Home > Sport > BANDE, CORI E GORAN BREGOVIC, L’INNO MONDIALE FA BALLARE SULLA NEVE

BANDE, CORI E GORAN BREGOVIC, L’INNO MONDIALE FA BALLARE SULLA NEVE

scritto da: Newspower | segnala un abuso

BANDE, CORI E GORAN BREGOVIC, L’INNO MONDIALE FA BALLARE SULLA NEVE


Oggi a Cavalese si è cominciato a registrare l’inno ufficiale

55 bandisti e 70 coristi, la trentinità esalta la montagna e la neve

Musica, parole e un balletto che inonderanno il web

Dal 20 febbraio al 3 marzo sarà un Campionato Mondiale da favola

 

 

Il countdown dei Campionati del Mondo di sci nordico 2013 della Val di Fiemme ci sta portando a grandi passi alla fatidica data del 20 febbraio, giornata inaugurale con l’affascinante cerimonia di apertura in Piazza Duomo a Trento.

E così il 20 sera, finalmente, si conosceranno interamente note e parole dell’inno dei Mondiali, un progetto curato e realizzato da Goran Bregovic, il celebre compositore balcanico ambasciatore ed interprete della world music, autore di applaudite colonne sonore di film di successo e di musiche che spesso sono state anche omaggio alla cultura gitana. Bregovic, da sempre, è maestro del miscuglio dei generi etnico, pop, folk e jazz, e da ieri ha iniziato al rinnovato Palafiemme di Cavalese la registrazione dell’inno ufficiale dell’evento iridato da lui stesso composto, cantato e suonato dai coristi e dai bandisti trentini.

Ieri sera Bregovic ha diretto e coordinato i percussionisti, oggi gli altri interpreti della Banda rappresentativa della Federazione dei Corpi bandistici della provincia di Trento. In tutto 55 bandisti in rappresentanza delle 86 bande trentine, coordinati dal presidente del movimento Renzo Braus.

Sono invece 70 i coristi, in particolare dei cori Coronelle di Cavalese, Negritella di Predazzo e Città di Ala, in aggiunta a coristi di eccellenza di altri cori trentini.

Sergio Franceschinelli, presidente della Federazione dei Cori del Trentino, non ha nascosto oggi la propria soddisfazione nei momenti della registrazione: “la nostra filosofia è di far parte di un “sistema Trentino”, e come la gente di montagna facciamo gioco di squadra, siamo una cordata che ha accettato con entusiasmo l’invito della Provincia di realizzare questo inno di un Mondiale che sentiamo nostro”.

Bregovic ha diretto i suonatori a gruppi, per strumento, registrando nota dopo nota la musica dell’inno. Palpabile l’entusiasmo di giovani e di suonatori collaudati nell’essere diretti da un maestro come Goran Bregovic.

Poi il compositore ha radunato i coristi nella sala Fiemme del rinnovato Palafiemme, che durante l’evento iridato ospiterà il Main Media Center. Le voci dei coristi dei vari gruppi si sono mischiate e le note sono salite nell’aria. Sono stati momenti di alta musicalità e densi di emozione, con Bregovic che si è unito agli “artisti”: “Per me - ha detto Bregovic - questo non è un inno vero e proprio. L’ho pensata come una canzone (4 intensi minuti - ndr) che faccia ballare e cantare la gente in discoteca, in montagna, sulla neve, ovunque. Non so esattamente come verrà, quando lavoro con gente di talento come questi coristi e bandisti escono cose nuove ed emozionanti.” Dai primi momenti di registrazione l’inno era già un jingle. Le parole devono rimanere segrete fino all’ultimo, sono un omaggio alla montagna, alle Dolomiti, alla neve ed allo sci.

Una strofa su tutte ha fatto colpo: “C’è un miracolo in Trentino, un bacio dura fino al mattino…” e col miscuglio di voci diventa perfino orecchiabile.

In occasione della registrazione era presente anche Paolo Manfrini, direttore della divisione turismo di Trentino Sviluppo: “Abbiamo scelto Bregovic perché ci sembrava uno dei più adatti a realizzare un inno che sia una canzone adatta a tutte le età, rivolta sia ai giovani che alle persone mature, non qualcosa di istituzionale ed ingessato, ma che possa essere cantata da tutti e rendere omaggio alla montagna e ai valori del territorio che ci circonda, e allo sport che sarà protagonista con i Campionati del Mondo di sci nordico. Poi ci sarà un balletto straordinario sulle note dell’inno che interpreterà le discipline dello sci nordico. Inonderemo il web, diventerà popolare”.

“Io non pratico lo sci nordico – ha affermato poi candidamente Bregovic - ma lo sci alpino. Lo sci nordico è per gente forte, ma questa sarà l’occasione per me per provare a fare sci da fondo. La Valle di Fiemme è bellissima, anche a Sarajevo abbiamo le montagne, ma non è come qui, noi non sappiamo fare turismo bene come voi trentini”.

Anche i dettagli della cerimonia di apertura, che sarà trasmessa in eurovisione, sono segreti. La regia è dell’agenzia che ha progettato l’apertura delle Olimpiadi di Torino, dei Campionati del Mondo di nuoto e di ciclismo. Di certo si sa che Piazza Duomo, dopo i discorsi di rito e il protocollo ufficiale di apertura dei Campionati del Mondo, vivrà un momento magico, con uno spettacolo “sospeso” nel buio. E mentre risuonerà l’inno ufficiale cantato dai coristi e suonato dai bandisti trentini con la direzione di Goran  Bregovic, si vedranno degli sciatori librarsi nell’aria sopra le teste degli atleti e del pubblico. Si prevede un forte afflusso di gente, per questo nella vicina Piazza Cesare Battisti sarà installato un maxischermo collegato con Piazza Duomo.

Intanto in Val di Fiemme si attende altra neve, annunciata copiosa nelle prossime ore.

Info: www.fiemme2013.com



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Cori: dell’Olio e delle Olive 2016


Romagna Mia 2.0 Il Liscio Nella Rete : vince la formazione della piccola orchestra Ochtopus di Ravenna con la Versione di Romagna (Anche) Mia


CMP presenta la sua Heritage Ski Capsule ispirata a Mondrian


‘Cori: dell’Olio e delle Olive’. La vetrina dell’olivicoltura locale e dei suoi oli extravergini di oliva di qualità Ma anche dell’agroalimentare e dei vini di eccellenza coresi


VAL DI FIEMME ED EMILIA “MONDIALI”, SOLIDARIETÀ PROTAGONISTA DI FIEMME 2013


Preziosi Inno Mameli: “Online ‘Fratelli d’Italia’ diretto da Giovanni Allevi”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MARCIALONGA: SOGNO PER CAMPIONI E AMATORI. 70 KM DI PASSIONE IN VAL DI FASSA E IN VAL DI FIEMME

MARCIALONGA: SOGNO PER CAMPIONI E AMATORI. 70 KM DI PASSIONE IN VAL DI FASSA E IN VAL DI FIEMME
Pian piano si dispone l’attrezzatura per innevare i 70 km da Moena a Cavalese È la gara amata dai grandi campioni dello sci di fondo, con “ritorni” eccellenti Il 29 e 30 gennaio ce n’è per tutti i gusti con Light, Story, Baby, Mini, Young e Stars C’è ancora qualche posto, la corsa al pettorale sta per concludersi C’è un’equazione fissa che mette alla prova gli organizzatori della Marcialonga: basse temperature, produzione neve.È vero che il termometro in questo periodo fluttua su e giù dallo zero, è comunque tempo di spolverare i 26 ‘cannoni’ che gli uomini della mitica granfondo degli sci stretti, la cui 49.a edizione è in programma il 29 e 30 gennaio, hanno tolto dal magazzino. L’imperativo è iniziare la (continua)

FIVE HUNDRED, CINQ CENTS, FÜNFHUNDERT! MASSIMO IN 500 ALLA SGAMBEDA DI LIVIGNO

FIVE HUNDRED, CINQ CENTS, FÜNFHUNDERT! MASSIMO IN 500 ALLA SGAMBEDA DI LIVIGNO
Sono sempre di più gli iscritti alla prima gara di stagione del fondo Gli organizzatori livignaschi hanno stabilito il tetto massimo di 500 unità Da sabato 23 ci si potrà allenare sull’anello frutto dello snow farming La “superstar” Klaebo di nuovo a Livigno per la preparazione in altura della stagione Olimpica Da Pauli Siitonen, il finlandese che ha avuto l’intuito, a Bill Kock, l’americano che per primo sviluppò la nuova tecnica negli anni ‘70. Lo skating è una disciplina dello sci di fondo che piace, frizzante ed esplosiva.La prima opportunità di stagione di calzare gli sci stretti e fare a gara col cronometro in tecnica libera è la storica Sgambeda, che sabato 4 dicembre è pronta ad alzare il sipario (continua)

Curti e Beri sulle orme di Charly Gaul. Skiroll di Coppa Italia sul Monte Bondone

Curti e Beri sulle orme di Charly Gaul. Skiroll di Coppa Italia sul Monte Bondone
Seconda giornata del weekend di skiroll a Trento Luca Curti attende e poi scappa. Sul podio Tanel e Masiero Mortagna accende i giochi, poi paga e vince Beri davanti a Becchis Spettacolo dei giovanissimi. Organizzazione di Trento Eventi Sport e Team Futura Il Monte Bondone, la montagna di Trento per antonomasia, è sempre stato banco di prova per ogni genere di “scalatore”. Dalle auto alle moto, dalle bici al running, ma anche autentica “bestia nera” per gli skirollisti.Oggi confronto serrato sui tornanti del Bondone lungo quella salita che, non a caso, porta il nome di Charly Gaul, il lussemburghese che nel 1956 in una giornata da tregenda qui vinse (continua)

Il Sassolungo fa l'occhiolino ai runners. La 4.a Dolomites Saslong HM l'11 giugno

Il Sassolungo fa l'occhiolino ai runners. La 4.a Dolomites Saslong HM l'11 giugno
L’11 giugno 2022 quarta edizione della Dolomites Saslong Half Marathon Un percorso di 21 km e 900 m. di dislivello tra Val Gardena e Val di Fassa Iscrizioni online con Enternow, la quota base è di 50 euro 600 posti per un’occasione sportiva intorno al Gruppo del Sassolungo Alcuni atleti nella scorsa edizione di giugno, disputata comunque nonostante i disagi della pandemia, dicevano di non riuscire a concentrarsi in gara, tanto la vista li affascinava. C’è da crederci. Forse un po’ meno per Xavier Chevrier, favorito della vigilia, e Caterina Stenta, outsider vincente tra le donne, autori di una gara velocissima.E così dopo gli entusiasmi per il successo e i complimen (continua)

A gennaio torna lo Skiri Trophy: sciolina alla mano per i giovani fondisti

A gennaio torna lo Skiri Trophy: sciolina alla mano per i giovani fondisti
Il 22-23 gennaio in Val di Fiemme appuntamento col 38° Skiri Trophy XCountry A Lago di Tesero (TN) classico happening dello sci di fondo giovanile Al via le categorie Baby, Cuccioli, Ragazzi e Allievi e quindi il Revival Un mix di iniziative per tutti gli appassionati: dai più giovani ai nostalgici Lo sci di fondo può guardare lontano con entusiasmo: quello che è comunemente definito il ‘mondialino’ degli sci stretti è confermato per l’imminente stagione: dopo l’annullamento dello scorso gennaio a causa della pandemia, il 22-23 gennaio prossimi la Val di Fiemme vedrà nuovamente i giovani atleti degli sci stretti darsi battaglia in occasione del 38° Skiri Trophy XCountry. L’evento è ormai una (continua)