Home > Cultura > Luis Althusser: Osservazioni dall’abisso

Luis Althusser: Osservazioni dall’abisso

scritto da: UFFICIO STAMPA SALVATORE GURRADO | segnala un abuso

Luis Althusser: Osservazioni dall’abisso


Luis Althusser: Osservazioni dall’abisso

                         “Un uomo morto da vivo”

Salvatore  Gurrado ; “Ricordando Luis Althusser “desaparecido”   (né morto , né vivo).

Ricordo che avevo appena finito il mio ciclo di Laurea: “all’Università Statale degli Studi di Milano”, con Giulio Giorello docente di filosofia della scienza, e C  orrado Sinigaglia  docente di Epistemologia. Mi ero iscritto al mio primo Congresso di Filosofia e Scrittura , seguendo il consiglio dei due Mentori della mia Laurea . Lessi in facoltà del suicidio di Luis Althusser , della sua morte, della sua follia. La lucidità mentale  del filosofo francese, che ripropone  nella rilettura di Marx  in “Leggere il Capitale”,  si era infine tradotto in un urlo disperato, verso il rifiuto dell’esistenza, un percorso solitario verso il nulla. Fin dai primi mesi  “Post-Laurea” in filosofia, feci un ampia dissertazione sullo statuto di una nuova  filosofia della liberazione, cercando di capire il ruolo dell’epistemologia nello statuto delle scienze primarie,analizzando i fenomeni storici  della scienza ed epistemologia come il “Verificazionismo” cominciato con Carnap e il “Circolo di Vienna,  fino alla sua massima espressione con il Filosofo di origine ebree, “ Ludwig Wittgenstein”, passando naturalmente presso  il Falsificazionismo inaugurato in maniera aurorale da K.Popper.  Da molto tempo ero alla ricerca di fondare uno statuto epistemologico della psicoanalisi, severamente messo in causa da K.Popper. Secondo l’epistemologo austriaco, la psicoanalisi e il marxismo non possono essere considerate scienze , ma bensì pseudo scienze, perché non risultano falsificabili. Mi iscrissi al Congresso di Filosofia, sulla scrittura e autobiografie dell’abisso, per tentare di comprendere la tragedia  umana accaduta a Luis Althusser, il filosofo francese era stato una delle figure di maggior spicco della cultura parigina, assieme a Foucault e Lacan. Althusser però rispetto a Foucault e Lacan era politicamente impegnato, iscritto nel 1948 al P.C.F. (partito.comunista.francese.). Luis Althusser diventa assistente presso l’Ecolè Normale di Parigi, dal (1948-1980), dovette interrompere più volte la sua carriera professionale a causa di una serie di ricoveri in clinica psichiatrica, essendo affetto da gravi disturbi mentali. In seguito all’uxoricidio, da lui compiuto nel 1980, Althusser uccise , strangolandola con le sue mani, la moglie Helene Rytmann. Il processo però non ebbe mai luogo, l’autorità giudiziaria francese , dichiarò il “non luogo a procedere”, ritenendo il filosofo francese incapace di intendere e di volere al momento del fatto. E come se egli avesse condotto una “doppia” esistenza; da un lato il filosofo e maestro apprezzato docente all’<<Ecole Normale Superieure>> di Parigi, dall’altro un grave malato di mente, affetto da una psicosi “atipica” (come diagnosticato dal suo terapeuta Rene Diatkine), caratterizzata da fasi melanconiche che lasciavano posto a quell’euforia morbosa e incontenibile, che gli psichiatri chiamavano mania; manifestazioni che si accompagnano per sua stessa ammissione , a deliri e allucinazioni non precisate, verosimilmente responsabili dell’atipicità del quadro morboso. I due scritti autobiografici che ho analizzato nel corso del post- congresso, sono stati il frutto di una ricerca meticolosa, e rinvenuti fra le carte  del filosofo francese, dopo la sua morte. Secondo le fonti ufficiali, (media, stampa francese) il filosofo sarebbe morto dopo una lunga malattia a 72 anni ,presso Istituto geriatrico dove era ricoverato, ma fonti non ufficiali forse per tenere salda la reputazione dell’Istituto Ospedaliero francese dove era ricoverato Althusser , affermerebbero che il filosofo francese sia morto suicida. Gli scritti verranno pubblicati postumi sia a Parigi, che in Italia nel 1992 a cura di Olivier Corpet, e Yann Moulier Boutang. L’avvenire dura a lungo(1985) è stato redatto circa tre mesi e a distanza di cinque anni dall’uxoricidio del fatidico 16 Novembre  del 1980. Già il discorso autobiografico, si mostrava come una palese profonda malattia dello spirito, alternandola con la capacità di comprensione dell’autore, e l’ordine della sua narrazione. L’opera che mi ha interessato “L’avvenire dura a lungo” è ancora oggi da considerarsi un documento umano enigmatico nella sua ambiguità, un intensità psicologica e psicopatologica, pagine conturbanti, che conducono il filosofo in una spirale della livida narrazione. Senza dubbio questa lettura come poche opere letterarie e filosofiche, lasciano il segno durevole nel lettore. Il risultato al quale il filosofo francese prende di mira, nell’avvenire dura a lungo, è un apologia a posteriori, finalizzato alla conduzione “alle soglie della sopravvivenza e della vita stessa”. La sua autobiografia apre una testimonianza dolente, a tratti correlati da una tristezza patibolare. Scrivendo l’autobiografia, l’autore tenta di emergere da un abisso nel quale era precipitato da un’altezza esaltata e temeraria, scarsamente consapevole e per nulla padroneggiabile. Althusser non era nuovo a precipizi, a partire dall’esperienza della prigionia in Germania, era solito cadere in gravi “depressioni” abissali. Se la legge lo ha “annichilito”, lo ha posto nel nulla, nella posizione del “disperso” del “Desaparecido” né morto , né vivo. Dopo tante peripezie tragiche, un lieto fine, una guarigione , una commedia drammatica o di un “dramma lirico”. Alla fine uno spiraglio di consapevolezza d’eccezione. Egli dichiara di aver imparato ad amare, il che significa evitare “esagerazioni” morbose della follia. Scrive Althusser: Ho sessantasette anni, ma mi sento finalmente-io- che non ho mai avuto giovinezza perché non sono mai stato amato per me stesso, giovane come non mai.

“Si in questo modo L’avvenire dura a Lungo”.

 

Articolo a cura di Salvatore Gurrado:

 Laurea in filosofia presso l’ Università  Statale degli Studi di Milano, dissertazione sulla filosofia del linguaggio, psicoanalisi. Il seguente articolo è frutto di una elaborazione Congressuale di Filosofia,  nell’ambito di ricerche complesse sulla natura della ragione  in merito alla figura controversa del Filosofo Luis Althusser.

cultura | filosofia | letteratura | parigi | filosofia dell avvenire |



 

Potrebbe anche interessarti

Fabrizio Palenzona (Adr): Sono tanti i volti noti che capita di incontrare al Leonardo da Vinci.


Unità di Produzione "ABISSO" LP 2018


Intervista di Alessia Mocci a Cristina Zaltieri: vi presentiamo “Spinoza e la storia”


-Mariglianella, Giunta Comunale delibera sulle osservazioni al PUC.


Alessia Mocci intervista Emanuele Martinuzzi: ecco la raccolta L’idioma del sale


Inferno: oltre l'abisso


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Insonnia della Parola tratto (Metamorfosi dei Sensi)

Insonnia della Parola tratto (Metamorfosi dei Sensi)
Insonnia della Parola , come dice Salvatore Gurrado tutto il male muore d'amore                        Recensione del libro Metamorfosi dei Sensi                               Dalla redazione Ufficio Stampa di Salvatore Gurrado (uno dei collaboratori)    (continua)

Severino e il nichilismo di Salvatore Gurrado

Severino e il nichilismo di Salvatore Gurrado
Emanuele Severino il filosofo della distruzione di ogni regola Emanuele Severino (Brescia, 26 febbraio 1929) è un filosofo, accademico,Il padre era un militare di carriera siciliano originario di Mineo trasferitosi a Brescia, mentre la madre era una bresciana di Bovegno in alta Val Trompia.[2] Si laurea all'Università di Pavia nel 1950, come alunno dell'Almo Collegio Borromeo, discutendo una tesi su Heidegger e la metafisica sotto la supervisione di Gust (continua)

Alda Merini "la poetessa dei navigli" di Salvatore Gurrado

 Alda Merini
Poesia L'arte di vivere attraverso una pazzia saggia                         Alda Merini : la poetessa dei Navigli             “Più bella della poesia è stata la mia vita”Alda Merini all'anagrafe Alda Giuseppina Angela Merini (Milano, 21 marzo 1931 – Milano, 1º novembre 2009) è stata una poetessa, aforista e scrittrice italiana (continua)

Ludwig Wittgenstein "Un maestro del Pensiero contemporaneo" di Salvatore Gurrado

Ludwig Wittgenstein
di Salvatore Gurrado dissertazione su Ludwig Wittgenstein un maestro della filosofia del linguaggio Ludwig Wittgenstein                      “Un maestro del pensiero Contemporaneo” Ludwig Wittgenstein nacque a Vienna il 26 aprile del 1889. La famiglia Wittgenstein era emigrata in Austria dalla Sassonia. È di origine ebraica. Il nonno di Ludwig e si era convertito dalla religione ebrai (continua)

Oscar Wilde intervista Salvatore Gurrado(Poeta filosofo) e autore del libro Metamorfosi dei Sensi

Oscar Wilde intervista Salvatore Gurrado(Poeta filosofo) e autore del libro Metamorfosi dei Sensi
Interviste Impossibili. abbiamo intervistato Salvatore Gurrado Intervista a Salvatore Gurrado                    Sul libro Metamorfosi dei Sensi              Oscar Wilde( giornalista) incontra Salvatore Gurrado (autore del libro) Oscar Wilde: Come va il suo ultimo libro di poesia? Metamorfosi dei S (continua)