Home > Prodotti per la casa > Il ‘Lightwall’ disegnato da Mark Anderson per Laurameroni Design Collection, un prodotto che incorpora architettura, arredamento ed illuminazione

Il ‘Lightwall’ disegnato da Mark Anderson per Laurameroni Design Collection, un prodotto che incorpora architettura, arredamento ed illuminazione

articolo pubblicato da: Redoffice3 | segnala un abuso

Il ‘Lightwall’ disegnato da Mark Anderson per Laurameroni Design Collection, un prodotto che incorpora architettura, arredamento ed illuminazione

L'idea alla base di questo innovativo prodotto di Laurameroni Design ‘Be different be unique’ è quella di creare una fusione funzionale tra un pannello decorativo a parete e una lampada. Laurameroni propone la tradizione del made in Italy di qualità, con un design in cui prevalgono la differenza e l’unicità

L'idea di base del ‘Lightwall’ disegnato da Mark Anderson per la nuova collezione di Laurameroni Design è relativamente semplice: unire pannelli di rivestimento e illuminazione. Questa tecnica è utilizzata spesso, in particolare dove la luce viene utilizzata come accento o come segno grafico. L'intenzione di questo progetto è leggermente diversa, è creare una fusione funzionale tra un pannello di rivestimento e una lampada. I pannelli di rivestimento di questo sistema effettivamente diventano illuminazione in modo che vi sia una vera fusione tra due tipologie distinte. La differenza è sottile ma significativa.

Una serie di pannelli/moduli/lastre componibili e configurabili. Il progetto consiste nel creare una serie di pannelli di diverse dimensioni che possano essere posti su livelli diversi. Ci sono 3 diversi moduli che possono essere collocati in composizioni e in quantità diverse. L’estetica sarà guidata da una forte materialità delle superfici e un modo di comporre libero (può andare da un’estetica di sovrapposizione e “collage” fino ad un’estetica più razionale e rigorosa). Il punto di forza di questo sistema è proprio nella difficile identificazione del carattere: è una lampada o un rivestimento?

Le diverse composizioni di volta in volta attivano e costruiscono lo spazio. E’ un nuovo modo di concepire ed utilizzare l’elemento di arredo. Si può creare ad esempio una composizione sulla parete di una stanza che può anche estendersi al soffitto, per poi essere interrotta e ripresa su un’altra parte dell’ambiente, creando così un elemento unificante all’interno. Parte del progetto consiste nel suggerire una quantità definita di proposte di composizione per testare e comunicare le potenzialità del sistema. L’applicazione del sistema prodotto verrà configurata di volta in volta dal cliente/progettista. Questo sistema si presta per la sua flessibilità, la sua materialità e la conseguente estetica, ad applicazioni sia domestiche che nel settore contract (hotel, ristoranti, locali notturni, teatri, spazi pubblici…).

Mark Anderson ha recentemente collaborato con Laurameroni progettando l’Elements Collection, esposta al Salone del Mobile 2013. Anderson è architetto e designer; formatosi negli Stati Uniti, si è trasferito a Milano nel 1991. Dopo aver collaborato con studi di design e architettura, progettando arredi, illuminazione e interni di pregio, così come con varie aziende italiane in qualità di consulente, ha aperto il proprio studio interdisciplinare. Le attività dello studio sono vaste, con particolare riferimento alle discipline dell’architettura: interni e design di prodotto ma includono anche grafica e art direction. Molte delle scelte dello studio e dell’approccio di Anderson alla professione possono essere ricondotte alla sua formazione: dalle prime esperienze come apprendista realizzando mobili Shaker, allo studio dell’architettura presso un’accademia d’Arte consolidata da un Master combinato alla creazione di contatti importanti con il sistema italiano del design. Anderson integra le attività dello studio con l’insegnamento e la ricerca in un approccio aperto, in cui accademia, arte, design e industria sono spesso esplorati in un processo inclusivo.

Gran parte del lavoro accademico di Anderson è orientato alla ricerca e spesso realizzato in collaborazione con aziende private come Laurameroni e varie istituzioni. I progetti dello studio includono interni per hotel, showroom e residenze private, arredi e illuminazione. Anderson ha anche collaborato con designer di moda su prodotti e in ambito grafico e ha sviluppato concept per la grafica dei prodotti per un’azienda leader nel settore degli elettrodomestici. Attualmente collabora con diverse scuole di design a Milano ed è visiting professor presso corsi universitari in Sardegna.

“E’ una collezione di luci unica che esce dagli usuali parametri del prodotto industriale in termini di concept e materiali. Mentre ogni oggetto ha la propria particolare identità, la collezione è stata disegnata perchè ciascun pezzo possa essere inserito in un più ampio scenario di interni. Le forme sono semplici e decise, minimali, in contrapposizione ad una forte materialità, rivelando il loro carattere unico” dichiara Mark Anderson parlando della Elements Collection, la serie di lampade progettata per Laurameroni.

                                                

http://www.laurameroni.com

 

lightwall | mark anderson | laurameroni design collection | architettura | arredamento | illuminazione | be different be unique | pannello decorativo | lampada | made in italy | elements collection | design | design di interni | arredo | mobile | arredamenti su mis |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Laurameroni Design: mondo antico e nuove tecnologie in collezioni uniche e originali


#POLIdesignWeek


POLI.design, CONSORZIO DEL POLITECNICO DI MILANO ALLA MILANO DESIGN WEEK 2015


J.W. Anderson Proves That There Is Always A Chance To Create A ‘Fashion’s Firsts.’


La cassettiera Cubick di Laurameroni tra i “Reality Fluids” in mostra al Nhow di Milano


Salone del Mobile 2013. Per una casa esclusiva: “Be different Be unique”, Laurameroni Design


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La desiderabilità del segno a Milano: brand design, calligrafia e agopuntura urbana

La desiderabilità del segno a Milano: brand design, calligrafia e agopuntura urbana
“La desiderabilità del segno” è un concept a tre voci con Paolo Rossetti, Simonetta Ferrante e Matteo Pettinaroli, in cui è possibile immergersi in una ramificazione di segni, una texture di relazioni, una trama di gesti Designing Happiness a 100 anni da Bauhaus L’incontro “La desiderabilità del segno”, avvenuto nel centesimo annive (continua)

La desiderabilità del segno

La desiderabilità del segno
La desiderabilità del segno Un incontro tra arte, design e trasformazione urbana, a cento anni dall’esperienza Bauhaus con al centro la desiderabilità, motore che fa girare l'esistenza “La desiderabilità del segno”. Un incontro a tre voci, Paolo Rossetti, Matteo Pettinaroli, Simonetta Ferrante in cui è possibile immergersi in una ramificazione di segni, una texture di relazioni, una trama di ge (continua)

“Robots & Rinascimento”, l’intelligenza artificiale si connette con il patrimonio creativo italiano e la visione 4.0

“Robots & Rinascimento”, l’intelligenza artificiale si connette con il patrimonio creativo italiano e la visione 4.0
Il meeting svoltosi il 30 gennaio 2018 ha visto protagonista il robot NAO della Scuola di Robotica che ha interagito con gli ospiti. L’incontro, presentato da “LA LOGICA DEL FLUIRE. CHE MERCATO SAREMO” e “COPERNICO”, ha incluso gli interventi di Fiorella Operto, Fabrizio Bellavista e Stefano Lazzari e un saluto di benvenuto di Federico Lessio mentre Luisa Cozzi ha (continua)

“Water Brands” e “Super Brands”: il 21 ottobre 2017 a Milano due grandi eventi al Festival della Crescita

“Water Brands” e “Super Brands”: il 21 ottobre 2017 a Milano due grandi eventi al Festival della Crescita
Al Palazzo delle Stelline di Milano (il primo alla Cult Library, il secondo alla Visions Hall), sabato 21 ottobre alle ore 17 e alle 18.30 si svolgeranno due eventi, all’interno del Festival della Crescita: il primo tratterà di “Water Brand” e del libro “La logica del fluire. Che mercato saremo”, il secondo di “Super Brands” e del volume "S (continua)

Milano Food City 2017. Gifasp premia la prevenzione dello spreco alimentare

Milano Food City 2017. Gifasp premia la prevenzione dello spreco alimentare
Durante l’evento Milano Food City #famedivero, il 9 maggio 2017 presso lo Spazio BASE, nell’epicentro del ‘fuorisalone’ della Food Week, Francesca Meana, designer e membro del comitato esecutivo di Gifasp, ha consegnato un doppio riconoscimento ai migliori lavori presentati per il progetto-laboratorio “140 caratteri o un'immagine” a due classi della Scuola p (continua)