Home > Turismo e Vacanze > Aruba Natural Wonders: il lato più selvaggio di Aruba vi aspetta

Aruba Natural Wonders: il lato più selvaggio di Aruba vi aspetta

scritto da: GlobalTourist | segnala un abuso

Aruba Natural Wonders: il lato più selvaggio di Aruba vi aspetta

Come scovare le meraviglie naturali su un’isola che è essa stessa un paradiso terrestre? Vi aiutiamo noi, raccontandovi dove trovare i luoghi naturali più spettacolari di Aruba


Considerata un paradiso tropicale circondata dal mare turchese, Aruba ha la fortuna di essere costantemente baciata dal sole, essendo l’isola dei Caraibi con il minor numero di giorni di pioggia. Tuttavia, non sono solo le bianche distese di sabbia bianca a lasciare a bocca aperta, ma anche quello che viene considerato il lato più selvaggio di Aruba: la Costa Nord-Est, un susseguirsi di viste mozzafiato a picco sull’oceano, formazioni rocciose e distese di cactus che si apriranno davanti ai vostri occhi.

Avventurarsi tra le formazioni rocciose di Ayo e Casibari

Sebbene l'intera isola sia costellata di enormi massi di diorite, i massi di Casibari e le formazioni rocciose di Ayo vantano le collezioni più notevoli. I disegni rupestri degli indiani Arawak decorano le pietre monolitiche di Ayo, a testimonianza della grande importanza che queste rocce avevano per i primi abitanti dell'isola. In entrambi i luoghi è possibile avventurarsi tra i massi percorrendo dei percorsi guidati che vi condurranno nel cuore di questi complessi rocciosi o fin sulla loro cima, per godere di meravigliose viste sul panorama circostante.

Immergersi nella piscina naturale Conchi

La famosa piscina naturale di Aruba è situata all'interno del Parco Nazionale Arikok, a nord-ovest di Dos Playa. Conosciuta in Papiamento, la lingua locale di Aruba, come Conchi, questa piscina a forma di conchiglia è circondata da un'ampia barriera di rocce laviche che la protegge dalle onde rendendola un luogo sicuro dove immergersi e fare il bagno. Gli avventurieri potranno percorrere il sentiero roccioso e a cavallo o in bicicletta, chi invece preferisce non faticare potrà raggiungerla tramite una delle numerose escursioni in Jeep che includono uno stop in questo luogo, vi avvisiamo però che la strada è parecchio dissestata e non adatta e chi soffre il mal d’auto!

Camminare a piedi scalzi sulle Dune California

Le Dune California sono una riserva naturale protetta situata a Hudishibana, un'area all'estremità nord-occidentale dell'isola. Queste morbide dune di sabbia, che prendono il nome dalla famosa nave naufragata al largo dell'isola a fine ‘800, offrono uno scenario molto particolare. Inoltre, avventurandosi fino al vecchio faro in pietra si raggiunge uno spettacolare punto di osservazione da cui ammirare le onde che si infrangono lungo la costa rocciosa e il Faro della California che fa la guardia sull'altopiano vicino.

Lasciarsi incantare dai ponti di roccia naturali

Per migliaia di anni, le onde e i forti venti hanno lentamente scalpellato le scogliere calcaree lungo la costa settentrionale di Aruba, creando diversi ponti naturali. Il più grande e famoso di tutti, un tempo la struttura di questo genere più imponente dei Caraibi, purtroppo è crollato nel 2005 ma è ancora possibile vedere le sue rovine presso la spiaggia di Andicuri, così come ammirare il Baby Bridge, ancora intatto e situato poco distante. Altri splendidi ponti naturali si trovano nella parte meridionale dell'isola, vicino a Black Stone Beach, dove si trova un ponte a tripode unico nel suo genere.

Salire in cima all’Hooiberg o al “monte” Jamanota

Non possiamo propriamente definirle montagne, ma sicuramente, le due alture principali di Aruba, si faranno notare a partire dal vostro arrivo sull’isola. Con i suoi 188 mt, il “monte” Yamanota è il punto più alto dell'isola ed è situato all’interno del Parco Arikok. L'Hooiberg invece, che in olandese significa "pagliaio", è la montagna a forma di cono che si erge per 164 mt nel centro di Aruba: gli escursionisti possono salire gli oltre 550 gradini fino alla cima, dove, tra un incontro con una capretta selvatica e l’avvistamento di pappagallini e lucertole, potranno godere di una vista panoramica meravigliosa.

Esplorare la Grotta Guadirikiri e la Grotta Fontein

La più visitata tra le numerose piccole grotte calcaree che costellano la costa settentrionale all'interno del Parco nazionale Arikok è la grotta di Guadirikiri, famosa per le esplosioni di luce naturale che sorprendono il visitatore che ci si avventura grazie alla presenza di fori calcarei in tutta la caverna. Situata a poca distanza sempre all’interno del parco, la grotta di Fontein è invece famosa per i pittogrammi decorativi di colore rosso bruno incisi dagli Amerindi in antichità sulle pareti e sul soffitto della grotta, continuano a raccontare una ricca storia ancestrale tra stalattiti e stalagmiti millenarie.

Ritrovare sè stessi a Dos Playa, Boca Prins e Boca Grandi

La costa Nord-Est ospita spiagge molto diverse dal lato caraibico dell’isola: anche se qui la balneazione è spesso sconsigliata a causa delle forti correnti, vale comunque la pena raggiungerle per assaporare l’atmosfera selvaggia e incontaminata che le contraddistingue. Abbandonatevi alla natura incontaminata di Dos Playa (Parco Arikok), formata da due baie gemelle scavate nella pietra calcarea raggiungibili a piedi o in fuoristrada, e poi raggiungete Boca Prins: delle scale in legno consentono di accedere a questa spiaggia che prende il nome dall’ex Piantagione Prins lungo la costa rocciosa di Aruba. E infine scendete fino a Boca Grandi, situata nella parte meridionale dell'isola: caratterizzata da morbide dune di sabbia contornate dalla cosiddetta “uva di mare” questa spiaggia si affaccia su un punto di mare che i venti costanti rendono perfetto per i kitesurfer più esperti, che la raggiungono soprattutto nei fine settimana, mentre durante la settimana potreste avere la fortuna di non trovare nessuno.

Eco tour alla scoperta del lato selvaggio di Aruba

Se volete risvegliare l’esploratore che è in voi, e allo stesso tempo ottenere informazioni e curiosità sulla natura e sulla fauna di Aruba, vi consigliamo di rivolgervi a una delle agenzie locali che propone tour e itinerari sostenibili a piedi: Fins & Feet Nature Tours è una piccola compagnia turistica privata di proprietà locale con un approccio ecologico che offre esperienze di escursioni e snorkeling in diversi punti tranquilli dell'isola, utilizzando solo piedi e pinne (fins & feet in inglese) e nessun veicolo motorizzato; Aruba Nature Explorers è invece un’agenzia eco-friendly che lavora solamente nei grandi spazi aperti e incontaminati di Aruba: è possibile prenotare una varietà di escursioni private, tra cui una combinazione unica tra un'escursione di mindfulness all'alba e meditazione sulla spiaggia, bird-watching oppure un tour delle aziende agricole locali; Salty Hikes accompagna i visitatori alla scoperta della parte Sud di Aruba: i tour iniziano in quella che viene chiamata la Sunrise City di Aruba (San Nicolas) e prosegue verso Sero Colorado, passando per alcuni punti di attrazione come Boca Grandi e la famosa Red Anchor, il Ponte Naturale Nascosto e le formazioni di roccia vulcanica della punta più meridionale dell’isola.


Fonte notizia: https://www.aruba.com/it/effetto-aruba


turismo | aruba | vacanze | viaggiare | natura |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Le Nazioni Unite scelgono l'hotel più ecologico del mondo: il Bucuti & Tara Beach Resort di Aruba


One Happy Workation: il tuo nuovo ufficio in paradiso!


Un sogno da mettere sotto l’albero: Aruba


Aruba: al via il piano di vaccinazione


Lo straordinario video che vi mostrerà Aruba con gli occhi di un uccello


Aruba: guida ai migliori ristoranti all’aperto


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Nella cava di pietra Tones Teatro Natura alla prima mondiale di The Witches Seed con Consorzio Maggiore

Nella cava di pietra Tones Teatro Natura alla prima mondiale di The Witches Seed con Consorzio Maggiore
Tornano nella cava di pietra di TONES TEATRO NATURA, a pochi passi dal Lago Maggiore, i grandi appuntamenti di musica, teatro e natura. Si comincia con la prima mondiale della spettacolare opera rock di Stewart Copeland The Witches Seed con Irene Grandi. Dal 22 luglio al 4 settembre nel teatro-cava in Val d'Ossola verrà messo in scena un prestigioso calendario di eventi che metteranno insieme musica, pensiero ecologico e cultura della montagna. Ad aprire la stagione teatrale 2022 ci sarà Stewart Copeland, fondatore dei celebri Police, che con la sua musica darà vita alla prima mondiale di The Witches Seed, geniale opera rock ideata da Maddale (continua)

In Perù tornano la magia e il misticismo degli Inti Raymi

In Perù tornano la magia e il misticismo degli Inti Raymi
La più grande festa dell’Impero Inca tornerà ad animare la città di Cusco per celebrare il Sole, accogliendo oltre 60mila visitatori locali e internazionali Dopo due anni riprenderanno i festeggiamenti ufficiali e in presenza dell’Inti Raymi, la più grande festa dell’Impero Inca. Per una civiltà che basava la sua religione sul culto del sole, questa cerimonia era un evento essenziale che sanciva un momento molto importante del ciclo dell’anno: coincideva infatti con il solstizio d'inverno in Perù, il giorno più corto e la notte più lunga dell'ann (continua)

Consigli per una perfetta vacanza in famiglia ad Aruba

Consigli per una perfetta vacanza in famiglia ad Aruba
Attività a contatto con gli animali e con la natura locale, esperienze per imparare qualcosa in più sulla cultura locale e idee per una giornata in famiglia senza pensieri Aruba, perla dei Caraibi del Sud, presenta per sua natura una serie di caratteristiche che la rendono la destinazione ideale per un viaggio con i più piccoli: il sole costante, anche ad agosto e settembre, ampie spiagge bianche ideali per i bambini e un mare turchese. Oltre a queste però, ci sono una serie di fattori che fanno sì che sia un’ottima scelta per una vacanza in famiglia, solo per (continua)

Maggiore Centro: visita il Lago Maggiore con un unico biglietto

Maggiore Centro: visita il Lago Maggiore con un unico biglietto
Le Isole Borromee sono tra le attrazioni più conosciute sul Lago Maggiore, ma in realtà la zona offre molto di più da scoprire. Con il nuovo biglietto unico Maggiore Centro si può infatti viaggiare comodamente a bordo di battello, bus e funivia per un’intera giornata e visitare attrazioni turistiche fra sponda piemontese e sponda lombarda del Lago Maggiore. Molte delle località che si affacciano sul Lago Maggiore si possono raggiungere tranquillamente anche senza auto, viaggiando con i traghetti della Navigazione Laghi, con i bus di linea e le funivie. Tra le tappe imperdibili sono sicuramente da ricordare la pittoresca cittadina di Stresa con il suo soleggiato lungolago e l’Eremo di Santa Caterina del Sasso che, arroccato su una sporgenza rocci (continua)

Trekking in Perù, tra siti Inca, vulcani e alture mozzafiato

Trekking in Perù, tra siti Inca, vulcani e alture mozzafiato
Il Perù a piedi: itinerari da poter percorrere in maniera lenta, assaporando ogni attimo, scorcio ed emozione di un viaggio che rimane impresso nel cuore Gli Inca furono grandi avventurieri e costruirono strade attraverso tutto il loro impero. Il grande sistema viario costruito da questa antica civiltà per spostare uomini e merci si chiama Qhapaq Ñam e un tempo si estendeva ben oltre i confini peruviani, per un totale di oltre 60.000 chilometri che toccavano 6 paesi del Sud America. Tuttavia oltre un terzo - 23.000 chilometri - si trova in Per (continua)