonostante gli studi tecnici. “Quel tempo furioso/ mi vide distratta./ Il futuro era solo un profumo,/ e fremeva la vita/ che il mio sguardo/ non poteva fermare./ Poi arrivò lei/ impetuosa avversaria,/ schiacciava il volere/ e ogni azione fermò./ Così, dall’anima nuda/ ogni cosa riappare:/ tutti i miei ieri ritornano veri:/ sono inerme e sorpresa/ dello sbadato vissuto./ […]” – dalla lirica “Risveglio”“Pensieri” è una rac (continua)