Home > Ambiente e salute > ursing Up De Palma: «Pronto soccorsi ormai come una giungla, all’ospedale di Rovigo una donna stacca quasi a morsi il dito di un infermiere!»

ursing Up De Palma: «Pronto soccorsi ormai come una giungla, all’ospedale di Rovigo una donna stacca quasi a morsi il dito di un infermiere!»

scritto da: Nursingup | segnala un abuso

ursing Up De Palma: «Pronto soccorsi ormai come una giungla, all’ospedale di Rovigo una donna stacca quasi a morsi il dito di un infermiere!»

Ospedale di Rovigo, triage del pronto soccorso: all’apparenza una giornata caotica e difficile come le altre, gli operatori sanitari lo sanno bene che le difficoltà di gestione dei pazienti in un luogo di primo intervento non saranno mai una passeggiata.


ROMA 23 MAG 2022 - «Ospedale di Rovigo, triage del pronto soccorso: all’apparenza una giornata caotica e difficile come le altre, gli operatori sanitari lo sanno bene che le difficoltà di gestione dei pazienti in un luogo di primo intervento non saranno mai una passeggiata.

Eppure accade l’impensabile, l’inimmaginabile: una donna, all’apparenza tranquilla, è in attesa del suo turno. Ad un tratto esplode la rabbia, la furia cieca più assoluta. Un gesto imprevedibile, scatta l’agguato a un giovane infermiere. Un morso, un secondo, forse un terzo, più forte degli altri, fin quasi a recidergli il dito.

Un episodio scioccante, una violenza vile e vergognosa, rispetto alla quale non possiamo, non vogliamo farci l’abitudine.

Sono immagini indegne di un Paese civile. Non possiamo continuare a essere noi le vittime sacrificali del legittimo malcontento della collettività».

Così Antonio De Palma, Presidente Nazionale de Nursing Up.

«Da anni, con le nostre campagne di comunicazione, nei faccia a faccia con quelle figure istituzionali che ahimè fanno orecchie da mercante e si limitano alle medaglie e alle parole di elogio, alle pacche sulle spalle che prima già non servivano a nulla e ora, alla luce di queste scabrose situazioni, generano addirittura in noi rabbia. Continueremo ancora più agguerriti, convinti come siamo della necessità di garantire finalmente sicurezza e serenità nei luoghi di lavoro per gli operatori sanitari italiani.

La priorità è di certo il ripristino dei presidi di pubblica sicurezza, in barba a quelle norme inutili, che inaspriscono le pene quando le violenze sono belle che consumate, o in barba agli Osservatori che lasciano il tempo che trovano, senza interventi atti ad estirpare il cancro alla radice.

Un cancro che nasce anche da una “cattiva cultura” della collettività, oltre che a causa di una disorganizzazione latente, in un sistema dove l’operatore sanitario non esita un istante, faccia a faccia con la morte, a mettere a repentaglio la sua vita per salvare quella del paziente, mentre di contro, il suo datore di lavoro lo lascia alla mercé dei pazienti e dei parenti dei pazienti che scatenano la loro rabbia come in un ring, dove si svolgono incontri di lotta libera, senza arbitri né regole.

E mentre appare fondamentale, accanto agli interventi mirati come la presenza delle forze dell’ordine, dover contribuire, tutti, con campagne di formazione ad hoc, a far capire ai cittadini che l’infermiere non è “il nemico” di turno contro cui scagliare ansie, paura e stress, ci mettiamo nei panni di questo giovane infermiere, uno come noi.

Chissà cosa gli passerà per la mente, trascorsi i 30 giorni di prognosi, mentre tornerà al proprio  lavoro in quel pronto soccorso. E’ difficile, ma proviamo ad immaginarlo.

Il rischio è palese: quelli come lui, e sono tanti, alle prese con le numerose piaghe di una sanità che “non vuole affatto bene ai suoi figli”, vivono un tormento interiore che genera una pericolosa disaffezione. Eppure c'è ancora chi si domanda perché da qui ai prossimi mesi la sanità italiana potrebbe veder arrivare nuove dimissioni a raffica da parte di infermieri che potrebbero decidere addirittura di cambiare vita. Possiamo forse biasimarli?», chiosa De Palma.

infermieri | nursing up | aggressioni | dito | morso |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Nursing Up De Palma: «Pronto soccorsi degli ospedali italiani come vere e proprie bombe sull'orlo della deflagrazione»


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


Nursing Up De Palma: «Essere infermiere nel 2022, una vita da incubo! L’allarmante rapporto di otto università sul dilagare della piaga delle violenze ai danni degli operatori sanitari»


Nursing Up De Palma: «Viaggio nei pronto soccorsi italiani, tra carenza di personale e crepe strutturali e organizzative vecchie come il mondo, che nessuno ha mai sanato»


CORSI DI TRICOPIGMENTAZIONE: UN’OPPORTUNITA’ DI LAVORO IN UN SETTORE IN CRESCITA.


Rovigo Expo ospita Mens Sana, evento internazionale su Turismo, Wellness e Salute a Rovigo Fiere


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Nursing Up De Palma: «Caro Ministro Speranza, è tutta la professione infermieristica a dover essere inquadrata come usurante».

Nursing Up De Palma: «Caro Ministro Speranza, è tutta la professione infermieristica a dover essere inquadrata come usurante».
«Plauso al suo richiesto riconoscimento per i colleghi dei pronti soccorsi, ma chiediamo che la sua iniziativa, e quindi il suo intervento presso il Ministro Orlando, venga estesa anche al resto degli infermieri ed agli altri colleghi che, come le ostetriche ad esempio, garantiscono giorno per giorno la complessa macchina assistenziale negli ospedali italiani». ROMA 6 LUGLIO 2022 - «Apprendiamo, in queste ore, che il Ministro della Salute, On. Roberto Speranza, si è fatto portavoce di una lodevole iniziativa, scrivendo di suo pugno, al Ministro Orlando, per intervenire in tempi brevi per conferire, agli infermieri e agli altri operatori dei nostri pronto soccorsi, il tanto atteso riconoscimento di professione usurante.Sinceramente, ci meravigliamo, e non (continua)

Nursing Up De Palma: «Continua il nostro viaggio nella desolante realtà degli ospedali italiani: fari accesi su Emilia Romagna, Toscana e Marche»

Nursing Up De Palma: «Continua il nostro viaggio nella desolante realtà degli ospedali italiani: fari accesi su Emilia Romagna, Toscana e Marche»
ROMA 4 LUG 2022 - «Infermieri stanchi, infermieri sottopagati, infermieri logorati dai disagi organizzativi e strutturali, infermieri che lavorano stretti nella morsa di una carenza di personale che è diventato un pericoloso buco nero. E c’è chi pensa addirittura di tornare nella sanità privata, dove alcune RSA decidono di aumentare gli stipendi, nel tentativo di recuperare gli infermieri sca (continua)

Nursing Up De Palma: «Violenza infermieri: per noi occorre arginare il drammatico fenomeno alla radice, con interventi organizzativi mirati e risolutivi che non possono più attendere».

Nursing Up De Palma: «Violenza infermieri: per noi occorre arginare il drammatico fenomeno alla radice, con interventi organizzativi mirati e risolutivi che non possono più attendere».
ROMA 1 LUG 2022  - «Lo scottante e quanto mai attuale argomento delle violenze ai danni degli operatori sanitari, che si arricchisce, quasi ogni giorno, di nuovi e scabrosi fatti di cronaca, deve richiamarci, più che mai, a nuove accurate riflessioni.Siamo, purtroppo, di fronte ad un odioso fenomeno, che presenta ormai numeri schiaccianti, che raccontano di un costante e quotidiano  (continua)

«La sanità del futuro sempre più a misura d’uomo, con al centro di tutto gli infermieri e le professioni sanitarie»

«La sanità del futuro sempre più a misura d’uomo, con al centro di tutto gli infermieri e le professioni sanitarie»
ROMA 28 GIU 2022 - Alla fine hanno certamente lasciato il segno, agli occhi della folta platea presente, e sicuramente anche nella mente dei tanti infermieri collegati dall’Italia e dal mondo, gli abbracci che il Presidente del Nursing Up, Antonio De Palma, si è scambiato con i delegati regionali che lo hanno accompagnato in questa ennesima battaglia vinta. Una giornata che pochi dimentichera (continua)

Nursing Up De Palma: «Precariato, carenza di personale e disorganizzazione. Focus su tre recenti fatti di cronaca, per raccontare l’infernale estate degli infermieri italiani».

Nursing Up De Palma: «Precariato, carenza di personale e disorganizzazione. Focus su tre recenti fatti  di cronaca, per raccontare l’infernale estate degli infermieri italiani».
ROMA 27 GIU 2022 - «Per molti italiani, per fortuna potremmo dire, è finalmente arrivata l’estate della grande rinascita. Anche se Omicron 5 incombe dietro l’uscio delle nostre porte ed è pronto a “rovinarci la festa”, il Paese vive finalmente la prima vera ripresa dalla Pandemia, dopo due stagioni dove non abbiamo potuto godere delle bellezze delle nostre spiagge e delle città d’arte che il mondo (continua)