Home > Cultura > Nuovo incontro da remoto organizzato dal Circolo Culturale “L’Agorà” sul tema “La grotta della Monaca di Sant’Agata di Esaro”

Nuovo incontro da remoto organizzato dal Circolo Culturale “L’Agorà” sul tema “La grotta della Monaca di Sant’Agata di Esaro”

scritto da: Circoloculturalelagora | segnala un abuso

Nuovo incontro da remoto organizzato dal Circolo Culturale “L’Agorà” sul tema “La grotta della Monaca di Sant’Agata di Esaro”

La grotta della Monaca di Sant’Agata di Esaro è una cavità carsica ubicata sulla sinistra idrografica dell’alta valle del fiume Esaro, che divide i Monti dell’Orsomarso, a Nord, dalla Catena Costiera, a Sud. Si tratta di un “geo sito” , di grande valenza archeologica, solo parzialmente esplorato.


Il prossimo 29 aprile sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, sarà disponibile la conversazione organizzata dal Circolo Culturale “L’Agorà” sul tema “La grotta della Monaca di Sant’Agata di Esaro”. La giornata di studi, organizzata dal sodalizio organizzatore reggino, rappresenta l’inizio di una collaborazione culturale con il Centro Regionale di Speleologia “Enzo dei Medici”.Il Comune di Sant’Agata di Esaro è ubicato su una rupe, a picco sul fiume Esaro, a 461 metri s.l.m., a 78 km. da Cosenza, a 22 km. dal Mar Tirreno, tutta circondata da catene montuose dell'Appennino Calabrese, che si estendono a forma di diadema, solcate da torrenti, affluenti dell'Esaro. La Grotta della Monaca è una cavità carsica ubicata sulla sinistra idrografica dell’alta valle del fiume Esaro, che divide i Monti dell’Orsomarso, a Nord, dalla Catena Costiera, a Sud. Citata da varie fonti sin dalla metà dell’Ottocento, è formata da ambienti sotterranei molto vari sotto il profilo morfologico e volumetrico.  Il suo nome deriva dalla presenza di una curiosa concrezione di calcite, dalle sembianze antropomorfe, in cui la tradizione popolare ha sempre riconosciuto la figura di una monaca. La maggiore caratteristica della grotta consiste nel contenere ricchi depositi di minerali di ferro (goethite e lepidocrocite) e rame (malachite e azzurrite), che hanno attratto sin dalla Preistoria l’attenzione dell’uomo.  L’ampio imbocco immette in una condotta invasa al suolo da possenti macigni di crollo (Pregrotta), nei cui interstizi esistono opere artificiali ascrivibili a lavori minerari per l’estrazione degli idrossidi di ferro, di cui la cavità è ricca. Un secondo vasto ambiente è la Sala dei pipistrelli, enorme vuoto ipogeo lungo 60 metri e largo 30, ospitante una nutrita colonia di chirotteri. I Cunicoli terminali, infine, si internano nelle masse rocciose con ambienti al limite della praticabilità umana, costringendo a procedere carponi e, spesso, strisciando. La grotta presenta, oltre alle anzidette mineralizzazioni ferrose, anche affioramenti di minerali cupriferi. Il maestoso iingresso della Grotta della Monaca risulta visibile dal fondovalle, come un gigantesco occhio nero. Questo ampio squarcio nella roccia, che suscita naturalmente un senso di mistero e curiosità, dovette attrarre l’attenzione dei primi gruppi umani che frequentarono a più riprese la vallata percorsa dalle fresche acque dell’Esaro.Queste alcune delle cifre che saranno oggetto di analisi da parte della dott.ssa Antonella Laino. Archeologa e speleologa, attualmente specializzanda in Archeologia Classica presso la Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici dell’Università degli Studi della Basilicata con sede a Matera. Tenuto conto dei protocolli di sicurezza anti-contagio e dei risultati altalenanti della pandemia di COVID 19 e nel rispetto delle norme del DPCM del 24 ottobre 2020 la conversazione sarà disponibile, sulle varie piattaforme dei Social Network presenti nella rete, a far data da venerdì 29 aprile.  


Fonte notizia: http://www.circoloculturalelagora.it/


Grotta della Monaca | Sant Agata D Esaro | Parco Nazionale del Pollino | Cosenza | Provincia di Cosenza | Preistoria | scavo archeologico | speleo-archeologia | Passo dello Scalone | fiume Esaro | Centro Regionale di Speleologia “Enzo dei Medici” | Reggio Calabr |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Reggio Calabria: Il Circolo Culturale “L’Agorà” apre l’anno con una mostra virtuale dedicata a Fabrizio De André.


Il monumento di Biagio Camagna e la memoria storica cittadina


Un anno di colore


Reggio Calabria: Il Circolo Culturale “L’Agorà” organizza una mostra virtuale dedicata al Mito.


IL SONORO RITORNO DELLA FESTA DI SANT'ANTUONO A MACERATA CAMPANIA IN PROVINCIA DI CASERTA: di Antonio Castaldo


NAPOLI CITTÀ DELLA CONVERSAZIONE


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Figure della DC reggina nelle vicende per Reggio Capoluogo

Figure della DC reggina nelle vicende per Reggio Capoluogo
Venerdì 1° luglio il Circolo Culturale “L’Agorà” organizza la prima di una serie di conversazioni sulla Rivolta che faranno parte del nuovo programma sui Moti del 1970. L’iniziativa, in argomento per l’intero mese di luglio, prevede una serie di conversazioni che coinvolgeranno studiosi, protagonisti di diversa provenienza che ricorderanno fatti, circostanze, storie di uomini, di quelle circostanze storiche che coinvolsero l’intero territorio. Il prossimo 1° luglio sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, sarà disponibile la conversazione, organizzata dal Circolo Culturale “L’Agorà”, sul tema “Figure della DC reggina nelle vicende per Reggio Capoluogo”. La conversazione organizzata dal sodalizio culturale reggino è la prima di una serie di conversazioni sulla Rivolta che faranno parte del nuovo programma sui Mot (continua)

Il Circolo Culturale “L’Agorà” organizza una conversazione sul tema “1922-2022: nel centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini”

Il Circolo Culturale “L’Agorà” organizza una conversazione sul tema “1922-2022: nel centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini”
Pier Paolo Pasolini (Bologna 5 marzo 1922 – Roma 2 novembre 1975) è tra le personalità più rappresentative del Novecento italiano. Un intellettuale eclettico che si è messo alla prova in diversi campi – dalla scrittura al cinema, alla musica e alla pittura – e che oggi viene ricordato soprattutto per il suo pensiero controcorrente e la dura critica rivolta alla società capitalista, oltre che per lo spazio riservato agli ultimi della società. Venerdì 24 giugno sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, sarà disponibile la conversazione relativa al tema “1922-2022: nel centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini”, con il patrocinio della Città Metropolitana di Bologna. Pier Paolo Pasolini nasce il 5 marzo del 1922 a Bologna. Primogenito di Carlo Alberto Pasolini, tenente di fanteria, e di Susanna Colussi, maest (continua)

Il monumento di Biagio Camagna e la memoria storica cittadina

Il monumento di Biagio Camagna e la memoria storica cittadina
Quest’anno ricorre il centenario della morte dell’Onorevole Biagio Camagna, il cui decesso si verificò il 29 luglio del 1922 presso la propria abitazione, sita nell’allora rione Romano. Il Circolo Culturale “L’Agorà” ne ricorda la figura ed anche la petizione popolare ideata proprio dal sodalizio reggino, sostenuta da un migliaio di cittadini reggini, denominata "Un posto per Camagna" Il Circolo Culturale “L’Agorà”, come da intenti statutari rivolge particolare attenzione al recupero ed alla valorizzazione della memoria storica del territorio, come da sempre ed istituzionalmente organizzato, ed i rapporti tra storia locale (microstoria) e gli eventi inseriti in una sfera più ampia (macrostoria). Questo percorso, in funzione della ricerca e della cultura è, da sempre consul (continua)

L’Agorà ed il centenario della nascita di Vittorio Gassman

 L’Agorà ed il centenario della nascita di Vittorio Gassman
Con il patrocinio del Comune di Genova e della Città Metropolitana di Genova, il prossimo 17 giugno sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, sarà disponibile la conversazione relativa alla conversazione sul tema “1922-2022: nel centenario della nascita di Vittorio Gassman”, a cura del Circolo Culturale “L’Agorà”. Il motivo della conferenza, organizzata dal sodalizio culturale reggino, si basa su un’idea indirizzata a gettare le basi di un ponte culturale tra i territori in quanto si registra la presenza del giovane Vittorio Gasmann nella provincia reggina. Infatti all’età  di 5 anni visse un anno a Palmi, (provincia di Reggio Calabria), dove il padre era impegnato nella costruzione di una nuova area abitativa, denominata “Ferrobeten”. Il prossimo 17 giugno sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, sarà disponibile la conversazione, organizzata dal Circolo Culturale “L’Agorà”, sul tema “1922-2022: nel centenario della nascita di Vittorio Gassman”, con il patrocinio del Comune di Genova e della Città Metropolitana di Genova. Il motivo della conferenza, organizzata dal sodalizio culturale reggino, si basa su (continua)

L’Agorà ed il centenario della nascita di Ugo Tognazzi

L’Agorà ed il centenario della nascita di Ugo Tognazzi
Con il patrocinio dell’Amministrazione Provinciale di Cremona, il prossimo 10 giugno sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, sarà disponibile la conversazione relativa alla conversazione sul tema “1922-2022: nel centenario della nascita di Ugo Tognazzi”, a cura delCircolo Culturale “L’Agorà”. Ugo Tognazzi (Cremona, 23 marzo 1922 – Roma, 27 ottobre 1990) è stato un attore, regista conduttore televisivo e radiofonico, comico e sceneggiatore italiano è considerato uno dei volti più importanti della commedia alla italiana, insieme ad Alberto Sordi, Vittorio Gassman, Nino Manfredi, Marcello Mastroianni, Monica Vitti e Mariangela Melato. Il prossimo 10 giugno sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, sarà disponibile la conversazione, organizzata dal Circolo Culturale “L’Agorà”, sul tema “1922-2022: nel centenario della nascita di Ugo Tognazzi”, con il patrocinio dell’Amministrazione Provinciale di Cremona. Ugo Tognazzi (Cremona, 23 marzo 1922 – Roma, 27 ottobre 1990) è stato un attore, regista condutto (continua)