Home > Altro > Anno da record per GASGAS: 250 punti di ricarica, obiettivi raggiunti con sei mesi di anticipo e un nuovo crowdfunding

Anno da record per GASGAS: 250 punti di ricarica, obiettivi raggiunti con sei mesi di anticipo e un nuovo crowdfunding

scritto da: Giorgio Bellucci | segnala un abuso

Anno da record per GASGAS: 250 punti di ricarica, obiettivi raggiunti con sei mesi di anticipo e un nuovo crowdfunding


È passato esattamente un anno da quando GASGAS annunciava l’apertura della sua prima campagna di equity crowdfunding su CrowdFundMe. Una campagna, ricordiamolo, di grande successo, la prima nel suo genere in un settore ad altissima crescita come quello della mobilità elettrica. Si tratta di un risultato straordinario per una società che ha avuto la felice intuizione di scommettere sul ruolo degli operatori indipendenti in un settore all’epoca dominato dai giganti della distribuzione elettrica, ovvero quello delle colonnine di ricarica. Ma la raccolta complessiva di GASGAS non si è fermata al crowdfunding. Un ulteriore aumento di capitale ha portato in società una serie di investitori professionali che non erano riusciti a entrare in campagna, chiudendo il capitale raccolto nel corso del 2021 a 700mila euro.

Un anno eccezionale

«È stata una dimostrazione di fiducia enorme» ha commentato Alessandro Vigilanti, Ceo di GASGAS. «Ai nostri soci abbiamo presentato un piano industriale molto chiaro e concreto e a distanza di un anno possiamo dire di aver mantenuto tutte le promesse, ma non solo…». 

In questo anno, GASGS si è data parecchio da fare. «Abbiamo acquisito Easycharge, confermandoci come uno dei più scalabili programmi di sviluppo di rete nel campo della mobilità elettrica»  precisa Stefania Menguzzato, General Manager dell’azienda. «Il primo semestre 2022 ha confermato un trend inarrestabile: grazie all’elevata penetrazione commerciale e alla reputazione del brand, GASGAS ha superato i 250 punti di ricarica prima della fine di giugno, centrando di fatto, con oltre sei mesi di anticipo, gli obiettivi di budget 2022».

I punti di forza di GASGAS

Da sempre, i punti di forza di GASGAS sono tre.

  1. Posizionamento di colonnine in prossimità di punti di interesse per chi è in sosta di ricarica.
  2. Manutenzione continua delle colonnine per garantire la massima efficienza.
  3. Elevati standard di assistenza per aumentare il livello di fiducia e soddisfazione del cliente.

Grazie a questi elementi, GASGAS è diventata in brevissimo tempo punto di riferimento tra gli operatori indipendenti che gestiscono reti di ricarica per veicoli elettrici, non solo su colonnine di sua proprietà, ma anche come system integrator per terzi. Ma la sfida continua. Con il provvedimento del Parlamento Europeo che pone di fatto uno stop alla vendita di auto a combustibile fossile entro il 2035, vengono confermate le intuizioni di GASGAS che ora deve lanciarsi in volata per scalare velocemente il mercato italiano. 

Aumento di capitale e crowdfunding

Per accelerare la propria crescita, GASGAS apre nuovamente il capitale. Nelle prossime settimane un gruppo ristretto di investitori professionali che da molti mesi sta puntando sul progetto entrerà nella compagine sociale. A seguire un secondo round di equity crowdfunding, sempre su CrowdFundMe punterà a replicare il successo dello scorso anno. Un’occasione davvero ghiotta per chi è alla ricerca di iniziative ad altissimo potenziale in un settore che sarà fra quelli che traineranno l’economia dei prossimi anni.



 

Potrebbe anche interessarti

GASGAS corre su CrowdFundMe e centinaia di attività commerciali chiedono colonnine di ricarica per le auto elettriche dei clienti


Ricarica alla spina! GASGAS, inaugura una nuova stazione di ricarica e stringe un accordo con NEXTCHARGE


Castello di Spessa – Nuove etichette, tre linee di vini, visite in cantina e a breve una Spa con vinoterapia


GASGAS a tutta carica: la rete di colonnine elettriche per e-car alla conquista dell’Italia


Prolungata fino al 9 marzo la mostra “Beatles Memorabilia Show” alle Tenute La Montina


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MarqVision raccoglie 20 milioni di dollari da un round di finanziamento di Serie A per il suo sistema operativo a tutela della proprietà intellettuale

MarqVision raccoglie 20 milioni di dollari da un round di finanziamento di Serie A per il suo sistema operativo a tutela della proprietà intellettuale
 MarqVision, startup creatrice della prima piattaforma di protezione della proprietà intellettuale basata sull’intelligenza artificiale, progettata per tutelare la creatività e l'innovazione umane nel mondo digitale, ha annunciato di aver raccolto 20 milioni di dollari attraverso un round di finanziamento di Serie A.DST Global Partners e Atinum Investments si sono uniti ai precedent (continua)

Allarme crowdfunding! Settore a rischio se non si nomina subito l’Authority italiana. L’appello di Investimento Digitale

Allarme crowdfunding! Settore a rischio se non si nomina subito l’Authority italiana. L’appello di Investimento Digitale
Il crowdfunding in Italia sta vivendo un momento complicato e non per carenza di progetti o liquidità. Anzi, il mercato gode di ottima salute e grande fiducia da parte di investitori e aziende: le oltre 100 piattaforme italiane insieme hanno mosso oltre 100 milioni di euro nel 2021 e, contando tutte le piattaforme fintech, nello stesso anno i finanziamenti a PMI e startup itali (continua)

EvenFi in crowdfunding: il portale fintech che aiuta startup e PMI a trovare fondi

EvenFi in crowdfunding: il portale fintech che aiuta startup e PMI a trovare fondi
 EvenFi è un agente finanziario regolarmente autorizzato: il suo obiettivo principale è democratizzare l’accesso al credito per tutte quelle società, come le startup e le PMI innovative, che non riescono a ottenere finanziamenti attraverso i canali tradizionali. Lo fa grazie a una tecnologia proprietaria comprensiva di core banking, per eseguire in autonomia le principali opera (continua)

Startup costrette a emigrare? Sei Ventures inverte la rotta, sviluppa le aree interne e va in crowdfunding

Startup costrette a emigrare? Sei Ventures inverte la rotta, sviluppa le aree interne e va in crowdfunding
In Italia esistono circa 4.000 centri abitati considerati aree interne, dove vivono oltre 13 milioni di persone, ma che spesso sono privi di servizi basilari come istruzione, sanità, trasporti e perfino una connessione internet stabile. I giovani talenti e i professionisti di queste zone, per trovare un lavoro qualificato o fare impresa, sono costretti a emigrare a Milano, Roma, Tor (continua)

Missed Voicemail Phishing: la nuova frontiera dei crimini informatici punta sui finti messaggi vocali

Missed Voicemail Phishing: la nuova frontiera dei crimini informatici punta sui finti messaggi vocali
Il Missed Voicemail Phishing è pratica sempre più popolare tra i criminali informatici. Parliamo di una campagna di spam molto capillare, un'operazione su vasta scala durante la quale vengono inviate migliaia di e-mail ingannevoli.Le e-mail in questione sono camuffate da notifiche relative a un messaggio vocale che si è sbatamente persi. Si viene così richiesto di fare clic sul pulsante "Anteprima (continua)