Home > Altro > Minori sul web. Aidr: più tutele nella strategia della Commissione Europea Bik+

Minori sul web. Aidr: più tutele nella strategia della Commissione Europea Bik+

scritto da: AIDR | segnala un abuso

Minori sul web. Aidr: più tutele nella strategia della Commissione Europea Bik+

“Si tratta sottolinea in una nota l’associazione Aidr – di una visione importante nel quadro delle azioni della Commissione Europea a supporto dei diritti dell’infanzia, che amplia il quadro delle tutele già tracciato nella prima strategia europea per un Internet migliore per i bambini (BIK)”. “I dispositivi moderni – spiega la Commissione Europea - offrono opportunità e vantaggi, consentendo ai minori di interagire fra loro, apprendere online e divertirsi. Ma questi vantaggi non sono privi di rischi, come i pericoli dell’esposizione alla disinformazione, al bullismo online o a contenuti dannosi e illegali, da cui i minori vanno protetti”


Una tutela maggiore, affinché ogni bambino sia protetto, autorizzato e rispettato online. Questo il principio con il quale la Commissione ha adottato una nuova strategia europea per un Internet migliore per i bambini (BIK+). “Si tratta sottolinea in una nota l’associazione Aidr – di una visione importante nel quadro delle azioni della Commissione Europea a supporto dei diritti dell’infanzia, che amplia il quadro delle tutele già tracciato nella prima strategia europea per un Internet migliore per i bambini (BIK)”. “I dispositivi moderni – spiega la Commissione Europea - offrono opportunità e vantaggi, consentendo ai minori di interagire fra loro, apprendere online e divertirsi. Ma questi vantaggi non sono privi di rischi, come i pericoli dell’esposizione alla disinformazione, al bullismo online o a contenuti dannosi e illegali, da cui i minori vanno protetti”. La nuova strategia europea mira a garantire contenuti e servizi online che siano accessibili, adeguati all’età e informativi, nel rispetto dell’interesse superiore dei minori e poggia su tre pilastri fondamentali: esperienze digitali sicure, empowerment digitale, partecipazione attiva. Per attuare questi pilastri fondamentali, la Commissione invita gli Stati membri e l'industria a partecipare e sostenere le azioni correlate. “La strategia della Commissione Europea – conclude Aidr – è uno strumento importantissimo non soltanto in direzione delle misure volte a rafforzare la tutela dei minori online, ma contribuisce a favorire un uso consapevole delle tecnologie digitali da parte dei ragazzi”.

 

Aidr | minori | web | Commissione Europea Bik |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Innovazione. Aidr: il Premio Giuseppe Turrisi di Sielte incoraggia i talenti digitali

Innovazione. Aidr: il Premio Giuseppe Turrisi di Sielte incoraggia i talenti digitali
La cerimonia di premiazione della prima edizione dell’iniziativa, si è svolta nella Sala Capitolare del Senato. Ai 5 migliori giovani talenti digitali, che hanno partecipato al concorso, Salvatore Turrisi, amministratore unico di Sielte e figlio di Giuseppe Turrisi, ha consegnato borse di studio del valore di 3 mila Euro l’una. I premi sono stati assegnati ai progetti più originali ed innovativi nelle categorie: Impresa, Leadership, Innovazione, Sociale e Genius. Stimolare i giovani, coltivandone il talento e supportando le idee innovative in campo digitale. Nasce con questo obiettivo il Premio Giuseppe Turrisi, promosso da Sielte, indirizzato alle scuole secondarie della Sicilia, e dedicato alla memoria dell’ex presidente dell’azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La cerimonia di premiazione della prima edizione dell’iniziativa, si è svolta (continua)

Competenze digitali. Aidr: con Re-educo approccio innovativo alla formazione

Competenze digitali. Aidr: con Re-educo approccio innovativo alla formazione
L’iniziativa – sottolinea in una nota l’associazione Aidr, partner del progetto – si è posta come obiettivo primario la formazione approfondita del personale scolastico e degli studenti sulle potenzialità e i rischi delle tecnologie digitali, all’interno di un percorso di educazione consapevole del web e delle applicazioni digitali. Le tematiche affrontate in aula e durante i webinar – prosegue ancora nella nota Aidr – sono state di grande attualità. Agli studenti e ai docenti infatti sono stati forniti gli strumenti per poter integrare le tecnologie digitali nell’ambito del proprio percorso di studi, con uno sguardo rivolto al futuro. Va in questa direzione l’ideazione di contest europeo, che sta coinvolgendo tutte le scuole secondarie, che hanno partecipato alla prima fase del progetto Re-Educo. Sono oltre seicento gli studenti coinvolti in Italia nell’ultimo anno e mezzo, in un percorso innovativo di educazione digitale, volto a favorire un nuovo approccio nel campo della cultura e formazione digitale nell’ambito del progetto R-Educo, finanziato dal Programma Erasmus +. “L’iniziativa – sottolinea in una nota l’associazione Aidr, partner del progetto – si è posta come obiettivo primario l (continua)

Educazione Digitale. Aidr: nuovo webinar di Poste Italiane disponibile gratuitamente

Educazione Digitale. Aidr: nuovo webinar di Poste Italiane disponibile gratuitamente
Il seminario avrà come focus: l’accesso alle piattaforme cloud e la gestione da remoto di attività complesse. “La sessione on line – sottolinea in una nota l’associazione Aidr – rientra nel percorso di promozione di educazione digitale avviato da Poste Italiane, volto alla diffusione delle competenze digitali, essenziali in ambito lavorativo. Educazione Digitale. Aidr: nuovo webinar di Poste Italiane disponibile gratuitamente È dedicato alle telecomunicazioni e agli impatti sul nostro stile di vita il webinar promosso da Poste Italiane in programma il prossimo 8 giugno.  L’accesso è gratuito, tramite registrazione a questo link  posteventi.com. Il seminario avrà come focus: l’accesso alle piattaforme cloud e la (continua)

Missione archeologica in Armenia con tecnologie digitali. Aidr: al via il progetto di ricerca di ISMEO

Missione archeologica in Armenia con tecnologie digitali. Aidr: al via il progetto di ricerca di ISMEO
Il progetto di ricerca istituito dall’Institute of Archaeology and Etnography of the National Academy of Sciences of the Republic of Armenia/Hayastani Azgayin Akademiai Hnagitakan yev Azgagrutyan Institut-IAE NAS RA e dall’ISMEO, opererà a partire dal sito di Aruch/Արուճ (https://silkroad.missionearcheologica.it/). È partita la missione archeologica in Armenia, sulle vie della Seta, diretta dal Consigliere Sergio Ferdinandi, archeologo, Vicepresidente dell’ISMEO (www.ismeo.eu), componente del Consiglio Superiore dei Beni Culturali (https://www.beniculturali.it/consiglio-superiore-per-i-beni-culturali-e-paesaggistici) e Dirigente Generale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ( (continua)

Cyber war. Aidr: la nostra arma è la prevenzione, accelerare sui programmi di sicurezza

Cyber war. Aidr: la nostra arma è la prevenzione, accelerare sui programmi di sicurezza
“Gli attacchi informatici- sottolinea in una nota l’associazione Aidr – sono evidentemente lo specchio di una guerra che si sta muovendo anche online. La nostra arma più importante - specifica il Responsabile dell’Osservatorio Security, Cyber, Safety, Ethic dell’Associazione AIDR, Biagino Costanzo – è la prevenzione. Bisogna cioè alzare i livelli di protezione dei nostri sistemi informatici. La questione però non è solamente tecnica, ma implica una corretta informazione sull’utilizzo delle tecnologie digitali. Il sito del Senato, del ministero della Difesa, il portale dell’Istituto superiore di Sanità, quello dello scalo aeroportuale di Orio al Serio a Bergamo, Genova e Rimini. Sono oltre 50 i siti colpiti negli ultimi giorni dall’attacco informatico lanciato dagli hacker filo-russi Killnet. Un’offensiva senza precedenti che ha fatto alzare il livello di guardia nel nostro Paese, tanto che lo stesso Sot (continua)