Home > Spettacoli e TV > PIACENZA 1547: COME AMMAZZARE UN DUCA

PIACENZA 1547: COME AMMAZZARE UN DUCA

scritto da: In arce | segnala un abuso

PIACENZA 1547: COME AMMAZZARE UN DUCA

Uno spettacolo di narrazione storica ha raccontato la congiura ordita a Piacenza nel 1547 contro il duca Pier Luigi Farnese. Ideato e condotto da Davide.


Piacenza 1547:
come ammazzare un duca
 
 
Una congiura nella Valpadana del Rinascimento; un intreccio di politica, guerra, passione, tradimenti, denaro e potere; un coinvolgente racconto by night.
Ha proposto questo programma l’evento Piacenza 1547: come ammazzare un duca, svoltosi nei territori di Lodi, Cremona, Piacenza e Parma nel 2013, nel 2014, nel 2016, nel 2018 e nel 2019 .
Ideato da Davide, lo spettacolo è stato una narrazione storica: un racconto ispirato al teatro di narrazione e dedicato a vicende accadute secoli fa ma che hanno forti legami con il presente.
Protagonista di Piacenza 1547: come ammazzare un duca Pier Luigi Farnese (1503-1547): gonfaloniere della Chiesa nonché primogenito del papa Paolo III (al secolo Alessandro Farnese, 1468-1549).
Un personaggio intelligente, ribelle, irrequieto, stravagante, amante dei vizi e dei piaceri (come il padre), violento e brutale oltre il limite dell’efferatezza, parte dei complicati giochi politici con cui i Farnese (grazie all’appoggio del potente padre di Pier Luigi) tentavano di ingrandire gli interessi e il proprio potere nei primi decenni del XVI secolo.
Pier Luigi divenne gonfaloniere della Chiesa, duca di Castro e acquisì Nepi e Ronciglione (1537), diventò marchese di Novara (1538) e infine duca di Piacenza e Parma (1545).
Insediatosi nel capoluogo piacentino, il figlio del papa non impiegò molto tempo per mettersi in urto con il notabilato locale, che non lo sopportava: troppo energico, troppo turbolento, troppo irrispettoso degli equilibri di forza fra i casati emiliani. Pier Luigi diventò così un personaggio scomodo e ingombrante: da eliminare.
Davide ha avuto il compito di descrivere la congiura che quattro famiglie nobili ordirono per togliere di mezzo il duca (Pallavicino, Landi, Anguissola e Confalonieri).
Per imbastire il racconto lo storico ha utilizzato i risultati delle ricerche che conduce da anni sul Ducato di Parma e Piacenza.
Lo studioso ha ricostruito la trama della cospirazione che culminò il 10 settembre 1547, quando quattro congiurati riuscirono a penetrare nella corte ducale di Piacenza (situata nella Cittadella Viscontea), a pugnalare Pier Luigi e a gettarne il cadavere nel fossato della fortezza.
Le cinque tappe dello spettacolo si sono tenute sullo sfondo di suggestivi monumenti, fra cui il Palazzo Gotico di Piacenza e la Cittadella di Parma. Quattro appuntamenti (quelli del 2013, del 2016, del 2018 e del 2019) sono stati organizzati per la rassegna «Racconti d’estate».
La narrazione storica di Davide non si è limitata alla cronistoria e alla biografia: hanno trovato spazio anche arte, cucina, cultura, curiosità, economia, società e vita quotidiana. In più, lo storico ha avuto uno stile di conduzione vivace, coinvolgente, brioso, a tratti ironico.
 
La manifestazione Piacenza 1547: come ammazzare un duca si è svolta con il seguente calendario: a Castiglione d’Adda (Lodi, Lombardia) presso l’ex Municipio (Piazza dell’Incoronata/Via Roma) il 10 agosto 2013; in provincia di Cremona (Lombardia) il 31 ottobre 2014 e il 25 agosto 2018; a Piacenza (Emilia-Romagna) presso il Palazzo Gotico (Piazza dei Cavalli) il 30 luglio 2016; a Parma (Emilia-Romagna) nella Cittadella il 22 giugno 2019. L’evento, presentato sotto forma di narrazione a tema, è stato ideato e condotto da Davide. Gli spettacoli del 2013, del 2016, del 2018 e del 2019 facevano parte della serie itinerante «Racconti d’estate». La paternità creativa dell’evento appartiene a Davide Tansini, che detiene ogni diritto sullo spettacolo Piacenza 1547: come ammazzare un duca. Per informazioni: Facebook piacenza1547; email e v e n t i @ i n a r c e . c o m.

Fonte notizia: https://www.tansini.it/it/piacenza-1547-come-ammazzare-un-duca.html


Emilia Romagna | Lombardia | Cremona | Lodi | Parma | Piacenza | spettacolo | teatro | narrazione storica | storia | complotto | intrigo | tradimento | Rinascimento | Eta Moderna | Ducato di Parma e Piacenza | arte | cultura | politica | Farnese | Pallavicino | Davide | Davide Tansini | Tansini |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Piacenza 1547: come ammazzare un duca (scheda)


STORIE (IMPREVISTE) FRA LE MURA


Professione farmacista: al servizio della tua salute


ALLA SCOPERTA DI MURA E CASTELLI


-Napoli-Piacenza, un viaggio nella storia d’Italia e del mondo. (Scritto da Antonio Castaldo)


ORZOROCK FESTIVAL A GRAGNANO TREBBIENSE (PC) L’8 E IL 9 LUGLIO SI TERRÀ L’EVENTO ORGANIZZATO DALL’ ASSOCIAZIONE ORZOROCK E DIRETTO ARTISTICAMENTE DALL’ETICHETTA DISCOGRAFICA ORZOROCK MUSIC


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

INTRECCI

INTRECCI
Le opere di Erminio Tansini in mostra fra le mura della Fortezza Firmafede di Sarzana dal 10 al 26 giugno. Esposizione a cura di Davide. Intrecci La mostra d’arte Intrecci si svolge nella Fortezza Firmafede di Sarzana da venerdì 10 a domenica 26 giugno 2022.L’esposizione focalizza l’attenzione sull’opera di Erminio Tansini nei campi della pittura, della scultura e della fotografia.L’evento presenta alcune decine di lavori: dipinti a olio su tavola, scatti fotografici e soggetti in legno) che rappresentano snodi, tappe, trame, (continua)

BRIGANTI, PIRATI E FRONTIERE

BRIGANTI, PIRATI E FRONTIERE
Uno spettacolo di narrazione storica ideato e condotto da Davide ha portato in scena dal 2017 al 2019 le vicende di predoni, contrabbandieri, spie e avventurieri che si aggiravano fra Valpadana, Appennino e Mar Ligure durante il basso Medioevo, il Rinascimento e l’Età Moderna. Briganti, pirati e frontiere Dal 2017 al 2019 si sono svolte in Emilia-Romagna, in Lombardia e in Liguria le tappe della narrazione storica intitolata Briganti, pirati e frontiere.La trama dello spettacolo è dedicata al territorio che va dal Mar Ligure alla Valpadana centrale passando per l’Appennino settentrionale: la sua storia e quella delle sue intricate e plurisecolari frontiere.Le aree (continua)

FORME SFUGGENTI #94 – ROCCA DI GUSALIGGIO

FORME SFUGGENTI #94 – ROCCA DI GUSALIGGIO
Ha fatto tappa nell’Appennino emiliano la serie di shooting fotografici «Forme sfuggenti», dedicata alle sculture di Erminio Tansini e diretta da Davide. Forme sfuggenti #94Rocca di Gusaliggio Alla metà dell’aprile 2022 la Valmozzola, nell’Appennino Ligure, ha accolto il 94º evento della rassegna itinerante «Forme sfuggenti», intitolato Rocca di Gusaliggio.La serie è dedicata alle sculture in legno che Erminio Tansini realizza con ceppi, rami, radici e tronchi recuperati dalle spiagge marine e dai greti dei torrenti montani.«Forme sfuggenti» a (continua)

CASTELLI DELLA VALTARO MEDIEVALE E RINASCIMENTALE

CASTELLI DELLA VALTARO MEDIEVALE E RINASCIMENTALE
Due conferenze hanno raccontato l’architettura fortificata del Medioevo e del Rinascimento nelle valli del Taro e del Ceno. A cura di Davide. Castelli della Valtaro medievale e rinascimentale La coppia di conferenze Castelli della Valtaro medievale e rinascimentale ha preso in esame le architetture fortificate poste nelle valli parmensi del Taro e del Ceno.Gli incontri si sono svolti nel 2012 e nel 2014 rispettivamente a Borgo Val di Taro e a Berceto. I due eventi sono stati condotti da Davide.Gli appuntamenti di Castelli della Val (continua)

FORME SFUGGENTI #93 – CASTELLO DI PADENGHE

FORME SFUGGENTI #93 – CASTELLO DI PADENGHE
L’antico castello di Padenghe sul Garda è stato lo scenario del 93º set fotografico della serie «Forme sfuggenti», diretta da Davide e dedicata alle sculture di Erminio Tansini. Forme sfuggenti #93Castello di Padenghe Nella seconda metà del marzo 2022 Padenghe sul Garda ha ospitato il 93º appuntamento della serie itinerante «Forme sfuggenti», dal titolo Castello di Padenghe.La rassegna è dedicata all’opera artistica di Erminio Tansini: in particolare, alle sculture in legno che l’autore realizza con ceppi, radici, rami e tronchi rinvenuti sui greti dei torrenti e sul (continua)