Home > Altro > Governi Draghi alla prova di tenuta sul voto parlamentare per NATO e Ucraina: le posizioni dei deputati

Governi Draghi alla prova di tenuta sul voto parlamentare per NATO e Ucraina: le posizioni dei deputati

scritto da: EnricoSalvati2 | segnala un abuso

Governi Draghi alla prova di tenuta sul voto parlamentare per NATO e Ucraina: le posizioni dei deputati

Il Parlamento sarà presto chiamato a votare su temi legati al conflitto in Ucraina, come l'adesione alla NATO di Finlandia e Svezia e l'invio di altre armi a Kiev. La maggioranza draghiana resisterà ai dubbi e alle contarietà di una fascia trasversale di deputati pacifisti, anti-NATO o filo-russi?


Sul governo Draghi aleggiano le incognite dei prossimi voti parlamentari sul conflitto in Ucraina. La maggioranza del “tutti-meno-uno” non risulta particolarmente compatta su temi come l’allargamento della NATO e l’invio di armi a Kiev. L’accusa di essere filo-putiniani, seguita dall’onda di fango mediatico, pende su chiunque manifesti perplessità (anche motivate) sull’azione del governo italiano rispetto a Mosca, ma nonostante ciò diversi deputati hanno rilasciato dichiarazioni che contrastano pesantemente con la linea di euroatlantismo assolutista seguita da Draghi&co. Si pensi anzitutto a chi ha commentato sfavorevolmente la videoconferenza del presidente ucraino Zelensky nel Parlamento italiano, elogiata su tutti i media mainstream: l’ex 5Stelle Laura Granato, non presente in aula per l’intervento dell’ex comico ucraino; Matteo dell’Osso di Forza Italia e Nicola Grimaldi del M5S, che auspicano per par condicio un medesimo video-discorso parlamentare del presidente Putin; gli Italexit Gianluigi Paragone, William De Vecchis, Mario Giarrusso e Carlo Martelli che biasimano l’atteggiamento di propensione alla guerra di Zelensky; e infine Simone Pillon della Lega, i grillini Gabriele Lorenzoni ed Enrica Segneri e Veronica Giannone di Forza Italia. Molti altri hanno propensioni pacifiste e diplomatiche che mal si accordano con la voglia di Draghi di partecipare al conflitto e far estendere la NATO il più ad est possibile, includendo certamente Svezia e Finlandia che hanno presentato domanda di adesione. La posizione più filo-russa è però quella del grillino Vito Petrocelli, che aveva twittato “Buona festa della LiberaZione” con la “Z” maiuscola che rimanda al simbolo dell’operazione speciale condotta dall’esercito della Federazione Russa per eliminare il pericolo nazista annidato nell’esercito e nella politica ucraina.

Fonte: https://strumentipolitici.it/governo-draghi-ladesione2-di-svezia-e-finlandia-alla-nato-dovra-fare-i-conti-con-i-parlamentari-italiani-pacifisti-e-filorussi/


Fonte notizia: https://strumentipolitici.it/governo-draghi-ladesione2-di-svezia-e-finlandia-alla-nato-dovra-fare-i-conti-con-i-parlamentari-italiani-pacifisti-e-filorussi/


vito petrocelli | zeta russa | operazione speciali | filorussi | anti-NATO | zelensky in parlamento | putin in parlamento |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Marco Baroni (giornalista, Presidente UGEI): “Anacronismo e paranoia di Vladimir Vladimirovič Putin”


Una società di network di Ucraina ha presentato un pacchetto di canali televisivi per tutto il mondo


Bauli in piazza, a Roma si raddoppia. per dare una svegliata al Governo Draghi: “Noi siamo pronti”


Voto elettronico: oltre un milione di italiani l’ha già usato


Elezioni politiche e attacchi informatici: un connubio obbligato?


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Portogallo, polemiche sull'inflazione e sui sussidi all’agricoltura

Portogallo, polemiche sull'inflazione e sui sussidi all’agricoltura
Portogallo, polemiche da parte della confederazione degli agricoltori contro il ministero. Le lamentele sono per la situazione di vertigionoso aumento di tutti i prezzi, che porta a una perdita di competitività di cui approfitteranno i concorrenti spagnoli. La Confederazione degli agricoltori portoghesi (CAP) non è rimasta particolarmente soddisfatta dalle modalità con cui verranno distribuiti dal governo i sussidi straordinari agli operatori del settore. Questi aiuti sono stati concepiti nel contesto della crisi dell’agrialimentare data dalle carenze di materie prime e di carburante derivanti dalla guerra in Ucraina e dall’aumento galoppante dei pre (continua)

Biden arma Taiwan in vista di un eventuale attacco cinese

Biden arma Taiwan in vista di un eventuale attacco cinese
Taiwan: gli echi di guerra dall'Europa impensieriscono ancora l'area del Pacifico. A Washington si pensa che Pechino potrebbe presto scatenare le sue forze per prendere Taiwan e mettere fine alla decennale contesa. Biden approva l'ennesimo pacchetto di armamenti e materiali bellici. Un attacco della Cina a Taiwan viene considerato sempre più probabile dagli analisti americani, che spingono per far sì che il linguaggio di Biden sia meno ambiguo sulla questione, ma più deciso e diretto. E in effetti, in visita a Tokyo alla fine di maggio per un vertice con i partner del Pacifico, “Sleepy Joe” ha fatto dichiarazioni che indicano come gli USA si schiereranno concretamente a (continua)

Bitcoin: El Salvador prosegue nell'esperimento nonostante le perdite della criptovaluta

Bitcoin: El Salvador prosegue nell'esperimento nonostante le perdite della criptovaluta
Il Bitcoin ha perso molti punti percentuali. Ma il presidente salvadoregno Nayib Bukele non si demoralizza e anzi celebra su Twitter gli acquisti di nuovi Bitcoin. Crede nel progetto e invita la popolazione a usare la criptovaluta per gli acquisti quotidiani. Lo Stato centroamericano di El Salvador è il primo Paese al mondo che ha reso il Bitcoin valuta a corso legale. La scommessa del presidente Nayib Bukele è stata messa recentemente in difficoltà dalle pesanti perdite subite dalla criptovaluta, che per El Salvador vale oggi la metà di quanto venne pagata. Nonostante ciò, Bukele resta ottimista e fiducioso e pubblica su Twitter gli acquisti di cripto (continua)

Repubblica Ceca criticata per il trattamento dei profughi non ucraini

Repubblica Ceca criticata per il trattamento dei profughi non ucraini
La Repubblica Ceca, proprio come la Polonia, sta cercando il modo di alleggerire il carico gestionale e finanziaria per l'accoglienza dei rifugiati dall'Ucraina. Dando la precedenza a coloro che hanno la cittadinanza ucraina, e' stata accusata di violare i principi europei. Ma Praga non riesce piu' a mantenere tutti i profughi e chiude il suo centro di accoglienza. Come nel caso della Polonia, anche la Repubblica Ceca è al centro delle accuse delle minoranze etniche fuggite dall’Ucraina, le quali ritengono che Praga le stia trattando peggio dei rifugiati di cittadinanza o di etnia ucraina. È ciò che sostengono i portavoce del gruppo romaní (ossia i gitani o zingari) di Brno, che nel corso di una protesta presso il municipio hanno parlato in maniera aper (continua)

Lista grigia dell’antiriciclaggio: esce Malta, entra Gibilterra

Lista grigia dell’antiriciclaggio: esce Malta, entra Gibilterra
Aggiornata la cosiddetta "lista grigia" dei Paesi su cui si intensifica il monitoraggio dell'anti-riciclaggio internazionale: esce Malta, ma viene incluso un territorio d'oltremare della Gran Bretagna, cioè Gibilterra. Una brutta notizia per il territorio d’oltremare della Gran Bretagna: la GAFI, il  Gruppo di Azione Finanziaria Internazionale, ha deciso di includere Gibilterra nella lista grigia dei Paesi a maggior rischio di violazione degli standard internazionali sul riciclaggio di denaro e sul finanziamento al terrorismo. La “Rocca” è sempre stata considerata un paradiso fiscale, ma negli ultimi anni i (continua)