Home > Altro > La nuova realtà delle news: come i media digitali influenzano le redazioni tradizionali

La nuova realtà delle news: come i media digitali influenzano le redazioni tradizionali

scritto da: Valeria valenti | segnala un abuso


Il digital ha fatto il suo ingresso nelle redazioni di tutto il mondo e questo comporta notevoli implicazioni per il settore delle relazioni pubbliche: ecco cosa è emerso dal recente Digital Journalism Study di Oriella. Una politica “digital first”, notizie online in tempo reale, è stata messa in atto da un terzo delle testate intervistate attraverso l’impiego di applicazioni mobile, video prodotti internamente e social media come nuova risorsa in continua crescita. 

L’Oriella Digital Journalism Study si basa su un’indagine condotta su circa 550 giornalisti di 15 paesi tra cui Europa, Asia-Pacifico e le Americhe ed evidenzia come la tecnologia digitale stia influenzando il modo in cui le notizie sono raccolte e pubblicate in tutto il mondo.

Lo studio di quest’anno, il sesto, fornisce una testimonianza del radicale cambiamento nel modo in cui le testate raccolgono e comunicano le storie. Dal recente studio è emerso che un quarto dei giornalisti intervistati esegue più versioni di una stessa storia, mentre un quinto ha dichiarato che il “citizen journalism” ha per la propria testata la stessa credibilità delle testimonianze tradizionali.

I media digitali stanno assumendo sempre più importanza anche nel fatturato delle pubblicazioni. La percentuale degli intervistati che conferma l’aumento della propria spesa per le applicazioni mobile nel corso degli ultimi due anni è pari al 40%. Inoltre, l’utilizzo di applicazioni a pagamento premium per monetizzare i contenuti è aumentato di un terzo dal 2012.

Robin Grainger, Director dell’Oriella PR Network ha dichiarato: “Il nostro studio indica il 2013 come l’anno del cambiamento nel mondo dei media. Il crescente interesse per la strategia del “digital first”, video, notizie in tempo reale, contenuti mobile e citizen journalism sono gli aspetti che caratterizzano “la nuova realtà delle news”.

“Queste tendenze possono avere ulteriori conseguenze sul modo in cui si fruiscono le notizie. Le interfacce touchscreen offrono, infatti, nuove possibilità per raccontare delle storie. Grazie alla grafica interattiva (o 'digi-grafica') che unisce il design e i big data i lettori possono fare un proprio percorso attraverso le notizie.

Inoltre questo processo comporta una polarizzazione della produzione giornalistica. Da una parte troviamo “tweet e like” in grado di fornire aggiornamenti in tempo reale degli eventi con testo e video ottimizzati per i piccoli schermi dei dispositivi. Dall’altra invece abbiamo approfondimenti più ampi delle notizie. Il giornalismo “breve e veloce” può dare maggiore visibilità ai brand nei ranking di ricerca, nei news reader e nelle app di “social news aggregator” come Flipboard e Pulse News.” 

Anche con il cambiamento tecnologico, i valori tradizionali rimangono

Lo studio rileva che i giornalisti utilizzano i social media per raccogliere notizie, ma le fonti attendibili e le relazioni pre-esistenti vengono considerate come le più rilevanti. Per esempio, il 51% dei giornalisti dichiara che la propria fonte di notizie sono i microblog, come Twitter e Weibo, ma solo quando la fonte è già considerata attendibile da altri. Quando la fonte è sconosciuta, l’utilizzo da parte dei giornalisti è dimezzato, circa il 25%. Al contrario, il 59% degli intervistati ha dichiarato che gran parte delle notizie che trattano derivano da "conversazioni con esperti del settore.”

Le fonti più affidabili da cui prendono spunto i giornalisti sono quelle prodotte da accademici ed esperti del settore, considerati attendibili dal 70% dei giornalisti; gli esperti specializzati delle aziende (affidabili per il 63%) e gli analisti (affidabili per il 49%). Il CEO dell’azienda risulta affidabile solo per il 41%, si dichiara diffidente un giornalista su otto. Gli individui meno fidati sono gli uomini politici, le persone che si occupano di pubbliche relazioni, i responsabili marketing e i community manager . Ecco quelli considerati i più affidabili e i meno affidabili dai giornalisti (vedi tabella).

Atteggiamento dei giornalisti nei confronti del proprio lavoro

Nonostante tutti i cambiamenti in atto all’interno delle redazioni, lo studio dimostra come i giornalisti siano comunque ottimisti riguardo al proprio lavoro. Il 34% sostiene che i media digitali abbiano migliorato la qualità del proprio giornalismo rispetto agli ultimi due anni. Tuttavia, il modello digitale sta creando dei problemi ad alcuni di loro: quasi un terzo (32%) ammette di avere delle difficoltà a tenere il passo con i cambiamenti dei social media.

Continua Grainger: “Tra tutti i cambiamenti tecnologici, il ruolo fondamentale del giornalismo rimane lo stesso: raccogliere le informazioni dalle fonti, costruire la storia e comunicarla. Quello che è cambiato, invece, sono gli strumenti a loro disposizione. I brand che riusciranno ad adeguarsi a “La nuova realtà delle news” saranno in grado di tenere il passo con questi cambiamenti. Saranno quelli che integreranno i propri pezzi utilizzando sia testi convenzionali che video, grafica e contenuti interattivi, sfruttando i profili social delle persone dell’azienda e degli influencer chiave".

 


 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Vanessa Hudgens e Austin Butler si sono lasciati dopo quasi 9 anni, ma il motivo è ancora un mistero


L'intervista a Erno Rossi per i suoi 40 anni di professione...


LA VOCE DI UN PAESE IMBAVAGLIATO: BLASTING NEWS IN PRIMA LINEA A TUTELA DEI GIORNALISTI AFGHANI


Fimis Ecomondo 2018: marchio di punta GSS espone la linea di Idropulitrici Sostenibili


Come uscire dall’incubo dell’uomo disoccupato…


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

CAM2 organizza l’annuale 3D Documentation Conference 2015 presso il MotorWorld vicino a Stoccarda

La 3D Documentation Conference 2015, organizzata da CAM2, rappresenta ormai un appuntamento annuale per gli utenti interessati alla scansione 3D e si terrà dal 20 al 22 maggio presso il MotorWorld di Böblingen, vicino a Stoccarda (Germania). Giunti alla quinta edizione, questa apprezzata piattaforma di comunicazione diventa un’occasione unica per entrare in contatto con gli e (continua)

CAM2 rinnova la partecipazione ad Affidabilità & Tecnologie 2015

CAM2 (Gruppo FARO Technologies, Inc. NASDAQ: FARO), fornitore di tecnologia di misurazione e documentazione 3D leader a livello internazionale, parteciperà ad Affidabilità & Tecnologie 2015, presso il Lingotto Fiere di Torino, dal 22 al 23 aprile 2015. Giunta alla sua nona edizione, la manifestazione è dedicata a metodi, soluzioni e tecnologie per l’innovazione co (continua)

Le soluzioni CAM2 per la documentazione 3D sono protagoniste al MADE expo 2015

CAM2 (Gruppo FARO Technologies, Inc. NASDAQ: FARO), fornitore di tecnologia di misurazione e documentazione 3D leader a livello internazionale, parteciperà al MADE expo 2015, piattaforma di incontro privilegiata tra aziende, architetti, progettisti, serramentisti, imprese di costruzione, rivenditori e operatori del settore. La manifestazione si terrà presso il quartiere fieristic (continua)

Al Seatec la tecnologia CAM2 è al servizio della cantieristica navale

CAM2 (Gruppo FARO Technologies, Inc. NASDAQ: FARO), fornitore di tecnologia di misurazione e documentazione 3D leader a livello internazionale, partecipa al Seatec – 13ª Rassegna internazionale di Tecnologie, Subfornitura e Design per Imbarcazioni, Yacht e Navi – presso la fiera di Carrara. Allo stand CAM2 (zona E, corridoio 34, booth 1084), sarà possibile vedere dal vi (continua)

Alpitel sceglie ClickSoftware per migliorare il customer service e l’efficienza operativa attraverso soluzioni ottimizzate di mobilizzazione e programmazione

Alpitel S.p.A, uno dei principali service provider italiani nel settore Telco, ha scelto le soluzioni di mobilizzazione e programmazione di ClickSoftware per aumentare efficienza e produttività della sua forza lavoro e, grazie agli ingegneri disponibili in tutto il Paese, sarà in grado di ottimizzare la presenza dei propri dipendenti e di condividere le informazioni con i clienti (continua)