Home > Primo Piano > Fondi FLAG – La denuncia della Federazione Armatori Siciliani

Fondi FLAG – La denuncia della Federazione Armatori Siciliani

scritto da: Nico1972 | segnala un abuso

Fondi FLAG – La denuncia della Federazione Armatori Siciliani


I vertici della FAS presentano un esposto alla magistratura per il commissariamento dei Consorzi Siciliani FLAG

La denuncia della FAS: “Fondi FLAG una torta da spartire privilegiando l’ingordigia per pochi”

Risale a circa una settimana fa la denuncia della FAS (Federazione Armatori Siciliani) in merito alla questione legata ai fondi FLAG (Fisheries Local Action Groups) riguardante, la gestione da parte dei Consorzi Siciliani FLAG, ritenuta da FAS inefficace per sopperire alla mancanza di strutture e di infrastrutture portuali adeguati alle normative vigenti; motivo per il quale i vertici della FAS hanno presentato nei giorni scorsi un esposto alla magistratura chiedendo il commissariamento dei Consorzi Siciliani FLAG.

Con una lettera congiunta Alfio Fabio Micalizzi, e Natale Pipitone, rispettivamente presidente regionale, e Coordinatore Provinciale di Palermo della FAS, si sono rivolti al Governo siciliano, ai Prefetti, e ai Questori di Palermo e Catania, nonché alle Direzioni marittime delle due città, per fare luce sulla vicenda dei fondi FLAG.

Nella missiva, il cui oggetto è la “Richiesta di Commissariamento dei Consorzi Siciliani FLAG”, come già è stato anticipato, appare chiara la denuncia della Federazione Armatori della Pesca: “Fondi FLAG spartizione di una torta”.

Pervengono a Codesta Federazione” – si legge nella lettera – “diverse rimostranze da parte della piccola e media marineria siciliana, in relazione all’esercizio dei fondi FLAG Riviera Jonica Etnea, Flag Torri e Tonnare del litorale Trapanese, FLAG Isole di Sicilia, Flag Golfi di Castellammare e Carini. Tralasciando il dato basilare che l’intera Isola non beneficia di strutture e infrastrutture portuali adeguati alle normative vigenti, tra l’altro non in sicurezza”.


Nella lettera-denuncia dei vertici della FAS, inoltre, si evidenzia il problema di non avere ricevuto nessuna proposta concreta, da parte dei Consorzi Siciliani FLAG, che sia incentrata sull’obiettivo di proteggere le zone costiere siciliane


A parere dello scrivente va mostrato che lo stesso accade in merito ai progetti dei fondi FLAG, non si riscontra nessuna corretta proposta sull’obiettivo di proteggere il Mare quale risorsa per la sopravvivenza delle specie, nessuna capacità progettuale in grado di rilanciare il settore della pesca, nessuna progettualità in grado di generare scuole di preparazione tecnica per l’approccio al settore della pesca, nessuna progettualità coerente ne bloccare un settore in caduta libera e sempre più in disgrazia”.

La denuncia della FAS prosegue nella lettera inviata alle autorità giudiziarie, analizzando in maniera ancora più dettagliata le problematiche inerenti la mancanza di una strategia che possa generare risorse per il rilancio e lo sviluppo delle marinerie siciliane.

Ad oggi, si continua con la decapitazione delle flotte isolane, a causa dell’inesistente capacità di generare risorse per rilanciare la marineria locale. Nessuna corretta idea strategica per creare ricchezza, occupazione, innovazione, pianificazione e progettualità, nessuna azione reale in grado di perfezionare la sanificazione e bonifica marina, generare occupazione, generare sviluppo sostenibile e alternativo, in grado di sollevare le sorti di una intera marineria che ha le capacità ed è in grado di coinvolgere un reale cambiamento dell’intero territorio dell’Isola, proponendo adeguamenti infrastrutturali, rilancio dei comparti economici e produttivi della pesca artigianale e professionale, della trasformazione del pescato, della valorizzazione del mare con interventi per il recupero della flora e della fauna, per lo sviluppo del settore turistico e la tutela dei beni culturali e ambientali, lo sviluppo del settore cantieristico e da diporto, una evoluzione della logistica, ma soprattutto l’attuazione di una corretta e consona Tutela Ambientale, che ad oggi nulla si è fabbricato”.

I vertici della FAS, proseguendo nella lettura della denuncia, rimarcano la loro posizione: “Sembrerebbe che i fondi Flag siano più una ‘spartizione di una torta’ con la distribuzione di ‘piattini’ dove si privilegia l’ingordigia per pochi, mantenendo il settore della pesca siciliana in uno stallo che trascina l’Isola nel baratro”.


La Federazione Armatori Siciliani chiede in sintesi il Commissariamento di tutti i Consorzi FLAG della Sicilia, e l’istituzione di un tavolo tecnico per il rafforzamento della capacità istituzionale, ed amministrativa delle Regioni, e degli Enti Locali, per una corretta valutazione mediante il reclutamento di nuove figure professionali in grado di produrre il cambiamento indispensabile per l’intera Isola.

Secondo la FAS occorre adottare dei criteri in grado di valutare proposte serie, seguendo la Logical Framework Analysis2, per valutare una proposta progettuale prendendo in considerazione i criteri di pertinenza, cioè:

  • gli obiettivi progettuali devono basarsi su problemi reali dei beneficiari, del territorio, delle organizzazioni che operano nel settore, ecc.;
  • la coerenza interna, vale a dire la misura in cui il progetto è costruito seguendo un preciso schema logico, in base al quale le attività portano ai risultati, i risultati all’obiettivo specifico, e l’obiettivo specifico all’obiettivo generale, attraverso un’analisi della catena dei risultati;
  • la sostenibilità, cioè in che misura il miglioramento della situazione dei beneficiari può considerarsi duraturo.


Per quanto sopra espresso” – prosegue la lettera – “al fine di assicurare la trasparenza dell’attività amministrativa e di favorirne lo svolgimento imparziale è riconosciuto a chiunque vi abbia interesse diretto, concreto e attuale per la tutela di situazioni giuridicamente rilevanti il diritto di accesso ai documenti amministrativi, chiede l’istituzione di un tavolo tecnico per il rilancio delle marinerie del comparto della pesca, dei lavoratori del settore, da riconoscere su tutto il territorio della Regione siciliana.

La Federazione Armatori Siciliani si riserva di presentare un dettagliato esposto-denuncia presso la Procura della Repubblica competente e rimane in attesa di sollecito riscontro nell’interesse dei cittadini utenti consumatori, delle Imprese di Pesca, dei Pescatori, degli Armatori Locali, si elegge domicilio digitale presso PEC federazionearmatorisiciliani@pec.it e/o domicilio Legale presso lo studio dell’Avv.to Francesco Silluzio sede di Catania, via E. D’Angiò n. 2, tel. 095 7164041. Trasmissione istanza a mezzo PEC”.


Non rimane quindi che aspettare come si evolva ulteriormente la questione sollevata dai vertici FAS, affinché sia fatta luce sulla vicenda dei fondi FLAG.


Fonte notizia: https://www.newsicily.it/fondi-flag-la-denuncia-della-federazione-armatori-siciliani/


fondi FLAG | FLAG | Consorzi Siciliani FLAG | Federazione Armatori Siciliani | pesca | acquacoltura | Sicilia | monitoraggio ambientale |



 

Potrebbe anche interessarti

Il FLAG “Golfo di Termini Imerese”, del quale fa parte il GAL Madonie, è tra i protagonisti del Festival del Mare e del Gusto.


Pesca, il FEAMP presenta le opportunità per le imprese del Sud


Flag Gruppo Soprema partecipa a Shanghai al Word Tunnelling Congress


Flag–Soprema Group presenta: TOTAL SHIELD L'assicurazione globale che rivoluziona il mondo delle coperture


Flag presente all’inaugurazione della nuova sede Ikea di San Giuliano Milanese


Moby Spa: a Canton il taglio della lamiera per la nuova “Moby Fantasy”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Da una storia vera l’idea di un regista siciliano

Da una storia vera l’idea di un regista siciliano
“Entro mezzanotte”: film di Peppino Orecchia, uscito nelle sale nel 2019 per trasmettere un messaggio sociale“Entro Mezzanotte” è un film drammatico ispirato a una storia vera: quella di Benny, un senzatetto, emarginato dalla società, la cui esistenza, costellata di espedienti per sopravvivere in un sistema sociale indifferente, sembra essere condannata nella relegazione eterna in un ghetto s (continua)

Passi avanti sul benessere degli animali

Passi avanti sul benessere degli animali
Si avvicina il divieto di utilizzo di carrozze trainate da cavalliLa Camera approva l’odg che rientra nel decreto infrastrutture e trasporti, per vietare l’utilizzo di animali come mezzi di trasporto sull’intero territorio nazionaleSempre più vicino il divieto di utilizzare delle carrozze trainate da cavalli. Nella giornata di mercoledì 3 agosto alla Camera è stato approvato un ordine del giorno, (continua)

Il triste anniversario di una tragedia accaduta molti anni fa, in Belgio

Il triste anniversario di una tragedia accaduta molti anni fa, in Belgio
Nell’incidente alla miniera di Marcinelle morirono 136 italiani, di cui 5 erano emigrati sicilianiRicorre oggi il triste anniversario di una tragedia destinata a rimanere impressa nella memoria collettiva in modo, purtroppo, indelebile; nella mattina dell’8 agosto del 1956 nella miniera di carbone Bois du Cazier, a Marcinelle, in Belgio, un incendio provocò la morte di centinaia di minatori.La tra (continua)

Il ricordo dell’immane tragedia di Hiroshima

Il ricordo dell’immane tragedia di Hiroshima
La commovente storia di Sadako Sasaki e le sue mille gru di cartaSecondo un’antica leggenda giapponese chiunque fosse riuscito a realizzare mille gru di carta (in giapponese orizuru) avrebbe potuto esprimere un desiderio che si sarebbe realizzato, per quanto ritenuto altamente improbabile, o addirittura impossibile.Una ragazzina giapponese, sopravvissuta allo sgancio della prima bomba atomica su H (continua)

Le elezioni Regionali in Sicilia si tingono di rosa

Le elezioni Regionali in Sicilia si tingono di rosa
Piera Maria Loiacono annuncia la sua candidatura alla Presidenza della Regione SicilianaAll’indomani delle dimissioni del Presidente della Regione Siciliana, la democristiana e autonomista Piera Maria Loiacono lancia, con una nota, la sua candidatura alla Presidenza.“Oggi più che mai la Sicilia ha bisogno di persone che hanno la passione per la Vera Politica e abbiano a cuore il Futuro della (continua)