Home > Spettacoli e TV > In scena al Teatro Serra di Napoli «Gaetano, favola anarchica» di Riccardo Pisani, con Nello Provenzano

In scena al Teatro Serra di Napoli «Gaetano, favola anarchica» di Riccardo Pisani, con Nello Provenzano

scritto da: Simona Pasquale | segnala un abuso

In scena al Teatro Serra di Napoli «Gaetano, favola anarchica» di Riccardo Pisani, con Nello Provenzano

Il Teatro Serra di Pietro Tammaro e Mauro Palumbo (Napoli, Via Diocleziano 316, adiacente l’Osservatorio Vesuviano) chiude, questa prima parte di stagione con «Gaetano, favola anarchica» di Riccardo Pisani, con Nello Provenzano, musiche originali di Lenny Pacelli, scenografie di Francesca Rota, una produzione Contestualmente Teatro. Le foto di scena sono di Luca Scarpati, Amanda Marie Annucci e Marco Gramignano. Spettacolo venerdì 8 e sabato 9 aprile (ore 21:00) e domenica 10 aprile (ore 18:00). Informazioni e prenotazioni: teatroserra@gmail.com, 347-8051793


Lo spettacolo ripercorre la storia di Gaetano Bresci, l'anarchico che il 29 luglio 1900, a Monza, uccise Umberto I, Re d’Italia. «Quella di Gaetano Bresci è una vicenda che mi ha sempre affascinato. Mi piace raccontare la società dal punto di vista di chi vive nella marginalità, ma la sua figura è anomala per il mondo anarchico del tempo» racconta il registra Riccardo Pisani. Mandato a undici anni a lavorare in una fabbrica tessile di Prato, la sua città natale Bresci entra, appena adolescente, a far parte dei circoli anarchici locali. Viene arrestato e, una volta rilasciato, emigra negli Stati Uniti dove continua la sua attività politica in stretto contatto con il mondo degli emigranti italiani, ma anche dei circoli culturali statunitensi. Quando riceve l’amnistia, torna in Italia e si unisce alle lotte per il pane per le quali si sono già consumate delle vere stragi di Stato in Sicilia, a Milano e in altri luoghi. Ma la sua storia non è solo questo: «Gaetano Bresci è anche bello, arrogante, ricercato nell’abbigliamento, si gode la vita e si concede lussi come una macchina fotografica. Un insieme di elementi che ha creato, intorno a lui, un mito – prosegue il regista. E proprio sul mito e la fiaba si fonda lo spettacolo, che intreccia la figura di Icaro e quella di Gianni Rodari, che con la sua favola A toccare il naso del re (in cui un bambino povero inizia per gioco, a toccare il naso di tutte le persone importanti del paese e parte poi per Roma, per toccare anche quello del Re. Quando ci riesce, tutti cominciano ad arrampicarsi sulla carrozza reale per fare lo stesso e il povero sovrano si ritrova impotente, con il naso arrossato e gocciolante. Un gesto semplice, è diventato motore di eguaglianza e spinta rivoluzionaria) offre lo spunto narrativo della messa in scena – Volevo evitare di rivolgermi solo a chi è già sensibile ad argomenti politici e sociali utilizzando un linguaggio troppo specialistico. Il centenario di Rodari ha offerto lo spunto per rileggere alcuni suoi testi e, nella raccolta Favole al telefono, ho trovato questa favola che presentava molte analogie con la storia del nostro protagonista e, in generale, con quella di numerosi anarchici del tempo». 

 

In scena un giovane artigiano, nella sua officina, rivive i momenti salienti della storia del Bresci come il processo che all’epoca, per la condotta sprezzante dell’imputato, fece molto scalpore, ma in chiave fabulistica con un linguaggio allo stesso tempo politico e onirico che, come ne La fattoria degli animali di George Orwell, gioca sulla metafora dei maiali/classe dominante per rappresentare i giudici e la borghesia del tempo. L'idealismo del personaggio si manifesta nella sua personale lettura dei miti greci tra i quali spicca il personaggio di Icaro, il ragazzo che non ebbe paura di toccare il sole e con il quale si identifica. Bresci è un nuovo Icaro, e mentre racconta la vicenda, immerso in un loop fisico e sonoro, costruisce delle ali per un manichino, dell'età di un ragazzino, l'unico suo compagno di scena. Regalargli le ali è come tramandare la scintilla rivoluzionaria e perpetuare un ideale. La musica originale, un'unica traccia, fa da colonna sonora e accompagna i diversi momenti narrativi, facendo immergere lo spettatore nel mondo di Bresci e in quello del lavoro dell'officina. Una cruda sirena è l'unico altro suono che con terribile precisione scandisce il tempo del reale. Nella realtà Gaetano Bresci sarà condannato all’ergastolo e trovato morto suicida, in circostanze sospette, nel carcere di Santo Stefano, il 22 maggio 1901; ma come in ogni favola alla fine c’è una “morale” e Gaetano, che ormai ha compiuto la propria opera, esorta tutti a ridestarsi dal torpore e ad agire, a toccare i nasi, e così facendo abbattere ogni distanza, diventando il simbolo dell’uomo che sceglie di agire facendosi carico delle sofferenze altrui e accettando con limpida consapevolezza le conseguenze del suo sacrificio, affinché ognuno possa finalmente saltare sulla carrozza del proprio Re, tirargli il naso senza dargli un attimo di tregua, e riscattare la propria libertà affrancandosi dalla schiavitù e dalle miserie figlie del potere. 

 

Contestualmente Teatro è una compagnia teatrale napoletana indipendente e autoprodotta fondata nel 2015 e diretta da Riccardo Pisani. Nel nostro lavoro ci occupiamo sia di produzione scenica che di percorsi di formazione. Con i nostri spettacoli siamo stati vincitori della prima edizione del bando GUEST indetto dal Nuovo Teatro Sanità; semifinalisti per la XV edizione del premio teatrale Dante Cappelletti; finalisti per la XXI edizione del premio di regia Fantasio; finalisti del concorso “Alla ricerca del tempo vissuto”, dedicato all’opera del drammaturgo e regista Gennaro Vitiello e finalisti del concorso “L’arte è una menzogna”, organizzato dal teatro TRAM di Napoli, e con lo stesso lavoro siamo stati finalisti per il concorso “Corto d’opera” ad Aprilia. 

 

Riccardo Pisani regista e fondatore della compagnia Contestualmente Teatro, da anni si occupa di produzione scenica e di percorsi di ricerca teatrale. Dopo una formazione eterogenea prima come attore e performer circense, e poi come aiuto regia (lavora in diverse produzioni dirette sia da Pino Carbone che da Sarasole Notarbartolo) dal 2015 inizia a sviluppare i propri lavori teatrali, firmando le regie della propria compagnia. 

 

Nello Provenzano si forma con Renato Carpentieri. Vince con il monologo “Marocco”, cinque premi, di cui uno come miglior attore. È tra i protagonisti di “Nasza Klasa”, regia di Massimiliano Rossi. Dal 2016 entra stabilmente a far parte della compagnia svizzera VXX ZWEETZ di Alan Alpenfelt. Con “Metastasis”, del compositore internazionale Gabriele Marangoni, prende parte al progetto di Carmelo Rifici “Lingua Madre”, vincitore del premio Hystrio2021-digital stage e premio speciale UBU 2021. Infine collabora attivamente nei progetti scenici di Contestualmente Teatro. 

 

Teatro Serra: Via Diocleziano n.316 (80125) Napoli (adiacente l’Osservatorio Vesuviano); Informazioni e prenotazioniteatroserra@gmail.com, 347.8051793 – 320.3348355; Ufficio Stampa: Simona Pasqualesimona.pasquale@gmail.com, 334.3224441; 


Fonte notizia: https://www.facebook.com/teatroserra/


teatro | teatro serra | Napoli |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il nuovo album di Adriano Doronzo Favole Colorate, dal 5 marzo.


Finale della I edizione del "Premio Serra - Campi Flegrei"


Intervista a Davide Serra, CEO del Fondo Algebris e speaker all’evento FinTechStage di Milano


STABAT MATER


- Campania Palcoscenico del 4° Gran Premio Teatro Amatoriale FITA Stagione artistica 2018. (Inoltrato da Antonio Castaldo)


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

“Ventidue” il racconto a tappe dei progetti di comunità del programma di Procida Capitale Italiana della Cultura. Prossima pubblicazione, mercoledì 22 giugno

“Ventidue” il racconto a tappe dei progetti di comunità del programma di Procida Capitale Italiana della Cultura. Prossima pubblicazione, mercoledì 22 giugno
Seconda tappa di “Ventidue” l’iniziativa editoriale promossa dall’Amministrazione Comunale di Procida e dal board esecutivo di Procida Capitale Italiana della Cultura 2022. Il racconto di un anno irripetibile attraverso i progetti di comunità. Prossima pubblicazione, mercoledì 22 giugno, alle 20:22 “Ventidue” il racconto a tappe dei progetti di comunità del programma di Procida Capitale Italiana della Cultura. Prossima pubblicazione, mercoledì 22 giugno Il passato recente di Procida e i suoi molteplici intrecci di storie e di lino, è al centro di “Fili d’ombra, fili di luce” il secondo mockumentary del ciclo “Ventidue” il viaggio nei progetti di comunità, le ini (continua)

Tempo di Archè

Tempo di Archè
Personale di Raffaele Boemio alla galleria FrameArsArtes di Napoli. Vernissage 10 giugno 2022, ore 19:30 Materia in divenire, forme ispirate alla Natura, al suo potere maieutico, contrapposto alla condizione umana perennemente in bilico tra costrizione ed elevazione, semanticamente sempre dentro una “trappola maieutica”.  È il filo rosso della mostra Tempo di Archè la personale di Raffalele Boemio, a cura di Domenico Natale, alla Galleria FrameArsArtes di  (continua)

Terminate le audizioni della seconda edizione del “Premio Serra – Campi Flegrei”. Finale il 3 ottobre

Terminate le audizioni della seconda edizione del “Premio Serra – Campi Flegrei”. Finale il 3 ottobre
Si sono ufficialmente concluse le audizioni del “Premio Serra – Campi Flegrei” alla vocazione teatrale nella disciplina del monologo, indetto dal Teatro Serra di Napoli (Via Diocleziano 316, adiacente all’Osservatorio Vesuviano).Settantanove i partecipati a questa seconda edizione caratterizzata dall’alto livello dei candidati, proveniente da tutta Italia e dalla significativa (continua)

“Ventidue” la nuova iniziativa editoriale per raccontare l’anno da Capitale Italiana della Cultura.

“Ventidue” la nuova iniziativa editoriale per raccontare l’anno da Capitale Italiana della Cultura.
Prima pubblicazione, domenica 22 maggio. “Ventidue”, come questo anno straordinario che stiamo vivendo. È il nuovo progetto editoriale di Procida TV e Nuvola TV, promosso dal Comune di Procida e dal board esecutivo di Procida Capitale Italiana della Cultura. Un ciclo di racconti, ispirati ai Progetti di Comunità scelti ed accolti nel dossier, oltre che nel programma degli eventi culturali, per la l (continua)

Fluxus – Arte Totale

Fluxus – Arte Totale
Vernissage 13 maggio 2022, ore 19:30. FrameArsArtes – Corso Vittorio Emanuele, 525 – Napoli In occasione del ’60 anniversario della nascita di Fluxus, FrameArsArtes e Pari&Dispari- Archivio, propongono la mostra FLUXUS - ARTE TOTALE.  Il movimento internazionale Fluxus, promosso da George Maciunas, nasce nel 1962 anni con il Fluxus Internationale Festspiele Neuester Musik di Wiesbaden del 1962, rivoluzionando il linguaggio dell’arte e fondendo le istanze (continua)