Home > Libri > In uscita il 21 dicembre Ad Lucem, sequel de Eden di Alessandro Cortese

In uscita il 21 dicembre Ad Lucem, sequel de Eden di Alessandro Cortese

scritto da: Alessia Mocci | segnala un abuso

In uscita il 21 dicembre Ad Lucem, sequel de Eden di Alessandro Cortese


 “Profeta” ripeté Lucifero, gettando tra le fiamme i resti del suo pasto. “Una parola usata per unire la mia gente, per convincerli che ci sia qualcosa oltre il baratro in cui vivono. Ma non è stato che un trucco, un’illusione costruita per guadagnare credito e tempo, per trasformarli in operai volenterosi al mio seguito”.

L’Angelo della Luce continua a stupirci con le sue affermazioni audaci ma sincere. La conversazione con Chirone si prospetta più che interessante per la comprensione dei piani di Lucifero, che non intende definirsi “profeta”, quel “profeta” che tutti i precipitati nell’Abisso aspettavano.

Ad Lucem” è il sequel del poemetto “Eden” (edito nel luglio del 2010 dalla casa editrice Arpanet) dell’autore Alessandro Cortese (Messina, 1980) che con questa seconda uscita continua la sua brillante carriera letteraria. “Ad Lucem” uscirà il 21 dicembre 2012, data non casuale se si pensa alla famosissima profezia della fine del Mondo dei Maya. E la fine del Mondo è il tema portante del libro, una fine che ha avuto origine dal desiderio di vendetta  e dal sentimento di invidia che lo stesso Yahweh prova nei confronti delle sue creature.

Parliamo di invidia in quanto il sommo creatore è descritto come un Dio che si lascia divorare da pensieri di onnipotenza e dalla paura di possibili congiure; parliamo di un Yahweh che ha tradito la sua stessa famiglia imprigionandola nell’Abisso.

Ma andiamo per gradi. “Ad Lucem” è diviso in prologo e cinque parti, suddivise in dodici brevi capitoli, e denominate: “Ministero nell’Abisso”, “Adunanza”, “Lo Schema”, “L’arte della Guerra” e “Le regole del gioco”. Un libro costruito con i numeri. “Ad Lucem” è concepito sul numero 5. 5 sezioni per raccontare il cammino dell'ascesa e dell'asceta. 12 capitoli per sezione, perché dodici è un numero profondamente divino: il nome di Dio è di 4 lettere (tetragrammaton YHWH in fenicio, in aramaico ed in ebraico moderno), il numero dell'Altissimo è il 3, 3 x 4 = 12. 56 capitoli totali, ma sommando 5 e 6 si ottiene 11, cioè 1 + 1 = 2. 2 è il numero della donna, quindi è un libro femminile. Sono due le donne di “Ad Lucem”, Lilith ed Eva. 

“Eden” terminava con la cruenta caduta di Lucifero e degli altri congiurati nell’Abisso dalla cima del Golgota, caduta che non ha decretato la morte di questi ma solo una sensazione di impossibilità di vita e bramosia di cibo in un territorio fangoso e scuro abitato da  diversi esseri, creazioni divine che sono state punite e nascoste alla vista.

Lucifero, così come gli altri, si risveglia dolorante per la caduta, senza le sue meravigliose ali, e con una voglia accesa di vendetta e di rivendicazione dei suoi diritti di libertà. Il suo volto è sfigurato, il suo corpo stremato eppure la scintilla della vita scorre nelle vene. Eppure riesce a fermare l’abominio di necrofagia che Yahweh aveva prospettato per l’Angelo e per i suoi fratelli.

Lucifero continua ad essere l’Angelo della Luce e con uno struggente discorso ravviva gli animi dei suoi compagni, che stremati decidono di seguirlo nel maestoso progetto di risalita all’Eden. Inizia così il peregrinare nel grande Abisso alla ricerca di alleati. Inizia la costruzione della Città di Fuoco (Ade), antagonista di Eden ed anticipatrice delle città degli uomini che sfideranno apertamente Yahweh: Babele, Sodoma e Gomorra.

Un viaggio alla scoperta delle verità su ogni essere leggendario, il nostro protagonista dovrà destreggiarsi lungo il cammino con Arpie, Grifoni, Ciclopi, Gorgoni, Chimere e tutto il popolo degli Antichi (Lilith, Ba She, Minosse, Eaco, Radamante, Ninhursag, Esha).

Una guerra antica che vede, come si è anticipato, non solo esseri straordinari a fianco del Figlio della Luce ma anche la discendenza diretta di Adamo ed Eva. Eva sarà avvicinata anche dopo la sua cacciata dal Giardino dell’Eden, una donna diversa si prospetta davanti agli occhi dell’Angelo, una donna il cui ventre ha partorito il male ed il bene, Caino ed Abele.

In principio siete stati schiavi d’un giardino, adesso la catena che vi stringe la chiamate arbitrio, convinti che libero sia l’aggettivo giusto per abbellirne il senso… non capisci quante bugie raccontate a voi stessi?

 

Domenica 16 Dicembre, alle ore 17:30, presso la Libreria Linernauta in via Teramo 27  nel centro di Pescara ci sarà un’anteprima nazionale di Ad Lucem
Giovedì 20 Dicembre seguirà la seconda anteprima a Milano - location da definire -.
 

 

Written by Alessia Mocci

Responsabile dell’Ufficio Stampa di Alessandro Cortese

(alessia.mocci@hotmail.it)

 

Info

http://www.facebook.com/pages/Eden/10150148416165436

 

Fonte

http://oubliettemagazine.com/2012/12/16/in-uscita-il-21-dicembre-ad-lucem-sequel-de-eden-di-alessandro-cortese/

 

 

 


Fonte notizia: http://oubliettemagazine.com/2012/12/16/in-uscita-il-21-dicembre-ad-lucem-sequel-de-eden-di-alessandro-cortese/


alessandro cortese | eden | ad lucem |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Alessia Mocci intervista Alessandro Cortese: ecco il romanzo La mafia nello zaino


Eden, libro di Alessandro Cortese – recensione


Alla scoperta del Paradiso terrestre


La mafia nello zaino di Alessandro Cortese: un omaggio a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino


-Martin Eden, nato americano nel romanzo di Jack London, rinasce napoletano nel cinema del casertano Pietro Marcello e diventa universale alla 76^ Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia. (Scritto da Antonio Castaldo)


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Alessia Mocci intervista Sergio Messere: ecco la raccolta Fibre di possibilità

Alessia Mocci intervista Sergio Messere: ecco la raccolta Fibre di possibilità
“Fibre di possibilità”, edito da LFA Publisher nel 2021, è suddiviso in sette capitoli che principiano con una tela od uno schizzo dell’artista Pietro Tavani. L’autore, Sergio Messere, diplomato in elettronica industriale lavora dal 1991 come tecnico di settore in un centro di coordinamento e supervisione di reti Mediaset ed altre emittenti private. Appassionato lettore di romanzi classici, paranormale e fantascienza, pratica running e si diletta in cucina. “Considero la poesia non propriamente una forma d’arte, quanto una “proto-arte”, in quanto è un qualcosa di profondamente viscerale che si origina nell’Uomo prima della nascita della scrittura e del linguaggio stesso. Cosa è scattato nel primo Uomo che ha sentito l’esigenza di commemorare i propri cari?” – Sergio MessereDomandarsi sull’origine, sia del pianeta Terra che ci ospita sia della na (continua)

Alessia Mocci intervista Alessandro Cortese: ecco il romanzo La mafia nello zaino

Alessia Mocci intervista Alessandro Cortese: ecco il romanzo La mafia nello zaino
“Ricordo che ero davanti la tivvù e che d’un tratto si interruppero le trasmissioni su tutti i canali. Ricordo la cronaca. Le scene dei film di guerra che erano però verità e non finzione. Io di quel pomeriggio mi ricordo tutto e lo conservo gelosamente… perché quell’evento ha contribuito a farmi diventare la persona che sono e io amo moltissimo la persona che sono. Se avessi mai scritto un r (continua)

Alessia Mocci intervista Teresa Stringa: ecco la silloge poetica Pensieri

Alessia Mocci intervista Teresa Stringa: ecco la silloge poetica Pensieri
L’autrice, Teresa Stringa, è nata nel 1960 e fin da piccola, sia per dote innata sia per influsso degli amati genitori (il padre pittore e la madre amante della poesia e delle lettere), ha manifestato attitudini di estrema sensibilità nella scrittura in ogni sua forma. Apprezzare la bellezza divenne uno stile di vita che ha portato avanti nonostante gli studi tecnici. “Quel tempo furioso/ mi vide distratta./ Il futuro era solo un profumo,/ e fremeva la vita/ che il mio sguardo/ non poteva fermare./ Poi arrivò lei/ impetuosa avversaria,/ schiacciava il volere/ e ogni azione fermò./ Così, dall’anima nuda/ ogni cosa riappare:/ tutti i miei ieri ritornano veri:/ sono inerme e sorpresa/ dello sbadato vissuto./ […]” – dalla lirica “Risveglio”“Pensieri” è una rac (continua)

Alessia Mocci intervista Antonietta Fragnito: eccovi la raccolta La rosa, la cosa, l’anarchia del verso

Alessia Mocci intervista Antonietta Fragnito: eccovi la raccolta La rosa, la cosa, l’anarchia del verso
“La rosa, la cosa, l’anarchia del verso” è stato pubblicato a gennaio 2022 dalla casa editrice Tomarchio Editore ed è ormai prossimo a seconda ristampa. È la seconda raccolta poetica dell’autrice, risultato di un premio assegnato dalla casa editrice siciliana per la migliore poesia nella Seconda edizione del Contest Free Poetry. “Da sempre sento che le parole, e non solo in poesia, sono le mie stanze e le stanze, si sa, hanno angoli bui.” – Antonietta FragnitoParole come stanze i cui significati simboleggiano gli angoli bui. Con questa riflessione Antonietta Fragnito ci fa immergere nel suo stato mentale di “contenitore di significati” nel quale le parole vengono centellinate e selezionate accuratamente così come un (continua)

Fibre di possibilità di Sergio Messere: la sovranità del Singolo nella potenza libera della sua natura

Fibre di possibilità di Sergio Messere: la sovranità del Singolo nella potenza libera della sua natura
La poetica di Sergio Messere partecipa della simbologia della vetta e della valle nella quale la prima è sede dello Spirito mentre la seconda dell’Anima che, con un frenetico turbinio, si affanna nel suo cercare significati del vivere. Una ricerca instancabile che scaturisce da una “certezza” di cui ancora oggi l’uomo non ha prova di esistenza, eppure resiste energico nel percorrere la valle provando le diverse vie che il Fato ha disposto. “[…] Un celere vapore/ adombra il mio capo/ reclinato:/ son per caso/ Io – Straniero –/ un fiore spezzato/ che setaccia/ per declivi e piani/ il deserto,/ necessaria inferia/ nelle rudi e sprezzanti mani/ d’un fato incerto?// […]” – “Io, straniero di Dio”L’Io si scruta, si adagia allo specchio, sente una fitta che dal petto si rivela come suono nell’orecchio: sono domande dello straniero, del (continua)