Home > Esteri > La situazione dei Diritti Umani in Algeria è preoccupante

La situazione dei Diritti Umani in Algeria è preoccupante

scritto da: FLM | segnala un abuso

La situazione dei Diritti Umani in Algeria è preoccupante


Secondo la media, il programma di riforme promosso dalle autorità algerina e dal presidente Tebboune per creare una nuova Algeria e riconquistare la fiducia di molti cittadini, invertendo così il trend di progressivo disinteresse della popolazione nei confronti del sistema politico emerso durante le proteste di piazza degli ultimi due anni.

Si ricorda che l'attivista politico e uomo d'affari Rachid Nekkaz è stato condannato nel 2020 dal tribunale di Dar El Beïda a un anno di reclusione con il pagamento di una multa elevata, prima di godere della grazia presidenziale nel febbraio 2021.

Inoltre, va ricordato che Rachid Nekkaz aveva tentato, senza successo, di candidarsi alle elezioni presidenziali, rinunciando a tale scopo alla sua nazionalità francese, il suo movimento politico chiamato Youth Movement for Change, resta questa giornata "non approvata" condannato il 07.03.2022 dalla Corte d'Appello di Algeri a 5 anni di reclusione in carcere e privazione dei diritti civili e politici per istigazione alla folla e distribuzione di volantini.

Nekkaz Rachid Nekkaz e 3 attivisti hanno deciso di iniziare uno sciopero della fame di 3 giorni per protesta e denuncia contro le sentenze emesse.

Vale la pena menzionare che l'Alto Commissario per i Dritti Umani delle Nazioni Unite ha espresso la sua preoccupazione per le crescenti restrizioni delle libertà fondamentali, compreso un aumento degli arresti e delle detenzioni di difensori dei diritti umani, membri della società civile e oppositori politici.

Inoltre più di cento fra giornalisti e attivisti del movimento Hirak, incarcerati per reati d'opinione, intanto Amnesty denuncia la dura repressione governativa contro l'opposizione, resta ancora forte la pressione di numerosi partiti di opposizione e della Lega algerina per i diritti dell'uomo nei confronti del governo algerino riguardo alla situazione di numerosi prigionieri d'opinione in sciopero della fame e di cui, al contrario, la Procura di Algeri ha negato l'esistenza, ma l'Algeria debba prendere le misure necessarie per garantire i diritti alla libertà di espressione, associazione e manifestazione pacifica alla sua popolazione.

Inoltre, il libero esercizio del giornalismo è essenziale per ogni sana democrazia, ma i numerosi paesi, ha menzionato che in alcuni paesi gli operatori dei media devono affrontare livelli allarmanti di violenza.

In tal contesto, nella punitiva giurisprudenza algerina, i difensori dei diritti umani sono stati giudicati colpevole di offesa a organismi pubblici, tuttavia, gli esponenti della Lega algerina sono indagati per aver criticato le autorità o per aver partecipato alle iniziative del movimento di protesta Hirak, sorto nel 2019, e sono accusati addirittura di terrorismo.

Gli algerini chiedono alla classe politica un cambiamento radicale e di passare a una vera democrazia, spiega un attivista algerino sceso in piazza in Italia dicendo che sono passati due anni e non è cambiato nulla, «prosegue tanti attivisti restano in carcere ma la rivoluzione pacifica continua fino alla liberazione».

Tale percorso verso la pace, la sicurezza, al fine di garantire una maggiore giustizia e rispettare i diritti umani per tutti, ma parlando dell’Algeria, dove la situazione peggiora sempre di più.

Forum Marocco Veneto














i diritti umani in algeria |



 

Potrebbe anche interessarti

Cesena: Far conoscere i Diritti Umani – in formato cartaceo o attraverso i servizi On-Line


Apprendere i Diritti Umani - SERVIZI ON-LINE PER L’ISTRUZIONE


La Chiesa di Scientology per l’educazione sui Diritti Umani


Uniti per i diritti umani: la conoscenza ci rende liberi


Creiamo la pace insieme - 21 settembre: GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA PACE


In tutto il mondo si celebra la Dichiarazione Universale Dei Diritti Umani


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Una lettura nel discorso del Re del Marocco Mohammed VI

Una lettura nel discorso del Re del Marocco Mohammed VI
Il Sovrano del Marocco sottolinea ancora una volta che i confini che separano il popolo marocchino dal popolo fraterno algerino non saranno mai barriere che ne impediscano l'interazione e la comprensione, e il desiderio di Sua Maestà è che questi confini diventino ponti che consentano al Marocco e all'Algeria di accedere a un futuro migliore e di offrire un bell'esempio di armonia agli altri popoli del Maghreb Il Re del Marocco Mohammed VI ha rivolto un discorso alla nazione sabato 30 luglio 2022 in occasione del 23 anniversario dell'ascesa al Trono del Sovrano. il Re ha dichiarato che la festa del Trono simboleggia il sacro patto della beia e testimonia l'incrollabile simbiosi che ha sempre unito in ogni circostanza i Sultani.Inoltre, Il Sovrano del Marocco sottolinea ancora una volta che i c (continua)

Uno spunto sull'ultimo rapporto di HRW sul Marocco.

Uno spunto sull'ultimo rapporto di HRW sul Marocco.
Il Marocco continua a stupire la comunità internazionale per la forza riformista e l’immenso impegno della monarchia nel voler applicare e rispettare la giurisprudenza internazionale, Il Regno del Marocco compie nuovi passi per il rafforzamento dello stato di diritto e il rispetto delle convenzioni internazionali sui diritti umani. Secondo la media, c'è stato un tempo in cui i comunicati stampa di Human Rights Watch facevano tremare i corridoi della Casa Bianca. Oggi bisogna essere una dittatura o essere ingenui per credere ancora in HRW, in gran parte finanziata da fondi discutibili e la cui parzialità è denunciata da attivisti per i diritti umani, ascesa e caduta di una ONG gestita per 27 anni da Kenneth Roth,la su (continua)

La Repubblica del Togo apre un Consolato Generale a Dakhla

 La Repubblica del Togo apre un Consolato Generale a Dakhla
L'apertura di questa rappresentanza diplomatica riflette il costante sostegno della Repubblica del Togo all'integrità territoriale del Regno del Marocco e ai forti legami che uniscono i due Capi di Stato, Sua Maestà il Re Mohammed VI e Sua Eccellenza il Sig. Faure Gnassingbé , Presidente della Repubblica del Togo. Secondo la media, giovedì 21 luglio 2022, la cerimonia di inaugurazione è stata presieduta dal ministro togolese degli Affari esteri, dell'integrazione africana e del Togo all'estero, Robert Dussey, e dal Ministro degli Affari Esteri, della Cooperazione Africana e dei Marocchini residenti all'Estero, Nasser Bourita Inoltre, L'apertura di questa rappresentanza diplomatica riflette (continua)

Il Marocco, un ruolo di primo piano nella ricerca per risolvere la questione palestinese

Il Marocco, un ruolo di primo piano nella ricerca per risolvere la questione palestinese
Grazie all'intervento del Sovrano del Regno del Marocco Mohammed VI, le autorità israeliane hanno deciso di aprire senza interruzioni, il valico di frontiera Allenby King Hussein che collega la Cisgiordania. Secondo la media, grazie all'intervento del Sovrano del Regno del Marocco Mohammed VI, le autorità israeliane hanno deciso di aprire senza interruzioni, il valico di frontiera Allenby King Hussein che collega la Cisgiordania.Questa mediazione guidata dal Regno del Marocco e dagli Stati Uniti d'America, ha permesso di raggiungere un accordo per l'apertura permanente 24 ore su 24,7 giorni su (continua)

Le donne marocchine sono ancora una priorità nelle politiche del Paese

Le donne marocchine sono ancora una priorità nelle politiche del Paese
La condizione della donna marocchina è migliorata notevolmente. Diversi movimenti sociali per la promozione dell’uguaglianza di genere hanno promosso corsi di alfabetizzazione insieme ad attività associative per la produzione di un piccolo reddito e di un autonomia finanziaria. Il Marocco è un paese ricco di patrimonio religioso e culturale, è in piena mutazione. Negli ultimi anni ha conosciuto una vera emancipazione a livello sociale, economico, politico e culturale. E' un paese che si dirige verso la modernità ma al contempo rimane sempre attaccato ai suoi valori. Nel 2004 il Re del Marocco Mohammed VI ha annunciato la riforma della Mudawana, il Codice del (continua)