Home > Eventi e Fiere > Stand virtuali e avatar personali: l'appuntamento con la prima fiera digitale al mondo dell'arredo e design diventa una grande esperienza personale. Pre-iscrizione subito e appuntamento al 27 novembre 2012

Stand virtuali e avatar personali: l'appuntamento con la prima fiera digitale al mondo dell'arredo e design diventa una grande esperienza personale. Pre-iscrizione subito e appuntamento al 27 novembre 2012

articolo pubblicato da: Redoffice3 | segnala un abuso

Stand virtuali e avatar personali: l'appuntamento con la prima fiera digitale al mondo dell'arredo e design diventa una grande esperienza personale. Pre-iscrizione subito e appuntamento al 27 novembre 2012

Il mondo dell'arredo italiano compie, con questa première mondiale, un grande passo avanti, cogliendo appieno le chance che le nuove tecnologie, connesse con il grande know how esistente nel nostro Paese nel settore specifico dell'arredo, offrono. E’ una grande occasione oltre che di business, di sentirsi partecipi di un progetto assolutamente innovativo e unico al mondo; scegliere il proprio avatar e con questo interagire all’interno degli stand e delle sale conferenza è un’esperienza che ci permette di entrare nel futuro e contattare aziende e progetti attraverso il nostro computer . Dal 27 al 29 novembre 2012 (ore 9 – 18) sarà visitabile Italian Furniture Design, la prima fiera virtuale in 3D dei settori dell’arredamento e del design Made in Brianza

Il brand del design di Milano e della Brianza vale 92 miliardi di Euro, superando, in termini di riconoscibilità internazionale e reputazione economica, il distretto del design danese di Copenaghen (il cui brand vale quasi 48 miliardi di Euro) e quello portoghese di Porto (circa 41 miliardi di Euro). Tra i luoghi del design più apprezzati al mondo troviamo anche l’area francese del Rhône-Alpes (il cui brand vale 30 miliardi di euro), la spagnola Valencia (30 miliardi di Euro), il Pays de la Loire (20,6 miliardi di Euro) e la teutonica OstWestfalen (13 miliardi di Euro).

In questo contesto, la Brianza, culla del design, è la protagonista di Italian Furniture Design, la prima fiera virtuale in 3D al mondo dedicata al settore dell’arredamento, che si svolgerà online dal 27 al 29 novembre 2012. E’ un’occasione imperdibile per curiosare, attraverso un proprio avatar e senza spostarsi, tra gli stand virtuali, vedere i prodotti,  assistere alle presentazioni, dialogare con gli espositori in tempo reale ed entrare in contatto le più grandi aziende di arredamento e design della Brianza. Con Italian Furniture Design si può infatti ‘passeggiare tra gli stand delle imprese partecipanti, informarsi e conoscere al meglio i complementi d’arredo, le tecniche e i singoli imprenditori. Le varie aree che compongono la fiera, esattamente come all’interno di un percorso espositivo reale, permetteranno di orientarsi al meglio tra i diversi settori.

ISTRUZIONI PER L’USO

Per visitare la fiera è sufficiente a) pre-iscriversi oggi con un semplice click sul sito www.ifurndesign.com; b) il giorno 27 novembre sarà possibile scegliere il proprio avatar; c) entrare immediatamente nei corridoi e negli stand della Fiera. I visitatori potranno inoltre assistere a presentazioni in diretta su tematiche settoriali e incontrare persone con interessi in comune. Lo spazio virtuale comprende anche l’area formazione e l’infopoint. Si potrà infine comunicare con tutti i partecipanti attraverso una molteplicità di canali e scambiarsi contatti e biglietti da visita attraverso le videochiamate con Skype o le chat di testo.

Gli espositori presenti all’Italian Furniture Design sono: Al360milano, AM Ricami e creazioni tessili, Antonio Sala Srl, Arredamenti B.&C. di Bergomi Cesare Snc, Arredi 3n, Benedetti Srl Rossociliegia, Berto Salotti, Caimi Brevetti Spa, Carpanelli Spa, Citterio F.lli, Citterio Line Spa, DIMA Snc di Maiocchi Dario & C, Di-Pol di Fusaro Claudio L., Elli G&G di Elli Giuseppe e Giocondo Snc, Erba & C Srl, Essedue Sas, F.lli Allievi Snc, FDF Srl, Fimar Srl, Fossati di Fossati Antonio & C Sas, Frigerio  Srl, G.G.G. di Sardi Giulio & C Snc, Gaffuri Eligio e Figli Snc, Galimberti R. & C, Intarbor Spa, Linea Viganò Snc, M.I.A. Montrasio Industria Arredamenti Srl, Mariani Plus Srl, Meroni Vincenzo, MF Arredamenti Snc di Marelli Giuseppe e Corrado, MISS Sas di Mario Colzani & C, Mixfloor, Mobilitaly Brianza Società Cooperativa, Next Srl (Laurameroni design collection), Portend Snc di Brivio Ugo & Roberto, Progetto Lissone Spa, Punto Uno Arreda, R.I.M. Snc Di Resnati Claudio & C, Rapsel Spa, Reggiani Spa Illuminazione, Sala F.lli Snc, Salice Paolo Srl, Sedini Snc di Renato e Franco Sedini, Simonsaita Fabrics Srl, Studio Prisma, Tierre Salotti Sas di Trevisiol Gianni & C, Total Solution Interiors Srl, Turchetto Furniture, Vallmar Snc, Velarium Sas Di Aloise Claudio & C, Vetrarredo, Viganò Giordano, Villa Fratelli Srl, Vittorio Brambilla Arredamenti Mobili, Zanuso Legno Srl.

L’ingresso alla fiera per i visitatori e i buyers è gratuito. Un'esperienza straordinaria con un avatar digitale creato da voi dentro la più innovativa proposta mondiale dell'arredo e design.

Info

http://www.ifurndesign.com/

italian furniture design | stand virtuali | avatar personali | fiera digitale | fiera digitale arredo design | 27 28 29 novembre 2012 | nuove tecnologie | avatar | made in brianza | design made in brianza | brand design milano brianza | area formazione | infopoi |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La desiderabilità del segno a Milano: brand design, calligrafia e agopuntura urbana

La desiderabilità del segno a Milano: brand design, calligrafia e agopuntura urbana
“La desiderabilità del segno” è un concept a tre voci con Paolo Rossetti, Simonetta Ferrante e Matteo Pettinaroli, in cui è possibile immergersi in una ramificazione di segni, una texture di relazioni, una trama di gesti Designing Happiness a 100 anni da Bauhaus L’incontro “La desiderabilità del segno”, avvenuto nel centesimo annive (continua)

La desiderabilità del segno

La desiderabilità del segno
La desiderabilità del segno Un incontro tra arte, design e trasformazione urbana, a cento anni dall’esperienza Bauhaus con al centro la desiderabilità, motore che fa girare l'esistenza “La desiderabilità del segno”. Un incontro a tre voci, Paolo Rossetti, Matteo Pettinaroli, Simonetta Ferrante in cui è possibile immergersi in una ramificazione di segni, una texture di relazioni, una trama di ge (continua)

“Robots & Rinascimento”, l’intelligenza artificiale si connette con il patrimonio creativo italiano e la visione 4.0

“Robots & Rinascimento”, l’intelligenza artificiale si connette con il patrimonio creativo italiano e la visione 4.0
Il meeting svoltosi il 30 gennaio 2018 ha visto protagonista il robot NAO della Scuola di Robotica che ha interagito con gli ospiti. L’incontro, presentato da “LA LOGICA DEL FLUIRE. CHE MERCATO SAREMO” e “COPERNICO”, ha incluso gli interventi di Fiorella Operto, Fabrizio Bellavista e Stefano Lazzari e un saluto di benvenuto di Federico Lessio mentre Luisa Cozzi ha (continua)

“Water Brands” e “Super Brands”: il 21 ottobre 2017 a Milano due grandi eventi al Festival della Crescita

“Water Brands” e “Super Brands”: il 21 ottobre 2017 a Milano due grandi eventi al Festival della Crescita
Al Palazzo delle Stelline di Milano (il primo alla Cult Library, il secondo alla Visions Hall), sabato 21 ottobre alle ore 17 e alle 18.30 si svolgeranno due eventi, all’interno del Festival della Crescita: il primo tratterà di “Water Brand” e del libro “La logica del fluire. Che mercato saremo”, il secondo di “Super Brands” e del volume "S (continua)

Milano Food City 2017. Gifasp premia la prevenzione dello spreco alimentare

Milano Food City 2017. Gifasp premia la prevenzione dello spreco alimentare
Durante l’evento Milano Food City #famedivero, il 9 maggio 2017 presso lo Spazio BASE, nell’epicentro del ‘fuorisalone’ della Food Week, Francesca Meana, designer e membro del comitato esecutivo di Gifasp, ha consegnato un doppio riconoscimento ai migliori lavori presentati per il progetto-laboratorio “140 caratteri o un'immagine” a due classi della Scuola p (continua)