Home > Lavoro e Formazione > Sindacato del lavoro: salvaguardare i diritti dei lavoratori dopo la riforma Fornero

Sindacato del lavoro: salvaguardare i diritti dei lavoratori dopo la riforma Fornero

scritto da: Amaggiori | segnala un abuso


La riforma del Ministro Elsa Fornero è legge dal 18 luglio scorso. Approvata dalla Camera con 393 voti favorevoli, 74 no e 46 astenuti, ha immediatamente scatenato molte polemiche, soprattutto perché è stata approvata in un periodo particolarmente difficile per l’Italia, alle prese con i gravi problemi economici e riguardanti il diritto al lavoro e i diritti dei lavoratori.

A tal proposito le critiche più accese, anche da parte del sindacato del lavoro, si sono incentrate sul fenomeno degli esodati, vera e propria nuova “categoria” di lavoratori che sono usciti dal mercato del lavoro senza aver maturato i requisiti per accedere al trattamento pensionistico, specie in conseguenza dell’innalzamento dell’età pensionabile a 67 anni. Si tratta di tutti quei lavoratori che, prossimi alla pensione, hanno scelto di lasciare il lavoro dietro la corresponsione da parte della propria azienda di una buonuscita-ponte, firmando il licenziamento o accettando di essere messi in mobilità. Sebbene sia diventata una pratica aziendale piuttosto diffusa nell'imprenditoria italiana, per cercare di far quadrare i conti, questa soluzione ha dato origine ad una situazione altamente critica.

Il problema fondamentale che attanaglia questa fascia di persone è esploso con la definizione della riforma previdenziale che ha cancellato la pensione di anzianità, limitando la possibilità di uscita anticipata rispetto al momento del trattamento di vecchiaia. In pratica lo spostamento in avanti dell’età pensionistica, in alcuni casi anche di 5-6 anni, fa sì che molti lavoratori si ritrovino senza stipendio, in quanto hanno lasciato il lavoro, e allo stesso tempo anche senza assegno pensionistico, perché non ne hanno ancora maturato il diritto.

Da questi presupposti è nata l’esigenza, anche da parte del sindacato del lavoro, di salvaguardare questi soggetti, scendendo in piazza per difendere i diritti dei lavoratori e di tutti gli esodati, senza vincoli numerici di sorta. Il primo risultato è stato il riconoscimento, da parte del Governo, di 65 mila soggetti da tutelare, il la cui la maturazione dei requisiti avverrà secondo le vecchie regole, a fronte dei 330 mila ex lavoratori individuati dall’Inps.

sindacato del lavoro | diritti dei lavoratori | riforma fornero | riforma pensioni | mercato del lavoro | esodati | età pensionistica |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

CANCELLARE LE CONTRORIFORME DELLE PENSIONI CON IL FRONTE UNICO DI LOTTA DEL PROLETARIATO!


Corsi in e-learning per la sicurezza di lavoratori stranieri e RLS


Far conoscere e applicare i Diritti umani per una società equa e pacifica


Incredibile a Fiumicino, destituzione per poliziotto minacciato di morte e aggredito da boss mafioso


Ah! Sììì? No!


Ancora incertezze sulla Riforma della Riscossione: Massimo Rizza chiarisce alcuni dubbi


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Sabato 30 Gennaio nel cuore di Napoli “La città del sorriso”

Sabato 30 Gennaio nel cuore di Napoli “La città del sorriso”
Poche città sono collegate da sempre al concetto di buon umore e sorriso come Napoli: una straordinaria comunità che ha la capacità di infondere il sorriso nei suoi visitatori e che, non a caso, ha regalato alcuni tra più grandi artisti del sorriso, in musica, teatro e cinema. Ecco perché Napoli è il luogo ideale per festeggiare l’arrivo del n (continua)

Corsi di Italiano a Venezia? C'è la Venice Italian School!

La Venice Italian School è una scuola di lingua italiana che organizza corsi di italiano per gruppi e lezioni per studenti individuali nel cuore di Venezia. I corsi di lingua italiana di gruppo della scuola italiana di Venezia sono composti da massimo 6 studenti - dopo un'attenta valutazione, gli studenti sono assegnati al gruppo più adatto al loro livello. Tutti i corsi di itali (continua)

Il Commissario Torrente ti porta in Spagna con un nuovo concorso!

In Spagna il commissario Torrente, detective scorretto e maschilista, è una vera e propria icona del cinema e la risposta del pubblico ai botteghini, anno dopo anno, ne è continua conferma. Conferma che conta, dal lontano 1998, quindici anni di successi per il detective Torrente, Il braccio idiota della legge, personaggio partorito dalla mente del regista madrileno Santiago Segura (continua)

Commedia poliziesca: arriva al cinema l’esilarante Commissario Torrente

Non avrà di certo la verve del nostrano Commissario Montalbano ed il suo personaggio non è certo frutto della penna instancabile di Andrea Camilleri, ma il fatto che si sia arrivati al quarto episodio di una saga ormai imperdibile, lascia intuire che il detective spagnolo non ha proprio nulla da invidiare al collega siciliano. Ex poliziotto, un po’ macho, consapevolmente o (continua)

Ancora pochi giorni per partecipare al concorso “Una poltrona per chi?” di Boomerang tv

Ancora pochi giorni per partecipare al concorso “Una poltrona per chi?” di Boomerang tv
Affrettati, hai ancora pochi giorni per poter partecipare al concorso online di Boomerang TV “Una poltrona per chi?”.  Scadrà la prima domenica di maggio, infatti, il concorso di Boomerang che durante il mese di Aprile ha regalato a fan ed appassionati del canale con la più vasta library di cartoon del mondo (oltre 2000 personaggi e 8500 cartoni animati), fantasti (continua)