Home > Economia e Finanza > Economia Argentina, cambia il ministro in una situazione difficile

Economia Argentina, cambia il ministro in una situazione difficile

scritto da: Elleny | segnala un abuso


Piove sul bagnato per l'economia argentina, che ha dovuto sostituire il Ministro Guzman, dimessosi a sorpresa durante il weekend. Era considerato da molti come l'artefice del salvataggio del Paese dall'insolvenza, e per questo il suo addio crea molte preoccupazioni.

L'ultima scossa per l'economia argentina

economia argentinaGuzman aveva lavorato duramente al negoziato di rifinanziamento di un debito con il Fondo monetario internazionale (Fmi) per 45 miliardi di dollari. Questa operazione aveva evitato il default alla terza economia più grande dell'America Latina.
Ma la sua posizione sul futuro dell'economia argentina si era fatta sempre più distante da quella del governo di cui faceva parte. Era infatti favorevole a una transizione graduale verso bilanci in pareggio, ma è stato spesso osteggiato per questo dalla componente che fa capo alla vicepresidente Cristina Kirchner. Soprattutto per la gestione del debito col Fondo monetario internazionale.

Allievo del premio Nobel per l'Economia Joseph Stiglitz, era in carica dal dicembre 2019. Ha dovuto affrontare sfide pesanti, perché oltre alla situazione che già di suo era complessa - profonda crisi economica e sociale e alto debito estero - ci si è messa anche la pandemia.

Le sfide per il nuovo Ministro

Domenica il capo dello Stato Alberto Fernandez ha svolto le consultazioni per arrivare infine a scegliere Silvina Batakis, molto vicina all'attuale vicepresidente Cristina Kirchner. A dimostrazione che il peso di quest'ultima è sempre più crescente nella coalizione di centrosinistra al potere. Del resto la rinuncia di Guzmán si è concretizzata proprio per questa contrapposizione tra il presidente e la sua vice.

Oltre agli impegni verso l'Fmi, Batakis dovrà far fronte a un'inflazione cronica, al 29,3% sui primi cinque mesi del 2022 e del 60,7% sugli ultimi 12 mesi.
A metà giugno la banca centrale argentina ha alzato il tasso di interesse 'Leliq' di 300 punti base, portandolo al 52%. E' stato il sesto aumento di quest'anno, proprio a causa delle forti pressioni inflazionistiche.

Il peso argentino soffre

Intanto il peso argentino continua a vivere una fase di profonda debolezza. Il cambio con il dollaro (USDARS) è salito a 125, con un aumento del 4% nell'ultimo mese e del 30.96% su base annua. Non si può negoziare sugli opzioni binarie broker Europa.
Prima dello scoppio della pandemia, il rapporto di cambio era sotto quota 40 ed alla fine dello scorso anno si aggirava ancora attorno quota 100.

NB. Uno dei modi per analizzare la situazione delle valute emergenti è tramite il grafico point and figure trading.

L'avvertimento del FMI

Di recente il governo di Buenos Aires è stato chiamato a maggiore austerità dal Fondo monetario internazionale, che ha appena verificato il raggiungimento degli obiettivi del primo trimestre. Ma qualcosa dovrà cambiare per rispettarli anche nel secondo.

argentina | point and figure | opzioni binarie Europa |



 

Potrebbe anche interessarti

Grandissimo successo ha riscosso la giornata dedicata a Napoli e Buenos Aires unite nel ricordo di Diego Armando Maradona


Argentina: una meraviglia per tutti i sensi!


-Brusciano e Mariglianella: Saluto dei discendenti degli emigrati a Quilmes in Argentina. (Scritto da Antonio Castaldo)


Argentina: destinazione golfistica imperdibile


Ritornano i voli da Roma a Buenos Aires


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Inflazione in Turchia ancora in aumento per il quattordicesimo mese di fila

Non si arresta la corsa dei prezzi al consumo nel Paese sul Bosforo Ancora una volta l'istituto di statistica nazionale della Turchia deve evidenziare un aumento dell'inflazione. Per il quattordicesimo mese consecutivo, la corsa dei prezzi continua ad avanzare nel paese sul Bosforo, arrivando al 79,6%. E' un livello che non si vedeva da settembre 1998.Esame analitico dell'inflazioneIl nuovo dato segna un lieve aumento rispetto al 78,6% del mese scorso, ed è al di (continua)

Produzione, dati macro deboli in Polonia. Lo Zloty perde terreno

Il governatore della banca centrale ha di recente accennato al rischio di recessione tecnica il prossimo anno I prezzi alla produzione corrono più del previsto, mentre la produzione industriale avanza meno delle aspettative. Questi sono gli ultimi dati macro della Polonia, dove lo Zloty - la valuta nazionale - perde quota rispetto al dollaro.Dati polacchi sulla produzionePartiamo dai dati macro. A giugno i prezzi alla produzione sono aumentati del 25,6% su base annua, dopo un aumento del 24,7% nel mese pr (continua)

Criptovalute, crescono sempre di più gli imbrogli su internet

I malintenzionati possono sfruttare il fatto che la maggior parte delle persone ancora non ha grande familiarità con il funzionamento delle cripto Il mondo delle criptovalute continua ad essere un terreno minato per gli investitori sprovveduti. Lo dimostra un allarmante dato di fatto: nel corso del 2021 ci sono stati episodi truffaldini sulle crypto per un miliardo di dollari.La cifra è ancora più allarmante, se si pensa che nel 2018 era 60 volta più piccola.Il terreno di caccia sulle criptovaluteAl crescere della diffusione delle valute dig (continua)

Economia giapponese, il calo del PIL affonda lo Yen giapponese

Il PIL è sceso dello 0,1% nel primo trimestre del 2022, mentre la valuta sprofonda contro il dollaro USD Arrivano segnali poco incoraggianti dall'economia giapponese. In base agli ultimi dati statistici, il PIL è calato dello 0,1% nel primo trimestre del 2022, dopo una crescita dell'1,0% nel quarto trimestre 2021. La nota positiva è che il calo è minore rispetto ai dati flash, che prevedevano una discesa dello 0,3%.Lo stato di salute dell'economia giapponeseSu base annua l'economia giapponese si è c (continua)

Investitori recuperano un po' di buonumore. A Milano il FTSE Mib segna +1,6%

Gli investitori sono tornati a fare compere sul mercato azionario. I listini del Vecchio continente strappano tutti un segno positivo alla chiusura Gli investitori sono tornati a fare compere sul mercato azionario. I listini del Vecchio continente strappano tutti un segno positivo alla chiusura, con Piazza Affari che fa meglio delle altre.I temi caldi per gli investitoriL'andamento di questi giorni conferma un umore oscillante, a causa di un’inflazione aggressiva e di un quadro geopolitico che continua a generare incertezza. Nel frattempo gli (continua)