Home > Altro > Casse da morto, perché scegliere quella giusta

Casse da morto, perché scegliere quella giusta

scritto da: Stefanoxonex | segnala un abuso

Casse da morto, perché scegliere quella giusta


Parlare di persone appena defunte non è mai semplice poiché l’argomento è piuttosto delicato. Purtroppo nella vita bisogna accettare che, a un certo punto, una persona cara venga a mancare. 

Ogni religione esistente nel mondo onora i propri cari in modo diverso. Quella cattolica prevede che la salma venga posta all’interno di una bara, la quale permette il trasporto e la contemplazione della salma.

Per quanto riguarda il funerale nel suo complesso, non c’è dubbio che la bara rappresenta la voce più costosa. Ma qual è la differenza tra bare e casse da morto? Non sono la medesima cosa? Assolutamente no.

Differenza tra bara e cassa da morto

A livello estetico, una bara presenta forma ottagonale, la parte delle spalle è più larga, mentre quella verso i piedi è più stretta. Invece la cassa da morto presenta la classica forma rettangolare.

Entrambe le tipologie vengono costruite con il medesimo materiale, ossia il legno, il quale garantisce una buona conservazione della salma.

Di solito pino e abete sono i due materiali di legno più impiegati, anche se a volte vengono richiesti materiali un po' più pregiati ed eleganti, come il ciliegio e il mogano. Ciò che conta maggiormente è la zincatura che, a prescindere dalla tipologia di legno utilizzato, deve essere assolutamente presente per la sepoltura, munita anche di una valvola di sfogo. A imporlo è la normativa italiana.

Le tipologie di casse da morto

In commercio, le casse da morto si differenziano tra di loro in base alla tipologia di legno, alla lavorazione, al tipo di imbottitura interna (raso o seta), vari dettagli e decori, tipo pizzo e bassorilievi esterni, maniglie, simboli religiosi, ecc.

È ovvio che la scelta della cassa da morto va in base alle preferenze espresse prima di morire dalla persona defunta o dai suoi familiari. Per la cremazione, ad esempio, di solito si opta per la cassa da morto in legno grezzo oppure di bare provviste di copri cassa.

Se in passato la forma di bare e casse da morto era quella standard, adesso si possono trovare forme più ardite, le quali presentano angoli tondeggianti e smussati da personalizzare con decori in feretro.

L’utilizzo dello zinco e i vari prezzi

Perché la normativa italiana impone l’utilizzo dello zinco? Il motivo è semplice: è un metallo in grado di garantire una tenuta ermetica che va a isolare completamente dall’esterno la salma, evitando in questo modo che dalla bara fuoriescano odori di decomposizione e per impedire alla salma di mummificarsi. Inoltre la valvola presente serve a filtrare i gas che escono, evitando che la bara si rompi.

Per quanto riguarda i prezzi, una cassa da morto in abete costa tra le 700 e le 800 euro, ma se si desidera un legno più pregiato, come il rovere, il prezzo può arrivare fino a 5.000 euro.

Naturalmente la scelta della cassa da morto è personale, oltre a essere molto complessa poiché in quei momenti il dolore vince su tutto, anche sulla logica. Ecco perché, quasi sempre, i parenti della persona defunta delegano l’agenzia funebre a occuparsi di tutto.

 



 

Potrebbe anche interessarti

PAUSA presenta LIMBO…primo video tratto dal primo disco dell’artista…PAUSA


Le tipologie di imballo in legno per spedizioni e stoccaggio


ITAL-JET A SEGNO IN COPPA EUROPA: IL SIGILLO DI AGERER E CASSE IN VALLE D’AOSTA


FANCHINI E IL POKER “ROSA” IN VALLE D’AOSTA. IN COPPA EUROPA SCHEIBER È SUPER…G


Luis Althusser: Osservazioni dall’abisso


ALCOL: EFFETTI


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Calcio a 5, divertimento e dinamicità

Calcio a 5, divertimento e dinamicità
A Roma il calcio a 5 è uno sport molto praticato, che rappresenta il giusto compromesso tra calcio a 11 e calcio giocato da pochi elementi. La categoria specifica di questo sport è così amata perché permette ai vari giocatori di esprimere tutta la tecnica di cui dispongono in spazi più ristretti rispetto a un prato grande, su campi in erba sintetica o che mescolano erba vera a quella sintetic (continua)

Step Coreo, cos'è e a cosa serve

Step Coreo, cos'è e a cosa serve
Iniziamo col dire che il termine “Step Coreo” sta per “Step Coreografico”, e indica un insieme di lezioni aerobiche volte a comporre delle sequenze coreografiche. Viene chiamato così perché si utilizza lo step, ossia una piattaforma-gradino regolabile, che permette la realizzazione di questa particolare forma di ginnastica aerobica. A Roma, ci sono alcuni centri che si sono già adoperati (continua)

Shopper biodegradabili, l'aiuto all'ambiente

Shopper biodegradabili, l'aiuto all'ambiente
La questione ambientale è uno degli argomenti più attuali, sempre più centrale per la sopravvivenza del nostro pianeta, che da un po' di tempo a questa parte subisce alcune situazioni che potrebbero complicare la sua “salute”.  Una di queste è l’aumento vertiginoso della plastica, un problema che in Italia si è provato a risolvere con un espediente preciso, che si può riscontrare nelle (continua)

Come scegliere un ristorante all’Eur

Come scegliere un ristorante all’Eur
L’Eur è la zona moderna di Roma, che però non tutti i romani apprezzano al 100%, perché è ‘”lontana” dal cuore della città ed è considerata un po' isolata dal resto. Solitamente un romano dice sempre che non serve ricercare la modernità di questo quartiere, perché Roma basa il suo prestigio sulle bellezze dell’antichità, ma in realtà l’Eur è un posto dove si possono trovare davvero molti bei (continua)

Barche usate Sicilia, solcare il mare al miglior prezzo

Barche usate Sicilia, solcare il mare al miglior prezzo
È spesso accaduto nei nostri sogni, o in quelli delle persone, di poter solcare il mare con barche dotate di comfort e attrezzature adeguate, il tutto a prezzi fattibili e quindi non esagerati. Affittare o acquistare barche usate è una soluzione per questo desiderio, e ti permette di soddisfare la tua voglia di mare e, perché no, quella di avventura. Ad esempio hai mai pensato di intraprender (continua)