Home > Altro > Economia giapponese, il calo del PIL affonda lo Yen giapponese

Economia giapponese, il calo del PIL affonda lo Yen giapponese

scritto da: Elleny | segnala un abuso

Il PIL è sceso dello 0,1% nel primo trimestre del 2022, mentre la valuta sprofonda contro il dollaro USD


Arrivano segnali poco incoraggianti dall'economia giapponese. In base agli ultimi dati statistici, il PIL è calato dello 0,1% nel primo trimestre del 2022, dopo una crescita dell'1,0% nel quarto trimestre 2021.
La nota positiva è che il calo è minore rispetto ai dati flash, che prevedevano una discesa dello 0,3%.

Lo stato di salute dell'economia giapponese

economia giapponeseSu base annua l'economia giapponese si è contratta dello 0,5% nel primo trimestre del 2022, che è sempre meglio delle attese di 1,0%, ma comunque evidenzia un forte rallentamento rispetto alla crescita del 4,0% del quarto trimestre (espansione più forte dal quarto trimestre del 2020).

Mentre i consumi sono rimasti resilienti nonostante una recrudescenza delle infezioni da COVID-19, gli investimenti delle imprese sono diminuiti a seguito delle interruzioni della catena di approvvigionamento dovute alla guerra in Ucraina. Anche le esportazioni nette hanno contribuito negativamente al PIL.

La caduta dello Yen

La situazione sempre più complicata sta caratterizzando la valuta nazionale. Lo Yen è sui minimi di oltre 20 anni rispetto al dollaro. Il cambio USD-JPY è salito fino ad avvicinarsi a quota 134, come ben sa chi adotta una strategia forex giornaliera.

A penalizzare la valuta nipponica è la forte divergenza tra la politica monetaria della BoJ e quella della FED.
La BOJ ha lasciato invariato il suo tasso di interesse chiave a breve termine a -0,1%, guidando i rendimenti dei JGB a 10 anni a circa lo 0% ad aprile. Il governatore Haruhiko Kuroda ha dichiarato lunedì che la Banca del Giappone non vacillerà nel suo allentamento monetario aggressivo per sostenere l'economia e garantire una crescita salariale più robusta, rafforzando l'idea che la BOJ rimarrà un valore anomalo tra le principali banche centrali che stanno passando a una politica monetaria più restrittiva per frenare l'impennata dell'inflazione.

Dal canto suo, la FED invece si prepara a rialzi aggressivi dei tassi, in vista di una lettura chiave dell'inflazione prevista per la fine della settimana.

Sul mercato azionario

Nel frattempo, il mercato azionario giapponese ha digerito bene i dati sull'economia. L'indice Nikkei 225 è salito dell'1,04% a 28.234, mentre il più ampio indice Topix ha guadagnato l'1,18% a 1.970, toccando nuovi massimi di due mesi e prendendo spunto da una sessione notturna positiva a Wall Street. Su questi indici alcuni broker consentono anche di negoziare i CFD (definizione come funzionano).

Le aziende energetiche, industriali e manifatturiere hanno guidato l'avanzata, con forti guadagni da Inpex Corp (4,7%), Shin-Etsu Chemical (1,2%), JGC Holdings (12,1%), Mitsubishi Heavy Industries (3,6%) e Kawasaki Heavy Industries (7,2 %).

giappone | strategia forex giornaliera | CFD definizione |



 

Potrebbe anche interessarti

Mercati valutari, euro in calo mentre il dollaro beneficia dell'effetto FED


Economia giapponese in lieve ripresa. Ecco cosa dicono i verbali della BoJ


Beni rifugio richiestissimi, cresce la paura sui mercati globali


Pil Lombardia Speciale, Pil pro capite in Lombardia più alto di Gran Bretagna e Francia


“Dieta giapponese e prevenzione oncologica” - Un convegno dedicato alla cucina giapponese e ai suoi effetti benefici.


Debito pubblico: Italia prima in classifica UE, ma con spiragli


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Inflazione in Turchia ancora in aumento per il quattordicesimo mese di fila

Non si arresta la corsa dei prezzi al consumo nel Paese sul Bosforo Ancora una volta l'istituto di statistica nazionale della Turchia deve evidenziare un aumento dell'inflazione. Per il quattordicesimo mese consecutivo, la corsa dei prezzi continua ad avanzare nel paese sul Bosforo, arrivando al 79,6%. E' un livello che non si vedeva da settembre 1998.Esame analitico dell'inflazioneIl nuovo dato segna un lieve aumento rispetto al 78,6% del mese scorso, ed è al di (continua)

Produzione, dati macro deboli in Polonia. Lo Zloty perde terreno

Il governatore della banca centrale ha di recente accennato al rischio di recessione tecnica il prossimo anno I prezzi alla produzione corrono più del previsto, mentre la produzione industriale avanza meno delle aspettative. Questi sono gli ultimi dati macro della Polonia, dove lo Zloty - la valuta nazionale - perde quota rispetto al dollaro.Dati polacchi sulla produzionePartiamo dai dati macro. A giugno i prezzi alla produzione sono aumentati del 25,6% su base annua, dopo un aumento del 24,7% nel mese pr (continua)

Economia Argentina, cambia il ministro in una situazione difficile

Piove sul bagnato per l'economia argentina, che ha dovuto sostituire il Ministro Guzman, dimessosi a sorpresa durante il weekend. Era considerato da molti come l'artefice del salvataggio del Paese dall'insolvenza, e per questo il suo addio crea molte preoccupazioni.L'ultima scossa per l'economia argentinaGuzman aveva lavorato duramente al negoziato di rifinanziamento di un debito con il Fondo mone (continua)

Criptovalute, crescono sempre di più gli imbrogli su internet

I malintenzionati possono sfruttare il fatto che la maggior parte delle persone ancora non ha grande familiarità con il funzionamento delle cripto Il mondo delle criptovalute continua ad essere un terreno minato per gli investitori sprovveduti. Lo dimostra un allarmante dato di fatto: nel corso del 2021 ci sono stati episodi truffaldini sulle crypto per un miliardo di dollari.La cifra è ancora più allarmante, se si pensa che nel 2018 era 60 volta più piccola.Il terreno di caccia sulle criptovaluteAl crescere della diffusione delle valute dig (continua)

Investitori recuperano un po' di buonumore. A Milano il FTSE Mib segna +1,6%

Gli investitori sono tornati a fare compere sul mercato azionario. I listini del Vecchio continente strappano tutti un segno positivo alla chiusura Gli investitori sono tornati a fare compere sul mercato azionario. I listini del Vecchio continente strappano tutti un segno positivo alla chiusura, con Piazza Affari che fa meglio delle altre.I temi caldi per gli investitoriL'andamento di questi giorni conferma un umore oscillante, a causa di un’inflazione aggressiva e di un quadro geopolitico che continua a generare incertezza. Nel frattempo gli (continua)