Home > Sport > Prossimi appuntamenti di volo in deltaplano e parapendio

Prossimi appuntamenti di volo in deltaplano e parapendio

scritto da: GustavoVitali | segnala un abuso

 Prossimi appuntamenti di volo in deltaplano e parapendio

Dal Monte Avena sopra Feltre spiccheranno i voli per la conquista del titolo italiano 2022 di parapendio – Percorsi lungo la vallata del Piave, in Valsugana e oltre – Al monte Cucco in Umbria sfida tra le nazionali di deltaplano per il titolo di campione europeo, mentre quello nazionale sarà assegnato in Friuli – Grande successo dei campionati regionali


L’Italian Paragliding Open 2022, ovvero il campionato italiano di volo in parapendio, terrà banco dal 6 all’11 giugno nei cieli del Monte Avena sopra Feltre (Belluno).

Una volta al giorno i piloti affronteranno percorsi di gara lungo la vallata del Piave tra Feltre e Belluno, in Valsugana fino a Levico Terme e anche nella zona della pedemontana tra Bassano del Grappa e Vittorio Veneto. Tutto dipenderà dalla meteo alla quale il volo libero, cioè senza motore, sia in parapendio come in deltaplano è fortemente ancorato.

Il sito prescelto ha già ospitato i mondiali del 2017, un successo passato alla storia per record di nazioni presenti, pubblico numeroso e organizzazione efficiente, il Para&Delta Club Feltre e l’Aeroclub Feltre, la stessa che si occuperà di questo nuovo evento. La competizione è aperta anche ai piloti stranieri che voleranno solo per la conquista del 37° Trofeo Internazionale Guarnieri, quelli nostrani soprattutto per il titolo di campione d’Italia maschile e femminile.

Le giornate del 4 e del 5 sono destinate ai voli di prova, mentre il 3 giugno si terrà la conferenza stampa di presentazione presso il centro operativo nel comune di Pedavena, località Boscherai.

A seguire dal 25 luglio al 6 agosto la nazionale di parapendio, già campione del mondo nel 2019 a squadre e individuale, sarà impegnata a Nis in Serbia per il campionato europeo. Lo ha già vinto nel 2004 e nel 2010.

La nazionale italiana di deltaplano, attuale campione del mondo ed europeo in carica, affronterà avversari di tutto rispetto nei cieli del Monte Cucco sopra Sigillo (Perugia) dal 10 al 23 luglio. In condizioni di meteo favorevoli i percorsi di gara dall’Umbria lambiranno anche la Toscana e le Marche. Il sito, che ha già ospitato diverse edizioni di campionati mondiali ed europei, è considerato la culla del volo in deltaplano, tra i più generosi in un paese come l’Italia che conta dorsali montuose dove si generano condizioni ottimali per il volo libero come da nessuna altra parte.

Invece Il campionato italiano di deltaplano sarà congiunto alla manifestazione Spring Meeting – Trofeo Friuli Venezia Giulia che si svolgerà a Travesio (Pordenone) dal 23 al 28 agosto. Come da tradizione la formula open consente l’accesso anche ai piloti stranieri per la conquista del trofeo.

Grande partecipazione ai campionati regionali a partire dal Campionato Triveneto, giunto quest’anno alla 28.a edizione. Dopo l’annullamento dei primi due appuntamenti di aprile causa il maltempo, ben 99 piloti di deltaplano e parapendio si sono ritrovati a Gemona (Udine). Nelle diverse categorie hanno vinto Federico Boschiero, Valter Zigante, Walter Scherlin, Stefano Giongo e Valentino Bau, già pilota della nazionale italiana di deltaplano.

Per il CRO (Campionato Regioni Occidentali) a Santa Elisabetta (Torino) si sono ritrovati 80 piloti di parapendio. Nelle varie categorie sono risultati vincitori Michela Brudaglia, Amanda Koch, Igor Mangili, Ionut Ulici e Diego Ardissone. Una seconda tappa prevista a Cavallaria ha dovuto essere rinviata a metà giugno causa maltempo.

Il CA.R.T.ER., Campionato Regionale Toscana ed Emilia Romagna sta scaldando i motori. Il primo appuntamento è previsto per il 28 maggio al Monte Pizzo sopra Bologna. Seguiranno quelli di Sestola (Modena) e Monte Caio in provincia di Parma.

Gustavo Vitali - Ufficio Stampa FIVL

Associazione Nazionale Italiana Volo Libero (registro CONI n. 46578)

il volo in deltaplano e parapendio - 335 5852431 - skype: gustavo.vitali

immagini di libero utilizzo

per informazioni sul Campionato Italiano di parapendio, addetta stampa

Alessia Dall’Ò – alessiadallocomunicazione (AT) gmail.com – 349 4561982

sito ufficialeclassifiche - guarnieritrophy (AT) gmail.com

per informazioni sul Campionato Europeo di deltaplano, addetta stampa

Barbara Valla - press (AT) italy2020.eu - +39 333 725 0625 – sito ufficialesito CIVL

per informazioni sul Campionato Italiano di deltaplano – Spring Meeting

info (AT) flyve.it - 349 644 3947 - sito ufficiale - pagina facebook

Tutti i comunicati stampa FIVL


Fonte notizia: https://www.fivl.it/index.php/comunicati-stampa/comunicati-stampa/3093-prossimi-appuntamenti-di-volo-in-deltaplano-e-parapendio


volo | volo libero | deltaplano | parapendio | campionato | Travesio | Pordenone | piloti | Feltre | Pedavena | sigillo | Perugia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L’anno “particolare” del volo in parapendio e deltaplano


Si apre la nuova stagione del volo in deltaplano e parapendio


In Val Parma i campionati italiani di parapendio 2021


Il volo in deltaplano e parapendio si risveglia nei cieli di Lombardia e Veneto


Il volo libero in parapendio in attesa della riapertura


Valerio Marchetti, Campione italiano di volo in parapendio classe Sport


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Quando a Venezia fu inventato il ghetto

Quando a Venezia fu inventato il ghetto
Le prime comunità ebraiche in terraferma - Le conseguenze della guerra di Cambrai - Istituzione, allargamento, urbanistica e regolamentazione del ghetto - La forza del ghetto e l'autogoverno degli ebrei - Rinnovo delle “condotte” - Da straccivendoli a ricchi mercanti Un rapporto complesso quello tra la comunità ebraica e l’antica Venezia, ma proficuo per entrambe: per le le casse della Serenissima da una parte e per la tolleranza sconosciuta nel resto d’Europa che gli ebrei trovarono a Venezia. Le prime comunità in terraferma Pare che una prima testimonianza della presenza ebraica nel territorio veneziano risalga al 932 a Mestre dove nel 1152 si censi (continua)

In Altro Adige e a Milano i titoli italiani di parapendio

 In Altro Adige e a Milano i titoli italiani di parapendio
Cieli veneti affollati da oltre 100 parapendio per la conquista del titolo tricolore - Dopo quattro manches la spuntano i campioni uscenti Silvia Buzzi Ferraris e Joachim Oberhauser - Ottima organizzazione e grande festa finale in quel di Pedavena (Belluno) Sono l’alto atesino Joachim Oberhauser di Termeno e la milanese Silvia Buzzi Ferraris i nuovi campioni italiani di volo in parapendio. Succedono a se stessi, avendo vinto identici titoli del 2020, mentre nel 2021 il campionato non ha avuto luogo, causa le note vicende sanitarie.La competizione si è svolta in quattro manches con decollo dal Monte Avena. Da qui 115 piloti hanno spiccato il vo (continua)

Quando a Venezia la si faceva a cazzotti

Quando a Venezia la si faceva a cazzotti
Rivalità tra Castellani e Nicolotti - Il sestiere di Dorsoduro e il "doge dei Nicolotti" - Il “Ponte di Pugni” - Il Malcanton e i contrabbandieri Castellani e NicolottiIl sestiere di Dorsoduro a Venezia resta affacciato a settentrione sul canale della Giudecca, isola una volta chiamata Spinalonga per la sua forma di pesce. Il cambio del nome era dovuto al fatto che il governo dell’antica Serenissima un bel giorno decise di confinare lì chi veniva condannato per reati minori contro lo stato, “zudecá” in lingua veneta, cioè “giudicato”. Invec (continua)

Quando a Venezia si praticava la tortura

Quando a Venezia si praticava la tortura
I “tratti di corda” scelta prediletta tra i molti sistemi di tortura – Indiziati e testimoni reticenti prime vittime – Tempi di applicazione ed esenzioni – Un metodo d’inquisizione riconosciuto come imperfetto e le confessioni estorte – Un caso di rigetto della tortura come metodo d’indagine Non solo a Venezia, ma ovunque per secoli la tortura è stata concepita come funzionale al concetto stesso di giustizia. Solo l’Illuminismo e la rivoluzione francese porteranno a una sua progressiva messa al bando. I “tratti di corda” e la “camera del tormento” Se l’elenco dei metodi di tortura per estorcere confessioni è piuttosto lungo e variegato, pare che quello più diffuso in occidente (continua)

Prostitute e cortigiane nella Venezia del Rinascimento

Prostitute e cortigiane nella Venezia del Rinascimento
Il mondo dell'amore a pagamento e dell'erotismo nel secolo dello splendore Veneziano - Donne colte, affascinanti e disinibite per i più ricchi, povere prostitute per il popolo - Come il governo della Serenissima controllava e tassava la prostituzione - Pittori e nobiluomini affascinati dalle cortigiane. Una delle particolarità della società veneziana in ogni sua epoca, e in particolare durante il Cinquecento, è stato il gran numero di donne dedite alla prostituzione. Gli storici hanno giustificato questo fenomeno con la stessa connotazione di una città tutta orientata verso il commercio e con molti “foresti”, mercanti soprattutto, che vi si recavano per curare i propri affari. Si trattava p (continua)