Home > Economia e Finanza > Portogallo, polemiche sull'inflazione e sui sussidi all’agricoltura

Portogallo, polemiche sull'inflazione e sui sussidi all’agricoltura

scritto da: EnricoSalvati2 | segnala un abuso

Portogallo, polemiche sull'inflazione e sui sussidi all’agricoltura

Portogallo, polemiche da parte della confederazione degli agricoltori contro il ministero. Le lamentele sono per la situazione di vertigionoso aumento di tutti i prezzi, che porta a una perdita di competitività di cui approfitteranno i concorrenti spagnoli.


La Confederazione degli agricoltori portoghesi (CAP) non è rimasta particolarmente soddisfatta dalle modalità con cui verranno distribuiti dal governo i sussidi straordinari agli operatori del settore. Questi aiuti sono stati concepiti nel contesto della crisi dell’agrialimentare data dalle carenze di materie prime e di carburante derivanti dalla guerra in Ucraina e dall’aumento galoppante dei prezzi di vari beni indispensabili per lavorare. E in effetti vi è stato un rialzo dell’inflazione che non si vedeva dal 1992, mentre quello del costo dell’energia segna il record dal 1984. La banca nazionale portoghese ha dovuto così ritoccare verso l’alto le previsioni inflazionistiche per l’anno in corso dal dal 4% al 5,9%. La CAP accusa la ministra Maria do Céu Antunes di non aver rispettato quanto promesso in precedenza, ma il Ministero dell’Agricoltura e dell’Alimentazione del Portogallo ha precisato che i cambiamenti e il rimando delle scadenza sono stati fatti in maniera trasparente. Oltre tutto fa notare che dei 500 milioni di euro disponibili, ne saranno dati per il momento soltanto 241, perché le richieste sono giunte da appnea 36mila agricoltori. Ma secondo la Confederazione la situazione in cui versano gli agricoltori rimane “profondamente ingiusta”, complessa e disperata, perché delle loro problematiche si giovano i concorrenti spagnoli. 


Fonte notizia: https://strumentipolitici.it/portogallo-aumentano-le-pensioni-ma-aumenta-anche-linflazione/


portogallo | agricoltura | inflazione | ministero dell agricoltura | banca nazionale |



 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Soldati ucraini addestrati direttamente nel Regno Unito, il premier Johnson va a trovarli

Soldati ucraini addestrati direttamente nel Regno Unito, il premier Johnson va a trovarli
A breve Johnson non sarà più il premier del Regno Unito, ma intanto si occupa di visitare il centro di addestramento dedicato agli ucraini, arringando questi ultimi alla vittoria contro i russi. Boris Johnson ha recentemente visitato il centro di addestramento nello Yorkshire settentrionale nel quale gli ufficiali di Sua Maestà addestrano centinaia di ucraini, che presto andranno al fronte. Come detto dal ministro della Difesa britannico Ben Wallace, molti di loro tornando in patria "pagheranno con l'estremo sacrificio". Ma intanto Johnson si allena con loro alle armi e alle granate, come (continua)

La Macedonia del Nord cerca soluzioni alla crisi energetica

La Macedonia del Nord cerca soluzioni alla crisi energetica
Skopje potrebbe dichiarare lo stato di emergenza energetica ad agosto. Intanto al Ministero dell'Economia si muovono per trovare soluzioni anche a livello internazionale, con la cooperazione degli Stati dell'Open Balkan. La Macedonia del Nord sta cercando soluzioni al deficit di energia che si sta sempre di più concretizzando come una minaccia al funzionamento del Paese già dal prossimo inverno. Le importazioni di gas provengono interamente dalla Russia, dunque non si ha la certezza esse continuino a lungo, perché l’Unione Europea sembra voler imporre l’embargo definitivo. E allora Skopje rende più semplice ai pri (continua)

Gazprom e NIOC, memorandum di cooperazione che prelude all'accordo fra Russia e Iran

Gazprom e NIOC, memorandum di cooperazione che prelude all'accordo fra Russia e Iran
Il 19 luglio Vladimir Putin è volato a Teheran per il summit con Iran e Turchia sulla Siria, ma insieme al presidente iraniano Ebrahim Raisi ha parlato dell'accordo di cooperazione che potrebbe essere siglato presto fra i due Paesi. Intanto i rispetti colossi energetici hanno firmato un memorandum da 40 miliardi di dollari su progetti congiunti di sfruttamento dei giacimenti iraniani. Poco prima del summit di Teheran fra i leader di Iran, Russia e Turchia, la compagnia petrolifera statale iraniana, la NIOC, ha concluso un accordo da 40 miliardi di dollari con Gazprom, il gigante energetico della Federazione Russa. Con questo memorandum di intesa le due aziende collaboreranno per intensificare lo sfruttamento delle riserve di gas, di GNL e di petrolio dell’Iran, per far cre (continua)

Il progetto del Centro Antartico Internazionale del Cile va avanti nella realizzazione

Il progetto del Centro Antartico Internazionale del Cile va avanti nella realizzazione
Il Cile è in una fase complicata, con un cambio di orientamento politico e forti difficoltà valutarie, ma il progetto del Centro Antartico Internazionale (CAI) non si ferma. Le aziende che competono per l'appalto sono state selezionate e ora presentaranno il dettaglio dei progetti. Il Cile ha appena sta attraversando una fase di profondo cambiamento politico, con un nuovo e giovane presidente insediatosi appena quattro mesi fa, Gabriel Boric, di orientamento completamente diverso dal suo predecessore, mentre si attende l’importante votazione popolare del 4 settembre sulla nuova Costituzione nazionale. Però il progetto del Centro Antártico Internacional (CAI) va avanti: il Mi (continua)

Il Forum del Pacifico perde Kiribati, si sospetta l'influenza di Pechino

Il Forum del Pacifico perde Kiribati, si sospetta l'influenza di Pechino
Ora che la "Micronexit" sembrava scongiurata, ecco che Kiribati abbandona definitivamente il Forum del Pacifico. Qualcuno guarda verso la Cina come la possibile colpevole dell'uscita dello Stato insulare, su cui Pechino allunga la sua influenza. Ha creato sgomento e sorpresa l’uscita di Kiribati dal Foum del Pacifico, il PIF, l’organizzazionale regionale degli Stati insulari alle prese con un lungo periodo di turbolenza e polemiche. È stata accusata la Cina di aver manovrato per togliere un elemento al Forum, vicino come posizioni ad Australia e Nuova Zelanda, e allargare la sua influenza sull’area, dopo aver già concluso un accordo (continua)