Home > Esteri > Il Consiglio Superiore degli Ulema del Marocco condanna il film "The Lady of Heaven"

Il Consiglio Superiore degli Ulema del Marocco condanna il film "The Lady of Heaven"

scritto da: FLM | segnala un abuso

Il Consiglio Superiore degli Ulema del Marocco condanna il film

Il Consiglio Supremo degli Ulema presieduto da Sua Maestà il Re Mohammed VI condanna fermamente il film "le donne del paradiso" scandaloso e esprime il suo categorico rifiuto della palese falsificazione di fatti accertati della storia islamica oltre la rabbia del popolo islamico,


Secondo la media, il film britannico "le donne del paradiso" ovvero The Lady of Heaven è stato bandito in Marocco dove il Consiglio Superiore degli Ulema condanna fermamente questo film scandaloso che danneggia le santità islamiche, che sono una linea rossa per il mondo arabo e i paesi islamici.

A tal proposito, il Consiglio Supremo degli Ulema presieduto da Sua Maestà il Re Mohammed VI condanna fermamente questo film scandaloso e esprime il suo categorico rifiuto della palese falsificazione di fatti accertati della storia islamica oltre la rabbia del popolo islamico, e invita le autorità a prendere tutte le misure necessarie al riguardo.

Tuttavia, lo scrittore del film "The Lady of Heaven" ha osato usare la persona di Fatima Ezzahra, la figlia del Profeta Mohammed con una disgustosa parzialità per scopi contrari alla religione e alla realtà storica. Inoltre, tra tutti gli uomini e le donne musulmane, non richiede l'uso di false accuse per parlare della figlia del Profeta, perché una vergogna e disgrazia, per non parlare del pregiudizio alla personalità del successore del Profeta Abou Bakr Essadik che è stato oggetto delle più grandi testimonianze del Profeta e che è uno degli scandali di questo film efferato.

Dietro questo film cerca in realtà una promozione della propria produzione e il raggiungimento del maggior numero di spettatori e tocca i sentimenti dei musulmani in tutto il mondo.

Inoltre, lo scrittore Yasser Al Habib ha scritto questo film che appartiene a una dottrina sciita. Questa persona è stata tolta la cittadinanza Kuwaitiana per le sue idee estremiste e il film non viene accettato dai musulmani perché nega i fatti storici e falsifica la vita del profeta e i suoi compagni, oltre l'incarnazione del Profeta che la pace sia con lui.

Vale la pena menzionare che il Consiglio Superiore degli Ulema nel Marocco, sottoposto alla sua guida, con l’obiettivo di proteggere il modello religioso marocchino, contrastare la crescita dell’islamismo radicale nella società marocchina e limitare le dottrine che siano incompatibili con il patrimonio culturale del Marocco, come lo sciismo e il wahhabismo. L’Islam ufficiale marocchino si basa infatti sulla scuola legale malikita e sulla dottrina asha’arita.

Nel contesto internazionale, dopo gli attentati terroristici alle Torri Gemelle di New York, l’11 settembre 2001, il Marocco è diventato oggetto di interesse sia per l’Unione Europea che per gli Stati Uniti nel contesto della sicurezza e della lotta al terrorismo, grazie alla sua posizione geografica nel bacino Mediterraneo e la sua prossimità al continente europeo.

La politica del Marocco sembra essersi dimostrata efficace nonostante altri attacchi terroristici siano stati compiuti nel 2007 e nel 2011. Le ripercussioni sono state contenute grazie anche alla stabilità del paese e al rafforzamento dei servizi di sicurezza nel contesto della lotta al terrorismo.

Vale la pena menzionare che la guida di Sua Maestà che attribuisce al Regno un posto d'elezione nel concreto delle Nazioni come paese ascoltato e rispettato, che conta nei maggiori equilibri geostrategici regionali e internazionali.

Forum Marocco Veneto









film the lady oh heaven |



 

Potrebbe anche interessarti

L'Europa sia aperta a nuove collaborazioni con il Marocco


La Cooperazione bilaterale tra il Marocco e la Mauritania rafforza la lotta al terrorismo


Il Re Mohammed VI ha rivolto un discorso alla nazione sabato 31 luglio 2021 in occasione del 22 anniversario dell'ascesa al Trono del Sovrano.


Il Marocco un partner affidabile per l'Italia.


La rottura delle relazioni tra Algeria e Marocco


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La dimissione di Oksana Pokaltchouk, Capo di Amnesty International in Ucraina a causa del rapporto ONG

  La dimissione di Oksana Pokaltchouk, Capo di Amnesty International in Ucraina a causa del rapporto ONG
Il Marocco continua a stupire la comunità internazionale per la forza riformista e l’immenso impegno della monarchia nel voler applicare e rispettare la giurisprudenza internazionale, Il Regno del Marocco compie nuovi passi per il rafforzamento dello stato di diritto e il rispetto delle convenzioni internazionali sui diritti umani. Oltre mezzo miliardo di persone, dal Marocco all'Iran, rischiano di vedere triplicati il costo del pane. La guerra tra la Federazione Russa e l'Ucraina rischia di avere un profondo impatto non solo in Europa, ma anche sulla sicurezza alimentare dei Paesi del Grande Medio Oriente, con implicazioni politiche, sociali ed economiche potenzialmente drammatiche. Secondo la media, Oksana Pokaltc (continua)

Una lettura nel discorso del Re del Marocco Mohammed VI

Una lettura nel discorso del Re del Marocco Mohammed VI
Il Sovrano del Marocco sottolinea ancora una volta che i confini che separano il popolo marocchino dal popolo fraterno algerino non saranno mai barriere che ne impediscano l'interazione e la comprensione, e il desiderio di Sua Maestà è che questi confini diventino ponti che consentano al Marocco e all'Algeria di accedere a un futuro migliore e di offrire un bell'esempio di armonia agli altri popoli del Maghreb Il Re del Marocco Mohammed VI ha rivolto un discorso alla nazione sabato 30 luglio 2022 in occasione del 23 anniversario dell'ascesa al Trono del Sovrano. il Re ha dichiarato che la festa del Trono simboleggia il sacro patto della beia e testimonia l'incrollabile simbiosi che ha sempre unito in ogni circostanza i Sultani.Inoltre, Il Sovrano del Marocco sottolinea ancora una volta che i c (continua)

Uno spunto sull'ultimo rapporto di HRW sul Marocco.

Uno spunto sull'ultimo rapporto di HRW sul Marocco.
Il Marocco continua a stupire la comunità internazionale per la forza riformista e l’immenso impegno della monarchia nel voler applicare e rispettare la giurisprudenza internazionale, Il Regno del Marocco compie nuovi passi per il rafforzamento dello stato di diritto e il rispetto delle convenzioni internazionali sui diritti umani. Secondo la media, c'è stato un tempo in cui i comunicati stampa di Human Rights Watch facevano tremare i corridoi della Casa Bianca. Oggi bisogna essere una dittatura o essere ingenui per credere ancora in HRW, in gran parte finanziata da fondi discutibili e la cui parzialità è denunciata da attivisti per i diritti umani, ascesa e caduta di una ONG gestita per 27 anni da Kenneth Roth,la su (continua)

La Repubblica del Togo apre un Consolato Generale a Dakhla

 La Repubblica del Togo apre un Consolato Generale a Dakhla
L'apertura di questa rappresentanza diplomatica riflette il costante sostegno della Repubblica del Togo all'integrità territoriale del Regno del Marocco e ai forti legami che uniscono i due Capi di Stato, Sua Maestà il Re Mohammed VI e Sua Eccellenza il Sig. Faure Gnassingbé , Presidente della Repubblica del Togo. Secondo la media, giovedì 21 luglio 2022, la cerimonia di inaugurazione è stata presieduta dal ministro togolese degli Affari esteri, dell'integrazione africana e del Togo all'estero, Robert Dussey, e dal Ministro degli Affari Esteri, della Cooperazione Africana e dei Marocchini residenti all'Estero, Nasser Bourita Inoltre, L'apertura di questa rappresentanza diplomatica riflette (continua)

Il Marocco, un ruolo di primo piano nella ricerca per risolvere la questione palestinese

Il Marocco, un ruolo di primo piano nella ricerca per risolvere la questione palestinese
Grazie all'intervento del Sovrano del Regno del Marocco Mohammed VI, le autorità israeliane hanno deciso di aprire senza interruzioni, il valico di frontiera Allenby King Hussein che collega la Cisgiordania. Secondo la media, grazie all'intervento del Sovrano del Regno del Marocco Mohammed VI, le autorità israeliane hanno deciso di aprire senza interruzioni, il valico di frontiera Allenby King Hussein che collega la Cisgiordania.Questa mediazione guidata dal Regno del Marocco e dagli Stati Uniti d'America, ha permesso di raggiungere un accordo per l'apertura permanente 24 ore su 24,7 giorni su (continua)