Home > Ambiente e salute > Medicina – Con il cancro i chirurghi non devono ‘scherzare’…

Medicina – Con il cancro i chirurghi non devono ‘scherzare’…

scritto da: Stefanoligorio | segnala un abuso

Medicina – Con il cancro i chirurghi non devono ‘scherzare’…

Con il cancro non si deve perdere tempo…


null

A che serve parlare in ambito nazionale, e internazionale, di prevenzione, e di diagnosi precoce, del cancro, se poi, ai fatti, una volta ricevuta la diagnosi, e finanche la precisa indicazione all’intervento, si assiste, congiuntamente, a delle lunghe liste d’attesa per l’esecuzione dello stesso?

A che serve, dunque, lasciare che in tal periodo (che a volte può trattarsi di diverse settimane finanche di qualche mese) il cancro continui a crescere, a evolversi, e magari anche a iniziare a dare metastasi a distanza, per poi tentare di rimuove con l’intervento tardivo (semmai alla data fissata sarà più possibile eseguirlo, si, infatti nella comune pratica, a volte, capita anche questo, ovvero che la neoplasia, nel frattempo, sia divenuta troppo grande o troppo complicata da operare), e/o tentare di ridurre con l’ancora eventuale e più tardiva terapia radio-chemioterapica (si perché anche per questa ci sono discreti tempi di attesa) ciò che fino a poco prima si è lasciato, lungamente, continuare a crescere del tutto indisturbato?

Come si può conciliare tutto ciò?

In quale modo il sistema sanitario nazionale vorrebbe dare logica a ciò che, con evidenza, logica non ha e che non potrebbe mai minimamente avere?

Come si può, a fronte dell’evidenza scientifica in materia oncologica, continuare ad adottare simili incongrui protocolli, lasciando al caotico territorio di interesse di attuare regole in materia, non essendo, taluni distretti ASL (specie nel meridione), nemmeno in grado di far fronte a ciò che è routinario, figurarsi ciò che esige urgenza?

C’è, dunque, bisogno di cambiare alcune regole in materia, e di fissarle con maggiore precisione, ideando uno specifico canale preferenziale di urgenza, sempre e comunque, per chiunque abbia ricevuto una diagnosi di cancro, il quale lo si ribadisce -se operabile- va operato subito!!! qualunque esso sia, in qualunque organo si trovi!!!

Con il cancro non si deve minimamente ‘scherzare’, e nei limiti del possibile (del vero ‘possibile’…, non di inutili chiacchiere…), non gli si deve lasciare neanche un giorno di vita in più del dovuto e del necessario.

Esso dev’essere visto come il nemico per eccellenza, difatti a parte altri casi acuti (come infarti, aneurismi, e via dicendo), i quali richiedono ancor più urgenza immediata del cancro, questi, dev’essere posto, nella linea delle urgenze operatorie, subito dopo, senza alcuna eccezione di sorta.

***

Leggi anche:

Utili e pratici consigli su come prevenire davvero il cancro.

Utili e pratici consigli su come affrontare il cancro.

Medicina – Utili consigli su come mantenere una buona salute e su come prevenire o affrontare il cancro.

***

Altri articoli sul tema li trovi anche qui.

N.B. Stefano Ligorio, in ambito di tematiche mediche, è anche autore di un libro dal titolo: ‘La Strana Malattia: Come prevenire, diagnosticare, e curare, l’ansia (ansia sociale, ansia generalizzata e ansia somatizzata) e la depressione (depressione maggiore e depressione cronica -distimia)’, ma anche di: ‘Il Cancro -Vademecum- (Guida Pratica alla Prevenzione e alla Cura del Tumore Maligno)’.

Stefano Ligorio


Fonte notizia: https://medicinaescienza.wordpress.com/2020/11/21/con-il-cancro-i-chirurghi-non-devono-scherzare/


cancro | tumore maligno | salute | benessere | medicina | come prevenire il cancro | come curare il cancro | chemioterapia | radioterapia | chirurgia oncologica | oncologia | prevenzione | dieta |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Convegno Internazionale sul Cancro al Seno nelle Donne Migranti Latinoamericane in Italia al Teatro Agorà.


Congresso ASH 2017: Edoxaban efficace nel trattamento TEV pazienti oncologici


Pandemia diabete: è emergenza. I pazienti non possono più aspettare


Cancro al polmone: trastuzumab deruxtecan ha dimostrato una risposta tumorale robusta e duratura nel 54,9% dei pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico con mutazione HER2


ESMO2020: presentati i risultati di fase I di Patritumab Deruxtecan


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Medicina e Riflessioni – L’importanza della psicologia applicata…

Medicina e Riflessioni – L’importanza della psicologia applicata…
L’importanza della psicologia applicata… Temo che l’umanità tutta, perché generalmente misera e sterile in ciò che è ‘essenza e sostanza delle cose‘, non arriverà mai a comprendere, a pieno, il valore dell’infinita altezza, profondità, e larghezza, di ciò che è vera interiorità e vera consapevolezza del sé…In tal senso, la psicologia dovrebbe essere una ‘materia’ sempre più promossa in ogni ambito sociale e sanitario iniziando finanche d (continua)

(Medicina in breve) – L’importanza dell’assunzione di frutta selvatica nella propria dieta.

(Medicina in breve) – L’importanza dell’assunzione di frutta selvatica nella propria dieta.
Frutta selvatica nella propria dieta. Tutti noi, in genere, per quanto nella nostra dieta tendiamo a variare nella scelta diversificata delle verdure, ovvero assumendone diverse tipologie, per quanto riguarda la frutta, invece, abbiamo la malsana tendenza a cibarci sempre degli stessi frutti (stagionali e non), banane, mele, pere e via dicendo.Bisognerebbe, dunque, avere molta più fantasia anche nella scelta diversificata de (continua)

(brevi note su legge e diritto) – Nel reato di falsa testimonianza parte offesa è unicamente lo Stato-collettività.

(brevi note su legge e diritto) – Nel reato di falsa testimonianza parte offesa è unicamente lo Stato-collettività.
Nel delitto di falsa testimonianza (art. 372 c.p.) parte offesa è lo Stato-collettività. La Cassazione pen. n. 15200/2011 ha statuito che: “Nel delitto di falsa testimonianza il bene giuridico protetto è quello del normale svolgimento dell’attività giudiziaria, sicché il soggetto passivo del reato è soltanto lo Stato-collettività e non la persona che subisca eventuali danni risarcibili in sede civile. Ne consegue che il privato denunciante non è legittima (continua)

(brevi note su legge e diritto) – Ai fini della configurabilità del reato di cui all’art. 319-ter c.p. è ‘atto giudiziario’ anche l’atto, funzionale a un procedimento giudiziario, del funzionario di cancelleria.

(brevi note su legge e diritto) – Ai fini della configurabilità del reato di cui all’art. 319-ter c.p. è ‘atto giudiziario’ anche l’atto, funzionale a un procedimento giudiziario, del funzionario di cancelleria.
Ai fini della configurabilità del reato di corruzione in atti giudiziari è ‘atto giudiziario’ anche l’atto, funzionale a un procedimento giudiziario, del funzionario di cancelleria. La Cassazione pen. n. 19496/2018 ha statuito che: “Ai fini della configurabilità del delitto previsto dall’art. 319-ter cod. pen. è ‘atto giudiziario’ quello funzionale ad un procedimento giudiziario e, pertanto, anche l’atto del funzionario di cancelleria, collocato nella struttura dell’ufficio giudiziario, che esercita un potere idoneo ad incidere sul suo concreto funzionamen (continua)

(brevi note su legge e diritto) – Valutazione, ai fini della formazione del convincimento del giudice, delle dichiarazioni fatte al CTU.

(brevi note su legge e diritto) – Valutazione, ai fini della formazione del convincimento del giudice, delle dichiarazioni fatte al CTU.
Il CTU, nell’espletamento del mandato ricevuto, può chiedere, senza necessità di una preventiva autorizzazione del giudice, informazioni alle parti e a terzi per l’accertamento dei fatti collegati con l’oggetto dell’incarico. La Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 27723, del 12-10-2021 (Rv. 662444 – 01 – cortedicassazione.it), ha statuito che: “Il consulente tecnico d’ufficio, nell’espletamento del mandato ricevuto, può chiedere informazioni a terzi ed alle parti per l’accertamento dei fatti collegati con l’oggetto dell’incarico, senza bisogno di una preventiva autorizzazione del giudice, atteso che t (continua)