Home > News > Pietro Camporesi, canoa: Ho realizzato il sogno di partecipare a un'olimpiade

Pietro Camporesi, canoa: Ho realizzato il sogno di partecipare a un'olimpiade

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Pietro Camporesi, canoa: Ho realizzato il sogno di partecipare a un'olimpiade

Pietro Camporesi (Società Aeronautica Militare) nel 2003, a 16 anni, ottiene la prima convocazione per gli Europei Junior. Dal 2007 gareggia nella Canoa Canadese biposto con Niccoló Ferrari. Nel 2012 conquista la Medaglia d'Oro ai Campionati Italiani Valstagna (VI) 2012 C2-Slalom e partecipa alle Olimpiadi di Londra, in equipaggio con Niccolò Ferrari.


Matteo Simone 21163@tiscali.it    

 

Pietro Camporesi (Società Aeronautica Militare) nel 2003, a 16 anni, ottiene la prima convocazione per gli Europei Junior. Dal 2007 gareggia nella Canoa Canadese biposto con Niccoló Ferrari. Nel 2012 conquista la Medaglia d'Oro ai Campionati Italiani Valstagna (VI) 2012 C2-Slalom e partecipa alle Olimpiadi di Londra, in equipaggio con Niccolò Ferrari.  

Nel 2014 ottiene la Medaglia d'Oro ai Campionati Italiani a Mezzana (TN) 2014 C2-Slalom. Nel 2015 si classifica al 6° posto ai Campionati Europei di Markleeberg (GER) 2015 C2-Slalom e Medaglia d'Oro ai Campionati Italiani Valstagna (VI) 2015 C2-Slalom.  

Nel 2016 ottiene Medaglia d'Oro ai Campionati Italiani Valstagna (VI) 2016 C2-Slalom, Medaglia d'Argento agli Australian Open Penrith (AUS) 2016 C2-Slalom. Nel 2017 si classifica al 6° posto ai Campionati Mondiali a Pau (FRA) 2017 C2-Slalom, Medaglia d'Oro ai Campionati Italiani Ivrea 2017 C2-Slalom e 5° Coppa del Mondo Seu d'Urgell (SPA) 2017 C2-Slalom.   

Dal 2017 gareggia sul C1 Slalom. È Istruttore e Allenatore di Canoa Kayak e laureato in Scienze Motorie.  

Di seguito approfondiamo la conoscenza di Pietro attraverso risposte ad alcune mie domande di qualche anno fa.  

Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita? “Si certo, tutte le volte che ho ottenuto quello che volevo”.  

In che modo lo sport ha contribuito al tuo benessere? “Ha contribuito in modo essenziale la fatica fatta che poi appaga sempre, soprattutto a livello mentale”. 

 

Questa è un’interessante testimonianza di un campione di sport, la fatica bisogna che ci sia altrimenti non si ottiene niente senza, dopo la fatica avvengono le soddisfazioni, i premi, i riconoscimenti, le nuove consapevolezze. 

Come hai scelto il tuo sport? “L'ho scelto per il bel gruppo di amici all'interno della società sportiva, e per il fatto che fosse uno sport all'aria aperta a contatto con la natura”. 

Nel tuo sport quali sono le difficoltà e i rischi? Quali abilità bisogna allenare? “Chi pratica la canoa fluviale come me, deve sempre tenere conto che ci si sta allenando in un fiume (naturale o artificiale che sia) con i rischi e pericoli che hanno grosse masse d'acqua in movimento. Le abilità da allenare sono: destrezza, forza, potenza, mobilità ed equilibrio”. 

 

C’è sempre qualcosa da allenare, da potenziare, per ottenere i migliori risultati e per continuare a praticare sport sperimentando anche benessere fisico e mentale. 

Cosa mangi prima, durante e dopo una gara? “La gara è solitamente la mattina, quindi faccio una colazione leggera (generalmente yogurt con muesli e the), poco prima un frutto e un integratore di creatina. Durante la gara non prendo niente perché si tratta di competere in massimo due minuti. Dopo la gara reintegro principalmente i carboidrati con una pasta o riso, e ca.150/200 gr. di carne preferibilmente bianca”.  

Quali condizioni ti hanno indotto a fare una prestazione non ottimale? “In condizioni di spossatezza generalizzata, oppure per le troppe aspettative”. 

 

La partecipazione a gare prevede una sana alimentazione e integrazione alimentare soprattutto prima e dopo la gara se la durata è breve e, inoltre, bisogna avere le condizioni giuste per presentarsi alla partenza con serenità e attivazione ottimale per affrontare una gara per potersi mettere in gioco nelle migliori condizioni. 

Cosa ti fa continuare a fare sport? “La voglia di affrontare la competizione ed abbattere i propri limiti crescendo prima di tutto come persona”.  

Cosa e chi hanno contribuito al tuo benessere nello sport o alla tua performance? “La voglia di vincere e di voler ottenere contribuiscono molto, le persone alle mie spalle poi sono fondamentali: Centro Sportivo A.M., allenatore, mental coach, osteopata e fisioterapista”. 

 

Lo sport permette di conoscere sé stessi nell’evoluzione della propria disciplina sportiva apprezzando tutto ciò di cui si beneficia comprese le persone che sono dietro l’atleta che supportano, sostengono, curano, coccolano. 

La gara della tua vita dove hai sperimentato le emozioni più belle? “Nella gara di qualificazione olimpica del 2012, attorniato da famiglia e amici”. 

Un’esperienza che ti può dare la convinzione che ce la puoi fare? “Tutte le volte che ci si ‘rialza dopo una caduta’, e la consapevolezza di quello che valgo come persona e come atleta”. 

 

Lo sport aiuta a considerare che bisogna affrontare anche situazioni spiacevoli, difficili e che bisogna avere la volontà e la forza di andare comunque avanti apprendendo da qualsiasi esperienza. 

Quali meccanismi psicologici ti aiutano nello sport? “Il voler vincere e primeggiare e ad arrivare tra i più forti, gestione delle tensioni”. 

Familiari e amici cosa dicono circa il tuo sport? “Sport difficile e di sacrificio, non sempre ti da ciò che meriti”.  

 

Gli atleti che fanno sport per lavoro vogliono e devono essere performati e per far ciò devono sviluppare tanta consapevolezza delle proprie caratteristiche e capacità e saper gestire ogni situazione dove si può anche sperimentare pressione, tensione, ansia. 

Un episodio curioso della tua attività sportiva? “Il mio sport è a contatto con la natura, tanto che nel raduno collegiale invernale con la federazione di quest'anno tenutosi in Australia, un giorno hanno dovuto evacuare l'intero campo gara per la comparsa di uno dei serpenti più velenosi al mondo che stava nuotando tranquillo nel tratto del canale artificiale d'allenamento”.  

Cosa hai scoperto di te stesso nel praticare attività fisica? “Che sono tenace e pieno di volontà di sacrificio”.  

 

In ogni disciplina sportiva così come nella vita in generale bisogna avere sempre gli occhi aperti e fare tantissima attenzione alle proprie sensazioni corporee ma anche a ciò che ci circonda, un’osservazione interna ed esterna alla ricerca di segnali di benessere e/o di pericolo e aver sempre una forte passione che fa continuare nonostante i sacrifici. 

Hai sperimentato l’esperienza del limite nelle tue gare? “Si, soprattutto a livello mentale”. 

Quali sensazioni sperimenti nello sport (allenamento, pre-gara, gara, post-gara? “In allenamento sopportazione dei carichi e della fatica, pre-gara e gara gestione della tensione e delle emozioni, in post-gara soddisfazione ed euforia oppure sconforto”. 

 

Nella pratica dello sport si assaporano e sperimentano molte sensazioni ed emozioni che possono far star bene o male ma l’importante è conoscerle e saperle accettare e gestirle. 

Quali sono i tuoi pensieri al traguardo e negli allenamenti? “Penso a tutte le fatiche e sacrifici fatti, in termini di energie ed economici”.  

La tua gara più difficile? “Le gare di qualifica olimpica”. 

 

Nella vita tutto ha un prezzo da pagare, soprattutto nello sport ad alto livello dove i sacrifici e la fatica è enorme ma le soddisfazioni possono essere grandissime soprattutto se si riesce a partecipare a una olimpiade. 

Hai dovuto scegliere di lasciare uno sport a causa di studi o carriera lavorativa? “Fino ad ora ho sempre impostato la mia vita in base allo sport, e ne sono orgoglioso di averne fatto il mio lavoro. Nonostante l'impegno intenso sono riuscito a laurearmi in Scienze Motorie”.  

Hai rischiato di incorrere nel doping? Un messaggio per sconsigliare il doping? “No mai, consiglierei di lasciarne perdere qualsiasi forma, perché prima di tutto si imbroglierebbe sé stessi (che per quanto mi riguarda è la cosa peggiore) sapendo di non essere riusciti a raggiungere i propri obiettivi con le proprie forze”.   

 

È importante riuscire a stare sulla retta via rispettando le regole ma soprattutto se stessi e gli altri e cercare di ottenere i migliori risultati con propri meriti per poterne gioire liberamente e serenamente. 

Riesci a immaginare una vita senza sport? “No, e credo che anche quando interromperò la carriera d'atleta continuerò a praticare attività sportive”.  

Come hai gestito eventuali crisi, sconfitte, infortuni? “La vicinanza della famiglia e degli amici stretti è stata fondamentale”.  

 

A volte lo sport diventa come un grande orto da coltivare, una grande passione che può diventare anche un lavoro redditizio e quando qualcosa on va nel verso giusto c’è bisogno di persone di riferimento per parlarne e confrontarsi in odo da poter superare qualsiasi criticità o avversità lungo il percorso sportivo. 

Hai mai rischiato per infortuni o altro di smettere di essere atleta? “Avevo rischiato di smettere nel 2010, per certe soddisfazioni che non arrivavano”.  

Potrebbe essere utile lo psicologo dello sport? In che modo e in quali fasi? “Credo sia fondamentale, nell'alto livello del mio sport fa la differenza. Una o due volte al mese per mantenere e costruire sicurezze, nei giorni prima e nel giorno della gara”.  

 

In effetti lo psicologo potrebbe essere utile quando qualcosa non va come preventivato, quando la motivazione scende, insomma può essere preso in considerazione per gestire momenti e situazioni critiche e delicate. 

Quale messaggio vuoi rivolgere ai ragazzi per farli avvicinare a questo sport? “È uno sport divertente e mai monotono, a contatto con la natura e che fa viaggiare molto”.  

Obiettivi a breve, medio e lungo termine? Sogni realizzati e da realizzare? “Obiettivi a breve termine la coppa del mondo e gli italiani assoluti di settembre, a medio termine preparare al meglio la stagione 2017, e a lungo termine ottenere una qualifica olimpica.  Ho realizzato il sogno di partecipare a un'olimpiade e fare l'atleta come lavoro, da realizzare è ritornare ai giochi olimpici ed ottenere una medaglia”. 

 

Un’intervista a Pietro è riportata nel mio libro “Sogni olimpici Aspetti, metodi e strumenti mentali di competenza dello psicologo per trasformare il sogno olimpico in realtà”. Presentazione: Isabel Fernandez. Prefazione di: Sonia De Leonardis. 

 

Matteo SIMONE 380-4337230 - 21163@tiscali.it  

Psicologo clinico e dello sport, Psicoterapeuta 


Fonte notizia: https://ilsentieroalternativo.blogspot.com/2020/12/pietro-camporesi-canoa-ho-realizzato-il.html


canoa | olimpiade |



 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

L’autoefficacia spinge a fissare obiettivi sempre più difficili

L’autoefficacia spinge a fissare obiettivi sempre più difficili
Sicuramente a spingere una persona a raggiungere i record è una elevata motivazione intrinseca, cioè il piacere di fare, ma vi è anche una componente di motivazione estrinseca, cioè il piacere derivante dall’avere un riconoscimento dagli altri; le persone si interessano al recordman, si parla di lui. Matteo SIMONE  Sicuramente a spingere una persona a raggiungere i record è una elevata motivazione intrinseca, cioè il piacere di fare, ma vi è anche una componente di motivazione estrinseca, cioè il piacere derivante dall’avere un riconoscimento dagli altri; le persone si interessano al recordman, si parla di lui. Inoltre, vi è l’autoefficacia che spinge una persona a fissare obiet (continua)

Fratelli Gennari specialisti delle ultramaratone negli anni ‘80

Fratelli Gennari specialisti delle ultramaratone negli anni ‘80
A volte si dice che è familiare come la passione della corsa, l’amore per la corsa, la dipendenza verso la corsa. È quello che sembra essere successo alla famiglia Gennari di S. Felice Panaro, i cui tre fratelli, di cui i gemelli Elvino e Loris e Pietro, hanno iniziato a provare amore per la corsa, una passione sempre in crescita diventata quasi dipendenza alla fatica, ai podi, alle sfide. Matteo SIMONE 380.4337230 - 21163@tiscali.it  A volte si dice che è familiare come la passione della corsa, l’amore per la corsa, la dipendenza verso la corsa.  È quello che sembra essere successo alla famiglia Gennari di S. Felice Panaro, i cui tre fratelli, di cui i gemelli Elvino e Loris e Pietro, hanno iniziato a provare amore per la corsa, una passione sempre in cresc (continua)

Veronica Fanciulli, windsurf: Il sogno da realizzare sono le Olimpiadi

Veronica Fanciulli, windsurf: Il sogno da realizzare sono le Olimpiadi
Veronica Fanciulli, Gruppo Sportivo Aeronautica Miliare, ha conquistato le seguenti medaglie: 2008 oro al Campionato Europeo Youth U15 Techno293, 2009 oro al Campionato Mondiale Youth U17 Techno293, 2010 argento alle Olimpiadi Giovanili di Singapore e oro al Campionato Mondiale Youth U17 RSX, 2011 oro al Campionato Mondiale Youth RSX, 2012 oro al Campionato Europeo Youth RSX, 2018 argento al Campionato Italiano Classi Olimpiche RSX. Matteo SIMONE 21163@tiscali.it  Veronica Fanciulli, Gruppo Sportivo Aeronautica Miliare, ha conquistato le seguenti medaglie: 2008 oro al Campionato Europeo Youth U15 Techno293, 2009 oro al Campionato Mondiale Youth U17 Techno293, 2010 argento alle Olimpiadi Giovanili di Singapore e oro al Campionato Mondiale Youth U17 RSX, 2011 oro al Campionato Mondiale Youth RSX, 2012 oro al Campionat (continua)

Valeria Roffino, 3000 siepi: Il mio grande sogno è quello di andare alle Olimpiadi!

Valeria Roffino, 3000 siepi: Il mio grande sogno è quello di andare alle Olimpiadi!
Valeria Roffino ha vinto due titoli italiani assoluti sui 3000 m siepi (2014, 2015). Medaglia di bronzo nella classifica a squadre in occasione della Coppa Europa 10000 m nel 2015. Sempre nel 2015, quinta posizione agli assoluti di corsa campestre e medaglia d’argento agli assoluti nei 10000 m su pista. Ho capito quanto la testa sia importante Matteo SIMONE  Valeria Roffino ha vinto due titoli italiani assoluti sui 3000 m siepi (2014, 2015). Medaglia di bronzo nella classifica a squadre in occasione della Coppa Europa 10000 m nel 2015. Sempre nel 2015, quinta posizione agli assoluti di corsa campestre e medaglia d’argento agli assoluti nei 10000 m su pista. Di seguito Valeria (continua)

Cosa spinge le persone a fare sport? Per tanti c’è la voglia di non ingrassare

Cosa spinge le persone a fare sport? Per tanti c’è la voglia di non ingrassare
Perché fare sport? Per sperimentarsi, mettersi in gioco, incontrare, confrontarsi, apprendere. Per tanti c’è la voglia di non ingrassare, tenersi in forma, provvedere alla propria salute, avere un salutare stile di vita. Matteo SIMONE21163@tiscali.it Perché fare sport? Per sperimentarsi, mettersi in gioco, incontrare, confrontarsi, apprendere. Per tanti c’è la voglia di non ingrassare, tenersi in forma, provvedere alla propria salute, avere un salutare stile di vita.Stella Firinu: “Mangiare senza ingrassare! 😂”Giuseppe Rizzo: "Io sono un grande appassionato e divoratore di pesce, ma per limitare (continua)