Home > Cibo e Alimentazione > La pasta artigianale calabrese: fatta sempre come una volta.

La pasta artigianale calabrese: fatta sempre come una volta.

scritto da: Gioegio | segnala un abuso


In Calabria la pasta tipica è un alimento che ha forti radici in una antica tradizione, visto che viene lavorata tassativamente a mano all'interno delle famiglie. Vecchie gesta di mani esperte delle massaie calabresi, che si ripropongono con consuetudine e sistematicità ancora oggi, considerato lo spessore che i primi piatti assumono nella regione; un'importanza fondamentale per un impasto semplice, prodotto solo con le migliori semole di grano duro, acqua pura delle sorgenti montane e sale (meno presente l'uovo), per ottenere una preparazione proprio come impone l'arte della cucina calabrese. Piatti essenzialmente poveri, ma dei quali potevano disporre solo quanti avevano farina bianca in casa, e non sempre peraltro, considerate le condizioni di miseria dei tempi passati.

Un uso che è tornato fortemente negli anni recenti, per riproporre in tavola i sapori di un tempo, cercando di uscire dai "sapori appiattiti" delle produzioni industriali, elevandosi al contrario e sempre più a ruolo di piatti unici ed esclusivi. Una volta, infatti, la pasta usata in particolare sulle tavole calabresi era tutta pasta fatta in casa, preparata con grande maestria dalle donne di famiglia, nel pieno rispetto di tassativi rituali e con una dovizia e cura dei particolari processi, dal dosaggio degli ingredienti alle varie fasi di lavorazione, financo nella cottura.

Secondo la tradizione della regione una ragazza è pronta per prender marito solo quando è capace e conosce a fondo tutti i 15 modi di preparare la pasta fatta in casa; ovvero, gli uomini sceglievano le donne da sposare anche in virtù della loro capacità di lavorare e saper fare la pasta.

Se l'arte della pasta si è conservata fino ai nostri giorni, costituendo ancora la base del pasto quotidiano, perché privarsi di un alimento basilare della nostra mensa, scegliendo quella migliore e che garantisca un apporto davvero "nutrizionale"?? La scelta dei grani più opportuni, delle migliori semole, il rispetto dei processi di essiccamento è infatti basilare per poter ottenere un prodotto davvero all'altezza, evitando che tutti gli elementi essenziali al nostro organismo si disperdano al contrario nell'acqua di cottura.

 Facile a dirsi, non impossibile a realizzarsi, visto che in rete ci sono siti di prodotti tipici calabresi che propongono nelle loro vetrine virtuali paste calabresi che ben possono assimilarsia quelle della tradizione regionale, quasi fossero state prodotte in casa secondo antica ricetta, e senza dubbio elevandosi rispetto alle produzioni massive della grande distribuzione.

Certo non si tratta delle paste di ogni giorno, ma ogni tanto val la pena concedersi piccole trasgressioni a tavola.

Le varietà proposte sono numerose, ognuna appetitosa ed interessante: che dire, ad esempio dei "Fileja", per la quale in passato si utilizzava u firriettu, un ferro da calza o anche quello ricavato da un vecchio ombrello in disuso, intorno al quale si avvolge la pasta per farle assumere la caratteristica forma arrotolata, tramite la filatura, ovvero un filo omogeneo di circa 0,5 cm. di diametro, spezzato in pezzi di 20-30 cm. di lunghezza; a questo processo segue poi quello della trafilatura, che consente di dare ai Filei la particolare forma ricurva, tramite un bastoncino sottile di legno o ginestra essiccata. Tradizionalmente questo formato si condisce con sugo di pomodoro fresco, o con un corposo sugo di carne (capra e maiale), e con una buona spruzzata di pecorino o ricotta secca, naturalmente quelle calabresi.

Una preparazione analoga si ha anche per i "Maccarruni" e i "Fusilli", piatti antichi per eccellenza; anche per questi, proprio come visto per i filei, si utilizza u firriettu. L'essenzialità di questo strumento di cucina, come per quello delle necessarie ed opportune basi di legno (Madia), è ribadito dalla importanza che questi assumevano nel corredo matrimoniale: una buona sposa, infatti, li doveva annoverare entrambi negli oggetti avuti in dote dalla sua famiglia d'origine, proprio come al giorno d'oggi varrebbe per un forno a microonde o altro indispensabile elettrodomestico.

I cavatelli dimostrano tutta la capacità e maestria della massaia nel saper fare la pasta: infatti occorre impastare gli ingredienti in modo da ottenere un impasto duro, altrimenti col riposo sulla spianatoia (coperto da una ciotola, per almeno mezz'ora) ammorbidisce troppo ed è più difficoltoso da lavorare. Dopodichè occorre prendere un pezzo di pasta, fare un rotolino di circa 1cm di diametro, con un coltellino staccare un piccolo pezzo che va premuto col pollice dell'altra mano contro la punta del coltello, poi si schiaccia la lama sul tavolo ruotando brevemente e trascinando il cavatello.

Siamo in Calabria, ed è normale che "sua maestà il peperoncino" da il suo contributo nel condimento della pasta da portare in tavola, giusto per fornire un'ulteriore tocco di schiettezza alle varie portate. In particolare, formati quali i "fusilli" o i "filei" sono proposti dalle varie aziende in rete nella variante piccante, laddove la preparazione a monte del prodotto avviene con un'altra sciccheria della regione: la bomba calabrese, gigante per antonomasia dei sottoli di queste terre, a base di verdure (melanzane, carciofi, aglio, alloro e naturalmente peperoncino calabrese), funghi ed olio.

 

Come dire, prendere due piccioni con una fava!!


Fonte notizia: http://www.saporidellasibaritide.it


vendita prodotti tipici calabresi | pasta calabrese | fusilli | filei | maccheroni | cavatelli | pasta |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Esportare pasta fresca e pasta secca italiana


Le esportazioni di pasta italiana all’estero


Senatore Cappelli, La Pasta Migliore E Di Qualità


Perchè Scegliere La Pasta Senatore Cappelli E Usarla A Tavola


“Festa della Pasta” di Gragnano


L'amore degli italiani per la pasta fatta in casa: la trafila al bronzo


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il latte di mandorla, una bevanda dissetante ed assolutamente naturale.

Il latte di mandorla, una bevanda dissetante ed assolutamente naturale.
E dopo i primi incerti di un maggio alquanto bizzarro le giornate tendono timidamente verso la stabilità, con temperature in decisa risalita…….insomma andiamo gradualmente verso la “bella stagione”. E con essa torna come sempre la voglia di tonificarsi e rinfrescarsi con qualcosa di veramente dissetante: inizia la stagione dei gelati, delle bevande ghiacciate&helli (continua)

Innovazione di gusto...nel segno della tradizione: qualche goccia di Miele di fichi per un gelato "diverso dal solito"!!

Innovazione di gusto...nel segno della tradizione: qualche goccia di Miele di fichi per un gelato
Certo che questa bizzarra primavera ci sta davvero sorprendendo rispetto agli anni scorsi: di questi tempi, infatti, già progettavamo per l’imminente  estate della quale già avvertivamo qualche sentore; i nostri week-end erano dedicati alle gite fuori porta ed all'aria aperta, tersa e tiepida della primavera ormai inoltrata; e non neghiamolo, (continua)

I sughi pronti della Calabria: ovvero quando l’innovazione rispetta la tipicità di un territorio

I sughi pronti della Calabria: ovvero quando l’innovazione rispetta la tipicità di un territorio
In un mondo che ci vede correre sempre più “di fretta” il nostro quotidiano vivere, fortunatamente sono intervenute evoluzioni di ogni tipo che hanno reso la vita decisamente più comoda e semplice; ed anche nel campo della gastronomia le novità non sono state, per fortuna, poche. Tra queste in particolare i condimenti pronti, che consentono di poter disporre di d (continua)

Le confetture calabresi al cioccolato: perché di tanto in tanto un "peccatuccio di gola" è concesso!!

Le confetture calabresi al cioccolato: perché di tanto in tanto un
Ormai gli acquisti su internet sono diffusissimi: chi vi ricorre per libri,  per viaggi, chi ancora per capi d’abbigliamento,….sperando di “riuscire a spuntare” prezzi ottimali, cogliendo buone occasioni e proposte sulle vetrine virtuali della rete. Ma ancora, c’è chi vi ricorre in genere cercando qualcosa che non si riesce facilmente a reperire nella dif (continua)

Fichi secchi calabresi: quando l'innovazione si sposa con la più assoluta tradizione artigianale!!

Fichi secchi calabresi: quando l'innovazione si sposa con la più assoluta tradizione artigianale!!
Quando si parla di enogastronomia calabrese subito la mente richiama sapori decisi, quali quelli regalati dal peperoncino, dalla ‘nduja, dai salumi in genere…e di quelli “naturalmente aromatici”, retrogusti intensi racchiusi negli splendidi agrumi dei quali la regione può dirsi fiera. Eppure girovagando tra delizie regionali si scoprono eccellenze anche nel campo d (continua)