Home > Libri > Zebù bambino

Zebù bambino

scritto da: Michelazanarella | segnala un abuso

Zebù bambino

La nuova raccolta di Davide Cortese letta e recensita da Carmine Di Cicco


Zebù bambino, poemetto di Davide Cortese, appare, già dal titolo, fondato sull’antitesi con Gesù bambino, in un gioco cromatico di neri e di bianchi come a muovere i passi sul suolo di una scacchiera. Sin dai primissimi versi, infatti, si viene catapultati all’interno di una favola poetica, che spinge il lettore a meditare sull’impossibilità filosofica di trovare una frontiera tra l’ombra e la luce in cui, addirittura, Scoccano insieme / la mezzanotte e il mezzogiorno. Ed è in questa sovrapposizione dualistica che si apre la ferita esistenziale del piccolo Zebù, che vede riflessi i suoi due volti, uno di luce e l’altro di ombra, proprio nello specchio delle ginocchia sbucciate - metafora di una ferita primigenia e originaria, attorno alla quale si avvinghia l’intero poemetto. Il forte contrasto di toni appare già nella scelta dell’autore di trattare una tematica tanto complessa con uno stile semplice e canoro. Tant’è che la forte inquietudine pare venga messa quasi in secondo piano rispetto alla musicalità stilistica. Caratteristica però giustificabile, se si pensa poi, che il protagonista dell'opera è un infante, anche se si tratta, nientemeno, che di Mefistofele piccino. Ma volendo parlare della ferita poc’anzi menzionata, e volendo mettere già da ora faccia a faccia Zebù con la sua nemesi, v’è una figura concessa a Gesù per opera di Dio, ma negata nell’infanzia di Zebù; figura che potrebbe fungere da spunto per soffermarsi sull’argomento dell’assenza, e sarebbe a dire l’immagine materna che, all’interno del poemetto, è vissuta da Zebù come una ricerca vertiginosa, ma anche stramba e inquietante: Gioca ai dadi con le bambole / il piccolo Zebù. / A una ha dato il nome / della madre di Gesù. Scena, questa, con la quale l’autore parrebbe mettere in video il dramma di una maternità artificiale dai toni evangelici e, a ben guardare, anche edipici. E sembrerebbe essere, andando per logica, proprio questa mancanza la scaturigine delle perdizioni e delle trasgressioni di Zebù che, a guisa di marachelle e disobbedienze, va a formare i baluardi della sua vita - si potrebbe azzardare: “bohémien” - che interessano, tra l’altro, la maggior parte del poema. Ci si trova, pertanto, alle prese con un lungo elenco di comportamenti sardonici che vanno dal chiudere gli amici nel capanno, al mandare al cimitero la maestra che si lagna - volendo parafrasare lo stesso autore. In questi suoi lascivi giochi, e in questa vita che, com’è desumibile solitaria, sono solo i dannati che sebbene lo conoscano / chiedono “chi sei sei sei?” sembrerebbero riempire quella grande mancanza materna, del prossimo e, infine, di Dio. Ed è proprio Dio il fulcro dell’opera. L’assenza di questo “magistero paterno” è, infatti, la causa di tutta una serie di ritorsioni nei confronti della vita. Con questa motivazione, infatti, si può ben dedurre l’incapacità di Zebù di accettare le cose così per come sono (Vuole un sole che non sia giallo). Ma volendo già chiudere l’ampio discorso che finirebbe certamente per aprirsi intorno alla tematica scelta da Davide Cortese, e alla sua relativa semplicità, a colpire più di tutto - anche dal punto di vista narrativo e ideativo - è la scena di profonda dolcezza con cui si concludere la storia di Zebù. Mentre la sua infanzia fino ad ora è stata dedita al male e all’ipocrisia (tutti comportamenti che sembrerebbe aver imparato dagli uomini), negli ultimi versi vi è un lieto fine del tutto inaspettato, il quale viene annunciato quasi fosse una promessa (la stessa, forse, che vedrà gli esseri umani riuniti nell’amore di Dio) per la quale Zebù si abbandonerà all’amore del Padre nella comunione con il Figlio.

zebù | poesia | libri | Davide Cortese |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Suggerimenti Per Fotografare Il Tuo Neonato


Dieta: Quando il tuo bambino è in sovrappeso!


Rianimazione Pediatrica


INCOERENZA EDUCATIVA: QUALI CONSEGUENZE PER IL BAMBINO?


5 motivi da considerare nell'assumere un fotografo newborn professionista


A-dieta: Cos’è l’IMC (Indice di Massa Corporea)


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Interno 4 ospita Marcella Foranna e il suo Cantharmony

Interno 4 ospita Marcella Foranna e il suo Cantharmony
Una serata dedicata al metodo per l'allineamento armonico della voce Venerdì 1° luglio alle ore 19.30 presso lo spazio Interno 4 in via della Lungara 44 a Roma, la cantante e terapeuta olistica Marcella Foranna ci accompagnerà a conoscere “Cantharmony” un metodo di canto per liberare la voce naturale al fine di ottenere un allineamento armonico. In base alla propria esperienza, avendo nel tempo preso parte a vari corsi olistici e diventando una terapeuta reiki (continua)

Al Teatro Ar.Ma la presentazione del libro

Al Teatro Ar.Ma la presentazione del libro
Fiorella Cappelli torna in libreria con una nuova raccolta di poesie edita da ChiPiùNeArt Un invito all’ascolto di poesia emozionale con la presentazione del libro “La leggerezza del mare”, di Fiorella Cappelli al Teatro Ar.Ma in Via Ruggero di Lauria, 22 a Roma il 16 Giugno 2022 alle ore 18,00. Introduce e dialoga con l’autrice la giornalista e poetessa Michela Zanarella. Darà voce alle letture poetiche il saggista e attore Giuseppe Lorin. Il libro è a sostegno della FSHD Italia (continua)

Aperitivo musicale con Gianluca Mei ad Interno 4

Aperitivo musicale con Gianluca Mei ad Interno 4
Presentazione dell'album “Di Cani, di Linci e di Felci Selvatiche” nel salotto culturale di Chiara Pavoni Sabato 21 maggio alle ore 20.30 aperitivo musicale nel salotto culturale Interno 4 in via della Lungara 44 a Roma. Ospite di Chiara Pavoni, Gianluca Mei, con il suo nuovo album “Di Cani, di Linci e di Felci Selvatiche”. All'evento partecipa anche l'attore Giuseppe Lorin.Gianluca Mei nasce nel 1991 a Roma. Fin dall'infanzia coltiva la sua passione per l'arte e la ricerca della realtà (continua)

Al Lettere Caffè la presentazione dei libri di Michela Zanarella e Guido Tracanna

Al Lettere Caffè la presentazione dei libri di Michela Zanarella e Guido Tracanna
Sabato 7 maggio alle 19 al Lettere Caffè di via San Francesco a Ripa 100 a Roma, si terrà la presentazione dei libri di poesia di Michela Zanarella e Guido Tracanna. Michela Zanarella ha da poco pubblicato “Recupero dell’essenziale” con Interno Libri, Guido Tracanna ha pubblicato “Epimeleia” con Edizioni Il Foglio. Entrambi i volumi vantano la prefazione di Dante Maffia. La conduzione dell’e (continua)

Presentazione del libro di Michela Zanarella alla Galleria Arte Sempione

Presentazione del libro di Michela Zanarella alla Galleria Arte Sempione
La prima presentazione ufficiale di "Recupero dell'essenziale" per la rassegna IPLAC Per la Rassegna IPLAC, Insieme per la Cultura, presentazione del libro di Michela Zanarella “Recupero dell’Essenziale”, edito da Interno Libri. L’evento si terrà sabato 9 Aprile 2022 alle ore 18:30 alla Galleria Arte Sempione, in Corso Sempione 8/10 a Roma. Dialogherà con l’autrice la giornalista Fiorella Cappelli. Letture poetiche dalle voci di Massimo Chiacchiararelli e Angela Donatell (continua)