Home > Ambiente e salute > Infermieri Nursing Up, De Palma: «Non è più tempo di sole parole ed onori, il sistema ha bisogno di operatori sanitari finalmente gratificati per la loro professionalità».

Infermieri Nursing Up, De Palma: «Non è più tempo di sole parole ed onori, il sistema ha bisogno di operatori sanitari finalmente gratificati per la loro professionalità».

scritto da: Nursingup | segnala un abuso

Infermieri Nursing Up, De Palma: «Non è più tempo di sole parole ed onori, il sistema ha bisogno di operatori sanitari finalmente gratificati per la loro professionalità».

«I momenti dei riconoscimenti, degli elogi e dei premi, per i mesi spesi a lottare guardando in faccia alla morte, facciano adesso il paio con le azioni concrete di Governo e Regioni, che troppo volte si sono mostrati latitanti sull’indispensabile percorso di valorizzazione degli infermieri».


ROMA 14 MAG 2022 - «I premi, i riconoscimenti, ricevuti da quei soldati impegnati al fronte con spirito di civico servizio e che, a conclusione di un lungo periodo di guerra, si vedono apporre sul petto il vessillo d’onore da parte dei loro superiori, non possono che riempire di orgoglio gli umili e battaglieri guerrieri che non si sono mai risparmiati durante i conflitti  più accesi. 

Non staremo qui a raccontare il dolore nascosto e indelebile delle cicatrici invisibili, non staremo qui a ribadire gli allarmanti dati dei contagi e dei decessi, da parte chi ha di fatto sacrificato la propria vita sul campo, ma certamente non è retorica quella di interrogarsi, guardarsi dentro e raccontare alla collettività che il tempo delle medaglie e delle pacche sulle spalle è ormai bello che finito! 

E’ arrivato il momento di lasciare spazio, oggi e non domani, alle azioni concrete, per avviare finalmente, coinvolgendo fattivamente tutte le parti in causa, quel percorso di valorizzazione che rappresenta una conditio sin qua non per l’attesa e costruttiva rivoluzione di un sistema sanitario ormai vetusto».

Così Antonio De Palma, Presidente del Nursing Up, commenta a mente fredda, i tanti tributi che gli infermieri hanno ricevuto negli ultimi due anni, come riconoscimento per l’impegno profuso da parte tutti gli operatori sanitari.

Termini come angeli, eroi, abnegazione, passione, passino nel libro dei ricordi e della retorica e, al contempo, si diano risposte tangibili alle necessità che la categoria infermieristica sta manifestando da anni.

La preoccupante carenza di professionisti ,che tocca ormai le 85mila unità, le vili violenze perpetrate ogni giorno nelle corsie, quella indennità di specificità promessa e finanziata dalla Legge di Bilancio ma di fatto ancora non arrivata in busta paga, e ancora quell’atto di indirizzo da parte del Comitato di Settore per lo stanziamento di risorse aggiuntive finalizzato a dare una svolta ad una trattativa contrattuale che ancora ristagna, su confronti che sembrano un labirinto senza uscita. 

Chi metterà fine alla fuga di migliaia di giovani professionisti verso i paesi stranieri, allettati da stipendi ben più congrui, evitando di compromettere quel ricambio generazionale fondamentale che deve partire dalla nobilitazione di una professione che comincia dalle università, da un percorso di studio rigoroso accompagnato dall’immancabile tirocinio, senza dimenticare gli indispensabili percorsi di aggiornamento e le possibilità di crescita di carriera?

Chi si occuperà di mettere in atto il piano di sviluppo di una sanità territoriale, in chiave di rapporto professionista sanitario-cittadino-paziente, che non può non fare da perno alla vita ospedaliera, per snellire e gestire in modo razionale i carichi di lavoro degli ospedali?

Dove sono gli infermieri di famiglia che serviranno come il pane al crescente fabbisogno di una popolazione destinata costantemente all’invecchiamento, per affrontare nuove sfide legate a soggetti fragili e malati cronici?

A che punto è la nostra battaglia sullo sblocco del vincolo di esclusività per garantire, attraverso la libera professione degli infermieri, al pari dei medici, la creazione di un solido filo conduttore tra sanità pubblica e privata?

Ringraziamo di cuore anche il Presidente della Repubblica per il tributo da ultimo conferitoci, di cui siamo fieri, ma questo conferimento non costituisca un alibi per la politica e certe istituzioni, per distogliere il loro sguardo dagli impegni promessi, ma tristemente disattesi, verso la professione infermieristica italiana».  

Infermieri | Nursing Up | De Palma |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Sanità, Nursing Up De Palma: «Infermieri italiani, a bordo di un aereo civile, hanno salvato la vita ad un passeggero . E' accaduto ben due volte in pochi giorni»


Nursing Up De Palma: «Pronto soccorsi degli ospedali italiani come vere e proprie bombe sull'orlo della deflagrazione»


Sanità, Nursing Up De Palma: «Tempi di vestizione, gli infermieri, ora anche provetti maghi, devono farlo in 4 minuti»


Iniziative: promozioni per il personale sanitario sui traghetti Moby Spa, Tirrenia, Toremar


Nursing Up De Palma: «Infermieri italiani sempre più vecchi. Sale l’età media dei nostri professionisti».


Nursing Up De Palma: «Allarmanti i numeri che raccontano del pericoloso esodo degli infermieri italiani verso il Ticino»


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Nursing Up De Palma: «Infermieri italiani sempre più vecchi. Sale l’età media dei nostri professionisti».

Nursing Up De Palma: «Infermieri italiani sempre più vecchi. Sale l’età media dei nostri professionisti».
L’età media dei nostri infermieri si sta pericolosamente innalzando. I nostri operatori invecchiano. L’età media degli iscritti agli Ordini è 52,2 anni (era 45,6 nel 2019), quella dei dipendenti del Servizio sanitario nazionale 56,49. Le Regioni che hanno il maggior numero di infermieri al di sopra dei 58 anni sono: Lombardia, Sicilia, Lazio, Campania e Emilia Romagna. ROMA 16 MAG 2022 - «Non bastavano gli spropositati carichi di lavoro e il conseguente stress fisico e psicologico accumulati, da ultimo, durante l’improba battaglia contro la SARS Cov 2. Eppure, la pandemia non ha fatto altro che mettere a nudo criticità e falle che covavano sotto la cenere e attendevano solo di esplodere come un vulcano dormiente ma attivissimo. I professionisti italian (continua)

Nursing Up De Palma: «Giornata Nazionale Infermieri, è arrivato il momento di mettere fine al “triste andazzo” delle chiacchiere e delle vane promesse»

Nursing Up De Palma: «Giornata Nazionale Infermieri, è arrivato il momento di mettere fine al “triste andazzo” delle chiacchiere e delle vane promesse»
«Basta con le chiacchiere, basta con le parole al vento e con le pacche sulle spalle di cui non abbiamo certo più bisogno.  Momenti come questo della Giornata Nazionale degli Infermieri, assumano davvero il senso che meritano, nello spirito di una azione collettiva che, coinvolgendo tutte le parti in causa, ponga da oggi, non da domani, con l’impegno di tutti, le basi per cambiare il nostro presente e il nostro futuro». ROMA 12 MAG 2022 - «Basta con le chiacchiere, basta con le parole al vento e con le pacche sulle spalle di cui non abbiamo certo più bisogno. Momenti come questo della Giornata Nazionale degli Infermieri, assumano davvero il senso che meritano, nello spirito di una azione collettiva che, coinvolgendo tutte le parti in causa, ponga da oggi, non da domani, con l’impegno di tutti, le basi per ca (continua)

Nursing Up, Rinnovo Contrattuale: sorgono concreti interrogativi riguardo alle proposte di spostamenti di massa personale da un’area all’altra

Nursing Up, Rinnovo Contrattuale: sorgono concreti interrogativi riguardo alle proposte di spostamenti di massa personale da un’area all’altra
La delicata seduta contrattuale per il rinnovo del CCNL della sanità, nel corso dell’ultima riunione, ha affrontato , approfondendola,  la spinosa questione degli incarichi, in merito ai quali il nostro Sindacato, con la coerenza e la schiettezza che da sempre ci contraddistingue, ha la necessità di porre, di fronte alla collettività, degli interrogativi dai quali è impossibile prescindere. Non siamo mai stati contrari alla valorizzazione delle altre categorie, ma nell’esatto momento in cui siamo di fronte, per iniziativa di alcune Organizzazioni Sindacali, ad una richiesta di passaggio diretto di personale da un’area all’altra, come accadrebbe nel caso "degli operatori" (dipendenti che nel corrente contratto sono nella categoria B/BS), che vorrebbero far passare all'Area C  del (continua)

Nursing Up De Palma: «Pronto soccorsi degli ospedali italiani come vere e proprie bombe sull'orlo della deflagrazione»

Nursing Up De Palma: «Pronto soccorsi degli ospedali italiani come vere e proprie bombe sull'orlo della deflagrazione»
Siamo ancora una volta di fronte a fenomeni di aberrante violenza, che ormai ogni giorno si consumano negli ospedali italiani, diventati incredibilmente “veri e propri ring”, con i pronto soccorsi trasformati in campi di battaglia e con gli infermieri costretti al ruolo di vittime di vergognose aggressioni, legate all’incontrollata e imprevedibile reazione di pazienti e parenti, che scatenano con modalità incivili le loro ansie sugli operatori sanitari. ROMA 9 MAG 2022 - Siamo ancora una volta di fronte a fenomeni di aberrante violenza, che ormai ogni giorno si consumano negli ospedali italiani, diventati incredibilmente “veri e propri ring”, con i pronto soccorsi trasformati in campi di battaglia e con gli infermieri costretti al ruolo di vittime di vergognose aggressioni, legate all’incontrollata e imprevedibile reazione di pazienti e parenti, (continua)

Sanità, Nursing Up De Palma: «Tempi di vestizione, gli infermieri, ora anche provetti maghi, devono farlo in 4 minuti»

Sanità, Nursing Up De Palma: «Tempi di vestizione, gli infermieri, ora anche provetti maghi, devono farlo in 4 minuti»
La spinosa questione della vestizione , ma anche del passaggio di consegne degli infermieri, da tempo denunciata dal Sindacato Nursing Up attraverso la voce del suo Presidente, Antonio De Palma, è tornata prepotentemente d’attualità nel corso dell’ultima seduta contrattuale. ROMA - «La spinosa questione della vestizione , ma anche del passaggio di consegne degli infermieri, da tempo denunciata dal Sindacato Nursing Up attraverso la voce del suo Presidente, Antonio De Palma, è tornata prepotentemente d’attualità nel corso dell’ultima seduta contrattuale.Troppo pochi i quattro minuti di attesa , addirittura paradossali per le complesse divise di protezione che da due an (continua)