Home > Cultura > Il malato immaginario

Il malato immaginario

scritto da: Paola Cecchini | segnala un abuso

Il malato immaginario

Il malato immaginario (Le Malade imaginaire), è una comédie- ballet in 3 atti del drammaturgo francese Molière (nel XVII secolo, in Francia, il termine "immaginario" significava pazzo). La pièce venne rappresentata per la prima volta al Palais Royal il 10 febbraio 1673 dalla Troupe du Roy, con le musiche di Marc-Antoine Charpentier e le coreografie di Pierre Beauchamp. Il 17 febbraio del 1673 Molière, che interpretava Argante, portò a termine la rappresentazione di questa commedia nonostante il suo grave stato di salute, morendo infine poche ore dopo.


Il malato immaginario (Le Malade imaginaire), è una comédie- ballet in 3 atti del drammaturgo francese Molière (nel XVII secolo, in Francia, il termine "immaginario" significava pazzo). 
La pièce venne rappresentata per la prima volta al  Palais Royal il 10 febbraio 1673 dalla Troupe du Roy, con le musiche di Marc-Antoine Charpentier e le  coreografie di Pierre Beauchamp.
Il 17 febbraio del 1673 Molière, che interpretava Argante, portò a termine la rappresentazione di questa commedia nonostante il suo grave stato di salute, morendo infine poche ore dopo.

 L'opera è quasi un'autobiografia del drammaturgo. Intesa dal suo autore come una farsa, è inframmezzata da intermezzi musicali e balletti, inseriti all'unico scopo di compiacere i gusti del Re Luigi XIV, lasciando però intatta la struttura dell'opera.
La pièce ha come oggetto della propria satira sia la mania ipocondriaca del malato che l'imperizia dei medici che cercano di prendersene cura. Si alternano in molte scene figure caricaturali di medici dai nomi e dagli atteggiamenti ridicoli: dal dottor Purgone al farmacista Olezzanti, dal dottor Diarroicus (il prefisso greco dia, usato ancora oggi nella medicina moderna, ricorda diarrehée, termine usato in campo medico sin dal secolo XIV),, a suo figlio Tommaso.
Ognuna di queste figure è riconducibile ad un modello di medico che Molière dipinse come egoista, ipocrita, avaro e formale.
Il figlio del dottor Diarroicus, ad esempio, entra in scena nel secondo atto e viene presentato come ‘un giuggiolone che ha appena terminato gli studi e che fa ogni cosa senza grazia e nel momento sbagliato’

Tommaso impara a memoria il discorso di presentazione alla famiglia di Argante e se interrotto non è più in grado di proseguire logicamente. 
Il padre, nella medesima scena, presenta questo limite intellettuale del figlio come un vanto dell'educazione che gli ha fornito (Molière, così facendo, polemizza anche sulla formazione culturale della classe medica). 
Sia il dottor Diarroicus che il dottor Purgone (così come il farmacista) ostentano quasi sempre le conoscenze delle lingue antiche, con discorsi inutili e pomposi.
Giunti verso la fine della commedia, dunque, il personaggio di Beraldo sconfessa completamente la medicina definendola ‘una della più grandi follie dell'umanità’ e crede addirittura ‘ridicolo un uomo che pretende di guarirne un altro’. 
Secondo il drammaturgo Sandro Bajini, Il discorso di Beraldo è una critica razionalistica circa lo scarso livello scientifico della medicina di quel tempo e pone l'attenzione della satira più che sul medico in particolare, sull'uomo vinto dalle illusioni.
Scritta nell'ultimo anno di vita di Molière, la commedia è intrisa di realismo. Lo stesso protagonista, che si presenta come un classico personaggio farsesco, pronuncia a tratti affermazioni lucide e ragionevoli, mostrando un cinismo e una disillusione che tradiscono le amare riflessioni dello stesso autore che approfitta delle occasioni comiche offerte dalla trama per introdurre in modo inaspettato un'aspra denuncia della società del suo tempo.

Questa eccezionale commedia è giunta allo Sperimentale di Pesaro il 3 maggio (repliche 4-5-6-7-e 8) 
Prodotta da  La Contrada – Teatro Stabile di Trieste in collaborazione con Teatro Quirino – Vittorio Gassman, è diretta da Guglielmo Ferro con i costumi in stile di Santuzza Calì, la scenografia lignea a tre piani disegnata da Fabiana Di Marco, con le musiche di Massimiliano Pace.
E’ realizzata in due atti (durata 110 ‘).

Lo spettacolo -che ha visto in scena un folto gruppo di attori, tutti credibili nelle loro parti: Lisa Galantini, Antonella Piccolo, Sergio Basile, Cristiano Dessì, Pietro Casella, Maria Chiara Dimitri, Cecilia D’Amico, Rosario Coppolino – è piaciuto molto al pubblico che ha trascorso due ore privo di problemi ed ansie: non è poco.

Seduto su una sedia a rotelle su cui tintillano ampolle per i dosaggi medicinali e  strumenti medicali, con una cuffia merlettata  in testa, una vestaglia bianca sempre addosso, calzamaglia morbida e piedi perennemente in ciabatte, contornato da uno stuolo di medici, Solfrizzi nel ruolo del protagonista interpreta con ironia ed intelligenza la paura e la solitudine del nostro tempo, somatizzazioni di conflitti personali per i quali, purtroppo, non esiste alcuna  pillola miracolosa.

Lo spettacolo è andato in scena in molti teatri: 
-al Manzoni di Monza dal 29 al 31 gennaio 2021, all’ Orazio Bobbio di Trieste dal 19 al 24 febbraio, al Nuovo Gian Carlo Menotti di Spoleto il 28 novembre,
al Circus Visioni di Pescara  dal 29 al 30 novembre; relativamente all’anno in corso è stato presentato al Quirino  di Roma dal 21 al  gennaio, al Verdi di Gorizia dal 12 al 13 gennaio, al Duse di Bologna dal 14 al 16 gennaio, all’Astoria di Lerici il 19 gennaio, al Comunale di Pietrasanta l 1° febbraio, al Moderno di Grosseto il 4 febbraio, al Petrarca di Arezzo dal 5 al 6 febbraio, all’Alfieri di Torino dal 10 al 13 febbraio, al Comunale Francesco Cilea di Reggio il 3 marzo, al Vittorio Emanuele  di Messina dal 5 al 6 marzo,
al Politeama Greco di Lecce l’8 marzo, al Piccinni di Bari dal 10 al 13 marzo,
al Curci di Barletta dal 18 al 20 marzo, al Rossini di Civitanova Marche il 30 marzo,  Ai 4 Mori di Livorno il 21 aprile.

Molière | Emilio Solfrizzi | Il malato immaginario |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Collana: DIDI il mio amico immaginario


XXIV CONGRESSO NAZIONALE SICP - Il valore delle scelte


IMMAGINARIO REALE


Come Mantenere Se Stessi & gli Altri in Buona Salute.


Immaginario reale (scheda)


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La figura di Ramakrishna al centro del concerto inaugurale del Festival di Spoleto 2022

 La figura di Ramakrishna al centro del concerto inaugurale del Festival di Spoleto 2022
L’affascinante figura del mistico indiano Sri Ramakrishna è stata al centro del concerto inaugurale con cui la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer (oggi saldamente posizionati ai vertici della musica mondiale) ha aperto - nella splendida cornice di Piazza Duomo - la 65a edizione del Festival dei Due Mondi a Spoleto (24 giugno-10 luglio 2022). Preceduta dalla suite n.4 in re maggiore per orchestra BWV1069 di J. S. Bach (rielaborata dall’autore a Lipsia tra il 1725 il 1730 sulla base di una precedente versione e ritenuta la più magniloquente delle 4 Suites orchestrali oggi sopravvenute), l’oratorio del compositore statunitense Philip Glass (per la prima volta presentato in Europa) descrive gli ultimi giorni di vita e il trapasso di Ramakrishna, il maestro spirituale indiano nato con il nome di Gadadhar Chattopashyay nel 1836 a Lamarpukur, villaggio contadino del Bengala, da una famiglia di bramini di estrema indigenza. L’affascinante figura del mistico indiano Sri Ramakrishna è stata al centro del concerto inaugurale  con cui la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer (oggi saldamente posizionati ai vertici della musica mondiale) ha aperto - nella splendida cornice di Piazza Duomo - la 65a edizione del Festival dei Due Mondi a Spoleto (24 giugno-10 luglio 2022).Preceduta dalla suite n.4 in re ma (continua)

Through the Grapevine

Through the Grapevine
Con Through the Grapevine (2020), presentato al Teatro Romano di Spoleto il 25 e 26 giugno scorso, in seno al 65° Festival dei due Mondi, Alexander Vantournhout è tornato al duetto, eseguito con Axel Guérin, già partner per Red Haired Men (2018). Il corpo è riproposto in modo molto puro e la performance si immerge nel potenziale creativo e cinetico dei limiti fisici, un tema che si riflette in tutto il suo lavoro: un eccentrico pas de deux. Con grande concentrazione i due cercano l’equilibrio e l’armonia non rinunciando all’umorismo. Si sfidano a vicenda attraverso un costante contatto fisico, mentre la dialettica tra toccare ed essere toccati si dispiega come elemento centrale della performance. Uno spettacolo molto particolare, apprezzato da tutti i convenuti. Alexander Vantournhout (1989), tra i coreografi più interessanti della nuova generazione, è fondatore della compagnia ‘Not standing’.Studia circo e giocoleria all’ Ecole Supérieure des Arts du Cirque (ESAC) e danza contemporanea al Performing Arts Research and Training Studios (PARTS) di Bruxelles. Il suo linguaggio fisico subisce l’influenza di una formazione e di contesti lavorativi molto v (continua)

La Senna festeggiante

La Senna festeggiante
Spoleto. Nel delizioso Teatro Caio Melisso, 18 musicisti della Budapest Festival Orchestra hanno portato in scena il 25 e 26 giugno la serenata per tre voci e strumenti di Antonio Vivaldi La Senna festeggiante, capolavoro del repertorio barocco (libretto del napoletano Benedetto Domenico Lalli, frequente collaboratore di Vivaldi ma anche di Scarlatti, Porpora e Caldara). Come sostiene il musicologo Andrea Penna nelle preziosissime note di sala, ‘non è difficile intuire dal titolo come la serenata vada inserita nel contesto delle relazioni diplomatiche fra la Repubblica di Venezia e il regno di Francia, che erano in piena ripresa attorno al 1723 dopo oltre un decennio di contrasti’. Con ogni probabilità, la Senna Festeggiante deve essere stata eseguita a Venezia nel 1726 in una serata patrocinata dall’ambasciatore francese Jacques-Vincent Languet, conte di Gergy, che nel 1725 aveva già commissionato a Vivaldi una serenata a due voci per festeggiare il matrimonio fra Luigi XV e Maria Leszczynka (per il conte, Vivaldi scriverà nel 1727 anche una serenata e un Te Deum per la nascita delle figlie gemelle della coppia). Spoleto. Nel delizioso Teatro Caio Melisso, 18 musicisti della Budapest Festival Orchestra hanno portato in scena il 25 e 26 giugno la serenata per tre voci e strumenti di Antonio Vivaldi La Senna festeggiante, capolavoro del repertorio barocco (libretto del napoletano Benedetto Domenico Lalli, frequente collaboratore di Vivaldi ma anche di Scarlatti, Porpora e Caldara).Come sostiene il musicologo (continua)

Si scaldano i motori per il 65° Festival dei Due Mondi

Si scaldano i motori per il 65° Festival dei Due Mondi
Più di 60 spettacoli in 15 sedi, più di 500 artisti da 36 paesi: tutto questo a Spoleto nei 17 giorni che vanno dal 24 giugno al 10 luglio, per la 65a edizione del Festival dei Due Mondi. ‘L’America, le donne e i nuovi modi di raccontare la musica sono i tre filoni intorno a cui si condensa la programmazione di quest’edizione che segue la sua vocazione multidisciplinare e tesse una tela di relazioni trasversali tra le arti, condensandosi intorno a tre linee programmatiche principali. La prima è la musica dei due mondi, l’Europa e l’America, per cui sono stati riallacciati i rapporti con lo Spoleto Festival USA, che Gian Carlo Menotti fondò a Charleston come “succursale” americana di Spoleto. La seconda è la voce delle donne. La terza riguarda i nuovi modi di raccontare la musica”- ha sottolineato in conferenza stampa la direttrice artistica della rassegna Monique Veaute. Più di 60 spettacoli in 15 sedi, più di 500 artisti da 36 paesi: tutto questo a Spoleto nei 17  giorni che vanno dal 24 giugno al 10 luglio, per la 65a edizione del Festival dei Due Mondi.‘L’America, le donne e i nuovi modi di raccontare la musica sono i tre filoni intorno a cui si condensa la programmazione di quest’edizione che segue la sua vocazione multidisciplinare e tesse una tela di re (continua)

Una pagina di solidarietà italiana quasi sconosciuta: I treni dell'accoglienza

Una pagina di solidarietà italiana quasi sconosciuta: I treni dell'accoglienza
L’idea nacque da Teresa Noce, dirigente comunista battagliera e appassionata: intuì che soltanto un gesto di solidarietà avrebbe potuto risolvere, seppur temporaneamente, la drammatica situazione di bisogno dei bambini indigenti che vivevano nelle periferie del Nord Italia. Con ciò che rimaneva dei Gruppi di Difesa della Donna (poi confluiti nella nascente Unione Donne Italiane), chiese ai militanti comunisti di Reggio Emilia (realtà prevalentemente agricola e quindi con maggiori risorse alimentari rispetto a Milano) di ospitare per l’inverno qualche centinaia di bambini. L’organizzazione era rigorosa e non ammetteva tentennamenti o deroghe. Occorreva dividere in zone distinte città e province, individuare i casi più bisognosi o urgenti, sottoporre i bambini a rigorose visite mediche e sedute per togliere pidocchi e zecche, rivestirli con scarpe ed abiti nuovi o quasi, abbinarli alle varie famiglie affinché non venissero scelti personalmente, dato che ‘Nessun bambino deve essere umiliato’. Il 16 dicembre 1945 partì per Reggio Emilia il primo treno speciale con 1.800 bambini di Milano e provincia (col tempo diventeranno 4.212):  altrettante famiglie, per la massima parte composte da militanti comunisti, li ospiteranno fino al termine della scuola, nel giugno successivo. Questa esperienza fu ripetuta il mese dopo da Torino, con un primo treno carico di 1.275 bambini che andr (continua)