Home > News > Massimo Malvestio: focus su evoluzione e declino della Coldiretti in un articolo del 2005

Massimo Malvestio: focus su evoluzione e declino della Coldiretti in un articolo del 2005

scritto da: Articolinews | segnala un abuso

Massimo Malvestio: focus su evoluzione e declino della Coldiretti in un articolo del 2005

In un editoriale del 2005 l’avvocato Massimo Malvestio spiega le cause connesse al declino della Coldiretti, dallo stretto legame con la DC ai mutamenti sociali dell’epoca. A riprendere l’articolo il quotidiano “Veneziepost”


Più di 15 anni fa Massimo Malvestio accese i riflettori sul costante indebolimento della Coldiretti. Il quotidiano "Veneziepost" ripropone l'editoriale dove l'avvocato spiega le cause del fenomeno.

Massimo Malvestio: gli anni del potere della Coldiretti

C'era un tempo in cui, grazie all'influenza della Coldiretti, in regioni come il Veneto bastava essere contadini e padri di famiglia per ottenere la vittoria alle elezioni politiche. Un potere, quello della maggiore associazione di rappresentanza dell'agricoltura italiana, che dagli anni '80 in poi ha iniziato a risentire dello stretto legame con la Democrazia Cristiana. E non solo. A ricordare l'evoluzione della Coldiretti è Massimo Malvestio. In un suo editoriale del 2005, pubblicato su "Nordesteuropa" e recentemente ripreso dal quotidiano "Veneziepost", l'avvocato analizza le cause che hanno portato all'indebolimento dell'associazione fondata nel 1944 da Paolo Bonomi, uno dei primi rappresentati della storica DC. "La Coldiretti era la più potente, la più numerosa e la più disciplinata organizzazione collaterale alla Democrazia Cristiana - scrive Massimo Malvestio - e la loro alleanza ha segnato per cinquant'anni tutte le scelte di uomini e di strategie del Veneto bianco". Il sindacato aveva il potere di dire la sua su consorzi agrari, casse rurali, cooperative. Negli anni 2000 i primi segnali di declino, tra cui spicca la sconfitta alle elezioni dei consorzi di bonifica del 2005, definiti dall'autore "un triste spettacolo per chi ricorda cosa la Coldiretti ha significato nella storia recente di questa regione".

Massimo Malvestio: le cause dell'indebolimento

Un'influenza durata oltre mezzo secolo che si spiega innanzitutto con i vantaggi che l'associazione apportava ai suoi membri. Già nel 1954 il primo grande successo, con i coltivatori diretti che diventano i primi lavoratori autonomi in Italia ad ottenere l'assistenza malattia garantita. A testimonianza del suo peso politico la Coldiretti, aggiunge Massimo Malvestio, ha avuto un ruolo fondamentale anche nella promulgazione della legge per l'edificazione delle zone rurali, i cui effetti negativi sul paesaggio sono visibili ancora oggi. Con il crollo della DC e lo spostamento verso un sistema bipolare, l'associazione perde progressivamente appoggi e potere. Ma a contribuire al suo indebolimento anche altri fattori, come il decollo industriale del Paese, il progressivo spopolamento delle campagne e il fenomeno della secolarizzazione: "Per molti contadini rendere edificabile il proprio terreno era assai più interessante che coltivarlo - spiega Massimo Malvestio - a ciò si aggiunga la modifica statutaria che negli ultimi anni ha tolto ogni vera autonomia alle articolazioni territoriali ridotte a dipendenze dell'organizzazione nazionale".


Fonte notizia: https://www.riflettorisu.it/tag/massimo-malvestio


Massimo Malvestio |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Massimo Malvestio racconta nascita e vision del fondo ‘old economy’ Hermes Linder


Massimo Malvestio: Borsa, private equity e risorse del Pnrr le priorità per il Nordest


Massimo Malvestio al “Corriere del Veneto”: imprese venete in Borsa tra ingressi e maxi-Ipo


Il Veneto, la trattativa del 2010 tra enti territoriali e governo: l’editoriale di Massimo Malvestio


Massimo Malvestio: il controllo dei partiti sulle municipalizzate, l’analisi dell’avvocato


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La crisi del settore della distribuzione: ne parla SG S.p.A.

La crisi del settore della distribuzione: ne parla SG S.p.A.
SG S.p.A., società attiva nella distribuzione dei technical consumer goods, diventa portavoce dell’intero settore della distribuzione, riportando le sfide che le aziende interessate sono costrette ad affrontare da diversi anni SG S.p.A., importante player nel settore della distribuzione, fa luce sulle problematiche che da anni interessano il settore, esasperate dall'arrivo della pandemia.SG S.p.A.: lo scenario pre-pandemicoA differenza di quanto possano aver pensato in molti, spiega SG S.p.A., il settore della distribuzione era già in crisi prima dell'arrivo della pandemia, soprattutto a causa degli enormi problemi (continua)

Luciano Castiglione, esperto nel settore dell’efficientamento energetico: il profilo biografico

Luciano Castiglione, esperto nel settore dell’efficientamento energetico: il profilo biografico
Luciano Castiglione: dalla laurea in farmacia alle più recenti esperienze di rilievo manageriale all’interno di realtà attive in ambito energetico Il ritratto formativo e professionale di Luciano Castiglione: è autore di diversi articoli su tematiche legate al mondo dell'energia, dell'efficientamento e della sostenibilità sul suo blog.Luciano Castiglione: formazione e carriera, il focusEsperto nel settore dell'efficientamento energetico, Luciano Castiglione è originario di Caltanissetta dove nel 1987 si diploma al liceo classico R. Settimo. (continua)

L’azienda Ideal Standard presenta il primo numero del 2022 di Together

Ideal Standard presenta l'edizione 2022 di "Together Magazine", progetto editoriale nato per indagare attraverso articoli, approfondimenti e interviste a personaggi del mondo internazionale i trend del settore."Together Magazine": il progetto editoriale di Ideal StandardLa storia ultra-centennale di Ideal Standard lo insegna: impossibile per un'azienda rafforzare la propria leadership nel settore (continua)

Marco Nicola Domizio (Ares Ambiente): storia, competenze e traguardi

Marco Nicola Domizio (Ares Ambiente): storia, competenze e traguardi
Imprenditore bergamasco, dal 2008 Marco Nicola Domizio guida Ares Ambiente, azienda da lui fondata e attiva nello smaltimento, recupero e trasporto di rifiuti urbani. In passato ha contribuito a realizzare diversi impianti in tutta Italia Marco Nicola Domizio opera da oltre 20 anni nel settore dell'intermediazione dei rifiuti. Attualmente l'azienda da lui fondata, Ares Ambiente, è considerata tra le realtà più performanti della Lombardia.Marco Domizio: le prime esperienze professionaliAttiva dal 2008 su tutto il territorio italiano, Ares Ambiente è una società di Treviolo (BG) specializzata nello smaltimento, recuper (continua)

Davide D’Arcangelo: innovazione e sviluppo della PA, arriva il Public Innovation Manager

Davide D’Arcangelo: innovazione e sviluppo della PA, arriva il Public Innovation Manager
Davide D’Arcangelo: l’importanza del Public Innovation Manager nell’efficientare la Pubblica Amministrazione e incentivare lo sviluppo del Paese tramite i fondi del PNRR Public Innovation Management, la vision di Impatta nelle parole del Vicepresidente Davide D'Arcangelo: il network di imprese e professionisti impegnati in innovazione e sviluppo sostenibile nei giorni scorsi ha lanciato insieme a Cciaa Roma un corso per formare la figura professionale del Public Innovation Manager.Davide D'Arcangelo: il Public Innovation Manager può aprire alla nuova filiera (continua)