Home > Ambiente e salute > Nursing Up De Palma: «Il 36% degli infermieri italiani desidera lasciare il proprio luogo di lavoro, e di questi il 33% medita di lasciare addirittura la professione»

Nursing Up De Palma: «Il 36% degli infermieri italiani desidera lasciare il proprio luogo di lavoro, e di questi il 33% medita di lasciare addirittura la professione»

scritto da: Nursingup | segnala un abuso

Nursing Up De Palma: «Il 36% degli infermieri italiani desidera lasciare il proprio luogo di lavoro, e di questi il 33% medita di lasciare addirittura la professione»

«Gli autorevoli dati che emergono dall’indagine condotta dallo studio RN4CAST (Registered Nurse forecasting in Europe) raccontano e soprattutto asseverano in modo schiacciante le nostre denunce sulla preoccupante condizione di disagio degli infermieri italiani, giunta drammaticamente sull'orlo di un baratro».


ROMA 21 MAG 2022 - «Vivono un vero e proprio tormento interiore. Lo stress fisico e psicologico cresce ogni giorno di più, fino a diventare un macigno insostenibile, fino a condurli ad una decisione estrema che anni prima non avrebbero mai immaginato di poter prendere. 

Si trovano di fronte ad una valorizzazione economica lontana anni luce, con uno stipendio che li relega addirittura alle soglie della povertà nel nostro paese, con la spada di Damocle dei rincari e dell’inflazione che, negli ultimi mesi, a fronte di retribuzioni ferme al palo da anni, non ha fatto altro che aggravare in modo esponenziale il disagio quotidiano che li affligge. 

E poi ci sono le aggressioni subite nelle corsie da parte dei pazienti e dei parenti dei pazienti, che scatenano, su di loro, una rabbia incontrollata, una furia cieca, come in un incubo senza fine, con la totale mancanza di sicurezza nei luoghi dove lavorano, a causa di un sistema che non tutela in alcun modo i suoi professionisti migliori, quelli che i paesi stranieri vicini fanno a gara per assumere. 

Cosa sta accadendo? Vi stiamo raccontando di quello “il quadro a tinte fosche” della vita di ogni giorno dei nostri infermieri italiani, prima di tutto uomini e donne, e poi professionisti, coloro che hanno combattuto gli ultimi due anni faccia a faccia con la morte, e che non hanno avuto un minimo di esitazione nello scegliere tra anteporre la salute dei cittadini rispetto alla loro.

Ebbene oggi, molti, moltissimi di loro, stanno decidendo di abbandonare la nostra nobile professione.

Noi lo denunciamo da 2 anni ormai, in tutte le piazze, ed ora lo asseverano gli autorevoli dati che emergono dall’indagine effettuata dallo studio della RN4CAST, (Registered Nurse forecasting in Europe), che tra i tanti Paesi su cui ha lavorato, ha effettuato sondaggi anche in Italia, lasciando emergere numeri e contenuti davvero preoccupanti.

In Italia il 36% degli infermieri dichiara di voler lasciare il luogo di lavoro entro 12 mesi; di questi il 33% dichiara di voler lasciare addirittura la professione, dato che corrisponde a circa l’11% del campione generale. Sono dati che riguardano una tendenza confermata anche da studi successivi effettuati in altri paesi del mondo, compresi gli Stati Uniti».

Così Antonio De Palma, Presidente Nazionale del Nursing Up.

«Gli infermieri impegnati nei nostri servizi, nei nostri reparti del servizio sanitario nazionale, vessati quotidianamente da una organizzazione che non li valorizza da tempo immemore, che non li considera, che li relega amaramente all’ultimo posto, meditano legittimamente, in un primo momento, di cambiare luogo di lavoro, chiedendo, magari, all’inizio, ad esempio, di lasciare il caos dei pronto soccorsi per trasferirsi in reparti dove sperano che le condizioni di lavoro possano essere meno stressanti e più dignitose per la loro professionalità. 

Accade, però, che la maggior parte dei nostri professionisti si rende conto, dopo un po’ di tempo, anche secondo nostre indagini che portiamo avanti da tempo e che corroborano lo studio di cui parliamo, che nonostante i loro spostamenti ben poco è destinato a cambiare. Ed ecco che, quando si conferma il disagio dell’inadeguatezza nel riconoscere le loro qualità di professionisti da parte di un sistema sempre più lontano rispetto alle esigenze legittime degli operatori sanitari di casa nostra, si passa in quell’altra percentuale di chi vuole abbandonare addirittura e per sempre la nostra sanità, decidendo in modo irrevocabile di cambiare vita. 

Siamo al 33%, un dato pauroso, preoccupante, che deve far tremare, soprattutto se si pensa che in Italia già mancano 85000 infermieri.

Fattori fondamentali di questa pericolosissima disaffezione che si genera negli infermieri italiani, tanto da condurli a dimissioni irrevocabili e volontarie, sono quelli che denunciamo da anni, ovvero organizzazioni manageriali inesistenti, condizioni economiche e contrattuali in alcun modo dignitose, stress che arriva allo spasimo fino ad arrivare ad esplodere in malattie vere e proprie come la sindrome di bourn-out. 

Eccoli, e non sono certo solo questi, i fattori dell’abbandono della professione infermieristica, oltre a stipendi che non sono più in grado, per molte famiglie di operatori sanitari, di reggere l’impatto con i nuovi contraccolpi della crisi. 

Arriviamo fino alla nostra recentissima denuncia sugli straordinari non pagati e sulle decine di giorni di ferie messe nel dimenticatoio e negate da mesi, con le nostre battaglie che porteranno gli infermieri, inevitabilmente, dagli ospedali alle aule dei tribunali.

Chiediamoci allora, come faceva il celebre professore Bellavista, personaggio partorito dalla mente dell’indimenticato genio di Luciano De Crescenzo, se davvero vale la pena vivere in questo modo. La risposta è amaramente scontata!», chiosa De Palma.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Nursing Up De Palma: «Continua il nostro viaggio nella desolante realtà degli ospedali italiani: fari accesi su Emilia Romagna, Toscana e Marche»


Sanità, Nursing Up: Conferenza Plenaria Internazionale il prossimo 28 giugno


Nursing Up: gravi carenze di personale, riposi compensativi nel dimenticatoio ed infermieri con più di 100 giorni di ferie arretrate e centinaia di ore di straordinario che le aziende sanitarie non pagano.


«La sanità del futuro sempre più a misura d’uomo, con al centro di tutto gli infermieri e le professioni sanitarie»


Nursing Up De Palma: «Servono infermieri come il pane, il tempo stringe, e la ricostruzione, per coprire il fabbisogno di professionisti sanitari, deve cominciare dalle nostre Università».


Sanità, Nursing Up De Palma: «Infermieri italiani, a bordo di un aereo civile, hanno salvato la vita ad un passeggero . E' accaduto ben due volte in pochi giorni»


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Nursing Up De Palma: «Caro Ministro Speranza, è tutta la professione infermieristica a dover essere inquadrata come usurante».

Nursing Up De Palma: «Caro Ministro Speranza, è tutta la professione infermieristica a dover essere inquadrata come usurante».
«Plauso al suo richiesto riconoscimento per i colleghi dei pronti soccorsi, ma chiediamo che la sua iniziativa, e quindi il suo intervento presso il Ministro Orlando, venga estesa anche al resto degli infermieri ed agli altri colleghi che, come le ostetriche ad esempio, garantiscono giorno per giorno la complessa macchina assistenziale negli ospedali italiani». ROMA 6 LUGLIO 2022 - «Apprendiamo, in queste ore, che il Ministro della Salute, On. Roberto Speranza, si è fatto portavoce di una lodevole iniziativa, scrivendo di suo pugno, al Ministro Orlando, per intervenire in tempi brevi per conferire, agli infermieri e agli altri operatori dei nostri pronto soccorsi, il tanto atteso riconoscimento di professione usurante.Sinceramente, ci meravigliamo, e non (continua)

Nursing Up De Palma: «Continua il nostro viaggio nella desolante realtà degli ospedali italiani: fari accesi su Emilia Romagna, Toscana e Marche»

Nursing Up De Palma: «Continua il nostro viaggio nella desolante realtà degli ospedali italiani: fari accesi su Emilia Romagna, Toscana e Marche»
ROMA 4 LUG 2022 - «Infermieri stanchi, infermieri sottopagati, infermieri logorati dai disagi organizzativi e strutturali, infermieri che lavorano stretti nella morsa di una carenza di personale che è diventato un pericoloso buco nero. E c’è chi pensa addirittura di tornare nella sanità privata, dove alcune RSA decidono di aumentare gli stipendi, nel tentativo di recuperare gli infermieri sca (continua)

Nursing Up De Palma: «Violenza infermieri: per noi occorre arginare il drammatico fenomeno alla radice, con interventi organizzativi mirati e risolutivi che non possono più attendere».

Nursing Up De Palma: «Violenza infermieri: per noi occorre arginare il drammatico fenomeno alla radice, con interventi organizzativi mirati e risolutivi che non possono più attendere».
ROMA 1 LUG 2022  - «Lo scottante e quanto mai attuale argomento delle violenze ai danni degli operatori sanitari, che si arricchisce, quasi ogni giorno, di nuovi e scabrosi fatti di cronaca, deve richiamarci, più che mai, a nuove accurate riflessioni.Siamo, purtroppo, di fronte ad un odioso fenomeno, che presenta ormai numeri schiaccianti, che raccontano di un costante e quotidiano  (continua)

«La sanità del futuro sempre più a misura d’uomo, con al centro di tutto gli infermieri e le professioni sanitarie»

«La sanità del futuro sempre più a misura d’uomo, con al centro di tutto gli infermieri e le professioni sanitarie»
ROMA 28 GIU 2022 - Alla fine hanno certamente lasciato il segno, agli occhi della folta platea presente, e sicuramente anche nella mente dei tanti infermieri collegati dall’Italia e dal mondo, gli abbracci che il Presidente del Nursing Up, Antonio De Palma, si è scambiato con i delegati regionali che lo hanno accompagnato in questa ennesima battaglia vinta. Una giornata che pochi dimentichera (continua)

Nursing Up De Palma: «Precariato, carenza di personale e disorganizzazione. Focus su tre recenti fatti di cronaca, per raccontare l’infernale estate degli infermieri italiani».

Nursing Up De Palma: «Precariato, carenza di personale e disorganizzazione. Focus su tre recenti fatti  di cronaca, per raccontare l’infernale estate degli infermieri italiani».
ROMA 27 GIU 2022 - «Per molti italiani, per fortuna potremmo dire, è finalmente arrivata l’estate della grande rinascita. Anche se Omicron 5 incombe dietro l’uscio delle nostre porte ed è pronto a “rovinarci la festa”, il Paese vive finalmente la prima vera ripresa dalla Pandemia, dopo due stagioni dove non abbiamo potuto godere delle bellezze delle nostre spiagge e delle città d’arte che il mondo (continua)