Home > Sviluppo sostenibile > Un decimo dell’elettricità mondiale è stato generato da vento e sole nel 2021, indicatore che siamo sulla buona strada

Un decimo dell’elettricità mondiale è stato generato da vento e sole nel 2021, indicatore che siamo sulla buona strada

scritto da: Sun Contracting AG | segnala un abuso

Un decimo dell’elettricità mondiale è stato generato da vento e sole nel 2021, indicatore che siamo sulla buona strada

Il Global Electricity Review annuale pubblicato da Ember nel mese di marzo presenta una panoramica sui cambiamenti nella transizione energetica globale. L’energia eolica e solare nel 2021 ha registrato un record, con una produzione del 10,3% dell’elettricità a livello mondiale.


“È iniziato il processo che rimodellerà il sistema energetico esistente. Anche se le emissioni e il carbone hanno raggiunto un altro massimo storico, ci sono chiari segnali che la transizione elettrica globale è ben avviata. Più che mai elettricità eolica e solare viene aggiunta alle reti. E non solo in pochi Paesi, ma in tutto il mondo.” Parla così il responsabile globale di Ember, think tank che si occupa di clima ed energia. Nel 2021 sono stati 50 i Paesi che hanno superato la soglia del 10% di produzione elettrica da solare ed eolico.

 

Buone notizie

Per la prima volta l’energia solare ed eolica, insieme, hanno superato la soglia di un decimo della produzione globale elettrica, raggiungendo 10,3% dal 9,3% del 2020. Anche il tasso di crescita è aumentato: del 23% in più per la produzione solare e 14% per l’eolica. Quella solare è stata la fonte di produzione di elettricità in più rapida crescita per il diciassettesimo anno consecutivo.

 

Sempre più elettricità

Nel 2021 è stato calcolato un aumento di 1.414 TWh della domanda di elettricità rispetto all’anno precedente 2020. Tale crescita sarebbe equivalente all’aggiunta di un’intera India sulla domanda globale di elettricità ed è stata la più rapida dal 2010. Questo enorme aumento di elettricità richiesta è stato coperto per un terzo dalle fonti eolica e solare, mentre la rimanente quota da combustibili fossili. L’elettricità da carbone è aumentata nel 2021 per poter rispondere alla domanda elettrica senza precedenti.

 

Bisogna fare di più

Tutte le fonti di elettricità pulita hanno generato in totale il 38% dell’elettricità mondiale nel 2021, più del carbone (36%). Per mantenere la retta via, contenendo il riscaldamento globale entro 1,5 gradi, l’eolico e il solare dovranno sostenere alti tassi di crescita da almeno 20% ogni anno fino al 2030. Ma con la situazione di crisi di guerra in Ucraina, il carbone ancora in aumento e la domanda di elettricità in continuo aumento, tutti i governi sono messi alla dura prova. Tutti devono agire con coraggio e ambizione per fare di più.

 

L’offerta fotovoltaica dal Liechtenstein

Dal centro dell’Europa arriva un’offerta sostenibile, da un punto di vista sia economico che ecologico. Si chiama Contracting fotovoltaico il concetto sviluppato dal gruppo aziendale Sun Contracting. Si tratta di permettere una facile espansione europea di impianti fotovoltaici, senza lasciare i pesanti costi di investimento e di mantenimento sulle spalle di proprietari di tetti e terreni adatti – anzi, permettendo loro di guadagnare un profitto economico, nel rispetto dell’ambiente e sulla strada degli obiettivi climatici.

 

Ritratto aziendale

Sun Contracting AG e le sue partecipate sono attive dal 2010 nel settore fotovoltaico. Con l’innovativo concetto energetico Contracting fotovoltaico, il gruppo aziendale contribuisce in maniera concreta all’espansione fotovoltaica europea. Sun Contracting ha attualmente una capacità fotovoltaica installata e progettata di 106,7 MWp in quattro Paesi. Oltre alla costruzione e alla gestione di impianti fotovoltaici, il gruppo ha successo anche nel settore degli investimenti sostenibili, per il futuro dell’energia pulita. La filiale Sun Invest AG ha emesso di recente due obbligazioni, sottoscrivibili direttamente online.


Fonte notizia: https://www.sun-contracting.com/it/stampa/un-decimo-dellelettricita-mondiale-e-stato-generato-da-vento-e-sole-nel-2021-indicatore-che-siamo-sulla-buona-strada/48612/


fotovoltaico | Contracting fotovoltaico | rinnovabili | transizione energetica | energia rinnovabile | elettricità | emissioni | energia solare | riscaldamento globale | record mondiale elettricità da vento e sole |



 

Potrebbe anche interessarti

Scuole yoga online: la nostra selezione


Yoga tutti i giorni: immensi benefici per te


Grande successo per la VI Edizione del Festival delle Arti Noi per Napoli 2021


Sostenibilità e parità di genere, l’impegno di Snam: intervista al Presidente Nicola Bedin


Indicatori e tappi di sfiato: la gamma di accessori per sistemi oleodinamici Elesa


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

1 TW di potenza fotovoltaica in Europa entro il 2030 per l’indipendenza energetica e la transizione verde

1 TW di potenza fotovoltaica in Europa entro il 2030 per l’indipendenza energetica e la transizione verde
All’inizio dell’anno, SolarPower Europe annunciava il 2022 come “l’anno del terawatt”. Secondo le sue stime più caute, questa primavera la capacità solare a livello mondiale toccherà la soglia dei 1000 GW, per poi raggiungere 1,1 TW alla fine dell’anno. Il continente europeo potrebbe invece darsi da fare per raggiungere il terawatt entro il 2030. Durante il SolarPower Summit di marzo a Bruxelles, è stato ribadito l’impegno europeo dei principali attori del settore in questa direzione. Entro il 2030, l’UE ha bisogno di gestire 870 GW di capacità solare in più per consentire la traiettoria più efficiente verso la neutralità climatica nel 2050 e l’obiettivo di 1,5°C di Parigi. Alla base di questi calcoli è il target minimo del 45% di en (continua)

Ora o mai più: adesso è il momento di accelerare la transizione energetica verso il futuro dell’energia rinnovabile, altrimenti sarà troppo tardi

Ora o mai più: adesso è il momento di accelerare la transizione energetica verso il futuro dell’energia rinnovabile, altrimenti sarà troppo tardi
Nel mese di aprile è stato pubblicato l’ultimo volume del sesto rapporto di valutazione sui cambiamenti climatici dell’IPCC. Ancora una volta il tono è molto allarmante, terribili i rischi preventivati. È inequivocabile che il cambiamento climatico ha già sconvolto i sistemi umani e naturali, ma sembra ora chiaro che siamo sulla buona strada per il disastro climatico. L’invito è di agire subito, facendo molto di più per invertire la tendenza. Secondo il rapporto dell’organismo scientifico delle Nazioni Unite, se si continuasse sulla strada degli impegni presi fino al 2020, si provocherebbe un riscaldamento globale di 3,2 gradi. Le emissioni inquinanti hanno raggiunto un massimo storico nell’ultimo decennio e, anche se la crescita è rallentata, il trend non è ancora stato invertito, cosa invece urgentemente necessaria. Le emission (continua)

ECCO la soluzione alla crisi: puntare sull’aumento delle rinnovabili e sul risparmio, per una strategia di uscita dal gas

ECCO la soluzione alla crisi: puntare sull’aumento delle rinnovabili e sul risparmio, per una strategia di uscita dal gas
La crisi energetica, già impazzita sul finire del 2021 e acuitasi all’inizio del 2022, non è potuta che peggiorare con l’inizio del conflitto in Ucraina. I prezzi dell’energia hanno raggiunto picchi mai visti in passato. La risposta emergenziale è purtroppo orientata ad affidarsi a combustibili fossili, solo di derivazione alternativa. Non possiamo però non dare priorità, per calcoli sensati più lungimiranti, alle rinnovabili. Al centro dei dibattiti di questi giorni si trovano diverse prospettive e proposte per uscire dalla dipendenza dalla Russia per le forniture di gas in particolare. Come riporta ECCO, il think tank italiano indipendente per il clima: “Un mix di interventi di risparmio e di rilancio delle rinnovabili permetterebbe entro il prossimo inverno la sostituzione del 50% dei volumi delle importazioni di gas (continua)

Perché gli impianti a terra vengono erroneamente demonizzati? Anche Sun Contracting si impegna per costruire una corretta immagine e far capire i benefici

Perché gli impianti a terra vengono erroneamente demonizzati? Anche Sun Contracting si impegna per costruire una corretta immagine e far capire i benefici
Gli obiettivi climatici fissati dall’UE mostrano chiaramente la necessità di pensare più in grande. Diventa importante includere in maniera sensata gli impianti fotovoltaici a terra e i parchi solari di grandi dimensioni nell’espansione delle rinnovabili. L’agro-fotovoltaico diventa sempre più rilevante. Il potenziale nell’uso di terreni agricoli per l’installazione di impianti fotovoltaici a terra solo in Germania, secondo le stime Fraunhofer ISE 2021, è tra 3.500 e 4.600 GWp, ma enorme in tutti i Paesi. L’associazione tedesca C.A.R.M.E.N e.V. (Centrales Agrar-Rohstoff Marketing- und Energienetzwerk, ovvero rete centrale di commercializzazione dei prodotti agricoli e dell’energia) ha assunto il compito di compilare informazioni utili per i suoi membri sulla selezione e la pianificazione di impianti fotovoltaici in spazi aperti. Ha appena pubblicato delle nuove linee guida. L’obiettivo principale è (continua)

Sun Contracting inizia la costruzione del primo dei suoi progetti SUN CARPORTS a Schönebeck

Sun Contracting inizia la costruzione del primo dei suoi progetti SUN CARPORTS a Schönebeck
Schönebeck/Triesen. Una pianificazione intensa complicata da lunghe procedure di autorizzazione, nonché dalle limitazioni dovute alla pandemia, ha causato ritardi notevoli nella partenza di questo progetto. A novembre però è giunto finalmente il grande atteso momento. Il gruppo Sun Contracting ha potuto avviare la realizzazione del primo SUN CARPORT nel land tedesco della Bassa Sassonia.   Un autocenter, un grosso parcheggio con posti auto coperti ed elettricità solare pulita prodotta dalle tettoie: questo sarà il risultato finale del progetto. Con una potenza fotovoltaica totale di 576 kWp, l’azienda Sun Contracting ha iniziato la costruzione dell’impianto fotovoltaico, parte del suo progetto SUN CARPORTS. L’autosalone di Schönebeck produrrà in futuro 564.480 kWh di (continua)