Home > Altro > Italia dei Diritti, uccisa a colpi di maggioranza la democrazianell’unione dei comuni della Valle Ustica

Italia dei Diritti, uccisa a colpi di maggioranza la democrazianell’unione dei comuni della Valle Ustica

scritto da: Carlospinelli | segnala un abuso

Italia dei Diritti, uccisa a colpi di maggioranza la democrazianell’unione dei comuni della Valle Ustica

Clamorosa protesta dei consiglieri IdD dell’unione dei comuni della Valle Ustica per la mancata consegna degli atti di consiglio relativi al punto10 dell’ordine del giorno riguardante lo schema di bilancio preventivo, Ziantoni diserta l’aula mentre De Pierro chiede il rinvio della discussione epotrebbe non essere finita qui


Roma 21 giugno 2022: Il giorno 15 giugno presso l'aula consiliare del comune di Vicovaro si è svolto il consiglio dell'Unione dei comuni della Valle Ustica con 10 punti all'ordine del giorno tra i quali il bilancio di previsione triennale. Sotto la presidenza del sindaco di Vicovaro Fiorenzo De Simone si è quindi proceduto alla discussione ad alla votazione dei vari punti trattati per l'occasione fino ad arrivare al punto che riguardava l'approvazione dello schema di bilancio preventivo per il triennio 2022/2023/2024, e qui sono iniziate le noti dolenti come illustra il responsabile provinciale romano del movimento Italia dei Diritti Carlo Spinelli:" Devo partire dai giorni precedenti il consiglio e precisamente da quando i nostri due consiglieri dell'unione Antonello De Pierro capogruppo consiliare Italia dei Diritti a Roccagiovine e presidente del movimento, e Giovanni Ziantoni capogruppo consiliare IdD nel comune di Percile e responsabile Territori e Circoli della Valle dell'Aniene hanno, come prassi vuole, richiesto gli atti di consiglio per poterli studiare e prepararsi all'analisi in aula dei vari punti e poter votare quindi con cognizione di causa. Ebbene tra gli atti forniti ai due consiglieri, mancavano quelli relativi al bilancio preventivo. A questo punto il consigliere Giovanni Ziantoni come forma di protesta disertava l'aula consiliare ed inviava una mail alla presidenza dell'unione Valle Ustica dove esprimeva la propria disapprovazione sulla parziale consegna degli atti di consiglio e comunicava la propria assenza dallo stesso quale manifestazione di protesta. Antonello De Pierro invece  - prosegue Spinelli - decideva di partecipare comunque al consiglio dell'unione comunicando e facendo mettere a verbale i motivi che hanno spinto il consigliere Ziantoni a disertare l'assise consiliare; inoltre in virtù della mancata ostensione degli atti relativi al bilancio preventivo ai consiglieri del movimento IdD, chiedeva che il punto all'ordine del giorno venisse ritirato e riproposto in seguito. A questo punto si è verificato un fatto che definirlo anomalo è poco; il presidente De Simone anziché prendere inconsiderazione la proposta di De Pierro, la metteva a votazione trovando il parere favorevole per la discussione dell'intero consiglio De Pierro escluso. A nostro avviso è stato compiuto un atto anti democratico infatti questo episodio può generare un pericoloso precedente nel senso che qualunque sindaco o presidente di unione potrebbe non fornire gli atti di consiglio alla minoranza e poi discutere lo stesso i punti all’ordine del giorno semplicemente chiedendo il voto della maggioranza del consiglio tenendo così l’opposizione all’oscuro di ciò che si va a deliberare. Per quanto successo chiederemo l’intervento della prefettura per far annullare la votazione relativa al bilancio preventivo in quanto la discussione e la votazione non andava eseguita visto che i nostri consiglieri non sono stati messi in condizione di studiare l’argomento. Lo stesso De Pierro si era impegnato a far visionare da un tecnico lo schema del bilancio preventivo, per verificarne la correttezza e decidere quale voto esprimere invece non avendo avuto gli atti relativi all’argomento questo gli è stato precluso. Ad aggravare ancora la situazione le dichiarazioni di alcuni consiglieri che avrebbero detto che fornire gli atti di consiglio a tutti i consiglieri significa una spesa eccessiva per l’unione che comunque non aveva neanche la carta sufficiente per soddisfare le richieste dei nostri due consiglieri. Un episodio analogo- prosegue ancora Spinelli - si è verificato anche a Capranica Prenestina dove svolgo il mio mandato di consigliere comunale, in un’ occasione infatti un consigliere di minoranza non ha ricevutogli atti di consiglio ed il sindaco Francesco Colagrossi ha rinviato il consiglio proprio per non perpetrare una scorrettezza amministrativa nei confronti del consigliere. Perché De Simone non si è comportato nello stesso modo? Ci piacerebbe tanto sapere cosa ne pensano il segretario regionale PD Bruno Astorre ed il segretario provinciale romano Rocco Maugliani del comportamento di De Simone essendo lo stesso un esponente del Partito Democratico. Comunque – conclude Spinelli – ci riserviamo di riportare quanto accaduto nelle sedi opportune e prendere qualsiasi tipo di iniziativa atta a denunciare l’episodio e a far si che questi comportamenti da parte di chi presiede le istituzioni non abbiano più a verificarsi”.

Unione dei comuni | Valle Ustica | Vicovaro | De Simone | De Pierro | Democrazia |



 

Potrebbe anche interessarti

Elezioni 2021, Italia dei Diritti schiera l'esercito della legalità in 12 comuni


Italia dei Diritti in Valle Aniene, cambiamento di De Pierro passa per Percile, Roiate e Marano Equo


Mattia Cola diventa responsabile Italia dei Diritti per Valle Ustica


De Pierro, da Percile una lezione di cultura col "Massimo Bagnato Show"


LA NUOVA MINORANZA È LA MAGGIORANZA DELLE PERSONE – di Fabrizio Politi


Niente tavoli in piazza a Vicovaro, la polemica di De Pierro


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Bloccheremo le elezioni, Italia dei Diritti si scaglia contro la legge elettorale

Bloccheremo le elezioni, Italia dei Diritti si scaglia contro la legge elettorale
Il movimento fondato e presieduto dal giornalista romano Antonello De Pierro critica aspramente il Rosatellum giudicandolo incostituzionale e minaccia di portare il caso nelle aule di tribunale Roma 12 Agosto 2022: Non sono bastati i teatrini, le polemiche, gli accordi e i susseguenti disaccordi che hanno e stanno condendo questa campagna elettorale, un'altra bomba sta per scoppiare. Ad armarla è il movimento Italia dei Diritti di Antonello de Pierro che minaccia di bloccare questa tornata elettorale in quanto, a loro dire, la legge con la quale si vota presenta dei punti di incostit (continua)

Salvini attacca De Pierro sui social ma sfugge al confronto diretto

Salvini attacca De Pierro sui social ma sfugge al confronto diretto
Il leader leghista definisce sui suoi profili social Antonello De Pierro un ominicchio ma si nasconde non accettando un confronto pubblico richiesto ufficialmente tramite una pec indirizzata dal movimento Italia dei Diritti alla pec di Noi per Salvini premier Roma 30 luglio 2022: Non è passato inosservato ai più l'attacco diretto che il Senatore Matteo Salvini ha portato nei confronti del presidente del movimento Italia dei Diritti Antonello De Pierro sui profili social del leader leghista in risposta ad una opinione espressa dal presidente IdD in merito all'elettorato della Lega. Per non far morire la cosa sui social giustamente il movimento presiedut (continua)

Italia dei Diritti segnala cumuli di rifiuti a Villanova di Guidonia

Italia dei Diritti segnala cumuli di rifiuti a Villanova di Guidonia
Enrico Perniè vice responsabile per Tivoli e Guidonia del movimento e consigliere ombra per le due città tiburtine denuncia abbandoni indiscriminati di rifiuti sul territorio di Villanova di Guidonia Roma 20 luglio 2022:Italia dei Diritti torna ad occuparsi di Guidonia e precisamente della frazione di Villanova già presa in considerazione in passato dal movimento attraverso le denunce dei responsabili IdD in loco per il dissesto stradale e i rifiuti che stazionavano in strada. Adesso dopo le elezioni e l'insediamento del nuovo sindaco le cose non sembra siano cambiate come sottolinea il vi (continua)

Carlo Spinelli IdD, ecco chi ci guadagna dalle dimissioni di Draghi

Carlo Spinelli IdD, ecco chi ci guadagna dalle dimissioni di Draghi
Il responsabile per la Politica Interna del movimento effettua una disamina sulla crisi di governo che si è aperta sotto la spinta dei Cinquestelle ed ipotizza sui benefici o meno che le singole formazioni politiche potranno trarre dalle dimissioni di Draghi Roma 15 luglio 2022: Ci risiamo! Questa legislatura non conosce pace, altra crisi di governo, altre dimissioni da parte del Premier respinte dal Presidente della Repubblica Mattarella, e confronto alle camere previsto per mercoledì prossimo. Ma cosa succederà mercoledì? Lo sapremo tra cinque giorni intanto si cominciano a fare le prime supposizioni su ciò che sarà: elezioni subito? Draghi bis? Gov (continua)

Povero ominicchio, Salvini attacca De Pierro Spinelli solidarizza

Povero ominicchio, Salvini attacca De Pierro Spinelli solidarizza
Il leader leghista in risposta ad un tweet del presidente del movimento Italia dei Diritti lo apostrofa sui propri profili social un povero ominicchio e i sostenitori della Lega rincarano la dose con commenti anche offensivi contro la persona. Carlo Spinelli solidarizzando con De Pierro ripercorre alcuni momenti censurabili della vita politica del capitano Roma 12 luglio 2022: Italia dei Diritti stavolta mira al bersaglio grosso e lo fa in risposta ad un attacco subito dal presidente del movimento il giornalista Antonello De Pierro ad opera del leader della Lega Matteo Salvini. Il capitano così come viene chiamato dai suoi sostenitori, si è permesso di giudicare sia sulla propria pagina facebook che sul suo profilo instagram De Pierro un "povero omi (continua)