Home > Musica > MASSIMO BIGI “Bestemmio e prego” è l’album d’esordio per il musicista umbro prodotto dalla factory di Enrico Ruggeri

MASSIMO BIGI “Bestemmio e prego” è l’album d’esordio per il musicista umbro prodotto dalla factory di Enrico Ruggeri

scritto da: Redazione | segnala un abuso

MASSIMO BIGI “Bestemmio e prego” è l’album d’esordio per il musicista umbro prodotto dalla factory di Enrico Ruggeri


Un disco folk-cantautorale arricchito dalle preziose collaborazioni con Andrea Miró, Silvio Capeccia, Davide Brambilla, lo stesso Ruggeri e molti altri.

 Massimo Bigi, musicista, direttore di produzione e tour manager di Enrico Ruggeri, scrive questo disco mosso dall’urgenza comunicativa delle proprie emozioni legate alle sue storie di vita, tra poesia e malinconia.

 «Un portentoso contenitore di cerotti da applicare alle ferite della vita, oppure una miracolosa pozione in parte lenitrice dei piccoli, trascurabili, dolori quotidiani. “Bestemmio e Prego” vorrei fosse questo, vorrei fosse la forza, l’intensità e la tenerezza racchiusa nella preghiera e nella bestemmia. La blasfemia non c’entra, almeno per chi è capace e così sensibile da ipotizzare che la bestemmia può essere, a volte, una soffice e delicata preghiera e la stessa preghiera contenere l’irruenza e l’indelicatezza della bestemmia.

Ne facciamo tutti uso, preghiamo e imprechiamo a modo nostro, una piccola libertà che ci concediamo.» Massimo Bigi. 

Le canzoni di questo album nascono d’inverno, di mattina presto tra il profumo dei caffè e degli inverni. Tutte scritte con la stessa chitarra, una chitarra elettrica assemblata dallo stesso Bigi: non l’ha voluta amplificare e suona piano, perfetta per le sue mattine che cominciano col buio, nel silenzio della sua casa, il sonno della gatta e di chi lo “sopporta da una vita”.

«Dieci canzoni che spezzano il cuore e lo ricompongono, tra malinconia e sorriso, preghiera e sconforto, rabbia e sberleffo - afferma Enrico Ruggeri - La mia band ha fatto il resto, si sono aggiunti tutti quelli che lo hanno conosciuto, grandi musicisti che come me sono rimasti affascinati. Bisogna vivere intensamente per scrivere con intensità: per i grandi c’è sempre un momento particolare e, credetemi, ilBigi è un grande».

 

TRACK BY TRACK

 

1-COME SE FOSSE FACILE

Cantata con Enrico, racconta in maniera disincantata la differenza tra “essere” e “mostrarsi agli altri”.  La chitarra slide di Paolo Zanetti sottolinea il clima di sospensione temporale nel quale fluttuano i pensieri.

2-IL RANDAGIO E L’UBRIACO

Entrano in gioco i personaggi, che Bigi descrive con spietata lucidità, sempre in bilico tra la voglia di vivere a pieno regime e la ricerca della pace interiore. Il sax di “Marlon” Marinoni sottolinea l’asprezza del tema, fino all’irruzione finale di Silvio Capeccia che rivendica le glorie di un passato punk.

3-CIRCO MERAVIGLIA

Prima grande stoccata poetica, in bilico tra la poetica del volo di un trapezista e i suoi struggenti pensieri. Una fotografia piena di sfumature, con un epico assolo finale al flicorno di Davide Brambilla che regala suggestioni felliniane.

4-DIO NELL’ULTIMO BAR

Tra sigarette, alcool, rimorsi e rimpianti un locale di quart’ordine diventa occasione di redenzione e speranza. Ancora il sax a rendere reale il senso di noia che si alterna a una inaspettata spiritualità.

5-UN’ALTRA ETÀIl mito dell’eterna giovinezza si alterna alla paura dell’ignoto. Un piccolo grande inno generazionale, con la voce di Andrea Miró ad aggiungere pathos ed energia.

6-PARTE DI ME

Con questa canzone Bigi raggiunge vette poetiche altissime, al punto che Ruggeri decide di includere la sua versione del brano nel suo album “La Rivoluzione”. Il tema della perdita e della elaborazione di una assenza colpisce al cuore, con il violino ipnotico di Andrea Miró che aggiunge commozione.

7-ANDARE VIA

Altro duetto con Enrico in un brano “on the road” sulle suggestioni del viaggio come reale scopo di vita, non per la voglia di raggiungere un punto d’arrivo, ma per imprimere l’ultima svolta eroica alla propria vita.

8-LE OMBRE DELLA SERA

Su un tappeto percussivo suonato a sorpresa da Enrico Ruggeri si snoda un brano sognante e evocativo cantato ancora con Andrea Miró: la contrapposizione tra il sogno di mondi lontani e la malinconia diventa una ballata ipnotica destinata a rimanere nel tempo più dei pensieri dei protagonisti. 

9-ANIMA IN PENA

L’amore per il rock non ha mai abbandonato “il Bigi” che qui ci regala una cavalcata che esalta la sezione ritmica di Alex Polifrone e di Fortu Sacka (produttore del progetto con Enrico e tutta la band). Un brano che evidenzia la vocazione di tutto il gruppo a registrare “live” senza compromessi.

10-BESTEMMIO E PREGOL’album si chiude con la title track, un brano che ha trovato vigore (e applausi!) nel tour teatrale di Ruggeri, che ha visto Massimo Bigi cantare e suonare con gli amici di sempre.

Rabbia, disperazione, poesia, ironia in una canzone già iconica per i fan del Rouge.

 

 

Etichetta: Anyway Music

Release album: ottobre 2020

LINK SOCIAL

 

Facebook https://www.facebook.com/massibigi 

Instagram https://www.instagram.com/massibigi/?hl=it 

BIO

Massimo Bigi, anche detto ilBigi, nasce a Castiglione del Lago (Perugia) il 26 aprile 1958. 

Entra nella band dei Generation Gap diventandone leader anarchico indiscusso, e fonda poi il gruppo The Ramblers.

ilBigi inizia un percorso professionale che va da cameriere, a uomo delle pulizie, tassista, albergatore, cuoco, bagnino, giardiniere. Un giro capestro che lo farà ripassare dal via, quello della musica. 

Si ritrova per caso nel 1993 in tour con Enrico Ruggeri e qui scatta una celeste corrispondenza di musicali sensi. Prima come direttore di produzione e poi come tour manager, segue Ruggeri per anni in concerto in tutta Italia e non solo. I due diventano inseparabili compagni di mille avventure. Dopo anni di collaborazione però, sparisce per molto tempo. 

 

Nei periodi di pausa dai tour, Bigi pubblica due libri: “Grand Hotel des Guitar” nel 2010, una serie di racconti dedicati al mondo della chitarra, e “Giocando col Tempo” nel 2016, ventiquattro brevi racconti frutto di fantasia e ricordi, che ruotano intorno alla passione per il rock’n’roll, ma anche alle ferite di una vita vissuta senza risparmiarsi e senza risparmiare.

 

ilBigi non smette mai di scrivere nuovi brani che tiene per lo più per sé. Torna con un bagaglio di esperienze complicate che hanno prodotto canzoni sofferte e intense.

Un giorno ne fa sentire qualcuna a Enrico Ruggeri che ne rimane folgorato. 

Le canzoni si susseguono, si rincorrono, iniziando ad assumere forme sempre più convincenti, finché diventano dieci e portano la Anyway Music (Ruggeri) e Marco Poggioni alla pubblicazione dell’album “Bestemmio e prego”.

 

fonte: www.laltoparlante.it



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

MASSIMO BIGI feat. Andrea Mirò “Le ombre della sera” è il nuovo singolo estratto dall’album prodotto dalla factory di Enrico Ruggeri


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


SILVIO CAPECCIA plays DECIBEL: “Piano Solo2” è il secondo volume del progetto del tastierista, gia’ membro fondatore dei decibel con Enrico Ruggeri


NUOVO CD PER BRERA'S KEY, IL SECONDO DEL 2021


THE PRICE: “ON THE EDGE OF MADNESS” È il primo singolo e video Featuring ENRICO RUGGERI


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

NEREO “Parola di rosa” è il nuovo singolo per il cantautore pugliese che parla d’amore attraverso un pop d’autore con incursioni di elettronica

NEREO “Parola di rosa” è il nuovo singolo per il cantautore pugliese che parla d’amore attraverso un pop d’autore con incursioni di elettronica
Un brano che parla d’amore da un punto di vista diverso dal solito, attraverso un pop d’autore con incursioni di elettronica.In radio dal 1 luglioLa mancata concretizzazione delle relazioni amorose cercate, o bramate, fa sì che la stessa parola “amore” acceda alla sfera dell’indicibile. Nel testo, la connessione si rivela tra le frasi “esiste già” ed “esita”. Lo stile di Nereo è quello della (continua)

EUGENIO BALZANI: "L'albero della vita" è la delicata ballad estratta dall'album ItaliòPolis del cantautore romagnolo

EUGENIO BALZANI:
Una ballad che, con la sua delicatezza, riporta alla mente il meglio della tradizione cantautorale italiana In radio dal 1 luglio Guardare le stelle, in una notte serena, come quando si dormiva in spiaggia con il sacco a pelo e pensare che sono occhi e vite già vissute che tornano, perchè  tutto torna, come la foglia, che arriverà con il vento, per riabbracciare il suo albero.È una (continua)

FRE, IVAN GRANATINO, XONOUS “Un’estate da bere” è il nuovo brano dell’estate nato da una combo esplosiva

FRE, IVAN GRANATINO, XONOUS “Un’estate da bere” è il nuovo brano dell’estate nato da una combo esplosiva
Un singolo fresco e orecchiabile che vuole far ballare tutti in questa calda estate appena iniziata.In radio dal 28 Giugno 2022 “Un'estate da Bere” è il titolo del nuovo brano estivo di Fre, Ivan Granatino e Xounous dal sound fresco, avvolgente ed a tratti chill, con un ritmo ballabile e melodie facilmente orecchiabili, strizzando l’occhio a quello che è anche il sound latino. Anche le rime s (continua)

ASHLEIGH VILK “Big Wild World” è l’esordio della giovane artista che crede nel potere curativo della musica

ASHLEIGH VILK “Big Wild World” è l’esordio della giovane artista che crede nel potere curativo della musica
Un brano che cerca di catturare l’avventura nel mondo per instaurare la relazione profonda con sé stessiIn radio dal 10 giugno Il mondo è grande e, per lo più, selvaggio e trovare il nostro posto può essere complicato. Infatti, quando ci dirigiamo con entusiasmo verso qualcosa che ci attira  capita di  essere inghiottiti dalle sfide e dalla natura imprevedibile delle cose. Part (continua)

BARDOMAGNO “Game of Signorie” è il nuovo singolo della rock band medievale nata dalla community Feudalesimo e Libertà

BARDOMAGNO “Game of Signorie” è il nuovo singolo della rock band medievale nata dalla community Feudalesimo e Libertà
La lotta fra le Signorie d’Italia diventa una danza estiva, tra duchi e podestà che si sfidano all’ultimo ettaro di terreno.In radio dal 24 giugno Corre l’anno 1300, il Papa è ad Avignone e l’imperatore compare raramente sul suolo italico. In questo vuoto di potere inizia il vero e proprio gioco di guerra e ambizioni fra possedimenti confinanti e uomini di governo altrimenti detto “Game of Si (continua)