Home > Esteri > Il Re del Marocco avvia la costruzione del nuovo ospedale IBN SINA a Rabat

Il Re del Marocco avvia la costruzione del nuovo ospedale IBN SINA a Rabat

scritto da: FLM | segnala un abuso

Il Re del Marocco avvia la costruzione del nuovo ospedale IBN SINA a Rabat

Il Re ha dato all'avvio dei lavori di costruzione del nuovo ospedale Ibn Sina che andrà a rafforzare l'offerta sanitaria del Regno con una capacità di oltre 1000 posti letto, mobilitando un investimenti per oltre 6 miliardi di dirham, questo progetto, dal forte impatto sociale, si inserisce in una visione d'insieme per rafforzare l'attuale struttura sanitaria del Regno.


Secondo la media, Sua Maestà il Re avvia la costruzione del nuovo ospedale IbnSina a Rabat, un progetto avveniristico con più di mille posti letto, che rafforzerà il sevizio sanitario del Regno del Marocco.

Inoltre, il Re ha dato all'avvio dei lavori di costruzione del nuovo ospedale Ibn Sina che andrà a rafforzare l'offerta sanitaria del Regno con una capacità di oltre 1000 posti letto, mobilitando un investimenti per oltre 6 miliardi di dirham, questo progetto, dal forte impatto sociale, si inserisce in una visione d'insieme per rafforzare l'attuale struttura sanitaria del Regno, il Sovrano attribuisce al settore sanitario attraverso lo sviluppo delle infrastrutture e l'avvicinamento dei cittadini marocchini.

Vale la pena menzionare, che il ruolo principale del Sovrano quello di attribuisce formazione delle risorse umane in questo settore vitale, oltre agli sviluppi scientifici e tecnologici intervenuti in termini di cura in accordo con gli standard internazionali, questo futuro ospedale consentirà di garantire una maggiore complementarità nella mappa sanitaria a livello della RegioneRabat-Sale-Kenitra, restituendo all'ospedale Ibn Sina costruito nel 1954, e sarà costituito da una torre di ricovero R+33 piani con 2 livelli inferiori, un polo medico tecnico di 5 piani con 3 livelli inferiori dedicata alla Lega Nazionale per la Lotta alle malattie Cardiovascolari, un Centro di Formazione, oltre spazi verdi e giardini e museo della medicina, questo ospedale comprenderà un centro ospedaliero, ambulatori area di riabilitazione e molto altro.

Si precisa che questo nuovo ospedale che sarà realizzato entro 48 mesi consoliderà l'offerta di cure nelle Regione di Rabat-SALE-Kenitra che conta attualmente 10 ospedali universitari e 12 ospedali provinciali, tale capacità di questo nuovo ospedale dovrebbe attestarsi a 5049 posti letto a fine 2022 con l'entrata in servizio di 7 progetti ospedalieri in via di completamento.

Questo futuristico ospedaliero conferme agli standard internazionali, e i progetti lanciati dal Re del Marocco a Rabat sono veramente molto interessante, nella capitale della luce e della cultura antica del Marocco.

A questo proposito, il Re Mohammed VI ha presieduto il 27 gennaio 2022 presso la residenza reale di Bouznika, una sessione di lavoro dedicata alla nuova carta degli investimenti, questa sessione di lavoro fa seguito alle linee guida dell'Alto Reale contenute nel discorso di apertura del Parlamento, che chiedono l'adozione quanto prima di una nuova carta degli investimenti competitivi.

L'economia del Marocco è considerata un economia relativamente liberale governata dalla legge dell' offerta e della domanda. Il Marocco ha seguito una politica di privatizzazione di alcuni settori economici che erano in mano al governo, il Regno è diventato un importante attore negli affari economici africani. Il forum economico mondiale ha messo il Marocco come la prima economia più competitiva in Nord africa.

Il Regno del Marocco si sta progressivamente affermando come porta d'accesso all'Africa, considerando lo sviluppo economico interno e l'investimento nei paesi africani sotto l'azione di Sua Maestà il Re Mohammed VI.

Forum Marocco Veneto

OSPEDALE IBN SINA A RABAT |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il Marocco è lontano da ogni sospetto nell'affare Pegasus


La Cooperazione bilaterale tra il Marocco e la Mauritania rafforza la lotta al terrorismo


La rottura delle relazioni tra Algeria e Marocco


L'Europa sia aperta a nuove collaborazioni con il Marocco


STORICA VISITA DELLE DELEGAZIONE ISRAELO - AMERICANA IN MAROCCO


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La situazione dei Diritti Umani in Algeria è preoccupante

La situazione dei Diritti Umani in Algeria è preoccupante
Secondo la media, il programma di riforme promosso dalle autorità algerina e dal presidente Tebboune per creare una nuova Algeria e riconquistare la fiducia di molti cittadini, invertendo così il trend di progressivo disinteresse della popolazione nei confronti del sistema politico emerso durante le proteste di piazza degli ultimi due anni.Si ricorda che l'attivista politico e uomo d'affa (continua)

Le donne marocchine sono ancora una priorità nelle politiche del Paese

Le donne marocchine sono ancora una priorità nelle politiche del Paese
La condizione della donna marocchina è migliorata notevolmente. Diversi movimenti sociali per la promozione dell’uguaglianza di genere hanno promosso corsi di alfabetizzazione insieme ad attività associative per la produzione di un piccolo reddito e di un autonomia finanziaria. Il Marocco è un paese ricco di patrimonio religioso e culturale, è in piena mutazione. Negli ultimi anni ha conosciuto una vera emancipazione a livello sociale, economico, politico e culturale. E' un paese che si dirige verso la modernità ma al contempo rimane sempre attaccato ai suoi valori. Nel 2004 il Re del Marocco Mohammed VI ha annunciato la riforma della Mudawana, il Codice del (continua)

Il Marocco, da sempre impegnato nello sviluppo di tutti i settori vitali della società.

Il Marocco, da sempre impegnato nello sviluppo di tutti i settori vitali della società.
Il Marocco compie nuovi passi per il rafforzamento dello stato di diritto e il rispetto delle convenzioni internazionali sui diritti umani, dove la costituzione del 2011 ha rappresentato una svolta importante per la promozione dei diritti umani nel paese attraverso l'adozione di tutti i diritti previsti nella dichiarazione universale dei diritti umani. Secondo la media, una convegno è stato organizzato mercoledì 15 giugno 2022 presso il Club Svizzero della Media a Ginevra dove è stato presentato un nuovo libro con il titolo di “Marocco, il potenziale per un cambiamento trasformativo”, di Obbad Noureddine, un autore svizzero marocchino specializzato in sviluppo economico.L'autore ha messo in evidenza nel suo libro, i progressi compiuti da (continua)

Il Consiglio Superiore degli Ulema del Marocco condanna il film "The Lady of Heaven"

Il Consiglio Superiore degli Ulema del Marocco condanna il film
Il Consiglio Supremo degli Ulema presieduto da Sua Maestà il Re Mohammed VI condanna fermamente il film "le donne del paradiso" scandaloso e esprime il suo categorico rifiuto della palese falsificazione di fatti accertati della storia islamica oltre la rabbia del popolo islamico, Secondo la media, il film britannico "le donne del paradiso" ovvero The Lady of Heaven è stato bandito in Marocco dove il Consiglio Superiore degli Ulema condanna fermamente questo film scandaloso che danneggia le santità islamiche, che sono una linea rossa per il mondo arabo e i paesi islamici. A tal proposito, il Consiglio Supremo degli Ulema presieduto da Sua Maestà il Re Moham (continua)

Sua Eccellenza Sig Pedro Sanchez sostiene l'autonomia del Sahara marocchino

 Sua Eccellenza Sig Pedro Sanchez sostiene l'autonomia del Sahara marocchino
Sanchez "La proposta marocchina di autonomia è la base più seria, credibile e realistica. Rispettiamo il fatto che altri possano pensarla diversamente, ma sbaglieremmo tutti se non riconoscessimo quello che può sembrare un'ovvietà: perché ormai dobbiamo risolvere un conflitto che dura già da troppo tempo". Secondo la media, il primo ministro spagnolo Sua Eccellenza Sig Pedro Sanchez ha affermato mercoledì 08 giugno 2022 che il sostegno del governo spagnolo all'iniziativa del Marocco per l'autonomia nel Sahara deriva dalla visione dello Stato di raggiungere la stabilità nell'intera regione e risponde a una dinamica internazionale che sostiene l'approccio adottato dal Marocco.Inoltre, Sanche (continua)