Home > Cibo e Alimentazione > Scene dal parco della luna.

Scene dal parco della luna.

scritto da: Piero57 | segnala un abuso


La IIIa edizione: 13 luglio 2013

Il programma della giornata.

 

Ore 17.00 – 18.00

UN’ ORA DI FIABE PER I PIÙ PICCOLI

Le fiabe nel bosco per grandi e piccini.

Segue merenda

 

Ore 18.00 – 20.00

“TRE VISIONI”

Le tre protagoniste delle Tre sorelle di Anton Cecov – Olga, Masa e Irina – si raccontano in tre location diverse di Villa Nicolaj. Spettacolo itinerante.

Da A. Cecov, testi originali di Enrico Petronio Nicolaj.

Con Barbara Esposito, Alessandro Calabrò

 

Ore 20.00

Piccola cena campagnola con musica.

Suona il “Quartetto Ares”: Andrea Mastacchi e Rebecca Dallolio (violini), Enrico Osti (viola), Federico Barbieri (violoncello)

 

Ore 21.30 – 23.00

“LA TRAGICA STORIA DELL’AMORE SUBLIME FRA I PRINCIPE AMLETO E LA BELLA OFELIA”

Dall’Amleto di William Shakespeare.

Dalla più grande tragedia del teatro moderno, Amleto e Ofelia si rincontrano dopo la morte per rivivere la loro storia, fino a scoprire che…

Da W. Shakespeare, testi originali di Enrico Petronio Nicolaj

Con Elena Ferrari e Enrico Petronio Nicolaj

Suona il “Quartetto Ares”.

 

INGRESSO: (valido per tutta la giornata)

adulti: € 5,00

fino a 18 anni: gratuito

 

 

In regalo al pubblico di Scene dal parco della luna, il testo completo de “…I NOSTRI SOGNI”, monologo scritto da E. Petronio Nicolaj per la IIa edizione dello scorso anno, che racconta la sua vita a Calcara e a Villa Nicolaj.

 

~

 

 

LE FIABE

Questa terza edizione di Scene dal parco della luna presenta principalmente due lavori ben definiti e più difficili rispetto ai precedenti.

La giornata si apre alle 17, come nelle passate edizioni, con UN’ORA DI FIABE PER I PIÙ PICCOLI, dove bambini e adulti potranno – nel bosco – ascoltare le fiabe classiche narrate dagli attori, per poi andare tutti in sala da pranzo a gustare una ghiotta merenda di torte e succhi di frutta.

 

TRE VISIONI

            Primo vero grande evento è alle 18.00 lo spettacolo in tre tappe TRE VISIONI. Enrico Petronio Nicolaj (che nella precedente edizione del 2012 aveva presentato il suo testo …I nostri sogni – viaggio autobiografico nei ricordi d’infanzia a Calcara nella vecchia villa del nonno) questa volta elabora – partendo dall’originale Tre Sorelle di Anton Cecov – tre monologhi originali e visionari: tre attori, tre entità astratte, ciascuno in una stanza della villa, raccolgono ed interpretano le confessione delle sorelle, narrandole e vivendole in prima persona.

Ciascuna performance dei tre attori si terrà in una stanza di Villa Nicolaj, durerà circa 20 min e sarà ripetuta per tre volte, il che vuol dire che il pubblico sarà all’inizio diviso in tre gruppi e, così smistato, accompagnato dunque dalla prima alla seconda e infine alla terza postazione, visitando le sale interne della villa stessa dove troverà gli attori pronti a recitare il loro brano.  TRE VISIONI (che festeggia così il numero 3 della IIIa edizione – oltre che le tre proprietarie odierne di Villa Nicolaj, Giovanna – madre di E. P. N. - , e le zie Simonetta e Lidia) indaga nel mondo di tre donne molto diverse l’una dall’altra: la malinconica Olga, la passionale Masa e la romantica Irina, piena di sogni spezzati. Tre femminili estremamente moderni e taglienti, a volte tristi, fortissimi e fragilissimi allo stesso tempo, puri… ed immensi.

 

LA TRAGICA STORIA DELL’AMORE SUBLIME

FRA IL PRINCIPE AMLETO E LA BELLA OFELIA

 

            Il secondo grande evento di questa terza edizione è – alla sera - lo studio sull’Amleto di Shakespeare, dal titolo LA TRAGICA STORIA DELL’AMORE SUBLIME FRA IL PRINCIPE AMLETO E LA BELLA OFELIA, ancora scritto da E. Petronio Nicolaj. Amleto e Ofelia si rincontrano dopo la morte e si raccontano, scavalcando l’originale shakespiriano e raccontando “ciò che non è stato raccontato”.  La chiave di lettura è la celeberrima battuta “il resto è silenzio”, che Amleto pronuncia un attimo prima di morire. Il silenzio è ciò che viene dopo, dopo la morte dell’uomo. Ma è un silenzio tutt’altro che vuoto, anzi, è la vera e propria nascita della Poesia. Sì, perché Shakespeare (così come tutti gli artisti) partono dalla morte e dal silenzio e danno voce alle parole e ai suoni dell’Anima. La morte non è la fine, è l’inizio. E così il Principe e la bella Ofelia si rincontrano in un Ade visionario e fecondo, dove mettono in scena il loro amore, strano e segreto, fino alla terribile scoperta della verità, una verità che affonda le sue radici nella notte dei tempi, ben prima dell’Amleto shakspiriano, ben prima del Dramma, quando era ancora Mito.

            La “colonna sonora” dello spettacolo è affidata agli interventi del Quartetto Ares che eseguirà, fra una scena e l’altra, alcuni pezzi di musica sacra.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Enrico Petronio Nicolaj è attore e regista formatosi prima in Inghilterra, poi alla Scuola del Piccolo Teatro di Milano. Nel 2011 dà inizio a Scene dal parco della luna, a Villa Nicolaj, la casa di campagna del nonno Mario Nicolaj. Dopo aver presentato al pubblico nella prima e nella seconda edizione spettacoli tratti da Shakespeare, da Cecov, Pirandello e il testo originale …I nostri sogni (IIa edizione settembre 2012), oltre alle numerose e varie performance itineranti alla scoperta della proprietà di Villa Nicolaj, Scene dal parco della luna giunge oggi alla sua terza edizione mettendo insieme ancora una volta le forze di un gruppo di attori che hanno ancora la follia di andare in scena nella maniera più semplice e diretta, entrando in contatto con la casa che li ospita, il suo meraviglioso giardino e il bosco tutt’attorno. Scene dal parco della luna è innanzi tutto un luogo dell’Anima, pieno di poesia e di calore.

 

Il teatro…

 

“Il teatro è il luogo dove il cuore, la mente ed il corpo lavorano all’unisono. Ciò che la mente pensa ed elabora, viene agito dal corpo e questo suscita nel cuore dell’attore, così come nel cuore degli spettatori, un’emozione, un’emozione che è sincera solo ed esclusivamente se non è cercata a priori, se non viene simulata o mimata, ossia se nasce del tutto spontanea senza sorta di pregiudizio alcuno. Gli attori si muovono sulla scena diversamente da come si muovono nella realtà, perché il teatro (l’arte tutta) non è la realtà, ma una realtà più intensa: è la rappresentazione della realtà. L’arte nasce dall’osservazione della realtà, ma si eleva a qualcosa di più sublime, ambiguo e universale: la Verità.

Col teatro noi mettiamo in scena i nostri pensieri, che possono essere pensieri politici, sociali od emotivi, e potenziandoli con la verità universale della scena noi li eleviamo a pensieri ed emozioni di tutti, dove tutti si possono riconoscere: aboliamo il privato, l’individuo, per rappresentare l’Uomo, in tutta la sua ambiguità e vastità di senso. Ovvero noi creiamo l’archetipo, classico o contemporaneo. Lo specchio alla natura, questo è il significato dell’arte; e in questa semplice ma profondissima definizione sta tutto il significato della natura artistica: l’arte è un’immagine di sostanza diversa dalla realtà, che non obbedisce alle stesse leggi della realtà, e che trasforma il particolare reale ed umano in idolo sacro ed universale”.

(E. Petronio Nicolaj)

 

Classici e scrittura originale.

 

“Dopo aver scritto e interpretato, lo scorso anno nella IIa edizione, il mio brano …I nostri sogni, mi sono appassionato sempre più alla scrittura. Quest’anno propongo una specie di estensione libera e intuitiva di due classici enormi, e lo faccio con tutto il rispetto dovuto ma senza lasciarmene intimorire. I classici esercitano su di me un fascino intimo e profondo con il quale io desidero confrontarmi. Ma allo stesso tempo mi sento sempre più portato a scrivere le mie parole, i miei silenzi. E così sono nati questi due nuovi lavori, che sposano antico e contemporaneo, universale e privato. Spero vi piacciano, e che vi ci possiate – in qualche modo – ritrovare”!

           

 

 

 

 

Direzione Artistica

ENRICO PETRONIO NICOLAJ

enricopetronio@libero.it

cell: 339 3792092

 

Management Villa Nicolaj

SIG. RA LUCIANA MIGLIORI

051 962303

cell: 335 6561511

 

www.scenedalparcodellaluna.com


Fonte notizia: http://www.rinaldi.biz


Scene dal parco della luna | 3a edizione | Nicolaj | Migliori |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

'THE BAG I'M IN' CHARTS THE UNDERGROUND MUSIC AND FASHION IN BRITAIN FROM 1960-1990


Intervista di Alessia Mocci a Claudio Alvigini: vi presentiamo il saggio “L’inconcepibile esercizio”


Esce il videoclip di "Limitation" de La Luna


Intervista di Alessia Mocci a Sara Albanese, autrice del romanzo All’ombra della Luna Nuova


Calendario Lunare 2013 di Nivis-Regnum.com


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

IL COGNAC HINE AMPLIA LA GAMMA.

IL  COGNAC  HINE  AMPLIA  LA  GAMMA.
  Si amplia e assume una nuova, più completa articolazione la gamma prodotti distribuita in Italia dal Cognac Hine, che oggi può vantare uno degli assortimenti più completi a disposizione di tutti gli appassionati del nostro Paese:   -          H BY HINE: Fine Champagne Cognac V.S.O.P. -      (continua)

NUOVA GAMMA BELENKAYA.

NUOVA  GAMMA  BELENKAYA.
  Rinnova la sua gamma la Vodka russa Belenkaya, che ora dispone della tipologia “Gold” (bottiglia da 70 cl. e da litro) e della tipologia “Dark Horse Extra”.   Lanciata nel 2001, Belenkaya è oggi una delle Vodke russe più vendute nel mondo. È prodotta dal grande gruppo JSC Synergy, uno dei colossi russi del settore delle bevande alcolich (continua)

PERRIER BRINDA A "BOLOGNA AL FEMMINILE".

PERRIER  BRINDA  A
  Perrier brinda a “Bologna al femminile”, la nuova guida che racconta il capoluogo emiliano dal punto di vista delle donne. La presentazione è in programma mercoledì 9 novembre, alle 18.00, presso la Libreria Irnerio Ubik di via Irnerio 27, a Bologna. A discuterne con l’autrice (Donatella Luccarini) l’editore Mauro Morellini.   La guida raccont (continua)

PERRIER A "110 E LODE"

PERRIER  A
  Con le sue inimitabili bollicine, Perrier diventa protagonista a “110 e Lode”, il nuovo grande concorso riservato ai barman degli hotel 5 stelle, in programma a Firenze il 7 novembre 2016.   Da sempre l’ospitalità italiana dei grandi alberghi a 5 stelle è il punto di riferimento mondiale dell’accoglienza, con i suoi 450 hotel e con oltre 1200 (continua)

GRANDE CAMPAGNA PUBBLICITARIA PER LA VODKA BELUGA.

GRANDE  CAMPAGNA  PUBBLICITARIA  PER  LA  VODKA  BELUGA.
  La Vodka russa Beluga lancia in novembre una grande campagna affissioni, che coinvolge le metropoli di tutti i suoi principali mercati internazionali. Per l’Italia, le due città prescelte per la pubblicità outdoor saranno Roma (Piazza di Spagna) e Milano (Piazza Cordusio); il periodo sarà l’intero mese di novembre 2016.   Il titolo della campagna s (continua)