Home > Internet > La fine (non ancora definitiva) di Internet Explorer

La fine (non ancora definitiva) di Internet Explorer

scritto da: Nico1972 | segnala un abuso

La fine (non ancora definitiva) di Internet Explorer


Il browser storico non sarà più aggiornato da Microsoft, ma continuerà a funzionare su vecchie versioni di Windows

È stata decretata oggi, 15 giugno 2022, la fine ufficiale di Internet Explorer, uno dei più famosi (e discussi) browser. Microsoft non procederà più al rilascio degli aggiornamenti dell’applicazione storica per navigare on line, dopo oltre 25 anni dalla sua uscita ufficiale nel mercato informatico.

L’azienda di Redmond, che aveva sviluppato Internet Explorer, nel lontano 1995, effettuerà in maniera progressiva un abbandono del browser che ha segnato un’epoca nell’informatica.

Non sarà quindi una fine vera e propria, in senso definitivo, difatti, Internet Explorer continuerà a essere disponibile sui sistemi operativi più datati di Microsoft, e cioè Windows 7, e Windows 8, (ormai meno diffusi rispetto ai più recenti Windows 10 e Windows 11) e su alcune specifiche versioni di Windows per il mercato professionale: il browser è ancora utilizzato in alcune aziende rimaste con vecchie versioni di Windows per problemi di compatibilità con i loro software.

Inoltre ormai da tempo Microsoft ha reso disponibile su Edge una “modalità Internet Explorer”, che simula alcune funzionalità del vecchio browser. La modalità sarà mantenuta almeno fino al 2029, offrendo così alle aziende un ampio margine temporale necessario per aggiornare i propri sistemi.

Con la fine del rilascio degli aggiornamenti di internet Explorer, sui sistemi operativi più datati Microsoft ovviamente non potrà più garantire la sicurezza contro virus e attacchi informatici.

Per indurre gli utenti a passare a Edge, già nel 2020 Microsoft aveva messo limitazioni all’utilizzo di Internet Explorer per accedere al suo servizio Teams, e dall’agosto del 2021 il browser ha smesso di essere compatibile per l’utilizzo di vari servizi Microsoft, come: OneDrive per salvare i file online, e Outlook per la posta elettronica.

La decisione di porre fine al vecchio bowser era già stata annunciata un anno fa da Microsoft, che oramai da tempo sta cercando di indurre gli utenti a utilizzare un altro browser: Edge, creato nel 2015 proprio per prendere il posto di Internet Explorer, nonostante il mancato successo del suo successore.

Internet Explorer è stato per moltissimo tempo il browser più utilizzato a livello mondiale, ma nei primi anni Duemila è stato gradualmente superato in termini di popolarità da vari altri concorrenti, in particolare Google Chrome, Firefox, e Opera.

Rispetto ai browser più moderni, Internet Explorer è stato spesso giudicato obsoleto, lento, ed anche molto vulnerabile ai virus informatici.

Riuscirà Edge ad avere il successo tanto agognato da Microsoft, e a riscattare così il suo storico precedessore, oppure soccomberà nel confronto con gli altri browser per cedere lo “scettro” a quello giudicato il migliore in assoluto dagli utenti sparsi in tutto il mondo?

La risposta, ovviamente potrà essere data solo dal tempo.

Nicola Scardina


Fonte notizia: https://www.newsicily.it/internet-explorer-la-fine-oggi-15-giugno-2022/


internet explorer | browser | Internet | web | Microsoft | informatica |



 

Potrebbe anche interessarti

Statistiche Virus/malware realmente circolanti febbraio 2010


Sud America in treno: gli itinerari su rotaia più affascinanti del Perù


Posizionamento siti internet


Med and Beauty utilizza la tecnica FUE per l'autotrapianto di capelli


Atlantic presenta il nuovo catalogo scaldacqua più comfort termico meno spese


G DATA PRIVACY EDITION per proteggere al meglio il tuo mondo virtuale


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Roghi in Sicilia

Roghi in Sicilia
Incendio a Pantelleria nel tardo pomeriggio di ieri, 17 agostoUn incendio è divampato a Pantelleria, in alcuni punti dell’isola, nel tardo pomeriggio di ieri, 17 agosto.Le fiamme, sviluppate nelle contrade Favarotta, Khamma, e Perimetrale, hanno causato la distruzione di alcuni ettari di vegetazione, mettendo in serio pericolo diverse abitazioni, evacuate dai residenti, e mettendo in fuga anche i (continua)

Da una storia vera l’idea di un regista siciliano

Da una storia vera l’idea di un regista siciliano
“Entro mezzanotte”: film di Peppino Orecchia, uscito nelle sale nel 2019 per trasmettere un messaggio sociale“Entro Mezzanotte” è un film drammatico ispirato a una storia vera: quella di Benny, un senzatetto, emarginato dalla società, la cui esistenza, costellata di espedienti per sopravvivere in un sistema sociale indifferente, sembra essere condannata nella relegazione eterna in un ghetto s (continua)

Passi avanti sul benessere degli animali

Passi avanti sul benessere degli animali
Si avvicina il divieto di utilizzo di carrozze trainate da cavalliLa Camera approva l’odg che rientra nel decreto infrastrutture e trasporti, per vietare l’utilizzo di animali come mezzi di trasporto sull’intero territorio nazionaleSempre più vicino il divieto di utilizzare delle carrozze trainate da cavalli. Nella giornata di mercoledì 3 agosto alla Camera è stato approvato un ordine del giorno, (continua)

Il triste anniversario di una tragedia accaduta molti anni fa, in Belgio

Il triste anniversario di una tragedia accaduta molti anni fa, in Belgio
Nell’incidente alla miniera di Marcinelle morirono 136 italiani, di cui 5 erano emigrati sicilianiRicorre oggi il triste anniversario di una tragedia destinata a rimanere impressa nella memoria collettiva in modo, purtroppo, indelebile; nella mattina dell’8 agosto del 1956 nella miniera di carbone Bois du Cazier, a Marcinelle, in Belgio, un incendio provocò la morte di centinaia di minatori.La tra (continua)

Il ricordo dell’immane tragedia di Hiroshima

Il ricordo dell’immane tragedia di Hiroshima
La commovente storia di Sadako Sasaki e le sue mille gru di cartaSecondo un’antica leggenda giapponese chiunque fosse riuscito a realizzare mille gru di carta (in giapponese orizuru) avrebbe potuto esprimere un desiderio che si sarebbe realizzato, per quanto ritenuto altamente improbabile, o addirittura impossibile.Una ragazzina giapponese, sopravvissuta allo sgancio della prima bomba atomica su H (continua)