Home > News > KREACASA, MAGAZZINO RADDOPPIATO PER FRONTEGGIARE LA CRISI DELLE PIASTRELLE

KREACASA, MAGAZZINO RADDOPPIATO PER FRONTEGGIARE LA CRISI DELLE PIASTRELLE

scritto da: COMUNICAZIONELIVE | segnala un abuso

KREACASA, MAGAZZINO RADDOPPIATO PER FRONTEGGIARE LA CRISI DELLE PIASTRELLE

Kreacasa, azienda specializzata nell’edilizia a Treviso e composta da un team quasi completamente rosa, lancia l’allarme. “Scorte nell’edilizia a rischio”. Il corso di formazione dedicato ai piastrellisti


Il caolino è una roccia sedimentaria, ha un aspetto terroso e piuttosto tenero ed è prodotto dall'azione dell'acqua meteorica. È solitamente bianco o grigiastro, ed è utilizzato in numerose attività umane, dall'edilizia alla produzione di ceramiche e porcellane, anche in campo medico. 

Ebbene, non tutti sanno che il caolino di molte piastrelle che abbiamo in casa arriva direttamente dall’Ucraina. E in questo periodo di guerra la materia prima è limitata, tanto che ormai quella tipologia di piastrelle rischia di divenire irreperibile. 

Per questo Emmanuele Setten e Tiziano Catterin titolari di Kreacasa, azienda trevigiana specializzata nell’edilizia, hanno deciso di raddoppiare il proprio magazzino.“E’ un momento di crisi a livello globale, abbiamo deciso questa svolta per permettere ai nostri clienti di avere sempre a disposizione le materie prime in tempo reale”, spiegano.

Non solo. L’azienda ha anche deciso di investire nella formazione tecnica di chi, fisicamente, va poi a installare le piastrelle. Per l’occasione è stata selezionata una cinquantina di addetti ai lavori, che ha potuto apprezzare le nuove formule di colla proposte da Mapei e appreso le nuove modalità di taglio. Il tutto in un’azienda composta quasi totalmente da donne, capaci di “insegnare” i segreti dell’edilizia ai professionisti del settore. 

È anche grazie a queste innovazioni che Kreacasa continua a crescere. L’azienda di San Biagio di Callalta è peraltro un’azienda ancora molto giovane nel settore. Fondata nel 2017 (la “K” che richiama il tetto un po’ stilizzato di un’abitazione), si pone come core business quello di dare la migliore risposta a tutte le domande di chi “krea”. E lo fa con un team giovane e con una naturale vocazione al digital, settore nuovo per un ambiente come quello in cui opera Kreacasa. 

Oggi il fatturato in crescita del 30% sull’anno precedente, i dipendenti sono nove, quasi tutte donne under 35. Nell’anno del Covid la crescita è stata esponenziale grazie alle nuove strategie di acquisto dei clienti e a scelte di marketing digitale innovative per il settore, che fino a pochi anni fa praticamente non conosceva i social network. Anche per questo i clienti arrivano anche dall’estero, da Croazia, Germania, Austria e Lituania. Si stanno facendo le prime esperienze di export anche verso Cina, Ghana e Senegal; ma persino in Iran e Iraq.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

KREACASA CRESCE DEL 250% (GRAZIE AI SOCIAL)


COTTO: L’armonia tra bellezza e tecnologia


Il miglior outlet per ceramiche ad Ancona è DG!


La scelta delle piastrelle in un bagno moderno


Logistica e magazzino: come mettere ordine al magazzino


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

“VIAGGI NELL’AMORE”: AL VIA IL PERCORSO ESPERIENZIALE DEDICATO ALLA RISCOPERTA DELL’AMORE E DELLA BELLEZZA DI FEDERICA BOTTO

“VIAGGI NELL’AMORE”: AL VIA IL PERCORSO ESPERIENZIALE DEDICATO ALLA RISCOPERTA DELL’AMORE E DELLA BELLEZZA DI FEDERICA BOTTO
In partenza un ciclo di incontri ideato da Federica Botto, ricercatrice spirituale ed autrice del volume “Twin Flames – Il viaggio delle Fiamme Gemelle”. Obiettivo: riscoprire l’Amore per sé stessi, per gli altri e per la vita. Si parte il 10 luglio con il primo appuntamento. Federica Botto: “Quando il mondo sembra crollare, abbiamo bisogno di ricordare che esiste ancora qualcosa di meraviglioso in serbo per noi”. In un periodo in cui il pianeta pare arrivato ad un punto di non ritorno, ci si interroga sul vero senso della nostra vita. Ed emerge il bisogno di riscoprire ciò che la rende unica e stupenda: l’Amore e la Bellezza. Nascono così i seminari esperienziali di Federica Botto, ricercatrice spirituale ed autrice del volume “Twin Flames – Il viaggio delle Fiamme Gemelle”. Incontri volti a riscoprire l'A (continua)

I PRODOTTI EQUOSOLIDALI DI ALTROMERCATO SBARCANO SU POSTALMARKET

I PRODOTTI EQUOSOLIDALI DI ALTROMERCATO SBARCANO SU POSTALMARKET
Storico accordo tra i 2 brand. Oltre cinquanta prodotti targati Altromercato sono ora disponibili per l’acquisto su Postarlmarket.it. Nel blog lo storytelling dei prodotti solidali e sostenibili. Alessio Badia: “Siamo uniti dagli stessi valori: solidarietà, giustizia e legalità, tutela dell’ambiente”. I prodotti equosolidali e sostenibili di Altromercato in vendita ora su Postalmarket.it. Nasce così una collaborazione tra i 2 brand italiani, che da qualche mese stanno lavorando ad un progetto comune. Il primo tassello di questa collaborazione riguarda proprio la vendita on line, infatti da oggi sul marketplace Postalmarket.it si potranno acquistare i prodotti Altromercato, da oltre 30 anni (continua)

LO STUDIO OTIUM VINCE LA MEDAGLIA D’ORO AGLI “EUROPEAN DESIGN AWARDS 2022”

LO STUDIO OTIUM VINCE LA MEDAGLIA D’ORO AGLI “EUROPEAN DESIGN AWARDS 2022”
Primo classificato agli “Oscar del design", tra centinaia di studi europei partecipanti per la categoria “Cataloghi d’Arte”, lo studio di Castelfranco Veneto (TV) ha ottenuto la vittoria con il progetto “OMNE BEAUTY 2018-2020”. Un libro concepito come un cofanetto che racchiude, oltre a un apparato testuale ricco di contributi di docenti ed esperti, otto fascicoli fotografici, con gli scatti che raccontano il territorio del Nord-Est, tra arte, paesaggio, armonia e contraddizione. Alessandro Fraccaro: “Al centro di tutto il lavoro una rilettura del concetto di Bellezza, nel rispetto di un'interpretazione plurale del concetto stesso”. CASTELFRANCO VENETO (TV). Lo studio Otium di Castelfranco Veneto (TV) vince l’edizione 2022 degli “European Design Awards”. La consegna del premio è avvenuta qualche giorno fa a Tallin in Estonia. Otium si è piazzato al primo posto nella competizione per il miglior “Catalogo d’Arte”, cui hanno partecipato centinaia di studi di tutta Europa.  La medaglia d’oro è arrivata grazie al libro i (continua)

PADOVA, DOMENICA 19 GIUGNO L’HOLI DEI RECORD SBARCA ALLO SHERWOOD. ATTESE MIGLIAIA DI PERSONE

PADOVA, DOMENICA 19 GIUGNO L’HOLI DEI RECORD SBARCA ALLO SHERWOOD. ATTESE MIGLIAIA DI PERSONE
Il tour del festival dei colori più famoso d’Italia dopo il grande successo delle prime due tappe nel Veneziano, domenica 19 giugno è pronto a travolgere di musica, gioia e arcobaleni lo Sherwood di Padova. Gli organizzatori: “Siamo emozionati di tornare nella città dove tutto è cominciato. La nostra avventura infatti iniziò proprio sul palco dello Sherwood, ancora oggi l’evento record che sfiorò i 20 mila partecipanti”. L’Holi il festival dei colori, simbolo di gioia, amore e divertimento genuino che in sei anni di vita ha conquistato mezzo milione di Holi lovers in tutta Italia collezionando sold out ad ogni tappa tra spiagge, parchi e città, l’unico e il solo Holi ad esser entrato nelle sale cinematografiche come protagonista nel film “Forever Young” del regista Fausto Brizzi, è finalmente ripartito.Dopo la pau (continua)

CAORLE, CANCELLATO LO STREET FOOD FESTIVAL. STOP ANCHE AL NATALE

CAORLE, CANCELLATO LO STREET FOOD FESTIVAL. STOP ANCHE AL NATALE
Dopo tre edizioni (e duecentomila presenze) gli organizzatori costretti ad annullare l’evento più importante dell’estate. L’event manager Simone Tomasello: “Il Comune non ci ha dato risposte, saltano anche i mercatini natalizi: li porteremo in altri litorali”. Sparisce pure il Padel Festival di settembre L’attesa per quest’estate 2022, quella della rinascita dopo la pandemia, era forte. A Caorle tutti attendevano lo Street Food Festival, un evento capace di portare nelle tre edizioni d’esordio oltre 200 mila persone a ballare e a fare il giro del mondo dell’enogastronomia in un’area da 45.000 metri quadri, sulla quale venivano allestiti 80 punti food mentre sui vari palchi si alternavano un centin (continua)